Roma, riecco Baldini: Pallotta gli affida il ruolo di consulente esterno per il mercato

46
1818

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – James Pallotta torna a chiedere aiuto a Franco Baldini nel momento del bisogno. Ora che la Roma dovrà affrontare un mercato particolarmente complesso, il presidente del club giallorosso è tornato a rivolgersi al suo amico fidato.

Lo racconta in questi minuti il portale della Gazzetta dello Sport, che rivela come Baldini assumerà l’incarico di consulente esterno per il mercato. Le sue conoscenze in Premier League e non solo saranno di fondamentale aiuto per la Roma, che dovrà principalmente preoccuparsi di trovare una sistemazione ai calciatori in esubero.

La prima avventura di Baldini in giallorosso fu nel 1998: sette anni di rapporto tra alti e bassi e in mezzo uno scudetto, il terzo della Roma. Tornò nel 2011 con la proprietà americana nel ruolo di direttore generale, quindi l’avventura al Tottenham, e il ritorno nel 2016 come consulente esterno.

Fonte: Gazzetta.it

46 Commenti

  1. Gli intermediari sono sempre esistiti, qualunque società ha delle figure esterne su cui si appoggia per arrivare a dama più facilmente, nell’ambito di determinate trattative. Il problema è che questo signore, è un personaggio troppo antipatico e scomodo, in particolare per alcuni giornalisti.

    • Non paghiamo Raiola per prendere Haaland, ma baldini per prendere bojan si. Affari giallorossi.

      Baldini, Mexes, e Stecchinho.

    • È quello che ha sempre fatto da quando Pallotta è presidente della Roma.
      Mi sembra che non sia mica vietato avere un consulente esterno è pieno di società nel mondo che si avvalgono di consulenti esterni.
      Se poi andiamo dietro alle favole, che dicono che Baldini è un massone, messo lì da poteri occulti per controllare la Roma a loro piacimento, va bè sono favole, pietà per chi le racconta

  2. Non mi spaventa Baldini. Vorrei chiudere come tutti i tifosi questa storia del cambio proprietà, in modo da vedere cosa ci riserva il calciomercato. Credo che se Friedkin voleva acquistare il Milan i soldi per il calciomercato li doveva mettere !!! visto l’esigenza della piazza milanese…. quindi perché non metterli con la Roma ?! che da quanto si é capito risparmia un bel po di soldini. Baldini per il momento fa da intermediario vediamo che propone.

    • Ben venga in questo momento forse ė l’unico con cui abbiamo rapporti in grado di piazzare qualche colpo

    • Ciao Lupus

      È complesso rispondere, in sintesi quando dico che siamo a dopo il vomito intendo dire che alla Roma stanno smobilitando, (per smobilitare mi auguro che il compratore abbia posto la condizione che alcuni giocatori tipo Zaniolo, Diawara è forse qualche altro giovane ), visto che l’offerta del compratore si è abbassata di molto, oltre alle potature ci saranno anche gli abbattimenti…. (purtroppo salteranno anche posti di lavoro impiegatizio), poi si che potremo parlare di anno zero o rinascita.

      Capisci ora che dopo il vomito neanche ti possono fare la lavanda gastrica perché hai dato tutto fuori e non rimane nulla più.

      Un saluto.

      SEMPRE E SOLO FORZA ROMA.

    • Chi non acquista più prodotti dell’As Roma convinta di fare un dispetto alla proprietà, è come il marito che si taglia il gioiellino per fare un torto alla moglie. Se il nostro club ha un certo fatturato, lo deve in gran parte anche ai tifosi, i quali finanziano i club che sostengono.

    • In linea di massima sono d’accordo con il disprezzo verso chi guida e tratta la Roma come un business. Ma io non sono tifoso della società. Io sono tifoso della Roma, della squadra, della maglia, dei colori, dei giocatori che scendono in campo, di Conti, Pruzzo, Falcao, Giannini, Voeller, Totti e dei presidenti tifosi come Viola e Sensi che agiscono con la testa e col cuore. Perciò al mio piccino ho preso un completo della 3a maglia della magica. Contento e orgoglioso di averlo fatto.

  3. Se gli verrà affidato un ruolo ufficiale, cosa che non mi risulta abbia, mi sa che Petrachi farà fatica ad accettare la situazione.
    Ricordo che a domanda specifica (su Baldini) la scorsa estate Petrachi ci tenne a puntualizzare che le decisioni sul mercato erano solo le sue.

    • Baldini non accetterà mai un ruolo operativo nell’As Roma. Semplicemente, continuerà a fare quello che ha fatto in tutti questi anni: il consulente esterno per le trattative di mercato, in entrata e in uscita.

    • Petrachi ci tenne a puntualizzare che accettava eventuali indicazioni da Baldini e che la decisione finale spettava a lui …
      Collaborazione e rispetto dei ruoli, una società forte può e deve saper gestire queste situazioni

  4. Personalmente mi sembra un gran personaggio. Baldini ha fatto tantissimi errori, ma resta il più grande conoscitore di calcio in Europa. Spero che Pallotta gli affidi un ruolo di grande importanza decisionale

  5. Una notizia che al sottoscritto fa piacere . È indubitabile che la presenza sia pur defilata di Franco Baldini sia estremamente utile al ns. attuale ds. In un mercato che vivrà di plusvalenze e di occasioni dell’ultim’ora le conoscenze in Premier e non solo dell’abile uomo di calcio fiorentino saranno decisive….

    • Di sicuro Robbo la loro presenza è defilata, adesso tocca vedere chi alza il codino 😂🤣…….😁

  6. E quale sarebbe la novità? Anzi, vi dirò che se non ci fosse stato lui la scorsa estate con i last minute deal di Smalling e Miki, il mercato di Tarzan Petrachi sarebbe stato di una povertà assoluta.
    Il problema di Baldini è di essere ben più di un consulente esterno di mercato, figura di cui certo non si avvale solo la Roma, bensì quello di ricoprire la carica di vero e proprio DG pur non figurando nell’organigramma.
    E questo non fa altro che aggiungere equivoci, tensioni, gelosie e ripicche.

    • Non ci sono prove di quello che sostieni, se non la “testimonianza” di un ex capitano che in quel momento aveva tutto l’interesse del mondo per screditarlo, nonché una classe giornalistica che ha un conto aperto con lui. Baldini semplicemente è un consigliere di Pallotta e consiglia (appunto) al presidente i dirigenti da ingaggiare, ma nel momento in cui ciò viene fatto, questi hanno pieni poteri… e a quel punto, si limita soltanto a fare l’intermediario nelle trattative in entrata e in uscita.

    • Fantastico. Sei riuscito a confermare quello che ho detto io nell’intento di smentirlo. E comunque nell’elenco hai dimenticato Sabatini e Ranieri. Possibile che ti debba dire tutto io?

    • E invece no, il senso del tuo commento è differente. Tu asserisci che Baldini è “potente” anche nel momento in cui ci non ci sono cariche dirigenziali vacanti, e che quindi interferisce sul lavoro dei dirigenti. Di contro, io sostengo che a Roma i direttori sportivi hanno sempre avuto carta bianca e pieni poteri, e perciò Baldini si limitava soltanto a fare l’intermediario e il consigliere.

      Come vedi, smentendomi non mi sono affatto contraddetto.

    • No KAWA, e basta semplicemente avere sufficienti basi di comprensioni del testo per capirlo. Cattivik sono sicuro che, almeno in cuor suo, capirà quello che volevo scrivere, o almeno lo reputo abbastanza intelligente per comprenderlo. Su te e il tuo amico Fede invece… beh, qualche perplessità la nutro, senza offesa eh.

    • Perdona Marco, i miei amici sono un po’ irruenti. Resta il fatto che Sabatini parlò chiaramente di “centri di potere”, e tendo a credergli. Né sarebbe comunque sano che in una società di calcio ben strutturata il DS avesse pieni poteri. Non si è mai vista un’azienda calcistica degna di tale nome in cui il destino finanziario e sportivo sia demandato ad una sola persona. Perché poi capita che si materializzi Otelma, il gran Ciarlatano di Siviglia, e tu finisci gambe all’aria.
      Insomma, come vedi, da qualunque parte la osservi la Roma fa acqua.

    • Guarda, sul fatto di dare pieni poteri ad un direttore sportivo, sono d’accordo con te. Quantomeno, io non ho mai condiviso quell’anomalia, al di là della bravura di Sabatini. Forse Petrachi ne ha un po’ meno rispetto ai predecessori, ma dubito che gli altri dirigenti, nonostante li reputi persone serie, siano uomini di campo. Ma rimane il fatto che Baldini non interferisce sulle decisioni dei d.s., ma al massimo consigliamo dei profili.

  7. Baldini non è stato un semplice consulente di mercato è molto di più in questi anni ha spostato decisioni nella sua direzione sia per i giocatori ,sia per la filosofia societaria da seguire.
    È l’uomo di cui pallotta si fida di più e ha un peso decisionale importante.
    Questo decidere da lontano può portare dei frutti per la roma? Si può lasciar decidere della roma chi non la vive e sta km di distanza?
    Baldini non è un consulente di mercato i consulenti di mercato fanno altro….i raiola i busardo’ sono uomini di mercato

  8. Faccio notare che Baldini ci ha portato anche lo steccarolo andaluso che ci ha avvicinato irresistibilmente al Burone della Marranella….

  9. Comincio a capire la conferenza stampa dello scorso giugno di Totti….nelle sue condizioni nessuno che sia un minimo serio sarebbe rimasto con questa dirigenza….

    Totti non sarà un dirigente all’altezza, forse non lo diventerà mai….ma sicuramente neanche il più tonto di questa Terra sarebbe rimasto con sto due Pallotta-Baldini che abbiamo qua, dove praticamente il potere decisionale è completamente ad appannaggio loro e il DS di turno (Monchi o Petrachi) serve solo da scaricabarile se le cose vanno male (Vedi le parole di Pallotta a Monchi….ma Monchi lo hai scelto tu, anzi lo ha scelto Baldini, caro James!!)

    In parole povere Francesco andandosene via si è solo salvato la faccia da questa sciagura.

  10. Sarà vero? Boh..a me sembra che con Pallotta l’unico a esserci sempre stato (da un certo punto in poi nell’ombra) sia proprio Baldini (mettiamoci pure baldissoni,che da tempo si occupa solo dello stadio). Gli altri, prima o poi, sono stati tutti cacciati. O si stimano tanto o sono la stessa persona. Entrambi sono accomunati pure da un certa idiosincrasia a farsi vedere in carne e ossa da queste parti

  11. Baldini c è sempre stato anche se nell ombra. Ma lo ripeterò fino alla morte.. L ennesimo autogoal di Pallotta.. Specie in una stagione prox che, aspettando la cessione, sarà fatta di invenzioni e intuizioni a basso costo.. Si chiama Walter Sabatini!!!! Tutti i giocatori rimpianti dalla piazza lì ha portati e scoperti lui. E da lui bisogna ripartire! A Roma ci torna pure scalzo!! Speriamo che almeno il nuovo acquirente lo richiami.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome