Serie A, assegnati a DAZN e Sky i diritti tv fino al 2029

22
569

ALTRE NOTIZIE – La Lega calcio di Serie A ha assegnato i diritti televisivi per cinque anni, fino al 2029 a Dazn e Sky con 17 voti favorevoli, due contrari (Cagliari e Salernitana) e un astenuto il Napoli.

Alla Lega Serie A andranno circa 900 milioni di euro a stagione. Dazn trasmetterà ancora tutte e 10 le partite del campionato, di cui 7 in esclusiva, mentre tre saranno le gare a settimana trasmesse da Sky.

Per i club della massima serie arriveranno dai due broadcaster 4,5 miliardi garantiti in cinque anni (dal 2024-25 e fino al 2028-29) più un eventuale miliardo in base ai livelli di share e abbonati.

Fonte: Gazzetta.it

Articolo precedenteCandela: “Nel 2004 il gruppo si spaccò con i brasiliani. Con Aldair finimmo alle mani. Zalewski? Da quando si è spostato a destra si è perso”
Articolo successivoBOVE: “Roma unita, la nostra forza è il gruppo. Il rinnovo? Qui sono felice, ma di queste cose non parlo in pubblico”

22 Commenti

    • Ovviamente c’è sempre la clausola che impedisce a Sky di trasmettere la Roma (Monza a parte…)

  1. In Inghilterra vedere tutta la Premier costa oltre 100 € al mese.
    In Italia un terzo.
    Siamo tutti contenti, ma almeno smettiamola di paragonarci alla Premier
    (dove anche i posti allo stadio, quando disponibili, costano molto di più)-
    Soprattutto quando c’è gente anche qui che si vanta di usare il pezzotto,
    ovvero di infrangere la legge, e complimenti.

    • Hai ragione ma il tenore di vita è più alto comunque per la qualità che vediamo paghiamo troppo

    • vabbè in italia il calcio è il secondo sport nazionale, il primo è lamentarsi. I 30/40 euro sicuramente possono pesare nell’economia familiare ma spesso e volentieri si spendono le stesse cifre in sigarette e non ci si fa nemmeno caso

    • Non sono tanto i soldi, ma lo spettacolo. La stragrande maggioranza sono partite inguardabili di una noia atroce con infiniti passaggi indietro, meline a centrocampo, errori tecnici imbarazzanti, giocatori che stramazzano a terra e perdite di tempo infinite appena vai 1-0.

      Poi arrivano le partite di Champions e scopri che il calcio è ancora quel bel gioco che ricordavamo.

    • il problema dello spettacolo lo risolvi solo cambiando i regolamenti, si potrebbe provare ad inserire il tempo effettivo ed allo stesso tempo riducendo i tempi a 30 minuti per tempo sperando che questo produca rtmi più serrati

  2. Ieri sera ho visto Milan – Yuventus, una classica del calcio italiano. Partita orrenda, pessima copia dello spettacolo a cui si assisteva 15 anni fa. Finché continueremo a far giocare orde di stranieri scarsi e strapagati invece dei nostri giovani, lo spettacolo (si fa per dire) sarà scadente. Il Monza ieri ha dimostrato che i nostri vivai non sono privi di validi giocatori. Per quanto riguarda la Roma, ho sempre sostenuto che farei una squadra di soli Romani.

    • Orde di stranieri scarsi e giovani italiani invece così forti, però Inghilterra – Italia è finita 3-1 per loro e guarda un pò a causa della differenza di qualità tra loro e noi, basta pensare a Bellingham che ha 20 anni ed è più forte dei nostri giovani e non è nemmeno l’unico.

    • @Ivan, secondo me Zenone ha posto male il problema ma ha ragione. È sbagliato dire “orde di stranieri” che fa pensare a un tipo di approccio politico, chiamiamolo, un po’ miope, ma nei fatti l’Inghilterra ci ha asfaltato perché loro i ragazzi li fanno giocare, hanno vivai e strutture che in Italia ce li sognamo – i famosi campetti di plastica di cui parla Mou. Anche noi avevamo i Maldini che esordivano a 16 anni ed erano già competitivi.
      Credo, per quello che ho letto dato che sono uno zero in materia, che il problema maggiore non sia tanto formare i ragazzi da 8 a 15 anni, ma fargli fare il salto nelle Primavere. Anche la Roma ha tanti ragazzi promettent che poi però si perdono e noi stiamo sempre a dire, le vedove di Calafiori, guarda dove gioca. Forse se Calafiori avesse avuto l’opportunità di completare il percorso in un altro modo oggi sarebbe in prima squadra fisso.
      Ma noi abbiamo giocatori palesemente forti che fanno mezzo anno in cui dimostranod i esserlo e poi si spengono, vi siete chiesti perché succede? Uno mica disimpara la tecnica, semplicemente non fa l’ultimo gradino, quello che ti fa diventare un campione.

  3. Poi ci chiediamo perché non radiano e/o retrocedono la juventus ogni volta che commette illeciti: con più di 10 milioni di tifosi sai quanto ci perderebbero Dazn, Sky e lega con gli abbonamenti? In Italia comandano le squadre che hanno più tifosi….

  4. Sky e Dazn sono una vergogna, servizi pessimi e costi altissimi.
    L’abbonamento totale dovrebbe costare sui 10 euro al mese e vedete che il pezzotto sparirebbe, aumentando il numero di abbonati invece i “gargarozzoni” sperano di fare abbonamenti in questo modo con un campionato pessimo pieno di gente che corre e basta, ma con la benzina a 2 euro il carrello della spesa aumentato di un 1/3 in poco tempo e le bollette alle stelle non so questi cosa hanno in testa, per vedere campionati falsati e ridicoli…..

  5. i diritti andrebbero divisi più equamente tra tutte le squadre. poi però il prezzo di 41 euro al mese di dazn è una follia per uno spettacolo che non è all’altezza..

    • Dazn è orribile, ma costa € 299,00 all’anno: che, per vedere tutte le partite, non è eccessivo. Il problema è come le vedi…

  6. Ma per chi volesse vedere solo la Roma come me perché delle altre non me ne può fregare di meno perché non danno la possibilità di fare un abbonamento a prezzo più basso solo per la visione della propria squadra del cuore? Mi sembra ragionevole tipo massimo €20 al mese e avrebbero molti più abbonati.

  7. Ok Idi di Marzo, noi generazioni di giocatori forti, altro che Bellingham, parliamo di Totti, Baggio, Del Piero, Zola, ecc…., li abbiamo avuti ma giovani del genere, fuoriclasse non sono più nati.
    Non è vero che i nostri giovani non vengono fatti giocare perché Mourinho ad esempio ne ha lanciati parecchi, Bove ha fatto un percorso di crescita ed a 21 anni gli capita anche di giocare titolare, altre squadre in cui vengono mandati sono comunque squadre che giocano in serie A, alcuni finiscono anche all’estero, Udogie gioca in Premier, ecc…. Il vero problema è a monte, all’origine quando si comincia dai pulcini, all’estero i ragazzini imparano calcio divertendosi nel senso che si predilige il saper giocare a pallone imparando giocate tecniche e molto meno esasperazioni tattiche, qui da noi invece non esiste più il puro piacere di giocare a pallone come accadeva per noi una volta anche sotto casa oppure ai giardinetti imitando i vari campioni o fuoriclasse con tentativi di vari colpi tecnici ed alle scuole calcio oggi s’insegna tattica e guai a provare a fare rovesciate, colpi dello scorpione, palleggi, trick vari, ecc…, fisico da buttafuori ok ma senza tecnica, scarpari ok ma l’importante è fare i “fabbri o macellai” tenedo rigorosamente l’assetto tattico, già da bambini.
    Qualche giovane se la cava tipo Vignato, Colpani, Baldanzi, Parisi, Casadei, Bove, promettono bene Pagano e Pisilli ma non basta, nessuno è a certi livelli come quelli del passato oppure come Bellingham ma anche come Renato Sanches quando era diciottenne e fu acquistato dal Bayern per 35 milioni, era mostruoso, oppure come Musiala.
    Purtroppo la realtà è questa. Poi, Zenone ho capito si riferisse ad orde di stranieri nel senso di stranieri giovani, giovanissimi acquistati in passato anche da Sabatini che si sono rivelati poi delle pippe ar sugo, anche scarsi o meno forti dei nostri giovani che avevamo ed abbiamo nel settore giovanile, mi vengono in mente Coric e Bianda ed infatti do ragione a te ed anche a Zenone su questo.
    Però poi, ci sono come realtà tutte quelle problematiche che ho descritto sopra e resta il fatto che tolta la nazionale U19, l’U21 non vince più e non fa nemmeno le Olimpiadi, la nazionale maggiore addirittura per 2 volte consecutive non si è qualificata ai Mondiali ed è un avvenimento di portata storica in senso negativo, eccezion fatta per l’Europeo vinto però con giocatori più maturi ed esperti a parte qualche giovane.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome