Rongoni: “Aouar ha un potenziale enorme, con De Rossi può fare cose magnifiche. Vedrete il vero Houssem la prossima stagione”

10
308

AS ROMA NEWS – Ha lasciato il Napoli in silenzio e dopo pochi mesi si è rimesso in gioco per andare oltre e mettersi alle spalle un esonero difficile da digerire. Paolo Rongoni ha scelto per la prima volta di lavorare in una nazionale, l’Algeria, senza l’amico Rudi Garcia ma con Petkovic che ha conosciuto nel biennio alla Lazio, prima di passare alla Roma. Queste le sue parole alla Gazzetta dello Sport su Houssem Aouar:

In nazionale ha ritrovato Aouar che lei conosceva già dai tempi del Lione.
“Ho trovato un ragazzo maturato da quando l’ho lasciato nel club francese. Sta ritrovando la forma migliore. Nel suo ultimo anno al Lione ha sofferto tanto, probabilmente perché era in scadenza e giocava poco. È davvero entusiasta della Roma e di De Rossi. Abbiamo parlato un po’ di Daniele e mi ha detto essere è contento di aver trovato un allenatore che sposa una tattica che valorizza le sue caratteristiche. È un giocatore che ha del potenziale enorme. Ha giocato bene qui in nazionale anche se non era al meglio, e in campo fa davvero la differenza”.

Lunedì giocherà la sua terza partita consecutiva.
“E ne sono felice perché le sue qualità sono indiscusse, davvero. La posizione evidentemente in cui giocava prima non lo mettevano nelle migliori condizioni. Ma è una ipotesi perché ho visto poco Roma, ero molto impegnato nella prima parte di stagione (ride, ndr). Sicuramente adesso è in crescita perché sta ritrovando la forma migliore dopo un anno, quello al Lione, in cui ha giocato molto poco. Aouar è un giocatore intelligente, quando capisce quello che deve fare può partire spedito e continuare a crescere”.

Vi siete parlati a lungo nel ritiro in nazionale?
“Sono stato molto chiaro con lui facendogli i complimenti. È cresciuto tanto mentalmente. lo l’ho lasciato che era un ragazzino e lo ho ritrovato uomo, ma soprattutto un atleta serio. Non abbiamo bisogno di chiamarlo in ritiro, di dirgli quando e come lavorare, degli orari da rispettare… Determinate lezioni su cui ho battuto forte per diverso tempo adesso le ha imparate. Ora va col pilota automatico e questo mi fa piacere”.

La Roma quindi è pronta a scoprire il vero Aouar.
“Ricostruire un ragazzo che non ha giocato quasi per un anno non è facile, sono convinto che adesso andrà soltanto in crescendo. La Roma vedrà il vero Aouar dalla prossima stagione, e sono convinto che se ne innamorerà. E se gestito come sta facendo De Rossi, quindi senza sovraccaricarlo troppo, può fare davvero cose magnifiche”.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteRoma, Pellegrini in vetrina: con 50 milioni può partire
Articolo successivoAcerbi: “Jesus ha frainteso le mie parole, non può darmi del razzista. Accanimento enorme, la mia malattia una passeggiata in confronto a questo”

10 Commenti

    • Il mio commento era più lungo di questo solo “forse”, è venuto tagliato (non dalla redazione, ho visto subito
      solo il “forse” quando si è inserito in attesa…) e vediamo se ricordo cosa avevo scritto… ecco:
      Forse per questo dice che serve un anno, per ricostruire forza, forma e coraggio in un ragazzo che per un anno è stato impiegato pochissimo e “sminuito” da chi c’era prima, e De Rossi con il suo lavoro può farcela. Credo intendesse dire questo, tra le righe, e spero che questo sottintenda anche che DDR possa rimanere, sulla base dei risultati.

  1. Speriamo di vedere all’opera il miglior Aouar messo nelle migliori condizioni per fare la differenza come stava facendo nel precampionato ma anche nelle prime 2 partite di campionato.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome