Seconde linee non all’altezza e Dybala-dipendenza: anche con De Rossi i nodi vengono al pettine

45
658

NOTIZIE AS ROMA – Il passo falso di Lecce riaccende i fari su un vecchio problema dentro la Roma: le cosiddette seconde linee non sembrano in grado di sostituire adeguatamente i titolarissimi. E quando mancano quei due o tre calciatori di livello superiore, la squadra fatica ad esprimersi ad alti livelli.

Sarà un caso, ma la Roma senza Dybala e Pellegrini spegne la luce. Se poi l’assenza è congiunta, come successo ieri, la frittata è fatta. Chi è chiamato a sostituirli non sembra essere all’altezza: a Frosinone De Rossi aveva puntato su una strana soluzione, con Baldanzi, Azmoun ed El Shaarawy alle spalle di Lukaku, una mossa che aveva creato tanta confusione in campo e una serie di palle gol non sfruttate dai ciociari nel primo tempo.

Houssem Aouar ha spesso vestito i panni del vice Dybala, senza convincere. Anche nel ruolo di intermedio di qualità l’algerino non ha dato l’impressione di essere impattante in campo: ieri ha avuto sul suo piede il pallone del match, fallendo l’occasione a tu per tu con Falcone.

Il giovane Baldanzi va ancora a corrente alternata: la qualità c’è, ma appare ancora troppo acerbo. E il problema delle alternative sembra coinvolgere anche altri ruoli in rosa: a destra manca ancora un terzino capace di far fare il salto di qualità a quella fascia, a centrocampo Bove sembra in evidente calo, mentre a sinistra Zalewski non sta riuscendo a garantire un degno ricambio a El Shaarawy.

Se a questi aggiungiamo l’infortunio di Azmoun che ieri ha privato la Roma di un’alternativa al centro dell’attacco, la situazione non sembra essere così confortante alla vigilia di un tour de force dove l’importanza delle seconde linee rischia di fare tutta la differenza del mondo. Un tema che dovrà risolvere il prossimo direttore sportivo, ancora non ufficializzato dalla proprietà americana.

Giallorossi.net – G. Pinoli

Articolo precedenteRoma sparita
Articolo successivoRoma e Adidas presentano la maglia ASR Origins per celebrare la storia del club (COMUNICATO)

45 Commenti

  1. col senno di poi siamo bravi tutti, ma ieri daniele ha sbagliato la formazione iniziale.

    ok far riposare dybala, ma allora senza pellegrini magari el shaarawy andava messo subito.

    anche karsdorp al posto di celik non l’ho capita.

    ci metti che lukaku è lì che fa a sportellate da solo … e il quadro è fatto.

    ❤️🧡💛

    • Squadra da rifondare manca la spina dorsale della squadra certi giocatori che la formano ora sono riserve in nazionale, punto guadagnato.

    • A parte Celik (che comunque quando è entrato si è perso immediatamente l’uomo) per Karlsdorp, c’era poco altro da fare. Elsha non è in perfette condizioni e Bove lo invocavamo tutti per dare respiro al centrocampo. Invece proprio Bove e Paredes sono mancati clamorosamente e più di una volta abbiamo visto Cristante lamentarsi con DDR perchè non accompagnavano la pressione offensiva.
      Mettici che l’arbitro ha fischiato a senso unico (rigore a parte) e che i nostri non hanno la cattiveria per giocare sporco e hai il quadro completo.

    • A’ squadra a deve rifonnà er DS, che doveva comincià a lavorà a Gennaio, e invece stamo ad Aprile e sti due stanno a fa ancora a’ conta su chi lo deve fa. Stamo ar quarto anno de l’era Friedkin, sto ar limite daa sopportazione. Se toppano pure sto finale de stagione e cominciano a casso de cane a’ prossima, divento na goccia cinese. Nun ce sarà giorno dove nun je mannerò na carettata de insurti…

  2. DDR ha fatto finora cose egregie, molto al di là delle mie aspettative,
    sapevo che alla prima difficoltà sarebbero saltati tutti giù dal carro,
    ed è una cosa che non mi piace per nulla.
    Io non cambio opinione sull’esonero di Mou (per me doveva finire la stagione),
    ma non per questo mi sento di attaccare DDR su nulla ieri.
    Ha voluto dare un’altra (spero ultima) chance a Zalewski, e ci può anche
    stare per capire se il giocatore può essere una pedina valida per il finale.
    Ecco, anche no.
    Ho passato un anno a sentirmi dire che se il ragazzo non riusciva a fare un cross,
    un dribbling, un tiro in porta era per colpa della posizione.
    Come se uno dimenticasse i fondamentali spostandosi di 30 metri in campo.
    Ecco, ora è nella sua posizione e fa anche peggio.
    A me spiace, ma dobbiamo arrenderci all’idea che ha avuto 3 mesi due anni
    fa di rendimento superlativo, e basta.
    E’ pieno il calcio di meteore.
    Baldanzi…. mah. Io finora non ho visto nulla che giustifichi l’investimento,
    ma proprio nulla, ma almeno a lui concederi il beneficio del dubbio per qualche
    mese ancora. Mentre temo che Aouar non vada bene per la serie A, troppo leggero
    come gioco, troppo prevedibile.
    Karsdorp solito. Speriamo di salutarlo a Giugno. Celik proprio no?

    Ma senza Pellegrini, Dybala, Azmoun, senza un terzino destro di livello,
    con Bove che non cresce, ma DDR che poteva fare?

    Vedremo alla fine se la Champions l’abbiamo persa ieri, per cui al momento
    poco spazio ai rimpianti, se arriviamo a 10 punti dal quarto posto il risultato
    di ieri non cambia nulla.
    Quel che possiamo dire è che giochiamo con quelli di formello, milan e bologna
    come ieri ci fanno a pezzi.
    E non certo per colpa di De Rossi.

    • Quando sei scarso devi giocare di rimessa, prima non prenderle. Ieri eravamo sbilanciati, DDR ha provato a giocare da grande ma qualcuno non è stato all’altezza ….mancavano Smalling, Spinazzola, El Sha, Dibala, Pellegrini, e il Danese che è meglio dell’olandese 6 giocatori. Possiamo discutere sulle scelte ma le seconde linee non si possono far giocare tutte insieme… e qui forse ha peccato DDR

    • Anto ti ho messo il pollice in su ma non sono d’accordo di salvare “in toto” DDR sia ieri che a Frosinone. Perché fatti salvi Dybala, Pellegrini e Spoinazzola che non potevano giocare, ma il Faraone e Celik dovevano esserci e oltretutto si è accorto dell’errore troppo tardi.

    • Forse troppi cambi insieme, inserire zalesky va bene ma insieme a Baldanzi Aouar Bove e Angelino e’ stato troppo.
      In una squadra che funziona un innesto fa bene più facilmente, ieri la squadra era troppo rivoluzionata. Comunque dopo le feste facciamo male da sempre.
      Speriamo nel derby di vedere un’altra Roma

  3. La questione è anche che le seconde linee non dovrebbero giocare tutte insieme, ma probabilmente non più di una per reparto. Questa è la questione. Ad esmpio ieri uno tra Pellegrini e Dybala avrebbe dovuto giocare e quindi non giocare Baldanzi r Auar insieme FRS !

    • Infatti,
      dovevamo far giocare Pellegrini da squalificato,
      così gli davano il 3-0 a tavolino e il resto passava in gloria.

      Dybala aveva 2 allenamenti dopo un infortunio: ma ve lo siete scordati come sta messo?

      L’unica era Elshaa, ma se non lo risparmi neanche con il Lecce non lo risparmi più….

    • Zalewski ha fatto i supplementari con la nazionale polacca, El Shaarawi aveva riposato.
      Non mi torna questo risparmio, e nemmeno quello di Celik.

  4. A lecce molte big hanno sofferto, il rammarico è non averli incontrati nell’ultimo periodo di d’aversa, quando erano in caduta libera. Comunque non dicevano quasi tutti qui che anche senza Dybala e Pellegrini, i restanti erano più che sufficienti per battere il lecce? Sono tutti forti, fortissimi, siamo secondi solo all’inter

    • Sono giocatori da quarto/quinto posto in serie A, quind si, sono giocatori forti come squadra.

      Stare lì a sperare nei passi falsi per dimostrare che il vate aveva ragione a chiamarli pippe è imbarazzante.

    • no. ha detto che siamo una squadra forte non che sono tutti fortissimi. ironizza informato.

    • Sono parole testuali di DDR. Dette non ieri ma qualche settimana fa. Siete voi che vedete il fantasma del portoghese ovunque
      .

  5. Ovviamente (e giustamente) oggi siamo tutti arrabbiati e un po’ delusi, ma dobbiamo essere realisti: non si può vincere sempre. L’importante, almeno secondo me, è non dimenticare le cose buone fatte nelle scorse giornate di campionato e anche in Europa League: purtroppo alcuni tifosi (di qualsiasi squadra, non solo noi romanisti) e “addetti ai lavori” tendono a esagerare sia con le critiche sia con i complimenti. E non va bene.

  6. se i giocatori sono quelli te puoi chiamate kloop guardiola, ma sempre pippe sono…i nodi c erano anche prima, solo che nn se usava il pettine..

  7. Il problema non è DDR che lavora con i brocchi ,il problema è dei pseudo tifosi forumisti ,con memoria corta che non hanno perso tempo a scaricare José ,che inchiodava giocatori, società e arbitri alle proprie responsabilità…uno così adesso c’è lo sognamo

  8. Metti Bove con il compito di nom correre, tenere la posizione, per questa frenesia dello scambio continuo della pallla e lo hai rovinato.

  9. tutto vero, ma non si può pensare di dominare ogni partita, manco con le piccole…dammi il rigore (che c’è) o un giocatore vero al posto di Aouar (limortaxxisua) e ieri, pure con una buona dose di cuxo, porti a casa 3 punti…non è che solo le strisciate possono vincere partite sculando al 96esimo…

    • Ma mi faccino il piaceeeeeeere

      dominati in lungo e in largo da na squadra de B

      e ci dobbiamo aggrappà a un rigore dubbio ?

      Meglio dire la VERITA’ : hanno fatto schifo ar caxxo.

      Lavorassero e migliorassero.

    • Un giocatore vero al posto di Aouar.
      E uno al posto di karsdorp, uno al posto di angelino, uno al posto di zalewsky….etc etc etc.
      A me sinceramente pare che anzitutto la discriminante tra la Roma che gioca e quella che non gioca sia Dybala, ne consegue che almeno El Sharaawy doveva giocare dall’inizio. I piedi buoni nel calcio sono ancora la cosa che conta di più, vedere assist di tacco per lo scellerato Aouar.
      Ma quelli hai e in vista del Milan occorreva far recuperare energie, che vuoi fare.
      D’altronde lo scorso anno hai dovuto scegliere tra Coppa e Campionato: come vedete, non erano solo elucubrazioni dell’allenatore.
      Per il prossimo anno suggerisco più giocatori di pallone, tutto qui.

    • lo abbiamo detto per 3 anni, e sembrava fossimo dei pazzi…ora invece si può dire? e senza aggrapparsi a un rigore sacrosanto? come cambia facilmente il vento in questa città

  10. Dopo la nefasta esperienza di ieri sera,in cui sono state concesse 10 palle-gol al Lecce,urge ritornare allo schieramento a 3 in difesa e soprattutto bisogna rimettere in squadra Smalling,che sembra essere diventato l’ultima ruota del carro.
    Mancini-Smalling-llorente,con gli esterni Celik da una parte e Spinazzola dall’altra.
    A centrocampo Cristante-Bove e Pellegrini e duo d’attacco Dybala-Lukaku.
    Sono scelte quasi obbligate,ma quello che è certo è che elementi tipo Karsdorp e Baldanzi vanno messi in campo solo in caso di estrema necessità (SOS).

    • Smalling sarebbe utilissimo ma, se per davvero si vuole edificare un sistema duraturo, in campo con la Roma non dovrebbe mettere più piede. E venderei pure Pellegrini, a fine stagione, a scanso di equivoci.

  11. Io a De Rossi do colpa fino ad un certo punto, perchè se gente come Bove, Karsdorp, Zalewski fanno pena contro una squadra in zona retrocessione, credo che la colpa sia più loro. Se ti manca Pellegrini e Dybala e te vieni surclassato dal Lecce do colpa a DDR fino ad un certo punto. Secondo me alcuni sono carenti tecnicamente, ma tanti hanno carisma zero, perchè ieri zero aggressività, zero rabbia agonistica. Ieri per carisma uno come Lukaku doveva caricare la squadra ed invece si nascondeva, tra l’altro fa difficoltà a stoppare la palla ed omvece con il Belgio assist di esterno, il polacco super con la Polonia ma quando sta qui non lo sceglierei neanche per il calcetto. Ieri modulo 4-3-3 ma come ci aggrediscono alto andiamo in bambola, sei carente tecnicamente e non hai personalità nel fare il passaggio rischioso e giusto. Comunque fino ad ora cammino al di sopra delle aspettative, io continuo a stare con De Rossi e Daje Roma Daje.

  12. Daniele fa turnover e fa bene, visto che l’anno scorso a non fare turnover ci siamo ritrovati con più di mezza squadra fuori nel momento cruciale della stagione. Dybala se lo mettevi in campo al rientro ieri col Lecce, magari ti saltava derby e Milan e allora l’avremmo sentite le critiche a DDR. Se il turnover non lo fai col Lecce quando lo fai ? E anzi, prepariamoci a un nuovo derby con Hujsen e probabilmente Karsdorp titolari, pur Celik non è uno che le gioca tutte. Speriamo rientri Abraham presto e incrociamo le dita.

  13. DDR ha fatto bene a coinvolgere più giocatori possibili dal momento del suo arrivo anche perché era troppo presto per sperare di arrivare al traguardo con 13/14 giocatori.
    Ma già da ieri, in concomitanza con l’assenza di Pellegrini e quella virtuale di Dybala, gli altri dovevano essere quelli che sulla carta davano le maggiori garanzie.
    Quindi la partita dovevano iniziarla Celik, El Shaarawi e Aouar, pure se il franco algerino non è che abbia dimostrato granché finora.
    La scelta di Zalewski è stata incomprensibile anche alla luce del fatto che è stato il più spremuto dall’impegno in nazionale mentre il Faraone era fresco.
    Karsdorp le sue chances le ha avute senza mai rispondere presente, non era il caso di insistere.
    Da qui alla fine devono giocare sempre i migliori, i più in forma, sfruttarli finché reggono, se si rompono pace. Ma preservarli perdendo punti vitali per strada a che serve?
    Dybala non credo non potesse fare almeno 20 minuti invece di 10 per esempio, e troppo tardive sono state le uscite dei deleteri Karsdorp e Zalewski.
    Non è peccato mortale discutere le scelte di DDR così come non lo era per Mourinho.
    E più di qualcosa Daniele ha sbagliato in almeno tre occasioni in cui è stato soccorso dalla fortuna e dall’emendare gli errori in tempo, errori riconosciuti da lui stesso.
    Ma con le partite che ci attendono da qui in avanti quegli errori non saranno perdonati, e primi tempi come quelli di Frosinone, Firenze e Lecce significherà trovarsi almeno due gol sotto. Questo deve essere scolpito nel marmo.

  14. ha fatto giocare quelli che hanno giocato perché probabilmente le prossime dovranno stringere i denti tutti i più forti senza rotazione. e ha tirato un po’ di somme. purtroppo.

  15. I giocatori sono questi e dalle rape non si cava sangue. Si ok i moduli possono essere + o meno divertenti e esaltare le caratteristiche dei giocatori ma se le caratteristiche non ci sono un birillo rimane un birillo. Celik e Elsha sarebbero dovuti entrare prima, soprattutto il primo kasdorp è solo dannoso e quando c’è attaccano sempre dalla sua parte anche basta, ma anche con loro in campo non abbiamo fatto gli stravedi e abbiamo rischiato comunque. Il rigore come la punizione su Lukaku da limite sono nette. Ieri DDR non giustifica il risultato con gli errori arbitrali anzi ma risponde a marelli che dice che lui non lo avrebbe fischiato ma si poteva fischiare cioè il solito perculazio in cui a noi poi dice sempre pedalino soprattutto quando stiamo vicini alla zona CL. Lo scorso campionato di questi tempi eravamo 3 poi calendario, infortuni, squalifiche e arbitraggi e ci siamo ritrovati 6….

  16. Sembra sempre che ci accorgiamo all’improvviso dell’elefante nella cristalleria. Il problema delle seconde linee, a mia impressione, è un problema che addirittura ci portiamo da anni. Non è più possibile avere solo 11 titolari forti. Con questo calcio ne servono 18, almeno. La fragilità di Dybala, o Pellegrini, non è un caso isolato ma diffusa in tutto il calcio. Semplicemente le rotazioni di una squadra lunga evitano il passaggio in infermeria.
    Per quel che riguarda la formazione di ieri, Daniele ne ha messa una brutta ma, dopo tutto quello che ho letto in settimana e facendo i conti con chi dovremo giocare a breve, non credo potesse metterne altre. Lo schema pure mi sembra forzato, visto che nemmeno i nostri titolari reggono la difesa a 3 senza uno Smalling al top (e ancora non lo è). Insomma, per una volta sono d’accordo col titolo dell’articolo: l’ultimo Mourinho si penalizzava da solo con scelte che amplificavano dei problemi; i quali non erano però dovuti a lui, ma al divario qualitativo tra prime e seconde linee.

  17. Ma con questo calendario, Lazio
    Udinese
    Bologna
    Napoli
    Juventus
    Atalanta
    Genoa
    Milan
    e con le seconde linee inesistenti come possiamo pensare di arrivare tra le prime 5…..boh…..che la squadra fosse stata costruita male su sapeva…..

    • Per me lo scenario centrale è di 9 punti in 8 partite da qui alla fine. Poi c’è uno scenario negativo da 7 punti ed uno positivo da 12.

  18. La vedo brutta… puoi chiamare Guardiola Conte riempire là panchina degli allenatori più bravi… ma se vai in campo con Cristante che dieci ne gioca e otto ne sbaglia e Mancini che prima che ti dà una palla si fa notte, qualcuna ne vinci ma tante ne soffri. e questi sono lo zoccolo duri della Roma riserve e non convocati della nazionale…. Che vogliamo pretendere!

  19. Secondo me , poco si è riflettuto sulle parole che Mourinho ha detto in varie occasioni, alla sostanza, badando solo alle questioni di immagine connesse (a cui anche lui ha dato fiato, bisogna ammetterlo), come il nervosismo, le polemiche, la critica agli arbitri etc. Certe tipologie di giocatori, nelle squadre vincenti, sono imprescindibili (es, Smalling, Matic, un ottimo portiere (non sempre), un centravanti, un adeguato ricambio di giocatori, anche se giovani); altro, una mentalità tignosa, fatta di grinta serve per qualunque tipo di gioco. Del resto, lo senti dire anche spesso da Capello, quando parla della Roma. Sono allenatori vincenti, qualcosa ne devono sapere, rispetto alla nostra mentalità, diffusissima, per cui già avere vinto il derby è mezza annata andata bene.

  20. maddeche daccordo con te gia la rosa non è fatta da campioni .ma se nella formazione metti kardops,zelesky,bove di adesso e cristante .soffri con chiunque .spero che derossi lo abbia capito definitivamente troppo turnover non c e lo possiamo permettere

  21. Karsdorp, Il Bove di ieri, Baldanzi e Zalewski , e poi pure tutti insieme, fanno mezza squadra e sono da serie inferiore ..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome