Serie A, il Milan vince il derby grazie a un super Leao: Inter battuta 3 a 2

27
1077

ULTIME NOTIZIE SERIE ATrionfo del Milan nel derby milanese, con i rossoneri che superano l’Inter in rimonta col punteggio di tre a due.

Gara emozionante e piena di occasioni fin dall’inizio. A sbloccarla è l’Inter con un gol di Brozovic, che trova spazio centralmente e castiga col piattone Maignan.

Ma il Milan non si scompone e trova il gol del pareggio con Leao, bravo a trafiggere Handanovic col sinistro dopo un assist di Tonali. I rossoneri giocano meglio e creano più occasioni, ma la frazione si chiude in parità.

Nella ripresa i ritmi restano alti, e al 54′ arriva il sorpasso rossonero: cross basso a centro area di Leao per il sinistro di prima intenzione di Giroud, con la palla che si insacca all’angolino. L’attaccante portoghese si esalta e diventa incontenibile: il gol del 3 a 1 è una perla per forza, velocità e tecnica.

La gara resta vibrante e Dzeko, gettato nella mischia da Inzaghi, trova la rete del 3 a 2 che riaccende le speranze dei nerazzurri. Ma l’Inter si scontra con Maignan e deve arrendersi. I rossoneri ora scavalcano momentaneamente la Roma in vetta, a quota undici punti. L’Inter invece resta ferma a quota nove.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteSerie A, pari tra Fiorentina e Juventus: al Franchi è uno a uno, Kouamé risponde a Milik
Articolo successivoSerie A, il Napoli passa all’Olimpico: Lazio battuta 2 a 1 in rimonta

27 Commenti

  1. damo che lo dico che simonetta e un incompetente,l’unico avversario che me fa paura e il milan,per l’allenatore che purtroppo e bravo e per il parco giocatori

    • Pioli è il classico allenatore che fa bene solo in determinate situazioni, altrimenti fa schifo.
      Prima del milan, me lo ricordo quando ha fatto piuttosto bene coi pennuti e poi basta. Tra l’altro, solo con l’arrivo di Ibra è riuscito a riacchiappare la sua attuale squadra (non dimentico il 5 a 0 che gli orobici gli hanno rifilato. Il totale porta a 3 anni, circa, di alta qualità in tutta la carriera. A 56 anni.
      Bravo ok, ma non iniziamo a montarlo troppo. Questo vale come gasperini, uno che fuori dal suo contesto ideale arranca parecchio.

    • Nessuno mi fa paura, specialmente Pioli, rispetto si, paura no… Ha miglior parco giocatori linde, ma, simonetta non sa farli girare💛♥️🐺🐺🐺🏆

    • Me sa che neanche la partita hai visto… Maignan ha fatto quattro miracoli veri… 💛♥️🐺🐺🐺🏆

    • a sogni di latta datte all’ippica e mettete un paio d’occhiali boni sei tu che non hai visto la partita fino al 3 1 hanno giocato a una porta poi dopo il 3 2 hano avuto 2o3 occasioni,comunque inverti i due allenatori alle milanesi poi vedemo chi vinceva l’anno scorso,detto cio me tengo stretto mou che e fori categoria

  2. Culoncino…. senza i magheggi del pregiudicato e l’aiuto degli arbitri…annaspi

    Grazie San friedkin per la leggenda José

    Forza grande Roma ale’

    • Confermo: perché Giroud dopo essere stato ammonito può mandare impunemente affanculo l’arbitro che è di fronte a lui a mezzo metro di distanza e questo sta zitto?
      L’avesse fatto Zaniolo….minimo espulsione e tre giornate di squalifica.

  3. La Giuve colleziona pareggi (3), l’inda è alla seconda sconfitta; questo l’andamento delle due super favorite ai nastri di partenza.

  4. Vince la squadra che lotta su ogni pallone … con determinazione.

    Come al solito,simoncino si sveglia tardi mettendo in campo Dzeco e Miki tenendo in ansia la retroguardia rossonera …

    Maignan evita un altro pareggiotto a cui ci avevo sperato,per la classifica, (mannaggia a quella … ) in attesa del napoli !

  5. Ma simonetta non era un predestinato?
    Ando’ sta spruzzogol? Sparito come sempre?
    Ma mangera’ il panettone a milano oppure o spungata a piacenza?

  6. L’Inter mi sembra una squadra che vive di fiammate, con fasi di stanca in cui commette errori che costano cari. Così come coi pigiamati ha avuto dieci minuti di deficit di concentrazione e ha pagato pegno. Dà l’impressione di un gruppo un po’ spento rispetto ai tempi di Conte.
    Il Milan sembra più un collettivo, nella buona sorte come nella difficoltà.
    Un pareggio non sarebbe comunque stato certo uno scandalo.

  7. Inzaghi e un allenatore che non vale neanche un allenatore delle giovanili basti pensare a come ha perso l altro anno il campionato vinceva con la lazie perché tutti dietro e tirava a immobile più arbitri compiacenti con record rigori quanti erano 20 in un campionato? Tempi infjniti finché non segnavano 8 minuti di recupero quando ne avrva concessi 4 ora tutti si chiedono perché l Inter gioca male

  8. Il Milan si merita quello che ha, perché ne apprezzo la voglia e e l’impegno.
    Ha le sue prerogative che sfrutta appieno, inclusa la giusta dose di fortuna.
    In un campionato “onesto” mi piace confrontarmi con questi avversari perché guidati da un UOMO di valore.
    Superare il Milan non è mai facile perché danno tutto, sposano in pieno la loro causa.
    Noi dovremo aggiungere alle nostre armi quella concentrazione necessaria nei 90′.
    Sono fiducioso perché quel trend mi pare si stia seguendo.
    Credo che il campionato sarà più per squadre di questi valori che per quelle per cui “la propaganda” va per la maggiore!
    Almeno me lo auguro….
    FORZA ROMA

  9. La Lazio è una pena segno che Sarri è un signor nessuno. La parentesi Napoli fu un regalo del grande Benitez lui non c entrava un caxxo.

    • te dici?
      paura di nessuno però non sottovalutiamo il Milan. Hanno calciatori giovani che hanno fame. Io credo che nessun difensore è capace di fermare Leao. Magnan è un fenomeno, Hernandez per me è tra i cinque terzini più forti in Europa. Giroud è un campione. Bennacer, Tonali e Origi ( quest’ultimo dal Liverpool ) recuperano un botto di palloni a centrocampo, fanno intensità, pressione, i primi due sono anche piuttosto tecnici. Rebic quando entra fa il suo, sembra aver recuperato da un brutto infortunio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome