SARRI: “L’obiettivo del derby era far contento il nostro popolo. Da giorni la nostra testa era qui”

28
828

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Maurizio Sarri, allenatore della Lazio, commenta a fine gara la prova dei suoi ragazzi nel derby di campionato che si è appena giocato allo stadio Olimpico contro la Roma.

Ecco le dichiarazioni del tecnico dei biancocelesti ai microfoni dei giornalisti:

Quanto sono importanti questi 3 punti?
“L’aspetto più importante è quello, ovvero far contento il nostro popolo. L’obiettivo del derby era questo”.

Il gol non è casuale.
“Sì, l’avevamo preparata con le uscite a tenere il difensore di centrodestra e centrosinistra per tenerli dentro. Se fossero entrati dentro il campo avremmo cercato di farli giocare sull’esterno. L’obiettivo era attaccarli con gli attaccanti esterni. La partita non è stata di altissimo livello dal punto di vista tecnico, ma è stata dispendiosa. Non è stata bella da vedere. La prestazione dei due difensori centrali è stata buona, non era facile contenere la fisicità della Roma”.

La partita è andata come ce l’aveva in testa.
“Dà soddisfazione, ma è ancora più soddisfacente vedere i ragazzi giocare con questo cuore”.

Sente qualcosa di speciale in una partita del genere?
“È uno dei derby più sentiti del mondo. A Londra ne ho giocati tanti, ma non c’è la stessa partecipazione emotiva. Non è una partita normale. Questa settimana abbiamo pagato anche quello, la testa era già ad oggi”.

Come sta Luis Alberto?
“Lì per lì voleva uscire perché ha sentito un movimento strano nel ginocchio, poi voleva rientrare ma noi avevamo già pronto il cambio”.

Cosa ha detto ad Anderson alla fine del match?
“Gli ho fatto i complimenti, è un giocatore straordinario”.

E prima della partita?
“Se il nostro popolo vuole una partita vibrante gliela dobbiamo dare. Questa è una partita particolare e bisogna raggiungere l’obiettivo che vuole il popolo”.

Articolo precedenteROMA-LAZIO 0-1: le pagelle
Articolo successivoCRISTANTE: “Loro bravi a chiudersi, a noi è mancato il tiro in porta”

28 Commenti

    • ritengo sarri uno dei personaggi più indigesti della serie A, ma oggi non ha rubato nulla, hanno incartato la partita, perso un botto di tempo, e noi siamo cascati nei vari tranelli, in campo e a bordo campo.
      hanno fatto un gol, noi no.

      e bisogna saper perdere.

    • senti che j avemo fatto dichiarà a sti … je serva da monito ai nostri giocatori. Io stamperei le dichiarazioni de sto…. e le farei leggere ai giocatori nostri ad alta voce fino ar derby de ritorno.

  1. Ma falla fenita che hai fatto na partita scandalosa a livello di “giogo”… o schema sur go’…🤣🤣🤣🤣🤣 c avemo er novo lanna n formazione e mme parla de schema, sta narice parlante…🤣🤣🤣🤣🙈

  2. Falla finita se giocava l’As Roma femminile ve faceva un culo enorme
    Poi ringrazia chi della Roma ama invece de segna continua a prende il palo e la traversa e chi per errore te regala il gol tradotto ha fatto tutto la Roma nel regalarvi la partita

  3. non leggerò stasera una sola parola altrove, che immagino il mare dei commenti…
    tra i pirl.. che sono troll e compaiono oggi, più quelli che Mou vale zero e prende troppo, i nostri son tutti pippe e gli altri so tutti boni (finché non vengono qui), più quelli non va bene nulla manco se vinci pensa ora…
    però, povero SARRI, siete messi male (solo perché non c’è Savic e Ciro? mah…) io ho scritto qui che siete una buona squadra ed era da tripla.

    Ma se mi dici che sono giorni che pensate al derby, e il risultato è questa partita… siete messi male.
    Vi ha detto bene che quel…bip di Ibanez ha giocato laziale, la partita è finita lì.
    Nessun calcio spettacolo, nessun Sarriball, nessuna azione, nessuna strategia (tranne perder TEMPO, ma perché? eravamo ridicoli in attacco, dopo subito il goal, manco una settimana…)
    Vi ha detto bene che la follia ha colpito quel… bip.
    A Ibanez dicessero gli amici che per convocar lui ai mondiali deve giocar per la squadra di Diawara, no il Brasile. È stato chiamato per toglierlo all’Italia, fine.
    Che uno che in certe gare esce fuori di cervello e dribbla l’attaccante a 5 metri buoni, quasi nell’area piccola, (tutto qui il derby, non c’è altro) manco un CT con l’Alzheimer ci pensa, nel Brasile…

    • Fai bene a non leggere nulla, è proprio come hai scritto tu…La Lazio ha giocato come le “piccole”, chiusa dietro, come poteva Abraham fare qualcosa se aveva sempre addosso tre laziali? Senza l’errore di Ibañez sarebbe stato un altro secondo tempo….

  4. La cosa peggiore è che dai pure la scusa a quest’uomo volgare di dire che i recenti schiaffi che hanno preso era perché “avevano la testa sul derby”, quando invece hanno vinto in modo completamente casuale senza fare nulla tranne lucrare su una cappella indegna fatta da Ibanez.

  5. Il goal non è casuale…
    È un buciodeculo!!!
    Diciamo che è stato un derby mediocre, con zero occasioni, zero gioco, zera tecnica.
    Loro decimati, noi stanchi e azzoppati, fisicamente e moralmente (autogol..).
    Al momento la ROMA è questa.
    La lanzie manco la considero, sarà il solito fuoco di paglia.
    FORZA ROMA

  6. È si immagino come l’hai preparata la partita ma soprattutto s’è visto, in difesa stavate in 15, ma soprattutto immagino che avevi previsto la minchiata di Ibanez unica occasione bona. A sto punto aprite un chiosco da Chiromante a Sarri! Ma dimme avevi pure previsto che uscivi dalla EL pe giocà la “coppetta” che avemo vinto noi e che difficilmente ve porterete a casa? Porello!

  7. Eppure il vizio non lo perde, se stava a magnà una caccola pure mentre vinceva 1-0 il derby.
    Tuttavia poteva finire 0-0, sportivamente ammetto che er caccola ha fatto una grande fase difensiva ad ok mentre noi ci perdevamo in leziosismi ed imprecisioni rendendogli il compito difensivo più agevole.
    Hanno avuto il merito di buttarla dentro approfittando della scelleratezza di Ibanez che più che un nostro difensore è sembrato un loro attaccante aggiunto.
    Provare a fare un dribbling in quel modo in fase difensiva, fatti specie in un derby oltretutto con l’impossibilità di uscire bene palla al piede perché il pallone non era vicinissimo allo scarpino ma un pò distante è qualcosa di altamente cervellotico.
    In un caso simile non è una vergona tirare una puntatona da giocatore di oratorio e mandare il pallone più lontano possibile, in orbita, fuori dallo stadio, addirittura spedirlo nel Tevere.

  8. Hanno una squadra che fa pena, molto più della nostra.
    Questo derby non brucia neanche un po’ per quanto mi riguarda. Perderanno un sacco di punti.

  9. Ma commenti che facciano autocritica no?ma noi che non riusciamo a fa un caxxo del gol?levato il regalo decquell altro enxxfalitico…ma noi quando caxxo segnamo?

  10. @ Sardegna principalmente
    Io Sarri non lo considero nemmeno
    mi sono sentito umiliato non dalla lazio che non esiste e non esisteva in campo ma tradito dai miei
    E non dalla squadra ma dall’ostinazione di Mou
    Guardavo i 3 dietro che non sapevano cosa fare della palla e continuavano a passarsela che se non subivano il gol erano ancora li a passarsela senza la minima intelligenza

    Vedevo i fantasmi di Abraham e Pellegrini e Cristante e Karsdorp e Bellotti morti di stanchezza pascolare per il campo
    Quante volte noi che siamo semplici spettatori ( che non sappiamo allenare ma gli occhi li abbiamo ) abbiamo rimarcato la difficolta’ a far ripartire l’azione (e dai tempi di Fonseca ) il buco a centrocampo con i gol subiti dal limite , la mancanza di un azione avvolgente, la mancanza di un riferimento al centro dell’area avversaria e principalmente la mancanza di turnover durante la partita
    Poi “Sardegna” ci viene a raccontare che non puo’ ascoltare che Mou vale zero
    Oggi questa feroce umiliazione , atroce perche’ maturata contro una squadra che non era niente , e’ tutta figlia della presunzione di Mou
    Quello che e’ peggio e’ che Mou non e’ cosi
    E che qui gli stiamo permettendo un’ostinazione ingiustificata in certe scelte
    Ne abbiamo fatto un dio incriticabile
    Non mi si dica che ieri Shomurodov non sarebbe servito al posto dei due ectoplasmi
    O che era il caso di continuare con la difesa a 3

  11. Ciao Pierluigi. Per rispondere al tuo post, mi rendo conto della delusione provata ieri dal popolo giallorosso, almeno pari alla mia, certamente inferiore a chi vivendo a Roma ha laziali in…casa.
    Detto questo, io non ho mai sostenuto che non si può “criticare” MOURINHO (o FONSECA). Piuttosto dico sempre che, tolto Gesù Bambino per chi ci crede, per me non esiste un intoccabile (e pure lui, a volte è difficile comprenderlo…).
    Però c’è modo e modo: i messaggi ai quali mi riferisco nel post sono di certi (presunti) tifosi che, se leggi bene, è semplice individuare.
    A me, ma forse sbaglio, appaiono spesso innamorati delle proprie convinzioni più che della Roma, difendono alcuni che vorrebbero sempre in campo, ma massacrando gli altri, amano un’idea di gioco.
    Quindi, a mio avviso, la presunzione, l’ostinazione che tu addebiti al mister sia invece tutta di questi commenti.
    Ma davvero pensi che non sia quantomeno… presuntuoso per chi, senza offesa, può vantare a volte solo esperienze con… videogiochi o, al massimo, qualche campionato dilettanti, o pure allenato bambini, accusare di …ostinazione cieca l’allenatore più vincente in attività, che tutti della A (e buona parte del mondo) neanche messi insieme e moltiplicando per Xvolte la carriera ci si possono accostare?
    Ripeto, non fosse chiaro, si possono criticare le scelte di chiunque, e io lo faccio talvolta. Ma c’è modo e modo. Certo non mettendosi su una cattedra ad insegnar calcio e accusando di incompetenza?! (e di prender tanti, troppi soldi, questa poi…!) se si é, in sostanza, semplici appassionati davanti ad un… Nobel del calcio, uno dei 2 o 3 (in attività) nel mondo che ha avuto più successi e riconoscimenti, da chiunque, nel suo campo. Chi lo fa, è ingenuo o in malafede (i famosi che compaiono solo in certe sere).
    Alcune delle cose che dici sulla gara le ho viste e le condivido, e certo non é la prima volta.
    Ieri, purtroppo, son costate l’intero piatto. Succede anche ai migliori.
    Ma se han perso una battaglia (importante), la fine della guerra é parecchio lontana…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome