Roma, tutti gli epurati: da Celik a Belotti, ecco chi prepara la valigia

37
842

AS ROMA NEWS Piazza pulita. O giù di lì. Di certo una rivoluzione più o meno grande, scrive l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport (A. Pugliese), considerando il rendimento (scadente) di tanti giocatori e la necessità inevitabile di correre presto ai ripari.

Insomma, se a giugno la Roma dovrà per forza di cose portare a casa un difensore centrale e provare a piazzare altrove qualche esubero, a giugno si cambierà profondamente la rosa. Troppi giocatori deludenti, molti flop e tanti calciatori non adatti alle aspettative della piazza.

Tra chi ha deluso c’è sicuramente Aouar. Facile che a giugno si provi a piazzarlo altrove. Arrivato a parametro zero potrebbe essere comunque una plusvalenza, anche se poi guadagna molto (2,5 milioni più bonus) e bisogna trovare qualcuno che lo prenda. Più o meno lo stesso discorso valido anche per Ndicka, anche se poi l’ivoriano potrebbe restare a fare la panchina. 

Nella rivoluzione che andrà in scena tra gennaio e giugno il primo nome a lasciare la Roma sarà Leonardo Spinazzola. Con il contratto in scadenza c’è però anche Rui Patricio, che a giugno vedrà finire il suo rapporto triennale con la Roma. Cosa che succederà anche con Sanches e Smalling, che per motivi diversi sono diventati i casi “storici” di questo inizio di stagione.

Destinato a lasciare la Roma è anche il turco Celik, uno che non ha mai convinto, anche perché è un terzino valido per giocare a 4 e non un quinto per il 3-5-2. Anche Belotti a fine anno saluterà tutti. Tra i giocatori in prestito la delusione più grande è Kristensen, ma a lasciare Roma a giugno saranno anche Llorente e Azmoun.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteSpunta Söyüncü per la difesa della Roma
Articolo successivoPellegrini, tentazione saudita: gli arabi sulle sue tracce, il capitano ci pensa

37 Commenti

  1. Quello che fa incazzare è che prendono troppo rispetto a quanto poi reso. Capisco che per prenderli bisogna anche offrire un certo importo per vincere la concorrenza, ma è mai possibile che non si possa pretendere degli stipendi base, con aumenti consistenti basati invece sul rendimento? Poi con stipendi troppo alti è anche difficile piazzarli, se non vanno bene.

    • Se prendi gli svincolati o i giocatori in scadenza ti accolli che guadagnino cifre fuori dal comune visto che hanno mille offerte, è sempre stato così

    • Tutte colossali seghe che sia chiaro non avevano altre colossali offerte se non quella dello sbirulino portoghese che di corsa hanno accettato. Se poi ci mettiamo rinnovi contrattuali offerti e firmati da giocatori dall’assente rendimento rispetto al loro stesso ingaggio la frittata è servita.
      Eppure credo il mister che siede in panchina sia in grado di salvare la stagione. Lo stadio, dove hanno voce i tifosi, aldilà dei commenti che compaiono sui social, sono praticamente tutti dalla parte del mister, se, come spero, inizieranno a far sentire la loro voce tuonare contro lo sbirulino portoghese e la proprietà che è al comando di una società e di una squadra che dovrebbe avere ambizioni più solide, diciamo quelle che sono oggi del bologna, ieri dell’atalanta o del napoli, e purtroppo non esattamente quelle del Real Madrid o del PSG, beh, forse usciranno allo scoperto facendo sentire finalmente la loro ca..o di voce e dichiarando i loro obiettivi di squadra, perché quelli finanziari, lo stadio, sono chiari, non a tutti, perché non c’è più cieco di chi non vuol vedere, ma alla gran parte degli italiani si.
      C’è un mercato cosiddetto di riparazione alle porte, una società seria avrebbe già ingaggiato terzini e centrale in estate, ma questi non spendono, spero lo sbirulino portoghese prima di sfan…lare da dove è venuto ci regali più di un’intuizione che possa aiutarci dal già 1 gennaio.
      E che non siano regali di atleti malati, frustrati, finiti dei compari amici degli americani già proprietari di Chelsea e PSG, ci sono altre centinaio di società con cui fare affari, certo le altre pretendono soldi veri..!
      Forza Roma, sempre!

    • esatto hai ragione, di certo friedkin e pinto sono bravi ad aver scelto questi giocatori vero?
      friedkin paga cosa? non acquista un calciatore da 3 anni ed ecco i risultati, spende meno di una squadra di serie C la asroma in acquisti!
      ed ora siamo delusi? Aour non era un campione, un grande acquisto (hai voglia a scrivere che fosse un parametro 0 quindi non si è acquistato proprio nulla, hai voglia dire che con i 0 non vai da nessuna parte), e celik, vina, shoro, kristensen, sanches, azmun chi li ha portati?
      la colpa di chi è, non del presidente che non caccia un euro bucato ed ha il portafoglio saldato con il piombo, non del ds che prende ciofeche che nessuno vuole, no è del mister che poverino ce la sta mettendo tutta per trovare il bandolo della matassa.
      ma davvero pensate che motta sarebbe meglio di Mourinho?
      perchè?
      il bologna va bene perchè ha un ds che sa scegliere i giocatori, punto. al genova motta è RETROCESSO, e parliamo dello spezia….ma lasciate stare.
      e friedkin?
      il fpf e sa l’ha firmato lui, unici in europa, me viene da ridere che c’è chi pensa che l’abbia fatto perchè signore e non perchè non vuole caccia un centesimo…attenti che non si riveli il pallotta mascherato.
      il pilotone di aereo ha fatto il delisting con i soldi della gente romanista e tutti a dire che avrebbe potuto comprare giocatori, do stanno?
      ora aspettiamo lo stadio, già rido a crepapelle tanto poi non arriveranno lo stesso i giocatori.
      mette li sordi e da quanto?
      74 milioni dal calcio mercato 3 anni senza un acquisto di calciatori, 25 sponsor arabo, 68 diritti seria a, 80 diritti EL, biglietti abbonamenti e tutto il resto….fate la somma, sicuro che ci mettono li sordi.
      fosse per me li prenderei a calci in c@lo quelli della società escluso il mister.

    • Questo è un problema atavico della Roma.
      Detto ciò, numeri alla mano, Kristensen è il miglior terzino che abbiamo. Quindi, giustamente, il primo destinato a partire.

      Assurdo.

    • Llorente Azmoum. Belotti per quale motivo sarebbero nella lista degli epurati?
      chi la fa la lista? la cazzetta?

  2. Sono sincero: uno tra Belotti e Azmoun lo terrei, sia pure come riserva, perché non sono proprio scarsi. Una squadra che punta in alto deve necessariamente avere una panchina di buon livello. (Semplice parere personale, come sempre).

  3. A fare la lista degli scarsi siamo bravi tutti, poi chi ci metti al loro posto? Peraltro perdendo N’Dicka Llorente Smalling Celik, in difesa chi gioca, Petruzzi?

    • si che poi fino a 2 settimane fa i discorsi erano tutt’altri. Più che notizie, queste sono opinioni a direzione del vento…
      manca più di metà stagione e già si parla di chi dovrà andare via a giugno…

    • E questo è il classico problema del tifoso romanista medio.. appena si vince una partita si comincia a esaltare tutti, appena si perde una partita invece tutta La Rosa diventa da vendere.. io quelli che venderei sono questi tifosi di m

  4. A parte che ci sarebbe da dire ma chi gliele racconta ste cose alla Cazzetta, ma a leggere sto “articolo”…si fa per dire…chi resterebbe? La primavera e qualche senatore?
    SSFR

    • non ho idea à leggere parte tizio caio sempronio
      non. si fa un minimo accenno à chi arriva al.loro posto arrivera’(mancano I nomi?)
      ora i giocatori elencati chi per un motivo infortuni o altro hanno reso molto meno di quanto ci si aspettava
      propabile che qualcuno andra’ via

  5. Mi sembra un articolo senza capo né coda, quindi giustamente appropriato alla Cazzetta delle Strisciate.
    Azmoun va valutato come condizioni fisiche, ma è forte: se impiegato “alla Mikitaryan” sarebbe molto prezioso.
    Llorente è l’unico che dia stabilità alla difesa, va predo a titolo definitivo.
    Kristensen ha giocato poco, a Bologna ha messo due cross (cioè più di quanto fatto da Karsdorp in cinque anni) e ha creato due pericoli, a Reggio Emilia ha risolto la partita: gli darei tempo.
    Ndicka per la panca se lo terranno, e fanno benissimo, non giochi (purtroppo) tutti i giorni contro il Real e lui può fare bene.
    Insomma, hanno un po’ sparato a casaccio, as usual, ci parlassero della mancata sanzione ad Allegri per il sequestro dell’arbitro, a noi per una frase abbiamo dovuto patteggiare 40.000 euro.

  6. Ok, va bene ….
    Ma, forse non è più appropriato attendere chi sarà la nuova guida tecnica per poi decidere chi sarà più funzionale ad un’idea di gioco, squadra…??
    A meno che Voi giornalai della “cazzetta” non sappiate già di una riconferma di Mou, anche se ieri avete sostenuto il contrario…🤷

    • Andrea , ciao
      Premesso che apprezzo spesso i tuoi commenti, ti sottopongo l mia visione ( non richiesta!)
      Io credo che abbiamo già scelto la nuova guida tecnica

      Una società USA non arriva alla fine del contratto “e poi decide “
      Se si sapesse già io nome del nuovo coach, o squadra perderebbe motivazioni , sapendo il repulisti

      Mantenendo il dubbio su Mourinho, che sa bene il suo futuro , tengono tutti sulla corda

    • Ciao Wise e grazie.
      Tutti i pareri sono rispettabili ed il tuo punto di vista mi trova concorde..
      Anche secondo me le cose son già fatte, a noi tifosi “rode” perché vorremmo sapere ma, forse è giusto così ..

  7. Mi pare la letterina di un bambino a Babbo. Natale, piena di desideri che si scontrano con l”amara realtà. La Roma indubbiamente è infarcita di bidoni o pippe, come volete chiamarli, ma la domanda è :a questi chi se li accolla?

  8. articolo fatto con i piedi e senza nemmeno una vera analisi dei problemi della Roma

    chi glielo dice alla cazzetta che paredes non è né un regista né una mezzala…
    che karsdorp è solo una sponda che ti rimanda la palla dietro…
    che pellegrini nun cia’ er fisico…

    ??

  9. Tutte cretinerie quando non hanno notizie o non vogliono parlare di certe notizie sparano sulla Croce Rossa (la Roma) tanto nessuno gli dice niente.
    Forza Roma

  10. Questi so tutte pippe a quanto pare…ma non vedo i nomi di Paredes e Pellegrini…..e poi è tutta colpa loro?…quando giocano non sanno che fare con la palla perche c’è un allenatore che non da un gioco un triangolo una verticalizzazione….tutti fermi e aspettano lo zampino di quello che si inventa qualcosa……io ci metterei anche il vostro Mou.

    • Se vendiamo tutti giochiamo con Pippo, Pluto e Paperino con Topolino in panchina al posto di Mourinho?

  11. Torniamo sempre al punto: la figura più importante in una Società di Calcio oltre alla Proprietà (chi caccia li sordi!, se ce l’ha…) per me non è l’allenatore o i giocatori ma il Direttore Sportivo, ovvero colui che li sceglie. La dimostrazione di quel che dico è che la Roma non è stata più ai vertici del Campionato e partecipante in Champions da quando ha cacciato Sabatini e toppato i successivi DS: Monchi,Petrachi,Fienga (ad interim…),Pinto! Poi vedi giocare il Bologna e vieni a sapere che il suo DS è un certo Sartori, protagonista del miracolo Chievo, poi Atalanta ed ora Bologna e ti dai delle risposte, così come Giuntoli prima col Napoli ed ora nella Juve tornata protagonista in campionato, così come l’Inter di Ausilio e Marotta. E guarda caso il Milan senza Massara è retrocesso in EL ed arranca in campionato, così come la Lazie senza Tare è dalla parte destra della classifica dopo parecchio tempo (in CL è destinata ad un bagno di sangue contro il Bayern! quindi non conta la qualificazione agli ottavi).

  12. prendiamo un allenatore, e poi vediamo di questa lista tra un anno quanti sono “impresentabili”. Belotti Azmoun
    Sapete, un allenatore tipo quello che prende un ragazzo, ex terzino sinistro rotto e starrotto e quindi cestnato dalla roma, e se lo reinventa centrale, e con ottimi risultati, a quanto si è visto domenica….

  13. Un nome su tutti nella BLACKLIST: TIAGO PINTO poi almeno una diecina di scarsoni tra i quali vecchie conoscenze alla Pellegrini, Spinazzola,Karsdorp e ai fenomeni tutta farina del sacco di questa specie di DS-GM o cos’altro e quindi Aouar, N.Dicka, Llorente, Vina, Shomu, Solbakken, Celik, Sanches, Azmoun, Belotti. Da valutare se trattenere per la panca casomai Llorente e uno tra Azmoun e N.Dicka. Tutto sommato da riconfermare Svilar e pure Kristensen ( Paredes in sospeso ) almeno dalla sua parte si passa veramente molto meno ruispetto al’out di N.Dicka dove passeggerei anche io senza tema di contrasto nè con palla a terra nè nel gioco aereo.
    IN definitiva TIAGO PINTO goooooo Home e poi si prova a ricostruire.

  14. Motta bravissimo per carità ma sta in una piazza senza pressione sei sicuro che qui fa risuscitare questi morti!. Sartori è da prendere ! A Roma si è vinto con i grandi allenatori con titoli portati addosso. Di quelli prendibili c è Allegri che ha vinto scudetti con il falso in bilancio e plusvalenze fittizie ! Conte idem all estero di vincente chi verrebbe ?

  15. Da un estremo all’altro, mo via tutti! Ma non è così, tra gli elencati qualche onesto panchinaro c’è (aut aut: o si riducono l’ingaggio o altrimenti salutano anche loro, beninteso), sono i supposti “protagonisti” della svolta a dover essere defenestrati senza alternative.

  16. Caro Carletto75, la variabile infortuni per un giocatore professionista è legata all’età in cui li subisci: nel caso di Calafiori ha avuto un gravissimo infortunio traumatico a 17 anni, così come li ebbe alla stessa età Roberto Baggio nel Vicenza. Chiaramente è coinvolta la bravura del chirurgo che ti opera, la forza di carattere, una rete familiare di grande supporto, ma alla base per me rimane il quadro fisiologico legato all’età dell’atleta. Nel caso di Calafiori la scelta di venderlo non credo sia stata legata a considerazioni di affidabilità fisica ma a ragioni di mero bilancio sulla base di una sfiducia sostanziale sulle qualità tecniche del giocatore, che bisogna sempre aspettare nel lungo periodo. Io credo che l’esempio emblematico sia rappresentato da quello che io credo in questo momento sia il migliore difensore Italiano (ormai Chiellini si è ritirato), Acerbi dell’Inter, colui che in finale di CL ha sostanzialmente annullato Halland e che è protagonista della difesa migliore in Europa (lascia perdere la sua prestazione di ieri contro il Bologna, L’inter dopo aver vinto 2 Coppe Italia non aveva grandi motivazioni). Acerbi era una promessa del Milan ma poi è finito al Chievo, come tante promesse delle grandi Squadre cedute in provincia (vedi Immobile ceduto dalla Juve al Pescara), per ragioni di bilancio (trad. fare plusvalenze), e solo a 27 anni ha trovato la maturità agonistica al Sassuolo. Quindi anche se con qualche rimpianto, la cessione di Calafiori al Basilea aveva un senso, diverso sarebbe stato se avevi un predestinato come un Nesta o un Cannavaro nel settore giovanile e lo avessi ceduto a pochi soldi, là allora me sarei leggermente incaz@@ato!

  17. a sentire l articolo se ne va via una squadra intera (10-11) non viene nominato che kristensen è in scadenza nel 2024, baaaaah voglio proprio vedere

  18. Qui da epurare subito ci sarebbero Pellegrini, Spinazzola, Rui Patricio, Smalling e Karsdorp. Per quanto riguarda Sanches, Aouar e qualcun altro direi di aspettare giugno perché hanno qualche giustificazione in più e da quel poco che si è visto hanno fatto meno peggio e nemmeno fatto danni rispetto a quei 5 giocatori che ho detto da epurare subito.

  19. Non è poi così difficile fare una analisi tecnica. Il portiere è sempre e solo stato solo un buon portiere, arrivato in età pensionabile, ha perso piure il posto in nazionale. Terzini= Spina dopo l’infortunio è un ex giocatore, senza se e senza ma, Cristensen è un retrocesso che non hanno manco voluto nelle B inglese, Celik e Karsdorp sono 2 pippe, chiusiamo con Zalewsky, sembrava avessimo il vuovo Candela, ma è in totale involuzione. I terzini nella difesa a 3 sono ruoli chiave, a tutta fascia, con ambo le fasi, che saltano l’uomo, assist e qualche gol, e i ns sono troppo scarsi per farlo. Difesa= sia prima che dopo Ibanez, se orfana di Smalling (che ad oggi è un ex giocatore), andava e va in sofferenza. Centrocampo= orfano di Matic, che copriva e faceva anche torri difensive, Oauar si commenta da solo, il 2 rottoscartati del Psg, il capitano più scarso e sopravvalutato nella storia Roma, e il vorrei ma non posso Cristante, Jolly, corre, lotta, si impegna, ma non ti alza l’asticella. Attacco= ad oggi purtroppo con Dybala che sia ad essere un ex calciatore, siamo Lukaku dipendenti, unico faro in una notte di tempesta, che dura da 6 anni, e che ha vista passare 3 timonieri, tutti repentinamente massacrati, per non ammettere una grande verità, verità comfermata anche dal direttore Fiorini l’ultimo anno di Fonseca:” LA ROMA E’ UNA SQUADRA DA RIFONDARE.”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome