SHEVCHENKO: “Domani i tifosi possono essere il dodicesimo in campo. Ho grande stima di Mou, con me è sempre stato onesto”

8
559

AS ROMA NOTIZIE – Andriy Shevchenko, neo allenatore del Genoa, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della partita contro la Roma. Queste le sue parole:

“Sorrido perchè a Genova c’è il sole e serve ottimismo anche se abbiamo tantissimi infortunati. Ci mancherà moltissimo Criscito, per qualità e importanza all’interno della squadra. Penso ci sia qualche responsabilità del terreno di gioco di Pegli negli infortuni. Ne ho già parlato con la società e ora dobbiamo pensare ad allenarci, prima di Natale faranno i lavori. La salvezza sarebbe come uno scudetto? No, sarebbe come una Champions“.

Sul gioco: “Non vedremo necessariamente la mia idea di calcio, mi devo adeguare ai giocatori che ho. E per questo domani vedrete il sistema di gioco più congeniale ai giocatori che ho a disposizione. Stiamo cercando compattezza. Pandev è un giocatore fantastico e disponibile, vedremo se domani giocherà”. E prosegue con un appello ai tifosi: “Spero ci aiuti l’entusiasmo della gente, abbiamo bisogno del dodicesimo uomo in campo e sono sicuro faremo una buona partita“.

Su Mourinho: “Al di là degli ultimi risultati, la Roma è una squadra molto forte, pericolosa nei calci piazzati e che sa creare molte occasioni. Al di là di quello che è stato scritto io ho grande stima per Josè come allenatore e come uomo. Se mi ha fatto giocare poco al Chelsea è perché avevo avuto molti infortuni e lui è sempre stato chiaro e onesto con me nel dire che giocava chi era nelle condizioni migliori“.

Articolo precedenteBryan Cristante e Gonzalo Villar positivi al Covid. Salteranno Genoa-Roma (COMUNICATO)
Articolo successivoMOURINHO: “Tante assenze, siamo in difficoltà. Conte, il Tottenham e le parole di Pinto? Prossima domanda…” (VIDEO)

8 Commenti

  1. Oh nooooo…..è mo come la mettiamo con i giornalisti bla bla bla e con il Corsport…ma no Sheva non dovevi parlare così , dai…

    • Io penso che la cosa migliore per smentire i giornalai sia parlare, sgombrando quindi il campo da ogni illazione.
      I no comment invece sono pericolosi perché alimentano i dubbi.

  2. Questo c ha scippato lo scudetto nel 2004…domani lo dobbiamo asfaltare e farlo tornare subito nella steppa sovietica a raccoglie grano

  3. E All’improvviso guarda caso contro la Roma ma questo é un dettaglio tutti scoprono come Marassi sia il dodicesimo uomo inferno bolgia ambiente caldissimo queste sono più o meno le cose che hanno detto questa settimana pennivendoli e non solo stanno preparando un bel ambienti manco fossimo al bombonera e
    Comunque a parte tutto domani se non dovessimo vince al netto degli arbitri e dei vari bla bla bla annamose a nasconne per esaurimento scusante

  4. lo sto denunciando da un bel po’ chi fomenta sto caos nel calcio usa stampa televisione politica questo e’ solo caos. Basta inventare liti aspetto la presa di distanza di Micky che se vuole andare via a gennaio puo’ andare via ma no perche’ a litigato con Mou. Chiariamo bene quando sei un bugiardo e vieni scoperto non sei credibile piu’ poi aspettati le risposte giuste di Mou alle conferenze poi non venire piu’ in conferenza se qualcuno vi risponde a tono il caso Juric. Ripeto ce stampa e stampa l’avevo detto l’altr’anno caso manchester le balle portano a non vendere copie perdere credibilita’ di testata. Fiorini fatti garante nell’associazione veramente di cambiare sto sistema d’ informazione che porta veramente al tracollo di una categoria che della ricerca della verita’ e’ la prima cosa. Tutte ste bufole portano a far si chi ne usufruisce legge notizie di fantascienza no di calcio. ieri su Youtube un intervista su Gianni Rivera parlando del dualismo con mazzola a ricordato come il Direttore della gazzetta dello sport dell’ epoca noto interista avesse mosso mari e monti per creare sto dualismo che non c’era il direttore della Gazzetta si chiamava lui non lo ha detto un certo Brera ed e’ vero!!!!Fa’ capire

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome