SPALLETTI: “Con la Roma sarà uno scontro diretto, gara tutta da gustare. Mou alza il livello del calcio”

25
1177

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Luciano Spalletti risponde alle domande dei giornalisti in conferenza stampa alla vigilia di Napoli-Roma. 

Queste le parole dell’allenatore toscano sulla partita contro i giallorossi, sua ex squadra:

In cosa si differenzia questa partita dalle altre?
“In pochissime cose, ogni partita è difficile, questa di più per quel discorso su quel condominio (candidate allo Scudetto, ndr) che facemmo tempo fa. Sarà uno scontro diretto in funzione dei condomini di quella roba lì, e sarà una gara tutta da gustare tatticamente e come individualità ed i 3 punti sono sempre un bottino da portare a casa”

Usa la bici, il Napoli che tipo di ciclista è? Il Napoli avrà modo di girarsi e controllare gli avversari alle spalle?
“Un ciclista che sa di doversi confrontare con altri altrettanto forti, se non più forti, e deve imparare a stare dritto sui pedali, mai seduti perché si spinge meno e c’è da pedalare forte fino in fondo”.

Si riconosce nell’articolo di Dotto sui suoi giocatori?
“Io non ho avuto modo di leggerlo, però mi fa piacere”.

Con 12 punti di vantaggio sulla seconda l’allenatore cosa deve fare?
“Dice bravi ai calciatori per l’ultima partita a Salerno, in una situazione non facile perché è sempre un derby e ricordiamo la fatica fatta l’anno scorso, la difficoltà nel passare avanti nel primo tempo, poi la Salernitana ha vinto a Lecce. Quindi, bravi! I risultati degli altri non dipendono da noi e quindi dobbiamo avere sempre lo stesso comportamento, fatto di grandi partite, comportamenti umili, attenzione nel fare un passo alla volta, concentrandoci nella postura del passo e dove si mette il piede. Pensiamo al lavoro quotidiano, senza guardare oltre. Nessuno deve avere un comportamento leggero, ma comportamento serio e professionale”.

Che Roma si aspetta? Difensiva come all’andata o più intraprendente?
“Una Roma che ha grandi calciatori, un allenatore molto pratico e concreto che riesce a far capire bene i comportamenti nella partita. Hanno calciatori di gamba, non bisogna mai pensare di gestire la partita, di averla in mano o all’inerzia, loro hanno calciatori tipo Dybala che sfruttano la gamba dei compagni negli spazi e ti impongono di andare a ricomporti la fase difensiva distante da dove l’hai persa e sono rischi a cui dobbiamo stare attenti. Sanno far correre palla e sanno anche corrergli dietro, sono concreti, sanno cosa vogliono, scegliendo bene gli episodi che portano vantaggi ed in quegli episodi danno tutto. E’ una gara pericolosa se non si è bravi a mantenere l’equilibrio, facendo la partita se ci si riesce, ma anche restando in ordine”.

A quanto è fissata la quota Scudetto?
“Non lo so, non è il mio modo di parlare, è un conto che non so fare, non ero bravo in matematica. Io so fare quelli semplici, se si vince siamo a 53!”

In vista della Champions ha bisogno di far salire il minutaggio di 15-16 giocatori?
“Il minutaggio lo fanno la mattina dopo, chi non gioca deve andare più forte e organizziamo una partita con la Primavera per fargli fare una gara vera, come altre volte in inferiorità numerica per poter andare più forte perché anche la Primavera ha calciatori da Napoli, sta facendo molto bene ed è ben allenata”.

La Roma fa il 40% dei gol sulle palle inattive? Cambierà qualcosa o è attenzione?
“La Roma è addestrata bene per prendere vantaggi in ogni situazione, aiutati dalla fisicità, ma anche da un tecnico pragmatico ed esperto, trae risultati dai piazzati e noi lo sappiamo, noi conosciamo loro e loro conoscono noi, sappiamo qualità e caratteristiche e dovremo essere bravi a mettere dentro le nostre caratteristiche”.

Totti ha dichiarato che gli farebbe piacere riparlare con lei. Vale lo stesso per lei?
“Certo, se lui ha piacere nel parlare con me, perché dovrei fare qualcosa di differente? Anche io avrei piacere”.

La gara si prepara da sola ma ora a +12 è più difficile agire sulla testa?
“No, proprio per aver creato questo vantaggio sono intelligenti, non corriamo il rischio di essere meno attenti o meno pignoli, poi se qualcuno si lasciasse un po’ cullare poi domenica quando vede la Roma e Mourinho davanti si rimettono a posto i pensieri perché davanti hanno top team, calciatori e coach, se non sei subito top pure tu rischi di fare brutta figura”.

La Roma ha fatto 4 clean sheet nelle ultime 5, servirà anche pazienza?
“Quando vai a giocare nello stretto della trequarti, se non rimani in ordine o se perdi troppi palloni senza pazienza nel muovere il pallone poi le corse per riconquistare palla aumentano. La pazienza servirà per non perdere troppi palloni sulla trequarti, qualcuno sarà inevitabile ma dovremo palleggiare in sicurezza o perderli dietro la linea e non sui piedi per non essere sbilanciati”.

Sulle griglie estive, il suo lavoro e quello di Mourinho.
“Noi non ci ritenevamo inferiori a nessuno, abbiamo cominciato a lavorare parlando di squadra che doveva migliorare la posizione del campionato precedente, si lavora così. La società per prima ha indicato il percorso per soddisfare i tifosi, siamo partiti e durante il viaggio dobbiamo far bene passo per passo, senza farci distrarre dai panorami perché ce ne sono tanti ma poi si inciampa e si finisce come me con infortuni”.

Chi ti ha impressionato di più tra Mario Rui, Di Lorenzo, Kim, Kvara, Lobotka e Osimhen? 
“Anche Rrahmani, Lobotka, Lozano e Politano hanno fatto quello che dovevano, Zielinski sempre preciso e tecnico, Elmas che dà sempre il contributo. Sono contento di tutti”

Sull’arrivo di Gollini.
“E’ un portiere molto forte, ha avuto un momento di flessione perché da un titolarissimi lanciato per grande squadre s’è ritrovato a doversi sedere in panchina, quindi deve ritrovare tranquillità e poi se ne trarrà beneficio tutti perché fisicamente e tecnicamente e come copertura porta è un portiere forte. Siamo contenti”

In chiusura: “Devo fare gli auguri a Mourinho. Non mi ha invitato, ci sono rimasto male, mi sarei presentato col regalo. Lui è uno di quelli che alza il livello del calcio nella sua globalità, complimenti ed auguri”.

Articolo precedenteCALCIOMERCATO ROMA LIVE – Tutto il mercato giallorosso minuto per minuto
Articolo successivoMOURINHO: “Purtroppo Zaniolo resta qui. E’ da un mese che dice tutti i giorni di volersene andare. Futuro? Aspetto la chiamata del club” (VIDEO)

25 Commenti

  1. Ciao Mister , complimenti per il campionato.
    Anche fra i romanisti c’e’ chi lo apprezza come Mister e come uomo.
    50 punti in 19 partite. wow
    anche preventivando un calo 19 partite 35 punti
    50 + 35 = 85 punti.
    Milan 38 dovrebbe farne 48
    NOI inter lazio 49 l’ Atalanta 51.
    Fine.
    PS
    il Napoil ha fatto a meno di Koulibaly di Fabian Ruiz Insigne Martins Ospina Milik
    A Roma vendere zaniolo= tragedia
    boh

    • Forse perché non si meritato una grande squadra o pensi ci sia un complotto mondiale ai danni di un insignificante personaggio affetto da calvizie?

    • Francesco posso dirti che il tuo discorso è abbastanza stupido?

      Mourinho ha vinto una Champions con il Porto.. Squadra che per valori probabilmente era sul livello di questo Napoli..

      Ed ha avuto campioni.. Ma una squadra come l’Inter del triplete era forte, ma sicuramente inferiore al Barcellona di Guardiola..

      Ed ancora.. Anche Pochettino ha avuto campioni su campioni.. Anche con il PSG.. Eppure ha vinto meno di Spalletti..

      Perché con i campioni ci devi saper fare.. Gli devi dare quella spinta in più.. E chissà se uno Spalletti, bravissimo tatticamente riuscirebbe a farlo..

      Sono mondi completamente diversi..

      Per quanto riguarda gli esoneri.. Tutti gli allenatori al mondo vengono esonerati.. C’è chi vince tre competizioni e viene esonerato.. E chi non vince nulla è viene esonerato.. Trova le differenze..

      Forza Roma..

  2. E’ bravo Spalletti .. ottimo allenatore e da un bel gioco alle sue squadre .. domani per noi sara’ partita difficile .. io pero’ ce l’ho una piccola speranza .. nonostante siamo stati disturbati da Zaniolo .. daje Roma .. daje Mourinho ..

  3. Stanotte Spalletti non prenderà sonno guardando il soffitto della camera da letto.
    Mourinho farà tutta una tirata.
    Questa è la differenza fra chi ha vinto 26 titoli e chi quasi niente.

    • Po’ esse…magari l’avrà guardato pure alla vigilia di Napoli-Juve, partita più delicata di questa perché dietro non avevano ancora fatto harakiri e i gobbi ancora non erano stati penalizzati.
      Risultato: 5-1…seppure ha dormito poco la notte prima, avrà recuperato dopo.

    • domani la Roma farà un partitone.

      a me della scaramanzia me ne frega un cactus.

      ❤️🧡💛

  4. Questa intervista è veramente irritante. Fa il finto moralista. Lo adoravo come allenatore. Purtroppo non sopportavo e adesso ancora meno le sue interviste. Per favore non parliamo di programmazione per il Napoli. È andata tutto per il verso giusto. indebolire la squadra con lo scopo di ridurre ingaggi e ritrovarsi con sconosciuti che fanno i fenomeni. Credo e spero ancora che riuscirà a fare harakiri e perdere lo scudetto. Domani aiutiamoli in quest’impresa spaccandoli sul loro campo.
    Siamo più forti e siamo la Roma
    S.F.R.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome