SPALLETTI: “Mou super allenatore, ma conta la squadra. Sempre contento di tornare a Roma. Anguissa? Difficile…”

19
979

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Queste le parole di Luciano Spalletti in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Napoli:

Come sta Anguissa?
“È difficile sia dentro, non è corretto rischiarlo, altri hanno fatto bene e sarebbe una mancanza di fiducia verso chi s’è allenato ed è allo stesso livello di chi può dare un contributo”.

Le sue scelte di formazione saranno anche in base alla fisicità della Roma?
“Lo ripeto, metteremo in campo le nostre qualità, quello che sappiamo fare dobbiamo continuare a farlo, magari ancora con più qualità e velocità di quello che ci riesce. Poi loro hanno questa caratteristica di incidere sui risultati con i calci piazzati, i numeri dicono questo, dipenderà da quanti gliene concedi… l’atteggiamento in fase di possesso, se tieni palla è più difficile subire palle inattive vicino l’area. Faremo valutazioni corrette sull’essere il Napoli, senza snaturarci”.

Kvaratskhelia come reagisce ai complimenti di grandissimi personaggi?
“Appena dico di andarci piano dite che ce l’ho con lui (ride, ndr), trovate voi una via di mezzo, ma non si fa condizionare, lui è speciale per moralità, convinzione, qualsiasi cosa tu gli vai a chiedere è disposto ad assorbire. Quando gli ho chiesto se ha calciato con tranquillità il rigore… ‘why not’. Una risposta secca, tranquilla”.

Teme lo scherzetto? E lei l’ha preparato?
“Non lo so, ora arriva Mourinho, il super-allenatore, di conseguenza bisogna sempre aumentare le nostre capacità, quello che sappiamo fare. Non lo so se loro penseranno a cosa sappiamo fare noi, ma noi pensiamo a noi, non a cosa pensa la Roma o cosa sa fare la Roma, ma solo la nostra forza. Lui è uno di quelli tremendissimi, ma conta sempre la squadra”.

Percorso inverso per voi: lei e Mourinho siete partiti da ‘zero tituli’ e siete arrivati a ‘Spallettone’. E dobbiamo aspettarci novità?
“È difficile per me non apprezzare il lavoro dei miei colleghi, io posso apprendere dallo scorrimento di partite anche di Serie C, ancora di più da Liverpool, City, Arsenal, diventa ancora più facile perché hanno genialità in panchina ed in campo e quando si unisce questo vengono fuori cose che creano attrazione per gli allenatori. Mourinho è stato uno di questi, poi non lo so, ma percepisco il suo saluto come quello di un amico e io faccio altrettanto. Poi ci sta che se la squadra avversaria sia brava a fare delle cose, tu modifichi qualcosa senza snaturarti. Noi, come loro, abbiamo partite infrasettimanali, si faranno scelte come sempre, anche quando dite che faccio turnover, ma è sempre per vincere la gara e quella dopo. Nel 90% si mette forza sulle nostre qualità, poi anche la piccola attenzione su quello che sanno fare gli altri”.

Giocare è sempre la strada per fare risultati?
“La vedo dura fare diversamente, siamo fatti così. Dentro il campo abbiamo i nostri riferimenti, le nostre qualità, e sono importanti. Sono convinto che più si sta nell’altra metà campo e nella loro area, più percentuali abbiamo. Diranno ma ‘gli lasci campo alle spalle’, ma devi saper fare anche quello, farsi trovare pronti anche sulla pallata dietro la linea difensiva. Il Napoli lo abbiamo pensato così, da sempre, quando sono arrivato”.

La Roma fa della forza difensiva il suo forte. Immagina di dover scardinare la difesa con Osimhen?
“Lo abbiamo detto, ci sono due condizioni nella vita per essere forti, sicuri di se stessi o non esserlo, in mezzo c’è il nulla. Dobbiamo essere sicuri di noi stessi, della nostra forza, altrimenti indeboliamo la nostra forza. Osimhen è nelle condizioni di essere scelto, ha fatto due spezzoni ed una preparazione adeguata post infortuni, abbiamo atteso una gara in più prima di convocarlo per essere tranquilli”.

A Roma con la Lazio la prima grande vittoria, domani cosa rappresenta?
“Sì, a Glasgow la seconda, ad Amsterdam la terza? A Milano? È un percorso che ci ha dato sicurezze e convinzioni, abbiamo giocato su campi difficili. Troveremo uno stadio pieno, una squadra forte ed in condizione, la Roma ha una classifica importante, ha fatto partite da squadra forte, noi siamo nelle condizioni di giocare la nostra partita”.

Il Napoli si trova benissimo nel calcio europeo, un po’ meno contro squadre bloccate. Con la Roma cosa si aspetta?
“Non lo so, loro interpretano i momenti della gara, a volte ti concedono campo e restano con i due attaccanti aperti per partire velocemente, bisognerà fare attenzione. Ma penso alla mia squadra, a cosa sa fare, a gestire la palla e comandare la gara. Loro faranno densità in alcuni momenti, quando lei fa la differenza è per gli spazi, è più difficile fare inserimenti, ma è uguale, fa parte del nostro percorso, di quello che bisogna saper affrontare una squadra come la nostra. I nostri risultati danno qualcosa di più anche agli avversari, le vittorie creano più forza anche negli avversari”.

Ogni volta che torna a Roma c’è un pensiero ricorrente?
“I pensieri belli hanno sempre il sopravvento su quelli brutti, conosco moltissime persone a Roma, ci sentiamo spesso con molti, come questa settimana, e sono dialoghi molto cordiali e ritornare a Roma mi crea sempre molti sorrisi perché tutti quelli che incontro sono sorridenti e di conseguenza sono contento di tornarci e quello che sarà dentro lo stadio non lo so, ma per me resta questa idea ed il mio contatto con queste persone”.

Articolo precedenteMOURINHO: “Napoli favorito per tutti, ma qualche volta il favorito perde. Troppi gol sbagliati, un giorno qualcuno pagherà…” (VIDEO)
Articolo successivoDe Rossi, arriva la prima vittoria da allenatore: la Spal travolge il Cosenza 5 a 0

19 Commenti

    • Io te auguro de pija’ n’ber gran 🥒 etriolone ner deretano, caro Mister pelatone!

  1. Spolliciatemi pure…
    sono felicissimo, al momento, di avere Mou e non lo cambierei con nessun allenatore del mondo …
    ma PER ME, Spalletti resta uno dei migliori allenatori mai avuti dalla Roma, a prescindere dai suoi “difetti di Permalosità” e dal fatto che si sia “attaccato” con uno dei piu’ forti, se non il piu’ forte, giocatore della storia della Roma.

    Detto cio’ … testa e cuore a domani e ………….

    Sempre Forza ROMA !!!

    • Bravissimo tecnico, calcio stellare, ma tra i difetti, non regge la pressione e quando gli si presenta, si perde dietro i fantasmi e alla fine non arriva mai a dama.

  2. Avresti potuto fare molto bene con la Roma se non perdevi la testa come spessopurtroppo ti è capitato. Però rimani un grande professionista forse tra i primi dieci allenatori al mondo per conoscenza calcistica.

  3. “La sua natura” ha molto raffreddato il mio pensiero.
    Sull’allenatore ho poco da rimproverare, ma “il resto” spiega perché lui non sia mai stato e mai sarà tra i grandi come MOURINHO.
    Non aggiungo altro.
    FORZA ROMA

  4. è bruttissimo essere permalosi, addirittura è invalidante per una vita serena,e quindi per domani spero veramente che ti venga un’attacco di permalosità,e poi al novantesimo te ne ritorni a Napoli con una bella sconfitta !

  5. Da Romanista, uomo piccolo Spalletti, da sportivo, gran allenatore di esperienza. Porta team crescita e tattica come pochi. Mi piacerebbe vedere Giuntoli / Spalletti / Fredkin non lo nego.
    Certo è che mi godo Mou senza se o senza ma.

    Forza Roma Sempre

  6. Consiglio a Spallettone di mettere Jesus cosicchè domani su quel lato tra Mario Rui e JJ ci divertiamo.
    Stanno a fa i fenomeni con gli scarti nostri, ma la maratona non la puoi correre come un centometrista, a metà strada esci sfiancato Spallettone.
    Comunque per me lapartita piùimportante sarà quella ai Quarti di Coppa Italia dove ci giocheremo qualcosa il primo Febbraio Napoli Roma, gara secca a eliminazione diretta.
    Là ci giocheremo una stagione da dentro o fuori dove i pareggi non servono…

  7. io ancora non ho capito come possa essere così stimato come allenatore (sulla infima qualità dell’uomo penso siamo tutti d’accordo) uno che non è riuscito a vincere nulla nemmeno con una rosa fortissima (rudiger, manolas, palmieri, salah, totti e dzeko) ed un centrocampo tra i più forti d’Europa (ninja, de rossi, strootman, paredes)

    • Quella “rosa fortissima” quando la prese lui era in caduta libera e aveva subito da pochi giorni l’onta di un’eliminazione dalla Coppa Italia per mano di una squadra di C.
      Strootman ancora non era rientrato e non sarebbe mai più stato “la lavatrice”.
      Emerson Palmieri (“avemo preso una riserva del Palermo”) fu lui a lanciarlo e valorizzarlo.
      Quella era un’ottima rosa in quasi tutti i titolari, ma mancava clamorosamente di alternative valide. Dietro Dzeko non c’era nessuno, per i centrocampisti c’era il semi infermo Grenier.
      Nel preliminare di Champions, dopo avere giocato un’ottima partita di andata con un risultato pure stretto, andiamo fuori per una delle non infrequenti caxxate di De Rossi.
      Grande stagione fino a marzo, con l’apice nella partita di S.Siro con l’Inter, e poi scoppiamo di botto per l’usura, chiudendo comunque con un punteggio che oggi ti darebbe lo scudetto al 99%.

  8. Basta che il migliore siamo noi. O anche no. Basta che vinciamo noi, pure con un tiro deviato al 90º. Tornerò sportivo a novembre in Giappone quando giocheremo amichevoli. Ma che?…davero davero ?

  9. l’unica volta che sono d’accordo con te, Mourinho è un grandissimo allenatore, a 360 gradi, tu, con i giocatori che ha avuto lui, avresti vinto tanto?????
    NON CREDO

  10. Gran Gioco.. dopo Nielsen e stato l’allenatore che mi ha fatto divertire di più.. però nn Regge spogliatoi dove ci sono Grandi giocatori..quando è lui la prima donna tutto gira bene.. quando poi i suoi giocatori diventano forti li massacra e rompe il giocattolo.. speriamo presto .. dajeee Roma massacriamoli..dopo Lazio e Juve è la squadra che nn sopporto

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome