RUI PATRICIO: “Un grande club come la Roma deve avere sempre il desiderio di vincere. Cerco di migliorare dai miei errori”

14
893

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Il portiere giallorosso Rui Patricio risponde alle domande dei giornalisti nella conferenza stampa alla vigilia di Roma-Vitesse. Queste le sue parole:

Sei soddisfatto del tuo rendimento finora?
“Domani è una partita molto importante, in una competizione europea e abbiamo l’occasione di continuare a lottare per vincere un titolo. Vogliamo arrivare lontano e dobbiamo crederci. Quando si giocano le grandi competizioni bisogna farlo con desiderio di vincere, soprattutto in un grande club come il nostro. Domani abbiamo un’occasione e faremo del nostro meglio. Sul mio rendimento penso solo a lavorare ogni giorno per crescere ed aiutare la squadra a vincere. Sto attraversando un buon momento ma deve essere solo uno stimolo per migliorare. Ma quello che conta è vincere le partite”

Ti senti più sicuro con una linea a 4 o a 3?
“Posso giocare in entrambi i modi. L’importante è l’organizzazione della squadra in generale e di partita e in partita. E’ normale che sia diverso giocare a 3 o a 4, ma l’importante è che ognuno svolga al meglio il proprio conta. Poi spetta anche a me adattarmi, ma quello che conta di più è vincere le partite”.

Nelle ultime 4 partite hai subito un solo gol. Da cosa dipende il miglioramento della fase difensiva? Questioni tattiche o caratteriali?
“Abbiamo lavorato molto sulla fase difensiva, non è merito dei singoli ma del lavoro collettivo che si svolge su indicazione del mister. Dobbiamo continuare su questa strada perché l’idea è quella di segnare il più possibile prendendone il meno possibile”.

Quale la miglior parata da quando sei arrivato? Quando invece avresti potuto fare di più?
“Nessuna in particolare, tutte sono importanti. Anche quelle che possono sembrare più facili. Invece sui miei errori cerco sempre di cogliere l’occasione per capire come allenarmi diversamente e correggerli. Dopo ogni partita cerco di trarre qualcosa di positivo anche da un errore, per me è importante per la crescita”.

Articolo precedenteAS ROMA FLASH NEWS – Tutte le notizie in giallorosso minuto per minuto
Articolo successivoMOURINHO: “Stop a tutte le guerre. Dai giornali critiche feroci a Zalewski. I pochi gol dell’attacco? Non abbiamo Lewandowski…” (VIDEO)

14 Commenti

  1. Avevo qualche dubbio su di te, l’età e il club di provenienza non un top club, alcune nostre scelte fatte in precedenza per lo stesso ruolo…insomma ero piuttosto scettico, sei un grande portiere, bravo in tutto, mani, piedi, uscite ad intercettare il tiro. Serio, concentrato, ineccepibile. Il rigore che trasmetti anche con i gesti del corpo contraddistinguono un uomo e un portiere del quale ci si può fidare.
    Bravissimo tu, molto male io!
    Forza Roma, sempre!

    • Bravo Fred, anche io avevo delle perplessità, oramai svanite, tanta roba, peccato che sia in età avanzata, ce lo godevamo de più… Professionale, serio, mai un sorriso, sempre in partita…

    • Io uguale.

      Quando lo presero ignorantemente pensai a soldi tirati al vento.

      Però sentito parlare 2 volte, ho fatto caso a una cosa, pronuncia la parola TITULI in continuazione… sembra ossessionato dall’idea di Vincere e questo è il tipo di ATLETA che manca alla nostra banda da un bel pò ti tempo.

      Cmq 100 presenze in nazionale, Campione d’Europa, giocano a suo favore…

  2. Anche se hai 34 anni., forse sei l’unico che meriterebbe un ritocco all’ingaggio. ( A parte Abraham che già guadagna di suo)

  3. Mi chiedo se ci sia una dichiarazione di Rui Patricio da Agosto ad oggi in cui non afferma che si deve “lottare per vincere un titolo” 🙂 😀
    Mi piace.

    • Sì Kawa62, conosco bene il Portogallo ed i Portoghesi, è gente umile, discreta e che lavora sodo, non c’entrano nulla con CR7 (penso che pensavi proprio a lui quando mi hai risposto..). Rui Patricio ne è un esempio chiaro.

    • Un Romanista,
      pensavo ti riferissi alla “tradizione” di portieri portoghesi. Da qui la mia perplessità e il misunderstanding.

  4. Il prossimo da prendere sarebbe il suo erede ai wolves: sa pinto. È lui più giovane.Ma come disse Mourinho : Rui è Rui.

  5. Beh uno che a 33 anni dice che ancora vuole imparare dagli errori e si vuole migliorare è da ammirare.
    Non sono mai stato entusiasta del suo arrivo, però adesso bisogna dire, che con parate strepitose ci tiene a galla

  6. Uno dei pochi da cui ripartire
    O meglio uno dei 4/5 perché il
    Resto sono tristemente scarsi
    Perciò lode a te Rui Patricio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome