Roma: Salisburgo il presente, Mourinho il futuro

69
2331

AS ROMA NEWSL’oggi è quello che conta. E il presente per la Roma si chiama Salisburgo. Questa sera alle 18:45 alla Red Bull Arena, un gioiellino da 30mila posti, va in scena l’andata dei playoff dell’Europa League che vale l’accesso agli ottavi.

Davanti ai ragazzi di Mourinho c’è una squadra giovane, ben allenata, formata da tanti ragazzi di qualità che nonostante l’anagrafica hanno anche una certa esperienza in campo europeo. Non è un caso che negli ultimi dieci anni il club della Red Bull non abbia rivali nel proprio campionato.

Sarà dunque una sfida molto equilibrata, dall’esito incerto. Una fetta importante della qualificazione la Roma se la gioca stasera: con un risultato positivo, la squadra andrebbe ad affrontare il ritorno all’Olimpico (tra una settimana esatta) con più fiducia. Mister Mourinho ha già fatto capire che non ci saranno grandi novità di formazione, lasciando spazio al massimo a uno o due cambi.

L’allenatore non ha di certo intenzione di snobbare la competizione europea per concentrarsi unicamente sul campionato e su quel quarto posto che inciderebbe parecchio sulla crescita economica e tecnica del club. E proverà a fare il massimo utilizzando la rosa a disposizione, in attesa di capire quali saranno i piani per il futuro dei Friedkin, alle prese con la dura realtà del settlement agreement pattuito con la Uefa.

Anche ieri lo Special One ha lanciato un segnale in direzione della proprietà alla domanda sul suo futuro e sull’atteso faccia a faccia con i texani: “Cosa mi aspetto? Nulla, sono loro che sanno cosa aspettarsi da me: ogni giorno a Trigoria nessuno lavora più di me. Incontro a fine stagione? Mi sembra un po’ tardi…”.

Parole a cui hanno fatto seguito quelle di Dybala, che ha voluto legare a doppio filo la sua permanenza alla Roma a quella di Mou: “Non so cosa succederà con me, figuriamoci con il mister, dovete chiedere a lui. Vorrei essere allenato da lui perché è uno dei migliori e voglio vincere con lui”. 

Il messaggio è stato recapitato forte e chiaro ai Friedkin. Che ora dovranno usare argomenti convincenti per rassicurare il tecnico sui programmi futuri del club. Lo Special One sembra intenzionato ad andare avanti con il suo progetto dentro Trigoria, e non esclude a priori nemmeno l’ipotesi di un rinnovo, ma per restare chiede garanzie. I Friedkin sono pronti a dargliele, ben consapevoli di quello che sarebbe ora una Roma senza Mou. 

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteMOURINHO: “Futuro? I Friedkin sanno cosa aspettarsi da me. Ho usato una parola troppo pesante su Karsdorp, contento che sia tornato” (VIDEO)
Articolo successivoLa sincerità di Dybala che non può farci del male

69 Commenti

  1. Se rimane il mister è un segno di continuità, se dovesse andare via ci ritroveremo con l’ennesimo “progetto” ripartendo con un nuovo mister, che dovrà reimpostare la squadra e cosi passeranno altri anni e si riparte con il loop temporale.
    Il danno più importante sarebbe perdere un professionista (l’unico ora) che ha la credibilità e capacità di lavorare in questa città, affrontare e mettere a cuccia la maggior parte giornalisti ascari venduti che remano contro da sempre non è facile ci vuole personalità e le spalle coperte e lui le ha ben coperte da svariate vittorie.
    Non vedo nessun allenatore, se non qualcuno che si avvicini al palmares di Mourinho inarrivabile economicamente, pronto per questa società, dare la panchina in mano a qualche mestierante tipo italiano,juric ecc. significherebbe ritornare al pleistocene sportivamente parlando, con il classico periodo di nozze positivo seguito dall’inevitabile periodo di crisi dove verrà fatto passare il mister per scemo, perché peppe da primavalle per radio ci dice questo ora con Mourinho il primo scemo che parla per radio rimane uno scemo, ma con misterucolo raccattato così verrebbe fucilato(sportivamente parlando) subito, per poi ripartire con un altro.
    La mossa che faranno i friedkin questa estate sarà rivelatoria su cosa ci aspetterà in futuro continuità o er proggetto.

    • Il Napoli 3 anni fa aveva un totem come Ancelotti (che, a livello di titoli, non credo abbia molto da invidiare a nessuno a livello mondiale). Lo esonerò per prendere…Gattuso. Quest’estate ha ceduto i migliori (all’apparenza) e li ha sostituiti con degli illustri (e più economici) sconosciuti. Oggi ha un distacco dalla seconda che non ricordo di aver mai visto a questo punto del campionato. Noi, al contrario, siamo terrorizzati dalla possibilità che Mourinho possa andarsene indipendentemente dai risultati che potrà raggiungere a maggio, così come eravamo terrorizzati dalla possibilità di perdere Zaniolo la scorsa estate…e siamo sempre fermi, immobili nella mediocrità a ridosso delle big del campionato. Non ci accorgiamo che, tolte Juve ed Inter, tutte le altre hanno speso meno, tutte le altre hanno un monte ingaggi più basso ed hanno giocatori con più mercato dei nostri. Continuiamo ad innamorarci dei calciatori, a festeggiarli in maniera spropositata a priori, a considerarci traditi se qualcuno di loro LEGITTIMAMENTE fa scelte diverse. Io vedo la Roma lontanissima per mentalità, più che per possibilità, dalle squadre che hanno vinto nel recente passato o nel prossimo futuro

    • Dopo aver letto quanto sostieni, mi farebbe piacere che tu mi spiegassi perché Spalletti sta vincendo il campionato. Grazie.

    • Purtroppo ci sono segnali che quello che temevamo si stia avverando..Mou forse va via a fine stagione e con lui Dybala.
      Se fosse così avremmo perso 2 anni..invece che partire subito con progetto giovani abbiamo provato un mix di giovani ed esperti senza che ci fossero le condizioni economiche per realizzarlo.
      Se si chiudesse l’operazione Maurinho con un anno di anticipo dimostrerebbe essere stata solo una operazione fotti tifoso, per pompare gli abbonamenti ma senza un reale impegno della società al rafforzamento.
      La fine dell’era Pallotta aveva sancito una rottura tra i tifosi e la società che Mou ha contribuito a risanare.
      Perderlo vorrebbe dirlo riaprirla perché nessun grosso nome verrà dopo di lui.. invito i Friedkin a ripensarci perché tirare la carretta fino al 2027 senza un allenatore/DS/ufficio stampa come Mou sarà durissima.

    • Consegnare la panchina a Italiano o Juric, più che a pleistocene significherebbe ritornare con i cefali a Focene eh eh

    • Ma il distacco che tiene O NAPULE Non e’solo farina del suo sacco . Ma dovuto anche alla pochezza di Milan ( campione in carica ) inter e juve.
      Che hanno fatto più o meno fallimenti tecnici e tattici.
      E di campagna acquisti.
      LUKAKU fino a oggi ha fatto schifo
      POGBA e’un ex giocatore. ..
      A ibra danno 8 mln all’anno e non gioca da 10 mesi…
      De Ketalare 35 mln buttati nel WC.
      Qui si parla solo di chi , di volta in volta , azzecca qualcosa…ma di cui fallisce?
      NO, perche’io mi ricordo ancora o sapientoni che dicevano che facevamo i secondi perche erano gli altri che avevano fallito.
      Quindi stessa cosa si può dire per il napoli.

    • Mamma mia… manco quando se n’è andato Liedholm c’è stato sto piagnisteo.
      Se va via Mourinho verrà qualcuno che ha vinto meno ma sa dare un gioco che non sia basato solo sulle invenzioni dei pochi giocatori buoni che ci sono in squadra.
      Una società organizzata deve essere pronta a qualsiasi evenienza. Se Friedkin vuole fare le cose per bene saprò chi sostituire, eventualmente, Mourinho.

    • TS27 CO FONSECA AVEVAMO UN BEL GIOCO E INFATTI AVEMO FATTO PENA! co Louis Enrique avevamo un bel gioco, ma avemo fatto schifo! co zeman avevamo un gioco scelleratamente sfavillante eavemo fatto pietà! co Garcia avevamo un gioco cosí e cosí eppure semo arrivati secondi . co di francescoavevamo un gioco cosí cosí eppure semo arrivati in semifinale de Champions….

    • Gaetano, tu parli di fallimenti tecnici di squadre che a turno hanno vinto tutte nel recente passato (eccetto il Napoli…che sta vincendo quest’anno). Io oggi metterei la firma per un fallimento tecnico a seguito di uno scudetto vinto. Il Milan l’anno scorso ha vinto con una squadra molto più economica alla mano (vedere monte ingaggi), costruita con meno spese e nonostante abbia perso A ZERO Donnarumma, Chalanoglu e a fine campionato Kessie. Dopo aver comprato Leao a 4 spicci, Tomori idem. Quest’anno il Napoli ha preso Kvara (pagandolo meno di quanto abbiamo pagato Vina!), Kim (costato come Shomurodov), riscattato Anguissa (per la metà di quanto abbiamo pagato Kumbulla). Tolto Osimhen, ha il tetto di ingaggi a 2,5 mln (che da noi prende Karsdorp!). Devo continuare?

    • Gaeta’, please, mi spiegheresti allora, secondo il tuo rispettabile punto di vista, perché non ci siamo noi al posto “do’o Napule”, visto che sono dove sono solo perché agli altri fanno schifo o hanno fallito?
      Quindi abbiamo fallito anche noi, oppure facciamo schifo, perché ricordo bene che in estate più di qualcuno tra gli addetti ai lavori ci dava in grado di competere anche per lo scudetto e di certo non ci mettevano a priori dietro “o Napule”.
      Hai qualche idea, naturalmente rigorosamente dietro alle due motivazioni principe, cioè arbitri e campi di patate?
      In quanto alla solita distesa di fazzoletti pronti ad asciugare un mare di lacrime in caso di partenza di Mourinho, io continuo a sostenere che coloro che si affidano all’uomo della provvidenza sono persone che fondamentalmente hanno perso ogni fiducia e speranza.
      Mourinho, in ogni caso se ne andrà, che sia alla fine di questa stagione, tra due o tre, cambia poco nel destino della Roma. Che non può dipendere da lui.

    • Vale93, con Fonseca abbiamo fatto una semifinale di Europa League, altro che pena. Oltretutto penalizzati da una serie di infortuni senza precedenti al mondo. E bada, non sono una vedova di Fonseca il cui gioco non mi ha mai convinto. Voglio vedere se ci riesce Mourinho ad arrivare in semifinale.
      Luis Enrique con quella rosa ha fatto il massimo che poteva, peccato abbia deciso di lasciare.
      Garcia giocava bene, altro che così così. Poi gli hanno fatto capire che non gli avrebbero mai permesso di vincere il campionato e qualcosa si è rotto.
      Di Francesco aveva una sua identità di gioco e nei momenti migliori non era così male.
      Zeman non fa testo, momotematico fino all’autolesionismo.
      Per il resto che te devo dì? Visto che di vittorie non se ne parla (il campionato è andato, la Coppa Italia pure, per l’Europa League servirebbe un miracolo), meglio vedere una squadra che gioca bene che una che gioca male.
      Questo per dire che se Mourinho se ne va, e prima o poi se ne andrà, verrà qualcun altro. Gli allenatori passano, la Roma resta.

  2. le 3garanzie dst’anno erano zaniolo ( se non era na testademmé meno male ke lo avemo venuto) , Dybala (infortunato3/4 mesi) e gini (rientrato l’altro ieri) dimme dimme…. come poteva fa a Roma anche a pensà de vince, se i pezzi piú pregiati o cianno na capoccia malata o se erano rotti?

    • Chico pero ‘sta storia deve finire. IO PARLO DI squadre che nel recente passato hanno vinto. …e scusa ma te , e altri come te. O vivono in un altro pianeta. O fanno gli gnorri. Io propendo più per la seconda. HO SCRITYO nel passato . Che il Milan era fallito. Sei servizi di Report. ( “che si sono preso minacce prima e dopo) dell ‘inter che ha fatto delle plusvalenze baba ‘uno stile di vita.
      Della juve che ha fatto i falsi in bilancio.
      Ecco come hanno vinto.
      Ci sta Sempre una giustificazione a tutto e a tutti.
      In un ca** di canpionato regolare, tralasciando quello che hanno fatto ai Sensi, negli ultimi 13 anni dovevamo avere due scudetti in bacheca . .
      Ogni volta fai e fate finta di niente. Ogni volta leggo sempre le stesse pappardelle. Accusando me di essere piagnone. Cioe’io , che riportò le Porcherue che di volta in volta, ci vengono comminate ai nostri danni.
      Sarei un piagnone.
      E mi caro mio. Io non sono un piagnone, ma un illuso. Un illuso che e’convinto che prima o poi cambi qualcosa.
      Il Napoli sta godendo di una buona dose di cul*, di una pochezza tecnica di squadre ridicole, di una figc che stranamente si e’svegliata contro le porcherie juventine penalizzandola ( e nom e’detto che non gli vengano restituiti i punti) di un campionato falsato dalla sosta per i mondiali. E qui devo dire che mi ero illuso e sbagliato , credevo che la sosta li avrebbe penalizzati, invece tranne inter -Napoli non hanno avuto problemi, forse solo contro di noi hanno sofferto e rischiato di perdere.
      Avrei voluto vedere se eravamo stati noi a fare la truffa dell’esame di italiano per tesserare Suarez…Avrei voluto vedere se eravamo stati noi a fare le truffe dei tamponi. ..Avrei voluto vedere che sarebbe successo se non avessimo confermato Smalling. Zaniolo ( uno e’andato l’altro se ne andrà a giugno) e facile parlare dopo…e ‘facile prendere di volta in volta solo il buono fatto dagli altri ( facendo finta che il marcio non esiste ) non e’possibile leggere piagnistei che siamo scarsi…che solo i nostri errori sono alla base dei nostri insuccessi..
      Quindi ripeto , si e’sputato sui secondi posti. Dicendo che avevano fallito le altre. Quindi si O Napule ha vinto lo scudetto perche’non tiene rivali.
      Secondo i tuoi ( vostri ) ragionamenti, manco i tifosi della Pro Vercelli possiamo sfottere, o criticare, perche la Pro Vercelli tiene 7 scudetti e noi 3…

    • te lo spiego : Noi non ci siano amo perché della formazione che diceva iniziare il campione nato . uno non l’abbiamo mai avuto. Wjinaldum
      Uno ha saltato diverse partite e pensava al mondiale. Dybala.
      uno Non ci stava più con la testa Zaniolo.
      Con questi tre in perfette condizioni Psico fisiche, senza porcherie contro arbitrali, mi stavo giocando lo scudetto col Napoli.

  3. Sarebbe stato meglio concludere l’articolo con il punto interrogativo e cioè
    “I Friedkin sono pronti a dargliele, ben consapevoli di quello che sarebbe ora una Roma senza Mou?”

  4. È giustissimo pensare al futuro, ma in questo momento sarebbe forse meglio concentrarsi sul presente: personalmente temo sempre che certi discorsi possano provocare nei vari protagonisti un po’ di distrazione, e invece la Roma dovrebbe pensare solo ad affrontare al meglio questa fase, forse la più delicata dell’intera stagione 2022/2023. Parere personale, chiaramente.

    • Completamente d’accordo. Ogni volta mi ci arrabbio come un fesso, perché nei momenti buoni e soprattutto prima di una partita importante, la ROMA viene sistematicamente attaccata dalla comunicazione con polemiche su un futuro distante che distoglie dal presente. C’è sempre chi forse va via, l’allenatore, il calciatore più importante, poi i problemi societari, poi il presunto compratore che dopo due giorni vuole solo delle quote, ecc….Il tutto per una Città costantemente polveriera. Io dico sarà più importante vincere qualcosa questa stagione di chi rimane la prossima? Cioè sarebbe stato più importante che la ROMA avesse vinto la coppa italia, o vinca la coppa uefa, piuttosto che resti mourinho o dybala?

  5. Il Salisburgo è una squadra che seguo sempre con molto piacere perché è una fucina di talenti.
    In passato mi sono spesso augurato che la Roma volgesse lo sguardo verso i loro giocatori ma purtroppo non c’è mai stata questa lungimiranza anche se di profili interessanti ed abbordabili per le nostre tasche ne hanno avuti a decine.
    Escludendo l’inarrivabile Haaland, ricordo tra i migliori Samassekou, Patson Daka, Adeyemi, Szloboszlai, Mohamed Camara, Sesko ….
    Oggi sarà una gara durissima.
    Giocano in uno stadio con un pubblico che è veramente il 12 uomo ed hanno grande intensità.
    Per questo penso sia meglio non affrontarli a viso aperto ma impostare una gara molto tattica per poi colpirli alla loro prima disattenzione.

    • Caro Vegemite concordo perfettamente con te. Oggi sarà una partita durissima, e in mia modesta opinione nel doppio confronto vedo favoriti i baldanzosi austriaci rispetto ai compassati nostrani italiani.
      Spero ovviamente di essere smentito.

      Intanto saluto e ringrazio tutti gli ultras presenti in Austria che faranno sentire la Roma a casa con il loro calore e la loro voce.
      In particolare ROMA, NNDR, Offensiva, Giovinezza.

      AS ROMA A OLTRANZA

    • Il problema è che se questi veramente giocano con una forma fisica strepitosa, ci metteranno in difficoltà alle lunghe ovvero nel secondo tempo, dove di solito la Roma si arrocca sempre in difesa perché non ne ha più. Non giocando contro il Bologna, ma con il Salisburgo campione d’Austria,
      potremmo rischiare di brutto.

  6. oggettivamente se un allenatore come mou ti fa capire che dialoghi importanti e rassicuranti non ci sono stati ancora e che … in estate sarebbe tardi … mi sembra che la situazione sia abbastanza chiara… .

    • Che tra Mou e Pinto grande sintonia e dialogo non ci sia mi sembra piuttosto chiaro visto che si parlano prevalentemente attraverso i media.
      Pensavo invece che il tecnico avesse un canale aperto ed una comunicazione quasi quotidiana con la proprietà che evidentemente non c’è se Mou fa dichiarazioni come quelle di ieri.

    • @vegemite veramente hanno detto svariate volte entrambi che mou e pinto si parlano spessissimo (addirittura pranzano sempre insieme). Ma siamo sicuri che ci sia bisogno di fare sempre dietrologia? E soprattutto, a chi giova?

    • Maremma,
      giova ai finti tifosi-veri trolls. Serve a mettere zizzania, creare malumore. Ecco a chi e/o a che serve tutto ‘sto brusio!

    • Se a voi sembra una cosa normale che un allenatore che secondo voi PARLA costantemente con la società, solleciti in conferenza per l’ennesima volta la proprietà a fare chiarezza sul suo futuro e bacchetti il GM da mesi per il mercato fatto, allora bisognerebbe capire qual è l’oggetto delle loro discussioni: parlano regolarmente di vacanze? Auto? Figa?
      Forse bisognerebbe ammettere che qualcuno riesce a comprendere la realtà meglio di altri, magari anche prevedendo scenari che poi si verificano, ed altri invece riescono solo a commentare il quotidiano.
      Detto questo è veramente triste e direi anche un po’ irrispettosa questa tendenza nel forum a dover etichettare sempre gli utenti: laziali, finti tifosi, veri trolls, peggio dei laziali, cesaroni, marioloni, rinnegati……

  7. a me sembra chiaro che se ne andrà, ha chiesto giocatori che non gli hanno preso, gli hanno tolto dei titolari, gli hanno preso giocatori che non utilizza perché non ce ne è uno buono, gli hanno fatto capire che soldi non ce ne sono e non ce ne saranno per i prossimi anni, credo che ormai abbia capito di essere stato usato come specchietto per le allodole per tenersi buoni i tifosi

    • Osa non gli hanno comprato? Ma i nomi li leggi dimmi chi ha comprato te giocatori come Matic Wjinaldum Dibala trova una squadra italiana che ha comprato tre nomi così e ci aggiungo Belotti quindi non sparate cazza. Te se poi uno tre mesi e stato fuori un altro è fuori dall inizio la colpa di chi e

    • Ma guarda che se te impari a legge in controluce e’ dichiarazioni, te sta a dì che lui ha rifiutato n’offerta a dicembre perché vorebbe restà e prolungà er contratto. Ma ortre a questo, vorebbe pure più potere decisionale, ma no a chiacchiere, lo vole proprio pe iscritto. Lui sta a dì che è uno che nun se risparmia mai, è n’gran lavoratore e je farebbe piacere continuà, ma a certe condizioni che vòle dettà lui. Li Friedkins invece so forti de n’antro anno de contratto e vonno vedè come va a finì a’ stagione prima de accolasse n’ingaggione dato a un Manager che va a rende inutile a’ figura der pòro Tiago. Pe nun sapè ne legge e ne scrive, c’ha messo pure er carico da 90 la Joya. Ha parlato a sòcerape fa intende la nòra. “Guardate che se nun rinnovate ar Mister, io faccio er vento”.
      Mo bisogna vedè che faranno le du’ sfingi texane. A naso mesà che nun chiameranno nessuno e a giugno, a bocce ferme, co li risurtati a la mano, pijeranno na decisione. Se portano quarcosa, magari pure solo n’ingresso in CL se rinnova, sennò arivederci e grazie

    • Il lazziese continua a imperversare su sto forum. Vox de Lotirchio perché non te ritiri a Formello? (va bene pure Campagnano o Ariccia abbasta che te ritiri)

    • Concordo con Nico. Noi ci siamo fatti un’idea degli americani un po’ distorta con Pallotta, la cui gestione era diciamo un attimo “sui generis”, coi suoi innamoramenti repentini, seguiti da altrettanto brutali cambi di rotta.
      I Friedkin sono americani più “veri” da questo punto di vista, sono freddi e calcolatori.
      Ti danno l’autonomia necessaria per svolgere il tuo lavoro, stanno lì senza interferire, guardano e giudicano alla fine di un percorso.
      Sia Pinto sia Mourinho sono sotto la lente di ingrandimento, non si creda che i due texani pendano dalle labbra del tecnico come fa la maggior parte di noi.
      A giugno dovranno aver portato risultati in ragione dei soldi investiti e dello stipendio che percepiscono.
      Se non si centra almeno un obiettivo (uno è già andato) faranno le loro valutazioni, non credo facendosi commuovere da argomenti quali arbitraggi e campi di patate.
      Così come si chiederanno se determinati rinnovi sono da considerarsi congrui, se e perché i giocatori acquistati hanno perso valore invece di incrementarlo.
      Entrambi hanno un altro anno di contratto davanti: il rinnovo dovranno meritarlo sul campo.
      Se vorranno andare altrove, nessuno li legherà a Trigoria.

  8. Il presidente Dan John Wayne Friedkin, da buon texano, parla zero e fa i fatti. E la stampa ha sempre brancolato nel buio. Quando sarà il momento annuncerà il rinnovo di Mou.

  9. Il mutismo assoluto del Presidente Friedkin non è solo un vezzo personale o un fatto di folclore ma è un danno incalcolabile per la vita della società. Friedkin non parla soltanto ai tifosi o alla stampa che sia, ma nemmeno a Mourinho, dando così l’impressione di attendere l’evolversi dei fatti prima di decidere, con la nascosta speranza che le cose vadano male e Mourinho se ne vada, evitando di spendere altri milioni sui giocatori.
    Io ribadisco la mia idea sui Friedkin e cioè che cercano di traccheggiare sulla competitività della squadra per poter arrivare a fare lo stadio, per poi vendere la Roma a un fondo amaragano.

    • esatto come al solito il vero obbiettivo degli americani è lo stadio, della competitività della squadra gli interessa fino ad un certo punto, come hanno fatto chi li ha preceduti cominceranno a dire che bisogna tirare a campare fino a che non si farà lo stadio

    • temo proprio che tu abbia ragione e comunque non concedere mai un intervista è uno… schivare.. (schifare) un popolo vero intero e giallorosso

    • Quando si parla tanto per parlare, senza avere una minima idea.
      I “fondi”, da che fondo è fondo, investono su beni ipovalutati, allo scopo di rivalutarli e lucrarci sopra con la successiva cessione. Sul modello di come si sono presi il Milan, con poco più di 300 mln. E come ancora sperano di prendersi l’Inter.
      Una Roma con lo stadio di proprietà terminato comporterà un prezzo di acquisto di circa due miliardi di euro per far ridere i Friedkin, che a quel punto avranno investito certamente oltre il miliardo e mezzo di euro nel club.
      Nessun fondo di investimento penserà mai di acquistare la Roma a quel prezzo.
      I Friedkin fanno benissimo a stare in silenzio, i danni incalcolabili si fanno spesso quando si parla, come nel caso di Pallotta…

  10. Ma il fatto che venderanno la Roma a stadio fatto è lapalissiano, rientrano dall’investimento e ci guadagnano una caterva di soldi. Ma questo non lo vedo come un problema per la Roma, perché significherebbe avere una società molto più ricca e forte di adesso. Il problema è cosa si vuole fare in questi sei sette anni minimo prima di arrivare allo stadio. Se va via Mourinho e si riparte da zero ci aspettano anni di mediocrità, magari si risanerà la società da tutti i debiti per renderla pronta a grandi investimenti in concomitanza col nuovo stadio, ma noi tifosi accetteremmo questo?
    Già stiamo avendo un assaggio da questa finestra di mercato e Pinto ha già fatto capire che anche in estate la musica sarà la stessa e negli anni a venire.
    Per come la vedo io, Mourinho ha già salutato e Dybala a ruota…

    • Lapalissiano? Dunque, vediamo: il gruppo Friedkin ha investito finora 817 mln di euro nella Roma. I conti sono ancora in rosso e altri ne serviranno, si raggiungerà e supererà facilmente il miliardo.
      Sullo stadio, sia Berardi sia il Comune hanno confermato che i Friedkin vogliono andare avanti da soli: facile prevedere un altro investimento di almeno 400 mln.
      Per quando sarà finito l’impianto, la cifra investita dal gruppo sarà ragionevolmente superiore, ma anche di molto, al miliardo e mezzo.
      Pensi che si così semplice vendere la Roma a due miliardi di euro, pronti via, appena finito lo stadio?

  11. Vegemite sono d’accordo con te. Diciamo che forse l’unica cosa che potrebbe giocare a nostro favore è il fatto che non hanno (teoricamente…) anzi.non avrebbero i classici 90 minuti nelle gambe in quanto, se non sbaglio, il Campionato Austriaco è ripreso da poco. Tutto sta se reggeremo la probabile “forza d’urto” iniziale degli austriaci per poterli poi colpire di rimessa,come ha auspicato.

  12. “ma per restare chiede garanzie. I Friedkin sono pronti a dargliele, ben consapevoli di quello che sarebbe ora una Roma senza Mou.” Occhio con queste dichiarazioni così ottimistiche. Qui si sta parlando di spendere altri milioni in un periodo in cui la congiuntura economica internazionale non è così idiliaca o così ottimistica. La serie A è in crisi nera e non è la premier dove c’è il paracadute dei diritti televisivi. Fondamentale è la champions ma senza non credo che il futuro sia così roseo

  13. La recente storia del Napoli fa scuola, e i numeri che escono ne fuori non sono chiacchiere, ma fatti. Il Napoli ha ceduto (o perso) giocatori simbolo di livello assoluto (almeno in apparenza) come Insigne, Koulibaly, Mertens, Ghoulam. Ha preso semi-sconosciuti (o comunque allora non era definibili come top player) come Kim, Kvara (a 10ml) e oggi da lezioni di calcio in Europa con Mario Rui titolare fisso e Simeone riserva (in prestito a 3.5) confermando un ottimo allenatore (può essere antipatico o simpatico per la sua storia a Roma, ma è indiscutibilmente preparato) che non ha vinto nulla o poco. Aggiungo che nessun giocatore del Napoli (credo … ma non ne sono sicuro) ha mai vinto titoli prestigiosi.

    Tutto questo per dire che la differenza la fa non solo l’allenatore (il nostro è il migliore al mondo per vincere titoli) e/o qualche top player (forse solo Dybala) ma anche il direttore sportivo (il nostro ha una qualifica più elevata General Manager). E Pinto, a mio avviso, ha sbagliato l’impossibile al netto di Matic e Dybala.
    Errori come Belotti (prima di prenderlo non faceva 5 partite di fila decenti da più di 3 anni) la gestione di Zaniolo (gestione pessima con l’aggiunta di un ragazzo pessimo), Vina, Celik (mai sopra la sufficienza) Camara (ma siamo certi che ci fosse il placet dell’allenatore?), Solbakken (credo sia forte ma ha bisogno di molto tempo … ma alla Roma serve adesso) ne fanno del lavoro di Pinto un pessimo lavoro senza se e senza ma. Con la speranza che la proprietà possa rimediare quanto prima. Sempre forza Roma.

  14. Aspettarli, farli sfogare per poi ripartire. Perdonatemi, quale sarebbe la novità? Inoltre, premesso che secondo me si parlano eccome ma la strategia afona dei Friedkin fa impazzire l” ambiente”, qualora decidesse di andarsene allora ciao. Non dimentichiamo mai che la Roma è l entità suprema, il resto è contorno più o meno prestigioso.Ritengo più che legittimo per una proprietà che ha investito centinaia di milioni, attendere quantomeno la fine della stagione per tirare le somme. Perché parliamoci chiaro al netto della Coppa conquistata ,(grazie per sempre), ad oggi il bilancio è negativo in campionato ed in coppa Italia. Se quest anno malauguratamente finisci 5° che facciamo? Forza Roma.

  15. Ma perché questa voglia di discutere contratti, di assicurarsi subito futuri milionari, quando i contratti sono ancora in essere e scaldano tra due anni, allora non era solo Zaniolo 🤔
    E portati prima i risultati, giocatori, allenatori massaggiatori che siano, poi prendete il malloppo..
    Mourinho è bravo e avrà fatto bene questo anno, se arriva in Champions e se andrà più lontano possibile in Europa league.
    Se fallisce questi due obbiettivi, non si può dire che sarà stato bravo perché ha fatto giocare lo sconosciuto primavera Tahirovic.
    Così è troppo semplice vada bene o vada male, non è colpa mia, ma intanto su, voglio la piena fiducia e sei anni di contratto milionario.
    Per accettare una cosa del genere, i Friedkin in testa dovrebbero aver scritto proprio Giocondo Libero e Tondo

  16. tornare con i Cefali a Focene .. io c’ero .. 55 anni fa io c’ero a Focene e pescavo Cefali e pure qualche Spigola e anche grossi pesci gatto .. e facevo pure il bagno .. e la sabbia era gialla e pulita e anche l’acqua del Tevere .. ed era bellissimo .. che bei tempi ..

  17. COME DICEVO TEMPO FA, le strategie che dovrebbe prendere la Roma sono completamente diverse da quelle prese oggi soprattutto con Mourinho.

    Se vuoi tenere mou, in estate a zero puoi prendere top assoluti e su quelli devi andare.

    A Mourinho NON PUOI comprare il giocatore da costruire e da valorizzare.

    Non puoi.

    Il problema non è Mourinho, che è questo, ma la società che ancora non ha intrapreso un percorso chiaro, cosa che aveva fatto la gestione precedente nel bene e nel male.

    Non prendiamoci in giro in estate fu allestita una rosa per competere, NON VINCERE ma competere su più fronti e sei uscito male dalla coppa Italia, in campionato diciamo grazie al.fattaccio juve, sennò stavi nelle retrovie e ad un Europa luege difficilissima, con un allenatore che da un anno e mezzo fa guerra alla società, con giocatori che minacciano di andar via, guerre intestine e chi più ne ha più ne metta.

    Nella vita, come in una società, se non hai chiara la strategia che vuoi prendere, combinerai solo macelli, cosa che secondo me sta succedendo.

    Se rimarrà mou in estate vorrà dire che la Roma si butterà su profili di alto livello già conosciuti, sennò si inizierà un percorso simil napoli con giocatori da valorizzare e da fare crescere con un allenatore in linea che con una logica sostenibile come Spalletti.

  18. Siamo d’accordo su tutto, ma il monte ingaggi è’ altissimo, magari proporre uno spalmare di ingaggi! Se tieni Mou, esperimenti non li puoi fare! O compri campioni o devi prendere uno con il quale fate un programma oer ringiovanire e programmare il futuro! Siamo alle solite, dobbiamo ricominciare daccapo! Ci dobbiamo rassegnare a sperare in un posto nelle coppe in attesa dello stadio e che sto bajedetto debito di azzeri! A quanto pare solo noi siamo controllati! Che tristezza! Certamente irà paghiamo gli errori degli ultimi anni buttando soldi nel wc! Tenere i pochi esperti come punti fermi e far girare intorno ragazzi più’ che promettenti! D’altronde k’Aiax è’ una vita che segue sta politica è non vedo che sia fallita! Ke realtà’ sono diverse, va bene, ma almeno avremmo un preciso obiettivo! Se si facesse questo, ovvio che Mou non è’ adatto! Oppure vendere qualche peso morto(sarà’ difficile), tipo Cristante, Spinazzola(che purtroppo non va), tutti quelli sparsi ricavare anche poco ma liberandoci di ingaggi , puntare su 4 o 5 giovani che ora sono in prima squadra! Orina di tutto prendete un portiere! Poi anche se dispiace, Smalling o accetta o ca via! Puntare su Kumpulla che non può’ essere diventato un brocco all’improvviso! Sacrificare un big, e rientrare con i conti, altrimenti fra 10 anni staremo ancora qui a lamentarci! Sempre Forza Roma!

    • sono come quei famosi Frati che quando si incrociavano si salutavano con : Fratello ricordati che devi morire…

    • Non si capisce bene se certi utenti sarebbero più contenti che oggi Mourinho frani o che la Roma vinca.
      Un bel dilemma per chi asserisce di essere un tifoso: una semplice gufata per chi fa due parti in commedia.
      Forza Roma

  19. la cosa più grave in tutto questo è avere una società completamente muta, se la Roma deve essere allenata da un ballardini o un fonseca qualunque e sopravvivere per i prossimi anni tanto vale avere un proprietario italiano

    • hanno messo 700 e passa mln belle casse societarie…più parlare di così….
      Pallotta parlava troppo..
      questi non parlano…
      mi ricorda quella barzelletta della moglie che diceva:
      avrei voluto un marito
      presente ma non troppo
      geloso ma non troppo.
      focoso ma non troppo
      maschio ma non troppo
      delicato ma non troppo
      ricco ma non troppo
      ao’ e basta …
      tu non ne vuoi uno …ne vuoi dieci

  20. Io sono innamorato della AS ROMA. Non di Mou, e manco di Paulo. Loro li amo perchè stanno all’AS ROMA. In caso contrario per me non sarebbero nessuno. Per cui a fine anno possono fare quel che credono meglio per le loro carriere da VIP. Magari al loro posto arrivano professionisti che apprezzano di più la maglia della Roma, come Radja e Kevin, tanto per fare due nomi, che continuo ad amare anche se non stanno più alla AS ROMA, perchè loro sono rimasti innamorati persi della nostra maglia, come lo sono io. Basta che la prossima stagione ci sia la ROMA, il resto è accessorio.

  21. un proprietario Italiano? Il viperetta va bene??
    tempo 6 mesi e stiamo in serie D
    Caltagirone perché non se la prende la Roma?
    Eppure in un baleno avremmo lo stadio di proprietà.
    Mica e’scemo, vuole mangiare ma non vuole sganciare…

  22. Tutto bene ma dovremmo essere più sereni e provare a goderci la.stagione in corso sperando che la.Roma ci renda fieri di questi colori..per il.resto ho ascoltato la conferenza stampa di Mourinho e ne ho letto la trascrizione quindi perché devo agitarmi per un articolo che interpreta le.parole.del mister quando credo di poter fare questa operazione da me? Per non parlare di come vengono copiaincollate le frasi…stasera il.Salisburgo e tanto mi basta. Forza Roma.

  23. Mi perdoni la redazione
    trovo l’articolo travisante
    Dybala ha detto le cose che doveva dire per non urtare alcuna sensibilita’
    Non ha posto condizioni legata a Mourinho
    La questione e’ aperta solo tra lui e la proprieta’ credo che Mourinho pesi il giusto e non sia davvero una condizione sine qua non

    Credo che il Salisburgo forse avrebbe dovuto servire come modello organizzativo per la Roma
    Non si costruisce mai prima il tetto delle fondamenta

  24. L’allenatore conta il giusto.
    Se non hai in squadra giocatori forti, non vai da nessuno parte.
    Voglio vedere Mourinho allenare l’ascoli che cosa combina.
    Quindi la smettere di scassare la minchia e facesse il suo dovere.
    Non serve minacciare nessuno, a Roma si rimane col cuore, se vuoi andare via vai.
    Allenatori bravi e vincenti ce ne sono quanti vuoi.
    Tuchel e Conte su tutti.
    A fenomeno, ma scendi dal piedistallo.
    Con l’inter ha vinto tutto perché aveva una squadra stellare.
    Grazie al Kaiserslautern!

  25. chico ti sottoscrivo anche le virgole! hai riassunto in breve uno dei problemi tipici di questa società e tifoseria! molti tifosi romanisti sono idolatri. devono avere sempre il totem da adorare.. sempre! e guai a chi glielo tocca! anche io pochi giorni fa scrivevo qui in un post che la mentalità vincente non appartiene a questo ambiente.. da sempre! siamo arrivati al punto di gioire x un pareggio con il Lecce o x aver perso col Napoli senza prendere L imbarcata! siamo al punto che si pensa che se va via Mourinho finisce la Roma e finisce ogni speranza di vittoria nei secoli dei secoli! siamo al punto che c è chi ancora giustifica giocatori strapagati che non spostano e mai hanno spostato gli equilibri!l accontentarsi od il rassegnarsi a veder vincere sempre gli altri è lo stadio più basso di autostima!

  26. Comunque ci si scorda che Mou ha tre anni di contratto. Il caso di un allenatore è ben diverso da quello di un calciatore, che potrebbe liberarsi a parametro 0, cosa che invece è la normalità per gli allenatori

  27. e si tarleggiava su noi di giorno e sera alza in celo la bandiera e grida forte Roma vinci insieme a noi…fino a fine campionato tocca solo fare quadrato e supportare la squadra non cadete nella rete di pennivendoli e ballerini vari

  28. Rispettando le opinioni di tutti, mi permetto di contestare alcune fesserie, che girano a ruota libera. Prima fesseria “mourinho ha sempre vinto con le squadre migliori”. Non è vero. Nessuno al mondo pensava che il Porto potesse vincere di fila coppa Uefa e coppa campioni. L’Inter non era assolutamente quotata come vincitrice della champion.. Altra fesseria è dipingere il Napoli come geniale ed economica creazione di Spalletti ( che, comunque, se fosse per me, sarebbe ancora alla Roma). I principali artefici della forza della squadra sono stati ingaggiati in precedenza e non a quattro soldi : 30 ml per kvara(praticamente preso tre anni fa) , 70 ml per Osimehn e così via. Nelle attuali condizioni, non ce saremmo mai potuti permettere. Il Napoli è frutto di una gestione tecnica assai competente perché, negli ultimi anni, hanno acquistato giocatori di alto valore e costo, pagandomi molto e rivendendoli a cifre maggiori(vedi la sequenza Lavezzi – Cavani – Higuain-Martens). Addossare all’ allenatore di turno la colpa dei mancati successi ( ridicola nel caso di Mou ma anche di Spalletti e Ranieri) è una scemata reiterata una infinità di volte, perlomeno nei 65 anni da cui seguo la roma. Già adesso l’ultima favola :il tocco salvifico dell’allenatore. Domanda da ex studente di matematica :Come mai Spalletti e Pioli cje hanno allenato finora più o meno 142 squadre, senza vincere quasi niente, hanno esercitato il magico tocco una sola volta nella vita?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome