SARRI: “Rigore netto, l’uno a zero ci va stretto. La Roma ha creato zero palle gol”

30
621

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Maurizio Sarri, allenatore della Lazio, commenta a fine gara la prova dei suoi ragazzi nel derby di Coppa Italia che si è appena giocato allo stadio Olimpico contro la Roma.

Queste le dichiarazioni del tecnico dei biancocelesti ai microfoni dei giornalisti al termine del match:

Quanto le danno fastidio le parole di Mourinho, che non ha apprezzato il rigore…
“Per l’immagine che ho visto io il rigore è netto. Un colpo netto, senza andare neanche vicino al pallone. Tanto che Orsato ci è rimasto 8 secondi al monitor. Però l’episodio mi interessa fino a un certo punto. Escluso 3-4 minuti nel recupero, le palle gol della Roma sono state 0. I venti minuti dopo il gol è una bestemmia non aver raddoppiato. A livello complessivo, l’1-0 non è legittimo ma è stretto”.

Che sapore le lascia questa vittoria?
“La prestazione dà soddisfazione. Della qualificazione in Coppa Italia non mi importava nulla. Nel derby non contano neanche i tre punti in campionato. Queste partite vanno giocate per la gente che vive per te, per loro. Quindi siamo contenti aver dato gioia al popolo laziale. Poi passare una sera di compleanno avendo perso un derby era triste. Come festeggio? Me lo gusto, anche da solo”.

Come ha preparato il derby con i tanti problemi di formazione?
“Siamo usciti acciaccati da Udine. Ieri abbiamo perso Provedel. Ci è mancato qualche giorno per recuperare Luis Alberto. In questo momento la mia soddisfazione è che c’è un’energia in uno spogliatoio diversa. Chiunque chiami in causa risponde in maniera positiva”.

Come è nata la scelta di Mandas?
“Ci ha dato delle grandi indicazioni in allenamento. Poi essendo nostro e non in prestito, c’era la necessità di vederlo all’opera in una partita vera. All’inizio era teso, dopo mi sembra sia andato molto bene e ci abbia confermato le buone sensazioni dell’allenamento”.

Hai ritrovato la sua Lazio?
“In questo momento sì, ma ogni tanto questa squadra ha dei momenti diversi”.

Come si prepara la gara con il Lecce?
“Per noi per il Lecce è importantissimo, oltre che per i punti, soprattutto dal punto di vista mentale, se superiamo questa gara vuol dire che abbiamo fatto davvero un passo in avanti. Recuperare dopo i derby non è facile, in passato alcune volte non ci siamo riusciti, sarà un bel momento di verifica”.

Esiste un paragone tra lei ed Eriksson e Mastrelli? I numeri dicono di sì…
“Mi sembra un po’ troppo, loro hanno vinto uno scudetto. In questo momento il mio pensiero è alla gara di domenica contro il Lecce. Un derby è sempre una partita sfibrante dal punto delle energie nervose e durante la settimana è ancora più tosta. Anzi dico grazie alla Lega che ci farà giocare domenica alle 12.30, tra l’altro contro una squadra che noi abbiamo sempre sofferto. Chi ha giocato ieri giocherà lunedì, chi gioca domani lo farà martedì. Noi invece prima di tutti”.

La Lazio non subisce gol da 9 tempi consecutivi contro la Roma.
“Quando perdi un derby vedi la sofferenza delle persone che ti stanno intorno e ti rendi conto che non è una partita normale. Io mi vergognai il giorno dopo anche di entrare a Formello (quando la Lazio perse 3-0, ndr), tre schiaffi servono per capire quello che rappresenta il derby per il popolo che è fuori a soffrire. Speriamo siano serviti in modo definitivo”.

Articolo precedenteBOVE: “Dobbiamo compattarci, la stagione è ancora lunga. La bottiglia in testa? Non mi sembrava il caso di fare scenate”
Articolo successivoMOURINHO: “Perso per un rigore del calcio moderno. Deluso da qualche mio giocatore. Dybala? Solito problema muscolare”

30 Commenti

  1. Redazione abbia pietà. Leggere pure Lotrito e Sarri é troppo oggi. Sto così giù che non mi inc@770 neanche più. Mai na gioia 😓

    • di palle gol ne ha create poche anche la squadra del caccola…il problema sono gli scarsi che abbiamo in squadra.

    • Io non giustifico la prestazione orribilis della partita però me devi pure di che caxxo ha fatto la Lazio prima e dopo il rigore! Na ceppa! Anzi dopo avè sfangato il rigore s’è chiusa.
      Noi come al solito co na rosa già co 5 giocatori in meno, Dybala uscito nel primo tempo e due espulsi alla fine.
      Ripeto la Roma ha fatto schifo ma la Lazio ha solo concretizzato l’unica occasione della partita.
      Sta superiorità schiacciate io non l’ho vista e loro tranne Immobile e il portiere avevano la rosa al completo.

  2. alla fine cosa puoi obiettare..questo e’ un signor allenatore con idee e fa giocare bene le sue squadre …gli bastano anzi vuole buoni giocatori, non vuole campioni…

  3. Poi essendo nostro e non in prestito, c’era la necessità di vederlo all’opera in una partita vera???

    Capito Friedkin,Pinto?

    0 Dignita,pure sarri ci prende per IL cu

  4. Pare che abbia giocato il Manchester City…Ma per favore…La Lazio ha fatto qualcosa in più della Roma ma ha vinto per un rigore del ragazzino. E poi non ha fatto più nulla. Partita regalata dalla Roma

    • La Lazio ci e’ stata superiore sia come gioco che come occasioni , come spesso accade PUNTO.Adesso spolliciate pure , ma questa e’ la realta.

  5. questo sa quando tenere in panca chi è stanco o gioca male .noi dybala e lukako dal primo che non si tengono in piedi,e azmoun e belotti in panca .pero poi pellegrini lo mette in campo per l ennesima prestazione indecente

  6. Il rigore era inesistente, Huijsen era andato sul pallone senza intenzione di commettere fallo. Fosse stato uno yuventino, non ci sarebbe stato nemmeno VAR.
    Purtroppo con una società muta come la nostra, ci massacrano come vogliono.
    Quando finirà questo servilismo?

    • ma che razzo dici, ma non ti basta essere stato ridicolizzato sul terreno di gioco e leggere che non segniamo un gol a questi profughi da 405 minuti.

    • Ma che kazzo dici te,che non hai mai fatto un passo di corsa in vita tua …e mò ti metti a fare il sapientone di pallone.
      Ma mo va là…

    • Ma sei serio ? Il rigore è netto, che c’entra che non c’era l’intenzione , viene punito il fallo mica l’intenzione .

    • La Lazio ci e’ stata superiore sia come gioco che come occasioni , come spesso accade PUNTO.Adesso spolliciate pure , ma questa e’ la realta.

  7. Nessuno deve piangere…. era meglio uscire con la Cremonese, tra sto mese e il prossimo 3 partite a settimana questa rosa non puo’ fare 3 competizioni, hai lo scontro con il Fayenord. Troppi sono gli acciaccati….Mamma mia il Tiro di Pellegrini del 2 tempo da li avevo capito nn si andava da nessuna parte. Ci rivediamo ad Aprile speriamo con un’altra squadra…..

  8. Oggi c^è poco da commentare. Giocatori improponibili che non possono indossare la maglia della Roma. Un allenatore ormai isolato un direttore sportivo(?) con la scadenza come lo stracchino e una squadra da rifondare in almeno 7 titolari. Questa è la Roma oggi di chi è colpa Anzalone Viola Sensi Pallotta non importa…..ma oggi questa è la Roma!!!.

  9. Povero fumatore incallito la nicotina ti ha logorato er cervello, aspetta e spera che l’ora si avvicina noi aspettiamo con ansia

  10. Romanisti il ministro dello sport non vuole mettere er naso contro questi arbitri manipolati dal calcio scommesse vero Rocchi?

    • Ma perché de zerbi con le seghe che abbiamo in squadra farebbe meglio? Quale allenatore riuscirebbe a proporre un calcio spettacolare e vincente con i giocatori che abbiamo? Anche io sono avvelenato ma abbiamo troppi giocatori improponibili in serie A (perché scarsi o ex giocatori). Non bastasse questo, la squadra è costruita male e male assortita. Che tristezza

    • De Zerbi, Sacchi, Guardiola se la squadra è scarsa o piena di infortunati cronici non vanno da nessuna parte. Ci vogliono i giocatori. E Mourinho ha dimostrato più di tutti che quando ha i giocatori vince.

  11. A@Zenone: ricordo che noi abbiamo pareggiato con l’Atalanta con un rigore che ha avuto la stessa dinamica. È stata presa la coscia di Cristante dopo che lui aveva colpito la palla

    • Purtroppo hai ragione. Senza il “rigore moderno” perdevamo anche contro l’Atalanta, oppure no Murì??

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome