Roma, un pareggino da paura

95
3164

AS ROMA NEWSLa Roma si accontenta del pareggino, e si porta a casa un punto non da buttare considerati i risultati della giornata, che permettono alla squadra giallorossa di restare attaccata al treno Champions, distante solo tre lunghezze. Ma la sensazione è quella di un’occasione persa, soprattutto considerando le tante partite regalate in avvio di campionato.

Con la Lazio finisce zero a zero dopo un derby che regala emozioni solo nella prima mezz’ora. La Roma parte forte e spaventa gli uomini di Sarri: Spinazzola affonda con facilità a sinistra, i cross in area fioccano, con Karsdorp che spreca tre buone occasioni per battere a rete.

Ma la spinta giallorossa dura appena un quarto d’ora. Poi Massa ammonisce Mancini per una leggera trattenuta su Immobile e la Roma sembra spaventarsi. La spinta sulle fasce di inizio partita diventa un ricordo: Karsdorp viene richiamato a compiti più difensivi in aiuto al suo compagno di squadra appena sanzionato. La Lazio prende campo e coraggio e crea le uniche due palle gol del match: Luis Alberto ha spazio per calciare dal limite e coglie il palo, poi qualche minuto dopo serve un bel pallone sulla testa di Romagnoli, con Rui Patricio che salva la porta.

Da quel momento il derby si spegne lasciando spazio al nervosismo in campo. Massa ci mette il suo, ammonendo anche Ndicka per un’altra leggera trattenuta nella metà campo della Lazio. Il secondo tempo è il festival della noia: la Roma prende in mano le operazioni, costringendo gli avversari a difendersi. Manca però la qualità in mezzo al campo, specie quando c’è la possibilità di ribaltare le azioni.

Dybala non si accende, e il centrocampo muscolare non ha la fantasia giusta per servire Lukaku, che resta abbandonato a sé stesso, in attesa di un pallone buono da giocare in area che non arriverà mai. Mourinho avrebbe la possibilità di cambiare qualcosa dalla panchina, ma preferisce non farlo: le prime sostituzioni arrivano al minuto 82, quando la partita sembrava ormai incanalata verso lo zero a zero.

Vince la paura di perdere. Roma e Lazio si portano a casa il “pareggino”, che non fa ridere ma nemmeno piangere nessuno prima della pausa. La consolazione è che il treno Champions non è partito, ed è ancora lì che ti aspetta. Ma la posizione in classifica resta la solita: quel settimo posto da cui sembra difficile scollarsi. Adesso la pausa, due settimane che dovranno servire alla Roma per recuperare al meglio alcuni pezzi importanti della rosa.

Alla ripresa del campionato i giallorossi incroceranno Udinese, Sassuolo, Fiorentina e Bologna: servirà fare il pieno di punti prima del Natale terribile (Napoli, Juventus, Atalanta e Milan tra il 23 dicembre e il 14 gennaio) che attende Dybala e compagni. Questa Roma può e deve fare di più di così.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

 

Articolo precedenteRUI PATRICIO: “Partita difficile, pareggio giusto. Abbiamo fatto di tutto per vincere”
Articolo successivo“Discendenti di Marte. Padroni della storia”. La coreografia della Sud “oscurata” in Tv fa arrabbiare i tifosi

95 Commenti

  1. Mio nonno, classe 1920 e romanista dal 1927, mi diceva sempre che se c’è una cosa peggiore che perdere co’ quelli là è pareggiacce.
    Confesso che co ho messo anni, ma alla fine l’ho inquadrata e sono d’accordo con lui.
    Peggio ancora, io non vorrei mai, mai vedere un derby che finisce 0 a 0.

    Questo è stato il derby della paura, il derby del “meglio due feriti che un morto” e le dichiarazioni di Mourinho che vanno in questo senso a fine gara mi allarmano parecchio. Capisco il fatto di avere giocatori sulle gambe, capisco il metro arbitrale che, boh, due centrali ammoniti sùbito e Immobile che fa quello che vuole, al Milan invece regalano il pareggio, tutto vero.
    Ma oggi è l’ennesima occasione buttata alle ortiche.

    Se vincevi oggi eri lì, addosso a Milan e Napoli, che per me resterebbero ampiamente recuperabili, e staccavi scai is blue, questa partita andava vinta in qualsiasi modo. E a vedere come la Roma è stata in campo, si poteva vincere.

    Non so quante occasioni del genere ricapiteranno, però siamo alle solite, se non vinci gli scontri diretti poi resti settimo.

    • il derby peggiore, fu quello dei 4 allenatori in un anno, quando rischiammo la B.
      Detto ciò, cin lo salvia abbiamo perso perché i giocatori pensavano a questa partita, giocandola di m€td@? complimenti.
      E complimenti al tecnico. Qui non si tratta di essere Pro o Contro Mourinho. Qui si tratta di onestà intellettuale. Quando giochiamo contro Inter, Milan, Leverkusen, lo sento lamentarsi “sono squadre costruite per la Champions” e quando pareggiamo o perdiamo contro salernitana, Verona, Torino, Slavia e Lazio? Perché non c’è un’ammissione di colpa da parte del tecnico? terzo monte ingaggi della serie A. Settimi. il campionato non parte dalla quarta giornata ma dalla prima.

    • Con Fonzega però quando non si vincevano gli scontri diretti si parlava di Gembio perchè eravamo quarti con una proiezione punti a 62 (da ottavi). Infatti ci siamo salvati all’ ultima giornata con lo Spezia ma incassavamo 4 gol da Napoli Atalanta e Bologna.Ve siete accorti ora che bisogna vincere gli scontri diretti finalmente ce siete arrivati…

      Per il resto tutto vero.

    • Le colpe sono del ds/gm e della società non del tecnico che è l’unico vincente che abbiamo in società. Se noi abbiamo Paredes come regista che il massimo che fa è il passaggio al compagno più vicino che gioco vogliamo fare. Comunque abbiamo battuto l’empoli 7 a 0, lo stesso empoli che ieri ha vinto in casa del napoli 1 a 0 e abbiamo battuto il Lecce 2 a 1, lo stesso lecce che l’altro ieri ha pareggiato 2 a 2 con il milan meritando anche di vincere.

    • la classifica è giusta, la dimensione della rosa nei tre anni di gestione di questa proprietà e del ds scelto è quella, 6/8 posto. L’allenatore è top, la coppa e le due finali ne sono per me conferma. Il monte ingaggi è alto perché c’è da convincere i giocatori, il mercato di questi ultime tre anni è solo di parametri zero e qualche allucinazioni del ds. Ieri sera ennesime conferme: Karsdorp è quello che è, una pippa, l’abbiamo visto nelle tre occasioni al tiro, ma è il migliore che abbiamo….! Spinazzola è atleticamente anziano. Dybala un campione di cristallo. Bove un di noi. Fatto il massimo con gli uomini a disposizione, Sanches un ex e menomale che Rui stavolta ha parato il parabile!
      Forza Roma, sempre!

    • come abbiamo fatto un po’ di pressing abbiamo rimediato due ammonizioni perché ci scappavano via negli spazi così l’unica maniera per non rischiare era la copertura e la ripartenza, Mou non è uno stupido sa bene il materiale che ha è la società che deve capire che anche cambiando il manico i risultati non cambiano”””””” cari Texani bisogna “cacciare” i soldi e comprare campioni se volete partecipare alla champion,,, andate a rivedere le Rome dei Viola e dei Sensi e fate altrettanto

    • Concordo molto con l’articolo.
      Le ammonizioni hanno fatto la differenza perché la Roma ha rinunciato a pressare alto e si è chiusa dietro per non prendere ripartenze e potenziali doppi gialli (modello ibanez)..
      Solo che se quella era la partita, Dybala non serviva più lì in mezzo perché non era in grado di dare velocità alle ripartenze e sarebbe stato più utile un Belotti che avrebbe saputo affiancare meglio Lukaku quanto meno portandogli via qualche difensore.
      Poi sarebbero serviti centrocampisti o difensori in grado di fare lanci oltre i 5 metri (modello DDR) ma evidentemente non è nelle loro corde.
      Bove ci mette tanta grinta, ma ha molti limiti tecnici. La cosa grave è che li ha anche Paredes che invece prende N volte lo stipendio di Bove. Cristante potrebbe farlo ma anche lui ieri ha preferito la scelta senza rischi del giocatore vicino.
      Dato che non vedo dalla panchina giocatori in grado di cambiare il nostro centrocampo ritengo che oggi la Roma (come la Lazio) non sia da Champions.
      Se il mercato di gennaio i Friedkin vorranno investire forse cambierà qualcosa.. in assenza ci attende la Europa League

    • Arriva la sosta x recuperare giocatori che nn sono al meglio fisicamente.ma la verità è che questa squadra è piena di pippe
      aivojavaspetta le soste..qui ce vole gente che sa giocare al calcio.noi siamo la squadra campione dei passaggi indietro.
      so amareggiato.la Lazio è una squadra mediocre noi nn siamo meglio

    • Alda, balle. Belotti sta in forma, non poteva entrare? El shaarawy?
      In panchina c’erano dei giocatori e dei cambi, lui ha deciso di farli verso l’ottantesimo – e a differenza della Lazio, avevi due giorni in meno di riposo. Celik, Kristensen, Renato Sanches, Azmoun, Pellegrini, Belotti, Aouar, Zalewski, El shaararwy.
      Quindi di cosa stiamo parlando? Quali sono le colpe del Gm?
      Parliamo di Giovedi, una partita gestita male. “i ragazzi pensavano al derby”. Il derby, a questo punto, lo dovevi vincere. E invece non lo hai giocato. E vogliamo parlare del fatto che sta spremendo Lukaku? Ma Belotti non poteva giocare titolare contro lo Slavia? Perché un ragazzo che sta bene, in forza, deve essere lasciato a marcire in panchina? Il suo pupillo, Dybala, non strucia una palla. Paredes non può fare il play, perché non fa girare la palla, non verticalizza, neanche ci prova: sono l’unico ad aver notato che la Roma fa più giropalla con Cristante in regia? Bryan è un calciatore che aiuta i compagni di squadra, perché si fa “vedere” da chi ha la palla, e la gioca: cosa che non fà l’argentino. Questo è un dato di fatto.
      Basta con i “cocchi di Mou”.

      Morale della favola: giovedi pensavano al derby, e probabilmente hai perso il primo posto. Quindi dovrai fare i play off. E il derby non lo hai vinto. Cosa ti resta in mano? Un beato c@##0

  2. orami nn ci sono più le condizioni per far rimanere Mou… ha avallato l’arrivo di paredes che ha peggiorato enormemente il ns centrocampo lento irritante e sempre pronto a farsi espellere, continua con una difesa a tre con 3 difensori contati e senza 5° di spessore e più adatti ad una difesa a 4. privo di schemi validi, mai un cambio di campo, mai verticalizzazioni, tutto lasciato in mano ai giocatori in fase offensiva…spero che Conte sia disponibile. ieri

    • Se c’era conte se ne era già andato a inizio calciomercato. Basta che non gli prendono un calciatore di quelli richiesti che si dimette. E con l’accoppiata pinto-Friedkin non gliene arriva neanche uno di calciatore richiesto. Inoltre non è una garanzia di vittorie come lo è Mou che anche qui comunque, con tutte le difficoltà, ha vinto. Perché conte dovrebbe fare meglio di Mou con queste campagne acquisti? Quando mai ha dimostrato di essere meglio di lui?

    • Lukaku tocca 3 palloni a partita per altro ingiocabili, Ndicka ne tocca 100…questo è il grande allenatore che abbiamo.

  3. Chi conosce bene la vita sa che quasi in ogni cosa ci sono i lati positivi e quelli negativi. Nel risultato del derby, ad esempio, di positivo per la Roma c’è il non aver perso (nella stracittadina vale sempre il principio: “primo, non perdere”) e il fatto di aver recuperato un punticino al Napoli e al Milan (avversarie per un posto in Champions League). I lati negativi li ha descritti bene Andrea Fiorini nel suo articolo, quindi è inutile ripeterli.
    Vediamo di sfruttare bene queste due settimane di pausa, e a gennaio proviamo a prendere – se si può – qualche giocatore che possa veramente rinforzare la nostra squadra.

  4. L’ho trovato di una tristezza infinita , a cosa servono Dybala e Lukaku se non provi nemmeno a vincere dopo due anni che non lo fai e vieni da una fiyura di m… in Europa ?

  5. Il calcio è un gioco semplice: bisogna cercare di mettere la palla nella porta avversaria. Noi lo abbiamo trasformato in altro: interrompere il gioco altrui, perdere tempo, allontanare la palla dalla propria porta. Fine. Spettacolo indecente

  6. Alla ripresa del campionato Mourinho dovrà guardare un pò meno ai nomi gloriosi di certi giocatori e un pò più a quelli che garantiscono corsa e rendimento. Certamente non c’è da scialare,perchè i giocatori quelli sono e quelli rimangono. Nondimeno rimango dell’idea che ieri El Sharawi,Zalewski e Azmoun avrebbero meritato ben altra considerazione,se si vogliono vincere le partite. All’opposto Dybala ,Karsdorp e Spinazzola sono rimasti in campo fin troppo.
    Per quanto riguarda Paredes,rimane per un mistero la sua costante convocazione nella nazionale argentina. Adesso che rientra Pellegrini (finalmente!) ,il suo posto è in panchina ,come alternativa per Cristante,ma tutti e due insieme questi giocatori non possono coesistere, pena ipnosi di tutto lo stadio.

    • rimango pero’ dell’idea che serva comprare un centrocampista di qualita’ e che lotti in campo ..
      e un buon centrale difensivo ..

    • Carissimo Zenone, dei tre esclusi che hai citato solo uno può considerarsi ancora una alternativa non pienamente sperimentata, Azmoun, in quanto sia il Faraone che Zalewski quando sono stati chiamati a dare prova di sé, hanno dato risposte non sempre convincenti. Certamente avrai notato un calo di prestazioni da parte di Dybala che per pudore rispetto a certe meraviglie fatteci vedere, non viene menzionato come un problema tattico. Tuttavia quando si parla di qualità mancante noi che vediamo calcio non per vituperare, sappiamo, quanto Lorenzo Pellegrini manca alla Roma.
      Ciao
      Forza Roma

    • @Prohaska, continuo e continuerò a dire che per Zalewski non abbiamo ancora visto le sue vere potenzialità.
      Il ragazzo da il meglio di se quando non deve solo difendere. Ma purtroppo viene utilizzato sempre in difesa.
      Con l’Inter ha dovuto solo difendere perchè la partita era stata preparata così, ed è successo quello che è successo.

    • Scusa RomaFutura, ma quando questo ragazzo è sullo spigolo dell’area avversaria è un attaccante?o serve che dall’inizio sappia che è un attaccante? No perché quando è in quella posizione prende quasi sempre una decisione sbagliata o peggio ancora, sbaglia o il tiro o il cross. Poi, crescendo può migliorare, speriamolo, sebbene ci credo poco.
      Un saluto
      Forza Roma

  7. l’analisi tecnica è semplice e chiara. Il calcio moderno è basato per il 70% sull’intensità e sulla velocità. Ne deriva che devi avere atleti nel pieno delle loro condizioni atletiche.
    la Roma ha Dybala sanches pellegrini Spinazzola e Smalling che sono giocatori atleticamente finiti. Cinque titolari su dieci di movimento sono giocatori finiti. A quel punto o hai la tecnica di Totti che anche da fermo sapeva giocare e tenere la palla o altrimenti non sai cosa fare e butti la palla all’indietro o la spazzi via come appunto succede da noi.
    Per questo spero che a giugno sia fatta una rivoluzione radicale .
    Poi se significa rimanere fuori dalle coppe per un anno pazienza, tanto il ranking non serve a niente siamo nelle top ten e manco al mondiale ci fanno andare ne serve a qualificarsi di diritto a meno che non hai i punti del City.

    • Era pura utopia ,come folleggiavano taluni Abbocconi aziendalisti,che il punteggio del ranking fatto con vittorie in Conference o Europa Lik , spalancasse le porte del Mondiale per Club a spese di squadre che fanno la Champions ogni anno.
      😮😮😮

  8. Abbiamo perso una grande occasione ma sono un tifoso ottimista incallito: era una partita diretta “fuori casa”; la prossima ci sono atalanta-napule, bilan-fiore (giuve-inda).

  9. Il giorno dopo a mente fredda, smaltita la delusione per l’occasione persa, a Mourinho non rimprovero l’atteggiamento attendista e poco determinato alla vittoria.
    Avevamo due giorni di riposo in meno delle quaglie ed in campo, dopo i primi 20 minuti in cui siamo riusciti a pressare alto ed a metterli in difficoltà, si è visto.
    Quello che gli rimprovero è la mancanza di coraggio nei cambi e le gerarchie troppo rigide in rosa.
    Ieri Dybala proprio non ne aveva.
    Ora speriamo che dopo la pausa per le nazionali si presenti con una forma migliore, ma considerato che è stato convocato da Scaloni e quindi avrà poco tempo x recuperare la condizione migliore ne dubito.
    Ieri comunque non aveva la condizione per giocare dall’inizio, al massimo che l’aveva per l’ultima mezz’ora, quando anche gli avversari allentano la veemenza difensiva.
    Il reparto offensivo è l’unico nel quale abbiamo valide alternative ed un Azmoun sul pezzo ci avrebbe aiutato molto di più dell’argentino in queste condizioni.
    Capisco l’insistenza su Lukaku, uno che fa reparto da solo ed che anche se è in giornata no può sempre aiutarti a far salire la squadra ed ovviare agli assedi avversari, ma quella su Dybala mi sembra più figlia di un accordo preventivo sul rispetto delle gerarchie che non dell’idea “prima o poi tira fuori qualcosa di buono”.

    • Io onestamente non so come si faccia ancora a difenderlo. Una settimana a lamentarsi dei pochi giorni di recupero, poi non fai turnover in coppa e giochi praticamente il derby intero senza cambi.

  10. leggo già tanti tifosi che cominciano a storce il naso su Lukaku, beh essere centravanti con questo non-gioco è un mestiere infame .

  11. La Roma ha un attacco micidiale con Lukaku, Dybala, Azmoun e Belotti ma non arriva quasi mai a tirare in porta. Con Spalletti li avremmo presi a pallonate. E poi avallare l’acquisto di Paredes, schierandolo accanto a Cristante e’ pura follia…il centrocampo piu’ lento del mondo.

  12. buongiorno a tutti, con quella di ieri ho chiuso. partite non ne seguirò più nemmeno una. quando ci sarà una squadra all altezza le rivedrò. la Roma guai a chi me la tocca. però farmi prendere per il cu.. da sta gente no proprio no. perché i sacrifici che faccio per sta cosa qua li so io. per me n abbonamento costa, le incazzature per sti cog….. mica me le devo per forza prendere, quindi grazie a tutti voi con i quali ho condiviso l amore pe sta squadra ma da oggi per me è finita proprio. alla prox buon proseguimento.

    • tifoso d’acqua dorce.
      quanno le cose vanno bene, tutti romanisti.
      quanno Nun vanno, S’ARIVEDEMO QUANNO VANNO BENE.

      facile così.
      tifa Juve, damme retta.
      così nun perdi mai.

  13. ieri sera pensavo al povero Fonseca, disintegrato (da me compreso) per aver preso 6 gol a Manchester, partita in cui ci siamo presentati con Mirante, Bruno Peres, diawara, Villar, veretout, santon, Dzeko che non segnava dal 15/18 e compagnia bella +3 infortuni nel primo tempo. 2 anni e mezzo dopo la mia percezione sul nostro ex allenatore è cambiata molto, anzi mi sento di dovergli chiedere scusa, almeno lui a differenza del pupazzo che abbiamo in panchina adesso provava a vincerle le partite, pur con i suoi limiti.

    • Però non ha vinto nulla con la Roma mentre Mou si. Scusa lo dovrebbe chiedere Fonseca a noi che ci ha fatto eliminare dalla coppa Italia perdendo 2 volte nella stessa partita contro lo Spezia. Abbiamo perso in campo e a tavolino per numero di sostituzioni superiori rispetto a quelle consentite. E il calcio di fonseca non mi ha divertito perché perdevamo è non vincevamo mai nulla. In 2 anni con Mou 2 finali, di cui una vinta e una rubata. Con fonseca 0 titoli. E dopo la Roma cosa ha vinto fonseca? E dove allena questo straordinario tecnico?

    • a pierluigi tifoso della mediocrità, te ricordano niente il nome Spezia, i 5 gol presi in un tempo dopo essere stato 2-1 all’old Trafford alla fine del primo tempo, le 6 sostituzioni con Verona e Spezia. il 3-3 in casa contro il Genoa, il 4-2 preso a Sassuolo..

    • caro San Jose
      supertifoso e superesperto
      non ho mai difeso Fonseca anzi
      Ricordavo solo che anche con la cremonese ci sono rimasto male

      Ogni anno il campionato ricomincia da zero
      ma comunque io tifoso della mediocrita’ oggi mi trovo a mio agio ,perche’ non vedo oggi niente piu’ che cose mediocri a 7,5 mln l’anno

  14. Sarebbe stato veramente pesante, dopo la sconfitta di giovedì contro lo Slavia Praga, perdere anche il derby, quindi accontentiamoci di questo risultato, anche se come detto è un pareggino miserello e soprattutto con un gioco molto noioso nonostante in campo avessimo Paredes, Dybala e Lukaku.
    Del gioco di Mourinho si è detto tutto oramai inutile ripetersi, certo più che il pareggio di ieri è la sconfitta per 0-2 di coppa ad aver stravolto i piani molto comodi che si erano configurati finora, da qui alla befana dovremo giocare contro Fiorentina, Napoli, Juventus e Atalanta e guadagnarci la qualificazione e se possibile il primo posto in Europa per evitare gli ulteriori confronti con le squadre che scendono dalla Champions.
    Insomma ad un campionato iniziato negativamente si è aggiunta ora anche la preoccupazione per la coppa.
    Per fortuna davanti a noi, a parte Juve ed Inter le altre non corrono e quindi il distacco dalla zona Champions è ancora minimo.
    Il pareggio di ieri però mi ha lasciato un pò di sfiducia, se c’era una partita dove serviva lo scatto di qualità e di mentalità era proprio il derby contro una lazio tutt’altro che irresistibile.
    Che dire, aspettiamo ancora fino alla fine del girone di ritorno per trarre un bilancio più chiaro, finora siamo ancora in ballo in tutte e tre le competizioni ma è chiaro che se vogliamo andare avanti non possiamo continuare a giocare così.

  15. Un pareggio tra perdenti, tra due allenatori anziani che hanno fatto il loro tempo, tra giocatori di terza/quarta fascia improponibili altrove, tra due presidenze anonime, prive di programmazione, mediocremente improvvisate…
    La città di Roma calcistica sta sprofondando sotto i nostri occhi e ieri pomeriggio ne abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione…..

    • esatto, se avessero fatto un onesto mercato, che visto le plusvalenze fatte era ampiamente fattibile la Roma per come si è messo quest’anno il campionato, col Napoli che stecca, poteva entrare tranquillamente tra le prime quattro.

    • Tanto arrivano i pretoriani aziendali a martellarti gli zebedei coi loro “compratela te la Roma no?” e “ce sta er ferpleiiiiiiii”. Poi questi se ne tornano in Texas e gli avvocati delle cause perse spariscono…film già visto col bostoniano. D’altronde chissà, se sognare è gratis, fare i ruffiani a stelle e strisce sarà a pago?

    • @san josè mourinho un mio benevolo consiglio cambia nickname, usane uno legato al tifo, ai colori, alla gente romanista. Quelli là non mi replicano più, visto che auspico e sogno l’arrivo dei sauditi o dei qatarioti. Chi non lo spera non ama la Roma, ma proprio no!

    • @CUCS se cambio nome poi pare che ne vojo nasconde e invece no, io non ho da nascondermi. Il nick me lo so scelto perché Mourinho me rappresenta l’ambizione per i risultati e perché spesso è l’unico che ce mette la faccia davanti ai torti subiti. Comunque se un domani venissero Ancelotti o Klopp lì non avrei niente da lamentamme. Anzi me starebbe bene pure Allegri. I maggiordomi da rometta invece li lascio ai rifarditi e ai pigiamati infiltrati

  16. Tutto giusto, ma non dimentichiamo però i 2 gg in meno di riposo e i 2 in generale. In fondo a Praga avevano giocato (male) tutti e, non c’è niente da fare, il minor riposo lo paghi in brillantezza soprattutto nel calcio moderno. Per quello credo nel secondo tempo abbia prevalso la paura.
    Io continuo a non essere un fan di Mou dal punto di vista del gioco e delle sue continue provocazioni, ma noi tifosi per scarsa conoscenza continuiamo a trascurare aspetti che invece trascurabili non sono

  17. Ci son tanti modi di pareggiare i derby. Ci sono i 2-2 con doppietta di Totti quarantenne che esci fuori dallo stadio euforico e a petto in fuori. Poi ci sono i “pareggini” dove non tiri mai una volta in porta in 90 minuti pur avendo un centravanti top player.

    • la realtà delle cose è che siamo settimi e con all’orizzonte 8 partite, una più difficile dell’altra. Contento te

    • lucio l’unico discorso reale è che ieri in un modo o nell’altro una palla dovevi buttarla dentro visto che a parte juve e inter tutte quelle che ci sono sopra hanno perso punti. Sono queste giornate che fanno la differenza a fine anno

  18. Io sono senza parole, come fate a stare ancora con Mourinho, sta bruciando i giocatori, Aouar e dybala su tutti, chi non se ne accorge ha i prosciutti davanti e non mi venite a dire La Rosa non è all’altezza, perché la Roma vanta di una rosa che con un altro allenatore esprimerebbe un altra entità di gioco. Ancora non capisce che si gioca palla a terra non possiamo vivere sempre con la speranza che un giocatore avversario faccia una cappellata o una disattenzione e noi andiamo a segnare, palla a terra e creare occasioni, anche Lukaku è disorientato, talmente che lo è quando gli arriva un pallone sta talmente freddo che sbaglia anche uno stop o una semplice sponda, per il bene della Roma facciamo dimettere Mourinho.

    • Così usciamo dalle coppe e arriviamo quindicesimi. Però almeno giocheremo bene. Quale allenatore bravo vorrebbe allenare una rosa così? E chi sarebbe capace di rendere sani giocatori perennemente infortunati e bravi giocatori scarsi? Prendere uno al livello di pinto come allenatore sarebbe la nostra rovina. Basta i pinto in società e le presidenze che si affidano a questi incompetenti. Abbiamo bisogno di persone del livello di Mou in tutti i ruoli della società soprattutto come ds/gm e come presidente.

  19. VOI PARLATE DI SINGOLI, io parlo di MENTALITA.

    Rui patricio che dice:”abbiamo fatto di tutto per vincere”, idem mou…

    All’arrivo del portoghese io pensavo che ci potesse essere una crescita, un passo in avanti che vedeva la roma non essere mai soddisfatta di certe partite, di vedere il derby come una partita normale, proprio il passo che si era fatto ai tempi di pallotta, invece sento che siamo tornati indietro di 12 anni.

    Hai giocato il derby con la paura di vincerla, con la paura di perderla e cosa è uscito fuori?

    ZERO e ripeto, ZERO TIRI IN PORTA.

    Il pareggio non serviva ma come dice mou:”meglio pareggiare che perdere”…

    Ecco il coraggio che infonde ai giocatori.

    Parliamo di paredes che gioca nel deserto di movimenti che è la roma, di dybala che vede intorno a se mebe e lukaku che poveraccio ha una faccia che è tutto un programma.

    Secondo voi questi giocatori che hanno giocato con i migliori al mondo sono felici di GIOCARE COME MOU COMANDA?

    NON TIRARE IN PORTA, vuol dire non provarci, inutile prenderci in giro.

    Siamo in una situazione dove ogni giocatore e ripeto, OGNI GIOCATORE, pensa prima a difendere e a non rischiare che attaccare, che tradotto, penso prima a non perderla e se poi capita si vince.

    Tahirovic lo disse e lo ripeto: nella roma si pensa prima difendere, stop.

    Dybala, lukaku, paredes, aouar pellegrini, sanches e via discorrendo, come possono rendere in un sistema del genere?

    La prima roma di mou era sicuramente migliore di questa: abraham, zaniolo pellegrini non era meglio di lukaku, dybala e amici cantanti?

    VOI SIETE FELICI di essere presi in giro ogni conferenza stampa? ogni intervista?

    I tifosi della roma sono come i primi elettori 5 stelle, dove bastava dirgli due cose che volevano farsi sentire per essere felici, ma la realtà, ahime è un altra, cioè che vi siete fatti intortare da un cantastorie come mou che ha riportato in auge la rometta per mentalità e populismo.

    Con mou fino all’inferno? BEATI VOI.

    Io con il derby ho avuto la certezza della sua furbizia e mediocrità.

    • Tra le (ormai) decine di interviste discutibili in questi 3 anni, che gli abboniamo perché conosciamo il personaggio, quella del “pareggino” per me è la più incredibile e sorprendente.

      Solo tre giorni prima parlava di “la partita della vita è sempre la prossima”, “questa è la differenza di mentalità tra chi vince e chi no”, “io posso capire Roma meglio di chi è nato a Trigoria”, ecc. ecc. poi domenica sera sentiamo parlare di “pareggino positivo nel derby”.

      Dopo aver ascoltato queste parole rimane un unico dubbio: ci crede davvero a quello che dice, o come dici tu è l’ennesima presa in giro ?

  20. La mia sen sazione è che ogni anno il berby lo vince la squadra peggiore. Cioè quella che non avendo altri stimoli e obbiettivi da raggiungere si gioca il tutto e per tutto. Se è vero meglio un pareggio. Parlo da non romano. Tutto sommato gli obiettivi della Roma sono ben altra cosa che vincere una partitina da 3 punti con una squadra di media classifica che gioca con il sangue agli occhi e ti infortuna mezza squadra per dimostrare che non ce l’ha più piccolo. Onestaente la Roma di Mou due anni, due finali europee. Una vinta e una rubata. Non mi faccio meraviglia. Non è la prima volta che la roma è depredata. Ma dal punto di vista tecnico la roma doveva vincerla la coppa l’anno scorso e il merito c’è. Della Lazio mi frega quanto del Frosisone anche se sono consapevole che il mio giudizio non può essere condiviso da un romano romanista.

  21. Come scritto nell’altro articolo a me ieri la Roma, rispetto a moltre altre partite, non è dispiaciuta ma sono ancora tanti i nostri limiti, e ci sono da tre anni.
    Assenza gioco, poca solidità, ripartenze sterili, modulo insensato.
    Per fare un’azione ci impiegamo 5 minuti, gli avversari (e non solo gli sbiaditi) con un paio di passaggi sono nella nostra aerea.
    Nemmeno quando siamo in superiorità numerica riusciamo a creare qualcosa. Non c’è gioco corale perché se dietro non restano in 5-6 subiamo gol e questo perché il 5 3 2 è un modulo stupido e Lukaku non riusciamo a sfruttarlo.
    Poi a centrocampo ci manca uno che sappia dettare i tempi, faccia incursione, un giocatore dinamico e Paredes è troppo lento.
    Sulle fasce abbiamo solo Spinazzola seppure con qualche limite lo reputo comunque tra i migliori che abbiamo in rosa.

  22. Ogni gara spero sempre che miracolosamente la Roma inizi a fare un gioco propositivo collezionando occasioni da rete.
    Ed ogni gara mi rimane il sospetto che questa rosa potrebbe fare di più.
    Ma se si gioca sempre col solito modulo e sempre nella medesima maniera è difficile che si possa intravedere qualcosa di nuovo anche perché gli interpreti sono sempre gli stessi.
    Ormai non mi aspetto più novità tattiche da questo tecnico.
    La perseveranza con cui dispone la difesa a 3 anche quando non ha interpreti per schierarla mi fa capire che questa squadra potrà fare un’upgrade solo se migliorasse la tenuta fisica della rosa e se recuperassimo qualche infortunato.

  23. Condivido con molti che un centrocampo Paredes Cristante non sia presentabile
    A parte il non gioco di Mourinho a cui oramai sono rassegnato e a cui anche Lukaku si sta rassegnando
    io volevo esaminare la partenza dal basso che sembra stia diventando sempre piu’ difficoltosa
    Quello che vedo io e’ che nessuno dei centrocampisti si smarca per ricevere la palla , sembra che tutti si nascondano sembra che nessuno si voglia assumere quella responsabilita’ che si assumevano Michi e poi Matic di portare avanti la palla
    Il gioco si strozza cosi sulle fasce dove c’e’ gente che sembra non essere allenata a fare un cross

    • Miky e Matic, nun è n’caso che hai nominato du’ grandi giocatori. Quelli che mancano dentro a sta squadra…

    • quei due che hai nominato pretendevano di giocare a calcio,cosa non possibile con l’attuale allenatore,per questo e altri motivi vedi liti hanno preferito andare via.I nuovi arrivi le prime partite fanno un figurone poi con questo gioco o perche non li fa entrare in campo scompaiono,non mi meraviglierei se Lukako facesse la stessa fine.

  24. Molti giocatori ma non tutti, hanno iniziato a riposarsi da Praga fino a ieri, molti con il freno a mano tirato, ognuno per i suoi motivi e qualcuno per le nazionali. Se andate a rivedere la partita di Dybala contro il lecce, sembrava un furetto, era dappertutto ed ha calciato in porta, tranne il rigore. Ora pensate alla partita di Dybala ieri, dove non ha brillato e pur avendo l’occasione non ha calciato in porta. Gioco inesistente, schemi inesistenti, ma professionalità ed attaccamento sotto lo zero. Ma ieri non era meglio Aouar o addirittura Pagano invece di SdeRenato Sanches? con voglia, cattiveria ed un minimo di gioco la portavi a casa la partita. Su Mou non mi esprimo, nonostante i cambi tardivi e senza senso, secondo me qualche giocatore è più colpevole di lui.

  25. Squadra senza coraggio di affondare contro una squadretta di sbiaditi burini e mosci come non mai. Per vincere bisogna tirare in porta no fare 8000 passaggi all’indietro. Cavolo tocca più palloni Rui Patricio che Lukaku e Dybala.

  26. ieri sveglia alle 6 (per poi partire dopo le 10 perche’ la suocera voleva fare con Molto comodo ..) .. ho guidato per piu’ di 7 ore , dalla Sithonia in Bulgaria, proprio per vedere la partita della Roma .. in Gr ho messo la parabola ed i cavi sono collegati ed ho gia’ comprato la scheda tv proprio per poter vedere le partite della Roma .. ma ancora non ho comprato il televisore e chissa’ quando potro’ comprarlo ..
    ma il viaggio di ritorno si e’ rivelato difficilissimo .. la suocera ha parlato per piu’ di 7 ore consecutive e lo stress, per me, e’ stato davvero serio ..
    seduto sul divano alle ore 18 , anche se davvero stanco, vedo un match per me interessante dove mi sembra evidente come Dybala e Lukaku non siano in forma, dove a centrocampo servirebbe, in piu’, un quarto ma davvero forte e non una presenza .. e in difesa manchi un difensore centrale in grado di prendere il posto di Smalling .. Karsdorp tira, ma non e’ Di Marco .. Spina niente male ma non ficca .. bene Rui P. e Bove e Cristante ma ci manca comunque gente di qualita’ e fisicamente sana .. poi stanchezza e stress la fanno da padroni e dormo sul divano fino a mezzanotte con in sottofondo il chiacchiericcio della suocera ..
    una vera brutta domenica ..
    1 punto is better than nothing ..
    daje Roma ..non so chi ce po’ sarva’ dal settimo posto .. in Pinto non ce credo piu’ ..
    fine.

  27. ve la prendete con Mou,ma a conti fatti qual’è il vero problema principale fra tanti?..vogliamo fare una classifica?..non è facile xchè ormai i problemi si sono attorcigliati fra loro..quelle poche volte che ho visto giocare bene la squadra..era quando fisicamente e atleticamente la squadra tirava..pressava scambiava..quindi il primo problema per me è la carenza atletica dei calciatori..troppi infortuni,troppe lacune ..e qui si innesta il mercato fatto x lo più con giocatori fragili,consunti o poco professionali,quindi il mister piò fare poco..,se poi il mister fà anche un gioco stantio e ripetitivo,beh..facciamo pace..inoltre nn c’è nessuno che sa fare un’assist tranne Dybala quando gira,e quest’anno gira poco..per cui è inutile puntare il dito su un singolo problema quando la matassa è cosi complicats..poi c’è un’altro aspetto che io ho “denunciato” ma pochi qui hanno recepito..la Roma è invisa..tant’è che c’è chi vorrebbe scavarle la fossa..la questione è complessa e delicata..ed è un paradosso,infatti per voi babbani è mai possibile che qualcuno voglia con ogni mezzo fare cio?..

  28. c’e’ un unico modo per farsi rispettare : vincere
    Perdere e lamentarsi non aiuta davvero

    Il problema e’ Mou
    Io non ho idea di chi possa sostituirlo
    Ma con lui non diventeremo mai veramente grandi
    Forse ha bisogno di grandi giocatori ( e in questo momento non possiamo darglieli) forse invece e’ oramai superato
    Di certo sembra non vedere
    Hai una difesa scadente ed un attacco tra i piu’ importanti della serie A
    E imposti sempre la partita in difesa col lancio lungo in avanti sperando che Lukaku la prenda
    non mi dirai che e’ facile capire

    Giochi con le piccole con tre difensori fissi
    e sempre lancio lungo sperando che Lukaku la prenda
    non mi dirai che e’ facile capire

    Tre anni e i cross dall’ala si contano sulle dita delle mani
    Paredes–Cristante la coppia piu’ lenta d’Europa
    ……..
    e si puo’ proseguire all’infinito con buona pace di noi tifosi

  29. La Roma ha solo Lukaku in più ma è più debole dello scorso anno, la gente non lo capisce.

    Non hai Smalling, Ndicka al momento spiace dirlo ma è peggio di Ibanez.

    Hai perso la personalità, la fisicità, l’agonismo di Matic e hai avuto la demenza di prendere due calciatori completamente sbagliati.

    Paredes è lento, non fa a sportellate e non ha i tempi di gioco malgrado si suppone faccia il regista, la tiene sempre due controlli in più del dovuto permettendo agli avversari di riposizionarsi. Renato Sanches non pervenuto e lo sapevi da agosto. 4.5 milioni netti di stipendio l’uno per tre anni, 4 il secondo per l’anno di prestito.

    Gente come Bensebaini, Grimaldo in scadenza a zero in estate…hai preferito rimanere fermo con Spinazzola che ha il contratto che gli termina nel 2024 (si poteva far smuovere qualcosa). Sempre nell’illusione chimerica “se torna quello dell’Europeo”…Spinazzola ha 30 anni ed è stato più tempo questo nella carriera sua che “quello dell’Europeo”…non è il caso di farsi due domande?

    I prestiti di Llorente e Kristensen sono l’emblema, il vessillo della totale mancanza di programmazione. Sul primo, potevi anche supporre che uno Smalling 34 enne poteva non giocarle tutte, di conseguenza se prestito doveva essere, potevi scegliere un prestito di un calciatore più dominante per fare il centro dei tre dietro. Llorente col bene che gli si può volere è esile muscolarmente e non proprio un leader di reparto.

    Sul secondo: avevi Celik e Karsdorp a destra e Spinazzola (con i soliti problemi) e Zalewski semi adattato a sinistra. Non era il caso di prendere un terzino/quinto VERO a sinistra, piuttosto che prenderne uno COMPLETAMENTE INUTILE come terzo a destra?

    La Roma è una costruzione che non ha un senso, un criterio, una logicità.
    Su Mourinho per adesso glisso, se ne parlerà in primavera. Ma Tiago Pinto VA CACCIATO SUBITO. Il prossimo mercato va consegnato nelle mani di un Ds capace, preferibilmente italiano e che non puoi prendere a giugno.

    MA ORA!

  30. La ” paura” caro Fiorini, ma più che altro cè il rammarico di non aver osato.

    Ne sa qualcosa Eusebio di Francesco ( si proprio lui,quello bistrattato) capace di osare in quel di San Siro contro l’armata nerazzurra,battuto solo da un eurocxlo, pardon gol del di marco e da un rigore che definire ignobile è fargli un complimento.

    I ragazzi del buon Eusebio( perfetti sconosciuti) escono a testa altissima da San Siro sfiorando il colpaccio dopo che il palo e diverse occasioni sotto porta gli hanno negato il gol , tanto che simoncino a fine gara benedirà il portiere sommer e non solo …

    Osa anche il Lecce,se non fosse che un infame ,comodamente seduto davanti ad un monitor,nega una vittoria ai salentini per un assurdo “pestone”,manco fosse stato abbattuto da un Kalashnikov!

  31. in tanti dicono che in campo ci vanno i giocatori, ma l’attitudine che hanno quando giocano non è altro che il riflesso della volontà/tattica dell’allenatore..

  32. ancora gli antimouriniani che sparano a zero co sti c@zz.. de pollici. ma se invece di karsdorp ci fosse stato (senza voler pretendere la luna) Cuadrado lì sulla destra magari una volta la porta la prendeva, se invece di paredes a centrocampo ci fosse stato Matic o xhaka che fan girare palla che differenze avremmo visto.. se invece di far giocare tutta la partita a spina ci fosse stato un esterno sinistro “vero” da mettere all’intervallo.. ecc ecc ecc magari avremmo ottenuto qualcos’altro no?!?!? e qua che c’entra mou??? è pinto e il portafoglio che gli hanno messo a disposizione i proprietari della Roma il vero problema! chi non lo capisce ormai poveretto non c’è niente da fare! ci sono 3 esterni destri naturali e 2 esterni sinistri (uno mezzo rotto e l’altro che veniva da un periodo con la febbre..) ma si può sapere che può farci il tecnico????

    • trovare qualche soluzione tattica per esempio. invece di guardare la partita ,e non sempre dalla panchina oltretutto

  33. questa partita caricata da giornalisti e tifosi e piena di provincialismo…chi perde è destinato a morire!!! su questa base ridicola non sarà mai una partita bella e ben giocata a meno che non si sblocchi subito il risultato. 2 squadre con evidenti limiti tecnici ma non credo siano peggio del Sassuolo che ha vinto BENE a Milano contro l Inter e che con tale DIONISI gioca a calcio.
    per il resto….1 tempo con qualche sussulto…..2 tempo …da Serie D…..na cosa patetica….

    • e quanti punti totali ha il Sassuolo in classifica coi suoi giocatori da 40 milioni l’uno? ma falla finita

  34. fossi un giornalista farei due domande a Mourinho:
    la prima fino a quando il suo egocentrismo ed il suo narcisismo patologico da social imporrà a noi tifosi di continuare ad assistere a questo scempio calcistico ed a questo non calcio? del resto se non crei e non tiri mai in porta, puoi avere anche Mbappe che non vinci giocando così o meglio non giocando. La seconda domanda è, secondo lei il presidente è contento di dare 5 milioni circa a Paredes che ha voluto lei e continuare ad assistere a delle comparse in campo o poco altro da un calciatore così pagato? ecco cosa gli chiederei….ma tanto rispondera’ che è colpa del calendario, della sosta, degli arbitri, della federazione, di Pinto e chi più ne ha più ne metta. Vorrei ricordare a questa calamità portoghese che la fiorentina ha giocato di lunedì e giovedì ha vinto in coppa, lui non solo non fa giocare la squadra, ma gioca di domenica, prende due pere dal Praga e parla pure!!! Dimettiti se hai gli attributi che dici di avere….buffone.

    • C’ha i titoli e tanti! La fiorentina va in finale di conference e perde, mentre la Roma va in finale di conference e vince. Tu che vorresti fare il giornalista e giochi a fare l’allenatore senza essere nessuno dei due va a tifare per la perdente fiorentina così non vedi alzare neanche la coppa della conference! L’unica calamità portoghese è pinto!

  35. La Roma é l’unica squadra al mondo a non battere, mai, una punizione dal limite. non crea mai occasione per procurarsene almeno una. siamo da sesto posto. secondo me la C.L. resta solo una mera utopia. e poi entrare in Champions con questa rosa ? mmm

  36. Ma poi, se c’è proprio uno che non dovrebbe aver paura di un derby affrontando una squadra ancora più impaurita ed inferiore è proprio il top allenatore tra i più vincenti della storia, allenatori che hanno vinto come Mourinho o comunque tanti trofei, si fomentano in queste partite per andarle a vincere e basta. Per Mourinho sembra che questa cosa vale solo se si siede sulle panchine dell’inda con 40 giocatori top, del Real Madrid, del Barcellona, del Manchester United e del Chelsea perché tanto a fare il gioco da soli ci pensano i giocatori, invece se il gioco deve darlo lui perché non si tratta di uno squadrone del genere, allora le cose cambiano perché è incapace di dare un gioco alle squadre, quindi la prestazione che esce fuori della squadra è questo squallore, giocatori normali che così sembrano pure più pippe ar sugo di quello che sono o che invece tanto scarsi non sono.
    Se avessimo un gioco e degli schemi, 3 occasioni di tiro in porta sbagliate da dentro l’area non capiterebbero su un terzino coi piedi quadrati come Karsdorp ma capiterebbero sui piedi di Dybala o Bove perrché cambierebbero anche le posizioni, viceversa si possono far fare quelle cose ad un terzino se stiamo parlando di Cafu, Roberto Carlos, Maicon e mettiamoci pure Di Marco.
    Ai pigiamati si spotevano fare ed andavano fatti 2 pallini, ma per Mourinho è troppo complicato, poi, oltretutto incrociando prima del derby lo scaccolatore, già gli aveva detto che nessuno avrebbe riso e nessuno avrebbe pianto, aveva praticamente ipotizzato un pareggio così. Un top allenatore se ragiona in questo modo non serve a niente, costa solo troppo e basta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome