Scommesse, Santon: “I tifosi mi minacciano sui social, ma mio zio non è la gola profonda di Corona. Alleva vongole…”

10
608

NOTIZIE AS ROMA – L’ex difensore di Roma e Inter Davide Santon ha rilasciato una lunga intervista esclusiva a La Repubblica, commentando le accuse di alcune persone che credono in un suo coinvolgimento nello scandalo scommesse. Fabrizio Corona infatti ha dichiarato in questi giorni che il suo informatore è lo zio di un ex giocatore dell’Inter di Mourinho amico di Balotelli, un identikit compatibile con l’ex giocatore.

Queste le sue parole: “Mio zio non è l’informatore di Corona. Ha un allevamento di vongole. Non so nulla di queste scommesse. È una cosa che mi fa schifo. Lui non ha fatto il mio nome, ma i tifosi hanno pensato fossi io. Se Corona dice che il suo informatore è lo zio di un ex calciatore dell’Inter di Mourinho che si è trasferito alla Roma, è chiaro che i tifosi pensano a me. Ma io non c’entro niente. Non so nulla di chat e di scommesse. Ho letto che lui parla di un calciatore che si sarebbe aperto una bisca di scommesse illegali. Ma io gioco a padel, a breve aprirò un centro dalle mie parti, tra Comacchio e Ravenna”.

Quindi nessuno dei suoi zii conosce Corona?
“Ma quando mai, i miei zii abitano a Ferrara e di certo non si occupano di scommesse. Uno di loro ha un allevamento di vongole, ma con lui non parlo da anni. Figuriamoci se i miei zii conoscono Corona”.

Loro no, lei sì?
“Non ci ho mai parlato in vita mia. Cioè lo conosco perché è un personaggio pubblico, ma non è che abbiamo avuto una singola conversazione o una chiamata. Mai. E poi quando io ero all’Inter in Convitto lui era in carcere a San Vittore. Forse l’ho visto una volta allo stadio”.

Il profilo che traccia Corona è quello di un giocatore molto amico di Balotelli? Lei lo conosce?
“Con Balotelli non ci sentiamo da 7 o 8 anni. Forse anche dieci. Siamo stati amici ma non ci frequentiamo più. Non mi sento più con Mario anche perché lui cambia numero di cellulare ogni due settimane, quindi è impossibile contattarlo”.

Sui suoi profili social diverse persone hanno iniziato a insultarla, scrivendole commenti di ogni tipo. Perché non ha chiarito?
“Io non sono molto social. L’ultimo post è di due anni fa. Di commenti ne ho cancellati già tanti perché tanti tifosi mi minacciavano, adesso non ci guardo più. Io sono pulito con la coscienza e so di non aver fatto cose sbagliate. Poi magari se io cancello un commento perché non ho niente da nascondere la gente può anche pensare che l’ho fatto perché non voglio che si veda. Scrivessero quello che vogliono”.

Conosce qualcuno dei giocatori coinvolti?
“In realtà non conosco nessuno se non Zaniolo. Quando io ero all’Inter lui giocava con la Primavera. Poi siamo arrivati insieme alla Roma nell’affare Nainggolan. Non so cosa ha pensato nella sua testa. Quando io ci ho giocato insieme è sempre stato un ragazzo tranquillo. Non so cosa sia successo, cosa gli sia passato per la testa. Questo lo può sapere solo lui”.

Magari un consiglio, essendo più grande d’età.
“Nel mondo del calcio, come in ogni mondo dove girano tanti soldi, è pieno di gente che cerca di avvicinare i calciatori per interessi. Pieno di gente che cerca di approfittarsi di te, soprattutto quando sei giovane. E bisogna esser bravi a starne alla larga. Gli amici veri li hai già prima di sfondare. Di quelli che vengono dopo non ti devi fidare”.

Cosa pensa delle scommesse?
“Che i calciatori non possono farle, soprattutto quando sono professionisti. Ogni anno ad inizio stagione la Figc organizzava incontri con i calciatori, anche con i ragazzi della primavera, e spiegava molto chiaramente la questione. I più giovani, soprattutto quelli che non hanno ancora un contratto professionistico, sono a rischio, perché magari hanno il papà o un amico che scommette e non si rendono conto che invece è una cosa da non fare”.

Lei ha mai scommesso?
“Non ho mai scommesso in vita mia, può essere capitata la serata al casinò, ma quella è un’altra cosa. Se uno è professionista non deve scommettere sullo sport che pratica”.

Che effetto le fa vedere quello che sta accadendo?
“Quando sono uscito dal calcio non ero sereno. Non ho finito come avrei voluto. Non dico che lo odio, ma ho smesso di seguirlo. Mi ha dato tante soddisfazioni, ma anche tante delusioni, soprattutto per gli infortuni. Mi sono distaccato. A fine carriera ho odiato il calcio, per questo mi sono staccato da questo mondo. Si figuri se ho voglia di rientrarci per una questione che non mi riguarda”.

Fonte: La Repubblica

Articolo precedenteRoma, c’è Dier a gennaio: è un pallino di Mourinho
Articolo successivoConte, voglia di Roma: ad amici e giocatori parla già dei giallorossi. E sui contatti con il club…

10 Commenti

  1. Prima era lo Zio di Balottelli, adesso lo Zio di Santon… Se qualcuno ha sbagliato è giusto che paghi ma che un “ricattatore” come corona, sia libero d’infangare il prossimo senza subire alcuna conseguenza mi sembra assurdo. Qui parliamo di un ben noto millantatore che sta crocifiggendo delle persone, al solo scopo di auto pubblicizzarsi. La cosa assurda è che (in base alle ultime Disposizioni Giiudiziare) essendo uscito per per presunta malattia (positivo al Covid) dovrebbe essere sottoposto agli arresti domiciliari con tanto di braccialetto elettronico. Ed invece non solo se ne và tranquillamente in giro, sollevando un vespaio senza precedenti ma continua ad emanare false verità violando piu’ volte il Segreto Istruttorio di un inchiesta in corso. Possibile che nessun Magistrato, nessun Pubblico Ministero che si occupa di tali indagini, si senta in dovere di mettere un altolà a stò soggetto? Mi sembra inverosimile. Fatto stà che a volte, c’è veramente da vergognarsi di essere italiani.

  2. o.t. ho notato solo io che, comunque, il nostro (..non propriamente memorabile, come giocatore..) Davide non ha perso occasione per promuovere le attuali/future attività imprenditoriali sue e della sua famiglia? …sarò maligno io…
    FRS ❤ 💛❤ 💛 🐺🐺

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome