SLOT: “Roma favorita, ma non di molto. Mi sarebbe piaciuto affrontare di nuovo Mourinho.”, HARTMAN: “Vogliamo eliminarli”

10
528

NOTIZIE AS ROMA – Arne Slot e Quilindschy Hartman, rispettivamente allenatore e calciatore del Feyenoord, sono intervenuti in conferenza stampa alla vigilia della super sfida contro la Roma, valida per l’andata dei playoff di Europa League. Ecco le loro dichiarazioni.

LE PAROLE DI ARNE SLOT

Un giudizio su De Rossi?
“Ogni allenatore ha le sue qualità, ma la cosa più importante è la qualità individuale dei giocatori. Naturalmente l’allenatore conta, ma contano soprattutto i giocatori”.

L’esonero di Mourinho?
“Mi sarebbe piaciuto affrontarlo di nuovo. Se lo affronti in carriera vuol dire che stai facendo bene, ma la Roma ha deciso di prendere un’altra strada”.

La Roma è la favorita?
“Se si guarda la storia, la Roma è favorita ma non di molto. È una sfida più grande per noi che per loro”.

Le condizioni di Gimenez?
“Oggi farà l’ultimo test, ma decideremo domani se giocherà o meno. Sarà una decisione importante da prendere, ma la stagione non finirà domani. Dobbiamo prima vedere se potrà allenarsi oggi”.

La Roma di De Rossi?
“Con il nuovo allenatore la Roma non dovrebbe cambiare troppo nell’undici titolare. Ho visto la gara con l’Inter, non penso ci saranno tante differenze. De Rossi è un allenatore che vuole ottenere il massimo dai suoi giocatori”.

Preferisci la tattica o la qualità individuale?
“La tattica è importante fino a un certo punto, poi subentrano le qualità individuali dei calciatori, i quali hanno un’enorme influenza sul risultato finale”.

Preferisci Griezmann o Dybala?
“Sono mancini e sono un piacere da guardare. Da tifoso di calcio mi piace guardarli, tranne quando dobbiamo giocare contro di loro (ride, ndr). Se questi giocatori hanno voglia e sono motivati al 100% possono risolvere le partite da soli. Dobbiamo coprire le linee di passaggio il più possibile”.

Sentimento di rivincita con la Roma?
“Se vi dico i giocatori che ci saranno domani, rimarrete scioccati dal vedere quanti c’erano anche l’anno scorso. Non voglio parlare di vendetta, ma voglio vincere”.

Le assenze?
“Ci sono ragazzi che ci mancano da tanto tempo, quelli disponibili invece stanno lavorando duramente. Non vedo differenze di rendimento tra Beelen e Trauner, gli infortuni che abbiamo mi preoccupano per il lungo termine, non solo per domani. Geertruida non sta bene, se fosse in campo domani sarebbe una grande fortuna ma non credo”.

La semifinale di Coppa d’Olanda in programma martedì 27 febbraio?
“Si poteva giocare mercoledì o giovedì. Mercoledì avremmo avuto un giorno di riposo in più in vista del PSV. Sarà difficile con i nostri infortuni, ma i tifosi ci sosterranno”.

LE PAROLE DI HARTMAN

Come ti senti? Si parla di un virus influenzale nella vostra squadra.
“Non è così grave come ho letto da qualche parte. Giusto uno/due giocatori hanno avuto qualche problema, gli altri sono tutti in ottima forma”.

La sfida con la Roma?
“Abbiamo giocato bene due volte contro la Roma, ma abbiamo perso. Ora vogliamo andare avanti”.

Hai già marcato Griezmann, ora ti attende Dybala.
“Penso non basti solo un giocatore in marcatura, ne servono altri per contenerlo. La nostra difesa sta reggendo bene rispetto alla passata stagione, stiamo giocando spesso insieme e stiamo migliorando. Subiamo pochi gol da diverso tempo, siamo fiduciosi”.

Differenze tra la Roma di Mourinho e quella di De Rossi?
“Sì, guardo tante partite e ci sono delle differenze. Ora giocano più offensivi rispetto a prima, ma restano ottimi giocatori e alla fine non ci sarà tanta differenza”.

State affrontando molto spesso la Roma.
“L’intenzione è sicuramente vincere, ma non perché parliamo della Roma ma perché si tratta di un’importante partita in Europa League. Vogliamo andare avanti e quindi dobbiamo eliminare la Roma”.

Articolo precedenteULTIME DA TRIGORIA – Conclusa la rifinitura: Cristante recupera, ok Smalling e Spinazzola
Articolo successivoFrosinone-Roma, sold out il settore ospiti (COMUNICATO)

10 Commenti

    • bisogna riconoscergli che non sono certo scaramantici oltre ad una testa più dura di un cristallo di boro

  1. Sempre trasuda aggressività incluso quando si esprime con concetti basici e banalità varie, strano personaggio questo Slot…
    mi ricorda Van Gaal, quei vigliacchi olandesi un pochino “tokkies” per dirla nella loro lingua.

  2. Penso che entrando con lo spirito giusto possiamo vincerla 1 a 0 o 2 a 1. L ultima volta è stata dura ma abbiamo retto abbastanza (Pellegrini sbagliò rigore ma prendemmo un gol). Adesso però si vede una Roma più forte, che attacca di più e riesce a dominare l’avversario (bisogna solo lavorare sulla gestione delle energie cercando di mantenere intensità sempre)

  3. Sempre le solite scontate domande. Nessuno che chieda a Slot l’unica cosa che veramente volgiamo sapere: ndo l’hai messi i Goonies?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome