SOLBAKKEN: “Tornerò più forte, grazie per i bei messaggi”

13
1302

AS ROMA NOTIZIE – Costretto a lasciare il campo nel corso di Torino-Roma, sfida vinta dai giallorossi per 1-0 grazie alla rete di Paulo Dybala dal dischetto, a causa di un infortunio alla spalla sinistra, Ola Solbakken si affida ad Instagram per comunicare le sue prime sensazioni.

Il norvegese ha rimediato una lussazione alla spalla e nei prossimi giorni verranno valutate le sue condizioni:

“Grazie per tutti i messaggi gentili, tornerò più forte”, il suo messaggio. Il pericolo è che le sua stagione possa essere finita qui.

Articolo precedenteZaniolo, Galatasaray eliminato dalla Coppa di Turchia: sfuma un bonus per la Roma
Articolo successivoIl Feyenoord travolge il Waalwijk (5-1), titolo a un passo

13 Commenti

  1. Sì, ma fattela mettere bene a posto sta spalla, perché mi sa che l’altra volta non hanno fatto un buon lavoro lì a Bodo…

  2. Sarò idiota ma ho 51 anni e da 47 seguo la Roma.. Questo è uno forte..se da un lato è vero che a Trigoria mou non lo voleva bruciare, è anche vero che poteva pensarci Prima ma purtroppo mou è dipendente dai procurati.. Storia lunga..

  3. Mi sà che ha ragione Zio Dan: è uno degli infortuni più strani di lussazione alla spalla che abbia mai visto. Ho memoria ad es, l’infortunio di Salah in finale di Champions Real-Liverpool 3-1 (ahò Karius s’è consolato bene dalle papere che fece quella sera con una certa Diletta…!); Sergio Ramos lo trascinò violentemente a terra con il peso del suo corpo sopra e si ebbe subito la sensazione che l’Egiziano si era lussata la spalla in maniera grave. Nel caso di ieri non si è avuta la stessa percezione, anzi pensavo che si fosse fatto male al polso ricadendo. Zio Dan ha giustamente ricordato che Solbakken ebbe un grave infortunio alla spalla quando giocava al Bodo che lo tenuto fuori 3 mesi. E’ lecito chiedersi se è stato curato nel migliore dei modi dai protocolli ortopedici Norvegesi. Anche se più grave, mi ricordo come Strootman fù curato dai medici Olandesi: se non c’era un certo Prof. Mariani con i nostri italici protocolli, che reputo i migliori visto quello che il Luminare fece con Totti, Kevin si sarebbe dovuto ritirare dal calcio mentre gioca ancora oggi nel Genoa a buoni livelli. Insomma mi sbaglierò ma la faccenda “me puzza”,i protocolli di cura del Nord Europa non mi ispirano molta fiducia. Sono convinto che se Chiesa e Spinazzola invece di farsi operare dal Luminare Finlandese si fossero rivolti al Prof. Mariani dopo 6 mesi già erano in campo, visti i tanti calciatori che ha rimesso in campo con questa tempistica. E Zaniolo? dopo il primo crociato operato da Mariani dopo 6 mesi segnava un gol “coast to coast ” contro la Spal. Dopo il secondo crociato (che non era lo stesso ginocchio operato in precedenza) decide di operarsi in Austria. Risultato? torna in campo dopo un anno, visibilmente con più massa muscolare, dovuta al lungo periodo di riabilitazione in palestra, che lo appesantisce e gli fà perdere quell’agilità e leggerezza di corsa che lo avevano prima contraddistinto, quelle doti possedute dal suo idolo Kaka’ e che lo avevano reso un talento unico in Italia. Ma sapete, il Prof. Mariani, all’amatriciana, non ha lo stesso fascino dei Luminari del Nord Europa…

    • Esatto amico mio. Il buon Ola si è fatto male da solo, malgrado qui qualcuno si sia affannato a tirare in ballo calcioni(?) o chissà quale altra nefandezza del difensore granata.
      Ho rivisto più volte l’episodio e non c’è assolutamente nulla di doloso: la spalla esce in seguito ad un movimento probabilmente brusco, ma ancora più certamente perché il vecchio problema non era stato curato a regola d’arte.
      Ovviamente al tempo Solbakken poteva essere curato solo lì; speriamo che adesso sia affidato a mani più capaci.
      Per il resto concordo anche sulle virgole: qui in Italia abbiamo avuto sempre l’eccellenza assoluta nel trattare questo ed altri tipi di infortuni, non si comprende questo improvviso accesso di esterofilia che non mi sembra stia dando risultati affatto migliori.
      Gli esempi da te citati sono lampanti. Forse il tutto va ricondotto al proliferare di proprietà straniere che evidentemente non hanno contezza di quanto qui non ci sia nulla da imparare da nessuno.

  4. Anche io penso che sia forte, secondo me è’ un elemento da tenere stretto in quanto quelle poche oltre che ha giocato ha dimostrato delle qualità’! Speriamo si rimetta bene dall’incidente! L’anno prossimo può’ essere un’ottima alternativa in diverse partite! Intanto, già facendo il ritiro con noi senza dubbio sarà’ un vantaggio!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome