Sorpresa a centrocampo: Ghisolfi punta Sucic del Salisburgo. I soldi possono arrivare da Aouar

30
743

ULTIME NOTIZIE CALCIOMERCATO ROMA – Una sorpresa per il centrocampo della Roma: i giallorossi stanno seguendo da tempo Luka Sucic del Salisburgo, giocatore di 21 anni che lunedì ha brillato contro l’Italia. Lo rivela l’edizione odierna di Leggo.

I giallorossi, in virtù del contratto in scadenza nel 2025, sono rimasti colpiti dalle doti del ragazzo, su tutte le sue capacità balistiche e quelle di inserimento, che lo hanno portato a realizzare 18 gol e 19 assist in 4 stagioni.

Il costo del cartellino è fissato a 18 milioni di euro. All’incirca quelli chiesti dal Watford per Ismael Konè altro obiettivo caldo di Ghisolfi, ma anche del Marsiglia. I soldi necessari per chiudere l’affare possono arrivare dalla cessione di Houssem Aouar che ha due richieste da 12 milioni di euro dell’Al Saad e di un club saudita.

Fonte: Leggo 

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteUFFICIALE: Daniele De Rossi rinnova con la Roma fino al 2027. L’allenatore: “Grazie della fiducia, non vedo l’ora di ricominciare” (COMUNICATO)
Articolo successivoPer l’attacco la Roma ha scelto Strand Larsen

30 Commenti

    • anche perché susic non è un box to box come kone ma per caratteristiche si avvicina più a pellegrini. solo più giovane e con margini di miglioramento

  1. Sucic era già molto promettente, una stella della Youth League di qualche anno fa; venne accostato agli sbiaditi, che poi per fortuna mollarono. È un po’ tardi ma resta un ottimo giocatore, con prospettive di miglioramento.

    • non lo conosco quindi non posso giudicare, ma a noi servono giocatori col cambio di passo. La fisicità ce l’abbiamo già.

  2. Il calciomercato è la gioia dei giornalai, girandole di nomi uno dietro l’altro ed interesse per montagne di giocatori.
    Probabilmente sta anche nel gioco di procuratori e DS, nell’acqua calma ci vedi bene in quella mossa molto meno.
    Alla fine però sin quando non ci sono le firme sono solo nomi che circolano e ad oggi ne circolano tanti in casa Roma alcuni anche molto fantasiosi viste le cifre in gioco.

  3. Ci sono 7 giocatori in prestito , uno però è stato riscattato , ne restano 6 .Poi 2 in scadenza e siamo a 8. Karsdorp e Smalling da vendere e siamo a 10. Ce ne sarebbero altri ma restiamo al minimo . Dieci giocatori da sostituire e sento parlare di vendere Aouar , Tammy , Bove . Dai primi 10 ricavo zero , con gli altri 3 quanto puoi realizzare ? Ci dovresti comprare ,13 giocatori , se uno parte e uno arriva è questo che dovrebbe succedere. Vi sembra possibile ?

    • Discorso logico e sensato il tuo. Io ho fatto un calcolo tra un minimo di 8 e un massimo di 10/11.

      – Un portiere di riserva (già preso)
      – Uno o due terzini destri (se partono entrambi Karsdorp e Celik)
      – Uno o due centrali (partono Smalling e Kumbulla e Llorente non viene riscattato)
      – Un terzino sinistro
      – Due o tre centrocampisti (se partono Aouar e Bove)
      – Un esterno alto a sinistra (cedendo Zalewski)
      – Uno o due centravanti (se parte Abraham)

      Ci sarebbe da verificare anche la voce esterni alti a dx perché sia Dybala sia Baldanzi interpretano quel ruolo in modo atipico e forse almeno un interprete classico del ruolo ci vorrebbe, e in quel caso probabilmente l’ex empolese potrebbe essere spedito a giocare in prestito.
      Tutto questo al netto di ipotesi più o meno fantasiose come quella di Dybala falso nueve, secondo me una cosa difficile da vedere considerata la cronica inaffidabilità fisica dell’argentino. E siamo sicuri al 100% che Paulo rimanga qui?
      In ogni caso non so come abbiano fatto alcuni organi di informazione a ipotizzare l’arrivo di 5 nuovi volti: non sono minimamente sufficienti a mettere su una rosa decentemente carrozzata sui tre fronti, forse nemmeno su uno.

    • Sì, non per fare “telavevodetto!”, ma lo scrivevo da Aprile, anche in ottica “ci serve la qualificazione Champions”.
      Bello aver provato a lottare su tutti i fronti, adesso però la situazione è questa.

    • Il problema è che come fai rischi seriamente di sbagliare: se ne cambi pochi di giocatori resti con l’ossatura della rosa attuale che è scarsa, se ne cambi tanti sei obbligato a prenderli di medio/basso livello perché non puoi spendere molto; ma poi realisticamente, anche se prendessi 11 campioncini non è detto che l’amalgama riesca per forza.
      Diciamolo subito, De Rossi e Ghisolfi hanno davanti a loro un compito più che arduo, partendo dalle macerie lasciate dal duo portoghese.
      Io credo però che i Friedkin non siano affatto preoccupati di questa situazione, lo sostegno dal primo anno quando stupirono tutti confermando Fonsega: il loro target sono le coppe minori, gli “serve” quel tipo di visibilità, Cannes ed Everton lo stanno a confermare. Spero vivamente di essere smentito.

    • “Fonsega” il primo anno arrivò quinto con 70 punti, non li abbiamo manco più sfiorati dopo!
      E ci arrivò con Villar, Diawara, Carles Perez, Bruno Peres, Mayoral, Pau Lopez, ecc., con Zaniolo che in quel momento era “on fire” azzoppato a gennaio.
      Fu quasi linciato per questo, mentre successivamente i sesti posti coi 60 punti stentati del Mago di Setubal sono stati salutati come un “miracolo”.
      In quanto al numero degli acquisti necessari, è un semplice fatto numerico: per arrivare ai 25 canonici della lista, tenendo conto, di due o tre ragazzini, hai bisogno di prenderne tra gli 8 e gli 11 a seconda di quante saranno le partenze oltre ai fine prestito e contratto, non si scappa.

  4. Ennesima notizia non vera altro nome buttato lì. Dai provate tutti i giorni che su sta rota che gira un nome lo indovinate!!

  5. Mi divertono quelli che siccome conoscono i nomi di 40 giocatori, bollano tutto ciò che non gli suona familiare come pixxe al sugo.
    Scusate eh, ma Kvaraskelia, a parte gli addetti ai lavori, chi lo conosceva prima che arrivasse a Napoli?
    Tra l’altro, non potendo noi competere economicamente con le big europee, gli unici nomi noti, i c.d. “gambioni” , che potrebbero arrivare da noi sono calciatori a fine carriera o in cerca di rilancio.
    Direi che con i Renato Sanches abbiamo già dato.

    • Ma che sta a dì, noi volemo solo li gambioni, come Transumanza Pastore, Desaparecido Wjinaldum, Ashley Colica e Renato Bidons, basta co’ sti sconosciuti che poi magari se rivelano pure forti, solo giocatori cor bollino blu, a partì da Chiquita!

  6. Il mercato è in ribasso, solo 18M.
    Fino a ieri costavano tutti 20.
    Teniamo duro, forse tra una settimana lo prendiamo a 15.

  7. OTTIMO SUCIC, MA con l’addio di aouar, quello di Sanches, forse quello di bove, e la discontinuità di pellegrini non serve un titolare, ma DUE titolari a centrocampo.

    Esce aouar, dentro SUCIC, esce bove, dentro ismael Kobe o Gabriel sarà, più un altro cambio di paredes giovane l’arruolamento di un pagano o pistilli e siamo apposto.

    Il centrocampo deve essere il reparto più forte e attrezzato.

  8. Io i nomi miei li ho fatti Matt O’ Riley del Celtic Prati del Cagliari Ismael kone del Wattford che sembra indirizzato verso Marsiglia e Bernabe’ del Parma del quale sembra sia interessato Inter ma non sono io il Ds mi auguro solo che vengano presi calciatori di qualità quantità e di gamba per il centrocampo visto che è quello che chiede DDR calciatori di corsa e voglia di lottare per la maglia staremo a vedere

  9. Per Saverio: io ho incontrato Voeller un paio di volte. Se la prima volta era solo un selfie ed emozione, la seconda abbiamo parlato un po’, soprattutto della Roma. Lui, a parte il grande affetto che ha per i nostri colori e la nostalgia per la vita “romana”, non ha nessuna intenzione di venire a lavorare a Roma. Comunque era informatissimo di molte cose che riguardano la Roma e di Boldt non mi ha detto niente. Boldt l’ ho visto una volta proprio qui da me a Brühl, che era venuto a visionare alcuni della j2. So che lui è molto stimato, mi ricordo la manfrina quando si seppe che sarebbe venuto lui in persona… Comunque Jonas Boldt è stato portato da Calmund a Leverkusen, non da Voeller, anche se poi ha lavorato sotto Rudy. Mi sembra strano che non me ne abbia parlato. Se la Roma avesse voluto avrebbe potuto chiamare Boldt quando voleva. Tra l’altro l’ esperienza all’Amburgo è stata deludente (per l’ennesima volta ha fallito la promozione) ed ora è libero. Calmund è l’ azionista più importante della società per cui lavoro, ci parlo spessissimo, sa della mia passione sportiva, ed anche lui non mi ha mai detto nulla.
    Qualche informazione però ce l’ho riguardo quest’ anno, ma sono cose riferite di cose riferite di cose riferite… Vai a vedere come sarà in realtà! Da quello che ho capito comunque è una delle società più attive al momento a livello di sondaggi.
    Vedremo vedremo vedremo… FR

  10. Grazie Pinto ho sempre apprezzato le tue battaglie contro la casta arbitrale e il tuo ribellarti alla stampa servile nei confronti del poteri forti e ,che dire degli scontri con il ” palazzo ” .Certo , il meglio di te lo hai dato ” scovando ” in giro per il mondo giocatori sconosciuti che si sono rivelati dei crac. Poi a gennaio quella che qualcuno ha definito fuga ,ma io non ci credo , fuggire dalle responsabilità è da codardi ma se fosse così non ci avresti sempre messo la faccia , avresti lasciato ad altri il compito di esporsi. Hai portato a Roma Lukaku e Dybala per il quale stravedo da quando giocava nel Palermo ma quali condizioni ? Lukaku per un anno ci è costato 20 milioni ? tra prestito oneroso, 10. , stipendio e tasse .Se sbaglio correggetemi. Con qui soldi si poteva fare meglio ? E Dybala senza problemi fisici sarebbe a Roma tra l ‘ altro con clausole che gli consentivano di andarsene con facilità.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome