Roma tra dubbi e certezze. E a Fonseca manca ancora il salto di qualità

20
2339

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Paulo Fonseca conquista la fiducia dei Friedkin a suon di risultati utili, ma alla Roma del portoghese manca ancora il salto di qualità. Lo scrive l’edizione odierna del Corriere della Sera (L. Valdiserri) che oggi titola: “La Roma nel limbo di Fonseca”. 

La squadra infatti, scrive il quotidiano, esce dal 3-3 contro il Milan con dubbi e certezze. Nessuno può rimproverare la squadra per quello che ha proposto e nessuno riesce ad esaltarsi per un cammino tutto sommato “normale”. Sicuramente positiva la capacità di reazione. Ritrovato Dzeko, molto più coinvolto dentro le sorti del gruppo, come ha dimostrato la sua esultanza rabbiosa al gol di Kumbulla. Confermato Mirante, perché quando un portiere subisce tre gol ma ha buoni voti in tutte le pagelle vuol dire che di lui ci si può fidare.

I numeri nei big match, però, dimostrano che alla squadra allenata da Paulo Fonseca manca sempre un soldo per fare una lira. Su 13 incroci con le avversarie più quotate Fonseca ha ottenuto tre vittorie, quattro pareggi e 6 sconfitte. Se allarghiamo il discorso all’Europa League, la Roma ha incontrato due sole squadre di qualità: Borussia M’Gladbach e Siviglia . Risultato: due sconfitte e un pareggio con i tedeschi.

I Friedkin hanno programmato una rivoluzione morbida. Sono entrati nella Roma senza urla e strepiti, anche se l’eredità lasciata da Pallotta è stata disastrosa. I texani hanno ribadito la loro fiducia in Fonseca. Il tecnico ha detto più volte che Inter e Juve sono le vere candidate allo scudetto. La Roma corre per il quarto posto, un miglioramento rispetto alla scorsa stagione. Logico tenere un basso profilo, necessario un salto di qualità in tempi non biblici.

Fonte: Corriere della Sera

Articolo precedenteLa telecronaca faziosa di Sky, l’esultanza di Dzeko e la mina vagante Roma
Articolo successivoRoma, torna Smalling. Ma contro il CSKA Sofia sarà ancora ampio turnover

20 Commenti

    • E niente. Andare a recuperare 3 volte la capolista a casa sua è una robetta normale. Mi fa piacere, perché vuol dire che secondo il giornalista la Roma avrebbe dovuto passeggiate a San Siro e vincere 3 o 4 a zero

    • Non importa che smentisca Fienga dicendo che non esiste una questione Fonseca ben un mese fa, non importa che la Roma stessa parli di fake news atte a destabilizzare la Roma, fatto sta che qualcuno devono colpire, perché non possono smettere di colpire la Roma, non possono tentare di frenarla a vantaggio di inguardabili milanesi che vengono additate come candidate allo scudetto mentre noi poveri cenerentoli dobbiamo accontentarci delle briciole. E la vittima designata, in mancanza di un ds, è Fonseca.

      Tutto è partito quando il presidente della serie a (o della lega, non ricordo bene) auspicava un ritorno alla normalità con milan e inter in champions.

      Il ritorno alla normalità per questi lestofanti, implica automaticamente che rimanga un misero quarto posto per Roma, o napoli, o atalanta.

      Ma come fanno questi a fare tutto da soli da lassu? certo, articoli destabilizzanti, commenti partita faziosi, e chi più ne ha più ne metta, ma non basta.

      Ci vuole un aiuto dal campo, ed ecco i giornalai romani, e pseudotifosi a corredo a cavalcare bufale e zizzanie, e lo tsunami di melma prende corpo.

      Tutto questo si racchiude nell’insistere a dare addosso a Fonseca, a renderlo ridicolo, e instabile.

      Chi si presta al gioco al massacro di Fonseca oggi, è inevitabilmente parte dell’apparato che ho appena destritto.

    • Ma poi cità la sconfitta col borussia è proprio na zozzata da laziali. Ve ricordate er rigore per “mano” de smalling?
      Lassamo perde. Buffoni. L’unico problema è il fatto che non vengono ignorati.

    • E quindi Zelmottolino, per te fonseca è il miglior allenatore della serie A?
      Quindi, il 2º allenatore per stipendio, è nettamente superiore a gasp?
      Il migliore tra gli allenatori della gestione a te tanto cara?
      Accantonando, se ci riesci, gli sproloqui contro tutti i mariolones che giudichi tali(😂🤣), potresti dire che la fase difensiva ha avuto un netto miglioramento rispetto all’anno precedente?
      O come al solito attacchi basandoti su quelle cantilene a cui sei solito appoggiarti in mancanza di fatti?
      Io ritengo fonseca un fortunato, giovane e mediocre allenatore che parla molto ma di fatti ne abbiamo visti pochini.
      Perfetto come traghettatore ma non da squadra che punta la vetta.
      Quindi io ti consiglierei di smettere di sproloquiare verso tutti e provare a essere un pò più credibile nei tuoi giudizi.
      Poi se a te e a Gaetà(🤣😂due a caso, eh)
      L’affermazione che fonseca non ha fatto il salto di qualità sembra un affronto, probabilmente è perché non avete visto le Roma che avevano quel guizzo in più, tipo la Sensi – Ranieri o il primo spalletti.
      Mo sei stato piuma, mi sa che er fero s’è arugginito

    • Fede, ti stanno cercando dappertutto, la ricreazione è finita, torna e lascia parlare i grandi, sennò ti mettono la nota, e poi eviti un sacco di figuracce, e credimi, ne hai fatte con un tasso di crescita che manco il coronavirus.

      Salutami il tuo idolo microfonato, coda di paglia.

      Con te non può essere né fero né piuma, i minori non si toccano mai.

  1. Il signor (?) Valdiserri dimentica che con il Borussia non abbiamo vinto perché i due arbitri hanno dato un rigore di faccia nel primo match e un goal con la palla uscita lateralmente di un metro fuori.
    I big match della scorsa stagione vittoria e sconfitta con il napoli; pareggio andata e ritorno con inda e lazzie, vittoria e sconfitta con il milan; vittoria e sconfitta con la rube.
    In questa stagione pareggi con rube e milan, non mi sembra che abbia fatto così schifo.

  2. instancabili, non si annoiano neanche a ripetere le loro litanie. Ma una coscienza che ogni tanto vi limiti dal dare addosso anche per un giorno ad una brava persona come Fonseca non si palesa mai?

  3. Ancora con Fonseca, e basta! Ma che ha fatto quest’uomo per meritare tanto? Nemmeno con Di Francesco tanto accanimento, uno presentato come scienziato, che riuscì a battere il record di sconfitte in casa! Quanto alla semifinale Champions, il canto del cigno di un gruppo di grandi calciatori, poi “sventrato” per fare cassa. Che Di Francesco c’entrasse poco o nulla lo dimostrò poi a Liverpool… Fonseca, ribadisco un concetto già espresso, non sarà il miglior allenatore, ma dopo i 70 punti dello scorso anno sta continuando a fare bene. Se a destra gli hanno dato tre giocatori, dei quali il migliore è Santon, ci può fare poco. A parte la partita con il Siviglia, che poi ha vinto la coppa, dove senza la papera di Lopez e la scivolata ingenua di Ibanez magari non prende gol, pur giocando senza Smalling, ha una serie di partite importanti, tra la fine dello scorso torneo e quello di quest’anno, senza sconfitte, dove ha giocato con Inter, Juventus e Milan, per tutti le più forti con l’Atalanta. Gli si imputava di non dare carattere, mi sembra che in questo inizio tutto gli si possa dire tranne questo. L’altro giorno ci sono state ottime trame di gioco, con cambiamenti di fronte repentini, che, se avessero trovato lo Spinazzola di venti giorni fa, avrebbero fatto molto male al Milan. Purtroppo Fonseca non sta simpatico ed i Friedkin che non parlano con nessuno creano fastidio nei giornalai, che non sanno più come avere notizie, per cui creano ad arte casi nella ROMA tutti i giorni.

  4. Dopo il pareggio col Milan non ricordo chi scriveva ironicamente (riporto il concetto non le parole): i giornalisti domani daranno la notizia che vendiamo dzeko o che cacciamo fonseca o fienga ? Al momento sbagliava perché il giorno dopo la Juventus “piombava” su pellegrini ma alla lunga aveva quasi ragione solo che all’elenco doveva aggiungere i nomi di tutti i giocatori o dirigenti che si distinguono positivamente

  5. Ora bisogna tenerlo Fonseca con i suoi pregi, perché comunque ha dei pregi e suoi difetti, perché ha anche quelli.
    Poi a fine anno si valuta bisogna arrivare in champions lo terrei altrimenti basta champions, se ci porta in cha

  6. Bah… Io personalmente in Fonseca vedo progressi importanti, lavora sodo e tiene in mano il gruppo che è chiaramente con lui, la squadra è compatta in campo e fuori, morale alto e non si arrende mai.
    Il tecnico ha gestito finora una situazione complicatissima, ha buchi enormi nella rosa e si arrangia con quelli che ha e li valorizza, sta imparando ad adattarsi alle situazioni molto meglio di molti suoi predecessori.
    È riuscito a motivare di nuovo Dzeko che era già mente e cuore a Torino, ha avuto fiducia in Pellgrini e lo sta riportando a buoni livelli anche in una posizione che non è la migliore per lui…
    Mi chiedo che altro debba fare per convincere certa gente che è un buon tecnico, con i suoi difetti, ma superiore a tanti altri che stanno sempre a piangere e si perdono di fronte alle difficoltà, che spaccano gli spogliatoi e poi se ne vanno lasciandosi le macerie alle spalle.
    Teniamocelo stretto, che altra gente pari o superiore a lui qua da noi non ci viene proprio.

  7. Il salto di qualità è già attivato, con Pedro, quando mai abbiamo recuperato mentalmente tre gol? Per di più a Milano? Le fortune di Fonseca e la nostra è Pedro, grande mentalità e intelletto, professionista oltre ogni limite, un allenatore in campo.

  8. Domanda rivolta al pubblico: mi dite il nome di UN allenatore che è rimasto costantemente in bilico anche dopo 16 risultati utili consecutivi in campionato? Me ne basta UNO, dopodiché, posso trarre le mie conclusioni.

  9. Quello che apprezzo di Fonseca?
    Dopo la vergogna subita con il bilan non ha protestato davanti ai giornalisti, al suo posto Conde, Simonetta e Gasperino avrebbero interpretato Mario Merola.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome