Rudi Garcia è il nuovo allenatore del Napoli. L’ex Roma: “Motivato e ambizioso come non mai”

56
2697

ALTRE NOTIZIE – Non sarà Galtier, ma Rudi Garcia il prossimo allenatore del Napoli. Il francese ha firmato un contratto biennale da tre milioni annui.

Questa la nota ufficiale del club: “Aurelio De Laurentiis ha il piacere di annunciare che il signor Rudi Garcia sarà il nuovo allenatore del Napoli. A lui il più sincero benvenuto e un grande in bocca al lupo”.

L‘ex allenatore della Roma torna dunque in Italia dopo tre stagioni vissute in giallorosso, nelle quali ottenne due secondi posti, prima di essere esonerato nella terza.

Che piacere sposare il progetto del Napoli. Che piacere tornare in Italia. Sono motivato e ambizioso ora come non mai per continuare a portare in alto i colori dei Campioni d’Italia“, le prime parole di Rudi Garcia da nuovo tecnico dei partenopei.

Articolo precedenteDi Marzio: “Per Scamacca alla Roma serviranno tempi lunghi. Fulham in pole per Kluivert, col Bournemouth si tratta per Vina”
Articolo successivoVolpato e Missori al Sassuolo, la Roma si prepara a fare cassa con i baby. E rischia pure Zalewski

56 Commenti

  1. Ha sempre speso belle parole per la Roma e mi piaceva il suo gioco, quindi non posso che fargli gli auguri per questa nuova avventura, con la precisazione di arrivare in classifica dietro di noi.

    • Secondo me un ottimo allenatore, non di primissima fascia come un Mourinho, ma ti metti in casa uno capace, che può competere per il titolo.
      Ideale per un post Spalletti in quanto sostanzialmente in continuità per tipo di gioco e progetto tecnico, mi pare una scelta intelligente.
      Inoltre è una di quelle persone che fa bene al calcio, energico ma sempre dentro le regole, educato.

    • ok ora dobbiamo capire chi vincerà il prossimo scudetto, escludendo il napoli

    • In bocca al lupo Mister Garcia…purtroppo torni nell’anno in cui lo scudetto sarà di nuovo bianconero, ma sicuramente sarà un piacere veder giocare il tuo Napoli

    • trasformista…
      hai detto benissimo!
      Anche io sono convinto che per scusarsi con i gobbi per aver osato fare la “multona” e per i tanti puntoni di penalità, gli faranno vincere il campionato.
      Appena ci sarà la possibilità, ci gioco 100 euro, sicuro che vinco.

    • Se ho capito bene lo stipendio sarà di 3mln a stagione.
      Quanto prende Mou? Dal mio punto di vista troppi. Non è giustificato.

    • Caro Michele è come andare a comprare le scarpe o un vestito in via Veneto o pure a Porta Portese, paghi la marca, la garanzia, i trofei vinti

  2. Apposto! Che ambizione!!! Ancora mi ricordo il gioco morto di questo allenatore! Bravissima persona e anche simpaticissima ma… Per il resto zero assoluto! Almeno questo è il mio pensiero. Che salto di qualità… Dalla fantasia e il gioco spettacolare del pelatone alla noia tattica! Però, c’ha culo! Quindi, non sarà facile giocarci contro a prescindere…

    • Forse guardavi altre squadre anzichè la Roma, il gioco di Garcia, almeno il primo anno, era tutt’altro che morto!!

    • Mbè, mi sa che hai seguito male la Roma in quegli anni.
      Garcia aveva un gran bel gioco basato sulle ripartenze rapide affidate alla velocità di Gervinho (e Florenzi, che all’poca giocava esterno alto ed era un buon giocatore prima dell’infortunio e del cambio ruolo) e alle invenzioni di Totti, puntellato da una difesa solida ed un centrocampo grintoso.
      Il primo anno fu frenato dagli arbitri dopo la serie delle 10 vittorie consecutive e dagli infortuni, il secondo anno idem a partire da Rocchi Roma 3-2.
      La Roma arrivò seconda in entrambi le stagioni dietro alla rubbe degli arbitri, dei bilanci farlocchi e della stampa compiacente.
      Il pelatone, come lo chiami tu, arrivò dopo Garcia e non prima di Garcia. A meno che non ti riferisci allo Spalletti del periodo 2005-2010, ma in quel caso tra Spalletti e Garcia ci furono di mezzo Ranieri, Momtella, Luis Enrique, Zeman e Andreazzoli.

    • Il primo anno Italia fece 10 vittorie nelle prime 10 di campionato e senza avere uno squadrone.
      Irripetibile

    • forse, svegliandoti all’alba, poi ti addormentavi durante le partite, perchè se quel gioco era morto, ora siamo in putrefazione avanzata…

    • @100 non avevamo uno squadrone? Totti, De Rossi, Pjanic, Strootman, Benatia, Maicon, Castan, Julio Sergio e De Sanctis in porta, Gervinho, Nainggolan (da gennaio), Florenzi (pre infortuni), Taddei, Lamela, più altri giovani di belle speranze tipo Romagnoli. Secondo me la rosa più forte dopo quella di Capello.

    • un gran signore e un allenatore che faceva un ottimo gioco ricordo che anche con lui in panchina gli arbitri c’incartarono partite con la consueta malafede.
      aveva a disposizione una grande squadra
      2 volte seconda qualcuno ha la memoria corta…

  3. Sarò romantico e nostalgico ma Garcia sveglia in me belli ricordi.
    Una Roma targata USA che sognava uno scudetto che faceva grandi acquisti per grandi obiettivi.
    Poi è finita male e sappiamo tutti perché però almeno ai quei tempi c’era ottimismo, avevamo un Capitano.
    Faccio gli auguri a Rudi (sapendo anche che tatticamente ha alcuni limiti che potremmo sfruttare).

  4. Ti ho ammirato per il violino a Rocchi…Poi, giustamente te sei perso co la patacca… e sei andato fori de testa…💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  5. Una brava persona innanzitutto, ed anche un ottimo allenatore. Con la Roma ci fece vedere un gran bel gioco, ricordo che prese la squadra in estate e già a settembre si giocava a memoria un calcio spumeggiante. Poi ovviamente il feeling con la tifoseria svanì anche per lui, forse perchè aveva fatto solo due secondi posti.

  6. Allenatore che da noi era forte ma troppo signore per gli indegni che indossavano la maglia. Ora non lo so, l’Arabia non ti fa certo maturare più di tanto

  7. veramente con la Roma fece due secondi posti…e grazie all’inaspettata prima stagione, si bruciarono le tappe per la costruzione di quella Roma.

    Persona squisita. ma perché sei andato in quella brutta squadra?

  8. Se anche Garcia come Spalletti riuscisse a vincere a Napoli qualche domanda dovremo cominciare a farcela al netto degli errori arbitrali e dell’ambiente ostile

    • in questi tempi di piatto conformismo di anarchici ce ne sono sempre troppo pochi. Poi forse tu volevi dire giocatori indisciplinati, che con la parola anarchia non c’entrano proprio nulla.

    • Garcia? Bravo allenatore e soprattutto bravissima persona. Mi scoccia che abbia firmato per il Napoli ma sono contento per lui. Ha sempre rispettato la nostra squadra anche da ex allenatore … mai una parola di troppo … Un vero signore!

  9. Modulo Garcia nella Roma….Totti (fuoriclasse assoluto che lui ha allenato ed utilizzato nel suo punto massimo di splendore) che lancia millimetrico Gervinho….che si fuma tre difensori sulla fascia in 80 metri….e che poi sbaglia il 70% dei gol se non intervenivano Totti e Taddei a metterci una pezza. Aveva una Roma MOSTRUOSA tra le mani E NON CI HA COMBINATO NULLA(l’avesse Mou adesso!!!!!!).
    De rossi
    taddei
    totti
    maicon
    burdisso
    gervinho
    balzaretti
    pjanic
    benatia
    marquinho
    castan
    strootman
    lamela
    julio sergio
    borriello – florenzi – de sanctis

  10. Adesso Garcia è diventato un bravo allenatore con un bel gioco (cosa che tra l’altro pensavo e penso) eppure io ricordo il ritornello che non avesse gioco, che il suo gioco era solo ed unicamente palla a Gervinho, che non avesse schemi e che fosse impreparato tatticamente. Come per i calciatori esistono le categorie e Garcia non è un allenatore di primissima fascia ,ma come tutti gli allenatori di Serie A e che allenano in EL o CL, compreso Di Francesco che a me non è mai piaciuto, non possono essere impreparati tatticamente o non dare schemi. Garcia aveva una filosofia di gioco ben precisa il bel gioco del primo anno dipendeva dagli interpreti ,come sempre, possesso palla, baricentro piuttosto basso, squadra corta costruzione dal basso e ripartenze veloci, ma aveva 4 registi, palleggiatori, Totti che rubava 2 tempi di gioco, Florenzi che si inseriva. L’anno successivo, via il primo costruttore dal basso (Benatia), Maicon solo qualche apparizione, Totti con sempre meno presenze e ,di conseguenza, anche meno incisività di Florenzi, per finire al terzo anno senza terzini,con Ruediger arrivato acerbo ed infortunato, e il centrale di centrocampo che doveva arretrare a prendersi palla dal portiere per impostare e le distanze che saltavano con la squadra che o attaccava e prendeva gol o rimaneva tutta schiacciata dietro e finiva 0-0. Solo per chi ripeteva a pappagallo le tesi dei trombettieri di corte , Castan era quello che faceva giocare bene la difesa e Manolas era un grande sostituto di Benatia. Bastava guardare i risultati dell’Udinese con o senza Benatia nella sua ultima stagione in Friuli per capire quanto incidesse il Marocchino e chi fosse il dominante nella difesa della Roma!

  11. Il Napoli in modo intelligente riesce a a capire i buoni che sono stati alla Roma, 2 secondi posto in 2 1/2 e record d’imbattibilità, l’abbiamo mandato via come Spalletti tenendoci allenatori da 6° posto che entusiasmano la piazza.

  12. quanti bei commenti per Garcia… peccato che fosse massacrato l’ultimo periodo … “maniscalco” “incapace” per non contare gli insulti a Francesca Brienza.

    indubbiamente gli ultimi mesi aveva perso il polso della situazione e non escludo che la squadra remasse contro, perché arrivato Spalletti, venne fuori una delle più belle squadre degli ultimi anni.

    però mi ricordo benissimo le sue dichiarazioni che non avrebbe mai potuto allenare un’altra squadra che non fosse la Roma, in Italia

    ma vabbeh, ne è passata di acqua sotto i ponti

    comunque un signore sicuramente, bravo allenatore, ma non un valore aggiunto.

  13. Sicuramente meglio dello scaldapanchine che è a Roma, che anche il prossimo anno deluderà ampiamente accusando a dx e sn e non ammettendo le sue incapacità.
    E a Roma c’è ancora chi ci crede…

  14. Persona gradevole e simpatica ma allenatore scarso con organizzazione di gioco inesistente.
    Praticamente un Mourinho ma senza carisma. Meglio cosi’

  15. che dispiacere edere Rudy Garcia allenare una squadra italiana .
    l ho sempre visto e collocato alla Roma e leggendo questa notizia mi fa male
    un buon allenatore e una persona come poche ,una persona speciale per questo mi fa male vederlo in un altro posto .
    spero rimanga sempre affezionato a Roma e non spenda mai brutte parole su Roma e la Roma!!

  16. se non fosse per quei ladroni arbitrali dove in quel juve roma si capi da subito che il campionato era già assegnato sicuro che avrebbe vinto e meritato un paio di scudetti. ottimo allenatore!! buona fortuna!

  17. Rudi Garcia mi sta simpatico. Quella Roma, finché Gervinho era al massimo e Strootman sano, giocava bene e vinceva. Poi ci pensarono gli arbitri a frenare la nostra corsa.
    Cmq ha avuto coraggio ad accettare la panchina del Napoli. Può solo fare peggio di Spalletti e sinceramente, me lo auguro. Mi fido del panzone amico del pinguino. Smantellerà pezzo pezzo la squadra del terzo scudetto.

  18. Sono sincero mi dispiace vederlo seduto su quella panchina ma gli auguro di non essere esonerato perché il prossimo anno lo scudetto è nostro con lo special One.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome