Scaloni: “Dybala indispensabile anche quando non è al top. Paredes in difficoltà nella Roma? Se una squadra rincorre…”

19
902

NOTIZIE AS ROMA – Lionel Scaloni, ct dell’Argentina, ha rilasciato un’intervista all’edizione odierna della Gazzetta dello Sport e tra i vari temi trattati si è soffermato sull’esonero di Mourinho, e su Paulo Dybala e Leandro Paredes. Ecco le sue dichiarazioni.

Scaloni, da quale dei suoi ragazzi vuole iniziare?
“Da Dybala e Nico Gonzalez che ultimamente hanno avuto problemi fisici. A Paulo voglio bene come a un fratello perché è un ragazzo perbene. Quando gioca 7-8 partite di fila, le sue prestazioni cambiano in meglio e la squadra ne ha beneficio. Purtroppo questa continuità di utilizzo non l’ha avuta, ma nel gruppo lo voglio sempre: è utile pure quando non è al top”.

A Roma non se la passa bene neppure Paredes.
“Quando la squadra non ha il pallone deve trovare una modalità di gioco diversa. Per noi è un ‘5’ speciale quando gestisce la manovra, ma se è in una squadra che rincorre…”.

L’arrivo di De Rossi, uno specialista del ruolo, lo aiuterà?
“Glielo auguro. Intanto permettetemi di dire che l’esonero di Mourinho mi ha sorpreso. Aveva la Roma nel cuore e le sue lacrime quando ha lasciato Trigoria lo hanno confermato”.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteDe Rossi unisce ma la piazza ribolle: giocatori e proprietà nel mirino dei tifosi (FOTO)
Articolo successivo“ON AIR” – DI GIOVAMBATTISTA: “Sull’aereo di Milano è successo il finimondo tra Mou e i giocatori”, CORSI: “De Rossi se la sta rischiando”, PETRUZZI: “Pisilli sarà la bandiera della Roma del futuro”

19 Commenti

  1. Camminero’ insieme a te…. non la sto a riscrivere tutta perché i ROMANISTI che frequentano il sito la conoscono bene. Mai come domani sarà attuale, ricordiamocelo bene. Questi ruffiani di stampa e media hanno sputato veleno contro Mourinho perché il loro obiettivo era dividerci, UNITI GLI FACCIAMO RABBIA….. Ora alla guida c’è uno di noi, sosteniamo lui per SOSTENERE LA ROMA. José Romanista ci è diventato e gli fa onore, Daniele è nato ROMANISTA. Stupiamo questi falsi signori “politicamente corretti”, facendogli capire veramente cosa significa essere ROMANISTI. FORZA ROMA !!

    • UNITI non gli facciamo rabbia, Uniti non siamo redditizzi, pennivendoli e speakers fondano i loro guadagni sulle spaccature di opinione(ovviamente non tutti). Con le spaccature i media fatturano di piu’. Sempre sia lodata la ROMA.

    • Commento “coraggioso” 😉. Scaloni direi che ha spiegato bene l’origine delle difficoltà di Paredes. Se davvero il cambio d’impostazione del gioco sarà sul possesso palla forse si riuscirà a valorizzare il giocatore e vedere meglio i suoi lati positivi. Ma gli altri dovranno comunque correre…

    • bha non sono d’accordo e comunque gli devi mettere vicino gente che corre e noi a centrocampo abbiamo solo Bove perché è troppo lento sullo scatto lo batte pure mia madre 96enne con il carrellino.

  2. Paredes non è un giocatore che ti fa sfracelli; è un onesto ruminatore di palloni senza particolare estro o velocità mentale, potrebbe dare il suo contributo in mancanza di meglio, ma utilizzato male come è stato finora è parso anche fin troppo scarso.
    Spero che il nuovo corso tecnico metta almeno i giocatori nelle condizioni di non sfigurare eccessivamente giocando fuori ruolo e in un modulo che non permette manovra e controllo del campo.
    Non mi aspetto miracoli ma meno frustrazione e disfunzionalità in tutto il gruppo.
    Auguri Daniele, che avrai un compito arduo e nemici dappertutto.

  3. Su Paredes circola la disinformazione dolosa,nel senso che si vuole menzionare questo giocatore come campione del mondo,cosa che è vera solo in parte.
    Nella realtà dei fatti documentabili e non inventati,Paredes è partito titolare nel girone di qualificazione del Mondiale ,ma successivamente è andato in panchina ,lasciando il posto a De Paul in un centrocampo che vedeva anche Enzo Fernandez e MacAllister.
    Paredes è stato un comprimario, un miracolato che ha visto immeritatamente crescere la sua quotazione ,facendo abboccare prima la yuve (che però lo ha sbolognato) e poi la Roma ,o meglio Pinto,che invece se lo è accollato.

    • Ha giocato gli ultimi 20 minuti della finale del mondiale (più di Dybala) e segnato uno dei rigori decisivi (come Dybala). Questo immagino che non faccia di lui un campione del mondo, corretto ?

    • La cosa bella zenone è che tu parli di DISINFORMAZIONE ma mi sembra che sei il primo a farla.

      Tu parli di miracolato, ok ma ti riporto dei dati molto semplici.

      Con la roma de ddr, dei radja e degli strootman, paredes fa 41 presenze il secondo anno, dopo esser andato in prestito per poi essere comprato dalla squadra migliore di russia in quel momento, lo zenit per quasi 30mln inclusi bonus che ai tempi erano tantissimi.

      Dopo esser stato nominato il miglior regista del campionato viene acquistato dal psg il secondo anno dello zenit per 45mln di euro inclusi bonus, 40+5, facendo in tutto 117 presenze in 4 anni, con il picco nel 2019/20 dove gioca da titolare una super champions e l’anno dopo in coppia con verratti forma uno dei migliori cc d’europa.

      Va alla juve dove comunque sia fa 35 presenze, che senza penalizzazione la juve sarebbe entrata in champions.

      Alla Roma arriva per due spicci grazie all’affare sanches.

      CAPITOLO ARGENTINA: 58 presenze con l’argentina, la maggior parte da titolare, gioca praticamente sempre titolare visto il minutaggio e quando dici che ha sempre fatto la riserva dal primo turno e dopo, è un falso vero, nel senso che è sempre stato inserito verso il 60 esimo, quindi è come se avesse giocato titolare.

      Nella finale entra quando? nel momento DECISIVO della finale, cioè nel secondo tempo supplementare per battere i rigori che avrebbero portato l’argetina a vincere il mondiale storico.

      PARLARE DI MIRACOLATO vuol dire fare disinformazione zenone.

      Stiamo parlando di un bravissimo giocatore di grande carattere e personalità.

      Che poi ENZO FERNANDEZ, che reputo superiore, ha preso il suo posto come titolare dell’argentina non fa di lui un miracolato o altro.

      A roma ne leggo troppe su questo giocatore.

  4. Si certo Mourinho è diventato romanista. Come no. Io ricordo ancora quando ha detto io sarò sempre interista ed uno di voi (agli interisti). Quindi lui diventa tifoso della squadra che allena.

  5. paredes ha buone qualità in fase di regia… se lo fai giocare alla matic è ovvio che fa schifo è uno che ha bisogno del pallone fra i piedi sennò arrivederci

  6. pardes è un buon giocatore, bravo a verticalizzare, ma deve avere compagni che si inseriscono nello spazio e non tutti portatori di palla…

  7. Paredes necessita di avere in squadra come scrivete alcuni di voi gente che fa molto movimento senza possesso palla ed uno dei pochi calciatori offensivi con cui potrebbe ritrovarsi bene sono Azmoun ed in parte Bove. L’altro diciamo doveva essere Renato Sanches che ha deluso tutti e me la prendo molto con Mendes che mi aspettavo qualche calciatore buono ce lo avrebbe pure potuto portare come ad esempio il LEE del Mallorca andato a finire al PSG che è fenomenale, invece di sbolognarci Renato Sanches di cui LEE ha preso il posto qui da noi, entrambi i calciatori seguiti da Mendes. Con uno come LEE che ha una tecnica sopraffina (beh aveva vinto il Pallone d’Oro di migliore calciatore di un Mondiale FIFA U20 in passato), ma al Mallorca ha imparato a fare anche molto pressing, a diventare più aggressivo nei contrasti ma che corre anche tanto e sa inserirsi negli spazi anche con estrema scaltrezza, allora Paredes avrebbe senso con giocatori come questo qui che potrebbe essere una mezzala offensiva devastante ma è altrettanto efficace anche in diversi ruoli a centrocampo ma anche come ala. Aveva la clausola rescissoria di €17M ma il Mallorca era anche disposta a trattare inserendo anche qualche calciatore di sua scelta (ci hanno provato così Atletico Madrid e Barcellona che erano in vantaggio). Mendes avrebbe dovuto portarci LEE e non Renato Sanches, quindi ce l’ho un po’ con l’agente di Mou (di cui anche Pinto è un suo uomo) che alla fin fine non ci ha portato nessuno che potesse farci fare un importante salto qualitativo (tranne Rui Patricio).

  8. Quando si parla di un giocatore che fa regia ci sono tante varianti per lui..

    Gioca in una squadra che fa tanto possesso?..
    Ha calciatori vicino che sanno muoversi?
    Tatticamente la squadra è offensiva oppure difensiva?

    Se un regista gioca in una squadra che.. Fa generalmente poco possesso, con calciatori che si muovono poco, che oltretutto gioca in modo difensivo.. Allora neanche il regista più forte del mondo ne uscirà con una buona prestazione..

    Altro punto che considero importante.. Un regista non deve per forza essere veloce.. Ma deve avere accanto calciatori capaci di pulire i palloni e di recuperarli.. Gente di gamba, rapida..

    Se non ha neanche questo.. Beh.. Il primo ad essere criticato è chi fa regia ma in realtà è il meno colpevole..

    Anni fa ricordo una serie di insulti a David Pizarro.. Oggi invece vedo che tutti, nessuno escluso né parlano come campione.. “eh magari ad avercelo”.. E tutti quelli che lo criticavano continuamente dove sono?..

    Sia chiaro.. Non è un paragone.. Perché il Peq lo consideravo fenomenale.. Ma lui vicino aveva De Rossi.. Che come Mediano di posizione era il più forte in assoluto.. Aveva Perrotta che faceva il “falso” trequartista.. Ma recuperava palloni per vie centrali.. Aveva Taddei che faceva avanti e indietro.. E diventava una mezzala in fase difensiva..

    E specialmente giocava in una squadra offensiva che si muoveva tanto..

    Paredes in questa Roma.. Oltre a giocarla lunga per Lukaku, cosa si dovrebbe inventare?.. Considerando anche che non abbiamo esterni alti..

    Lo considero ingiudicabile il suo apporto.. Gli è stato chiesto di fare il mediano.. Non il regista.. Se le cose cambieranno.. Lo vedremo presto.. Ma tutto dipende da come si comporta la squadra intorno a lui..

    Forza Roma

  9. Paredes è un regista e tecnicamente in mezzo al campo è quello più forte, deve smistare il pallone ma con una squadra senza gioco, senza schemi e con l’assenza di movimenti senza palla, fare il regista diventa un’impresa alla mandrake.
    Anzi, sarà pure lento ma riesce col senso della posizione a contrastare l’avversario vincendo contrasti e duelli quasi sempre, con la qualità non perde quasi mai i palloni ed i passaggi sono quasi tutti riusciti.
    Con l’Argentina va in panchina ? Ma spesso e volentieri viene fatto giocare sempre entrando a mezz’ora dalla fine. Poi se i titolari sono De Paul, Maccallister, Enzo Fernandez con un costo del cartellino pari a 130 milioni, anche se dovesse esserci un top player oppure un altro centrocampista forte potrebbe finire in panchina come Paredes in una nazionale Campione del Mondo piena zeppa di fenomeni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome