SPINAZZOLA: “Tornerò ai miei livelli, sarò ancora un top mondiale. Dybala ci farà vincere, e con Wijnaldum alzeremmo l’asticella”

31
1490

AS ROMA NEWS – Leonardo Spinazzola parla alla Gazzetta dello Sport (A. Pugliese). Il terzino giallorosso riparte da zero in questa stagione dopo il gravissimo infortunio al tendine d’Achille. Queste le sue parole sulla stagione che sta per cominciare, sull’arrivo di Dybala e sulla concorrenza con Zalewski.

“Finalmente posso fare una preparazione dall’inizio, è da tre stagioni che non mi accadeva. Mi sento bene, tranquillo di testa. E sono felice che siano arrivati giocatori importanti: alzeranno molto il livello della squadra”.

Si è regalato un tatuaggio particolare in questo anno di stop.
“Sul braccio sinistro ho messo la mia famiglia, moglie e figli. Ma devo finire ancora la fenice, faceva malissimo. Ci tengo, simboleggia l’uccello che risorge dalle sue ceneri”.

Un giorno ha detto: “Fermarmi mi ha fatto crescere, ora mi sento un leone”. In cosa è cresciuto?
“Quando l’ho detto mi sentivo così, subito dopo però mi sono sentito la preda del leone. In tanti potevano mollare e abbattersi, mentre io venivo dall’Europeo, il mio momento più bello a livello calcistico, poteva arrivare di tutto. Dopo l’operazione lavoravo come un matto, poi ho avuto due mesi molto difficili. Ma è il passato”.

Poteva arrivare anche il Real Madrid. Ci pensa mai?
“L’interessamento di un club di quel livello può fare solo piacere. Lì sapevo di essere uno dei migliori terzini al mondo. Voglio tornare a quei livelli e sono sicuro che ce la farò. Nel mio ruolo sarò ancora un top mondiale”.

Qualche maligno l’ha accusata di speculare sull’infortunio, pensando al libro e alle interviste. Rapporto con gli haters?
“Ci rido su. E’ gente frustrata, che non ti conosce ma ha bisogno di sentirsi importante odiando. Ma ci sono persone che ci stanno male davvero”.

A sinistra lei dovrebbe essere il titolare, ma Zalewski spinge e chiede spazio.
“Rivalità normale, che mi fa anche piacere. Nicola è bravo, giovane e può crescere tanto. Se potrò dargli una mano lo farò volentieri. Giocare insieme? Dipende dal mister, dal modulo, magari anche in corsa”.

Roma da Champions?
“Possiamo alzare l’asticella e ci riusciremo. Il gruppo lavora con il mister già da un anno, in più sono arrivati tanti “doppioni” di qualità. Con una stagione così compressa è quello che serve, altrimenti qualcosa lasci inevitabilmente per strada”.

Intanto è arrivato Dybala, che lei conosce molto bene.
“Giocatore incredibile: può segnare o fare la giocata in qualsiasi momento. Uno che ti fa vincere le partite. E ragazzo gentile, tranquillo, uno che si applica sempre. Una grande persona”.

Il suo amico Chiellini invece è volato a Los Angeles.
“Per lui era un sogno, non parlava di altro, era eccitatissimo, aveva pianificato tutto già un mese prima di andare: casa, ristoranti, gite. In America gli si possono aprire tante porte”.

Le piacerebbe fare la stessa cosa a fine carriera?
“Sì, per conoscere una lingua e una cultura diverse. E aiutare i miei figli a imparare l’inglese. Io non lo parlo, me la cavo con lo spagnolo perché impazzisco per il reggaeton. Ma c’è tempo”.

Zaniolo, Abraham, Dybala e Pellegrini possono giocare insieme?
“Dipenderà dal mister, sono quattro giocatori pazzeschi. Quando ero all’Atalanta e giocavo contro la Juventus mi capitava Cuadrado e al 60’ entrava Douglas Costa. E io mi dicevo: “Ora inizia la partita”, quelli sono i minuti in cui vinci o perdi. Alzare l’asticella vuol dire anche questo: far entrare uno di questi quattro quando gli altri sono stanchi”.

Abraham può ripetersi?
“Secondo me ne può segnare anche più di quei 27 gol. Anche senza Mkhitaryan, che ci mancherà. Lui era quantità e qualità, una persona eccezionale”.

Che rapporto ha con Mourinho?
“L’anno scorso mi ha dato una grande mano, mi dava forza e tranquillità. Scherza in campo, ma vuole che si lavori sodo. Se gli dai questo, in cambio ti dà tanto. E’ una persona trasparente e diretta. E se non hai queste doti non puoi allenare squadre come Real Madrid o Chelsea, con i migliori giocatori del mondo. E soprattutto non puoi vincere ovunque”.

Ha mai chiamato anche lei?
“Una volta, prima dell’Europeo. Mi disse: “Hai paura?” Gli dissi di no e mi diede l’in bocca al lupo”.

Già, la nazionale. Come si immagina a novembre prossimo?
“Sarà dura, è triste guardare da fuori un altro Mondiale. Siamo stati anche sfortunati, con la Macedonia trenta tiri e zero gol, avessimo giocato altre due ore sarebbe stato lo stesso”.

La Figc ha fatto bene a confermare Mancini?
“Sì, per noi giocatori era importante. Ed è stata anche una scelta del mister, sono contento così”.

Tra i giovani azzurri chi l’ha impressionata di più?
“Tonali, giocatore incredibile: ha fisico, gamba, è veloce. Mi piace anche Scamacca. Con lui, Chiesa, Zaniolo, Pellegrini e Berardi l’Italia davanti ha tante soluzioni. Bis europeo? Magari, dove si firma?”.

Dovesse invece vincere ancora con la Roma, dove festeggerete?
“Non lo so, ma so che dopo la vittoria dell’Europeo c’era la metà della metà della gente che ho visto il 26 maggio. Alla Juventus vincere era la normalità. Qui no, ne avevamo bisogno tutti: squadra, città, club e tifosi”.

Dovesse arrivare anche Wijnaldum sarebbe più facile.
“Con lui alzi tutto: qualità, esperienza. E’ il discorso dell’asticella…”.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteStasera Roma-Nizza col rebus Dybala: il giocatore in panchina, Mou non rischia dopo il ko di Darboe
Articolo successivoOccasione Zagadou, il gigante di cristallo: Pinto riflette sull’affare a parametro zero

31 Commenti

    • Fred ti vojo bene, lo sai.
      Ma che ti aspetti è spina mica marco rubio.
      Anzi te dirò che ci ha pure spiegato della fenice che in quanti conoscevano?(😂😂😂)
      Daje fratello FRS siamo delistati e il fusaja è un lontano ricordo.
      Direi L’assio m…
      …perda e siamo a posto.

    • Pensa come trasecola lui se ti vede da un calcio a un pallone.
      A ognuno il suo.
      Ma il tuo cos’è?

    • A me senesi non mi piace affatto, per me l’asticella non la fa alza lui. È molto simile a mancini per caratteristiche ragazzi, e ho detto tutto. Non capisco da dove esca sta idea collettiva che senesi c’è fa alza l’asticella. Me so visto una decina di partire complete del fayenord per osserva sto senesi, ragazzi mi dispiace spegnervi l’entusiasmo ma per me sto senesi non è tutto sto gran giocatore che sembra….Ndika si invece, con lui si che si alza sta famosa astixella

    • Omonimo, GIUSTISSIMO, sarebbe FANTASTICO, PERÒ sia chiaro che Nicola DEVE GIOCARE INSIEME A Spina… uno NON DEVE estromettere l altro…

  1. doppioni in ogni ruolo..ci siamo quasi…LA ROSA sarà l’arma della Roma,ha ragione MOU CHI NON CE L’HA SI SQUAGLIA QUEST’ANNO.

    • È palese pensa te la Juve sta arrancando dopo aver preso Bremer deve pagare chiesa vlahovic e 60 eventuali x zaniolo e per argo..mento zero è palese.ma sai almeno che significa palese? com’era palese che Dybala era dell’Inter Bremer pure ma mi faccia il piacere taccia su sto Argomento che con la palesita’di zaniolo pii na toppa secolare.zaniolo è parte della Roma e della Rosa.

  2. Daje Spina!
    😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🏆😂🤣😂🤣😂🤣🏆🏆🏆🤣😂🤣😂🤣😂🤣🏆🏆🏆🏆

  3. Spina sto discorso che se arriva Wijnaldum s’arza “l’asticella”, s’arza tutto… però un po’ ambiguo sta diventando… .Occhio che se mette paura d’entra’ nello spogliatoio e nn viene più ahahahah

  4. Ci vuole il difensore, ndicka o upamecano che con l’arrivo di de light sicuro non vorrà fare panchina, vendiamo uno tra kumbulla e ibanez tanto mancini per il mister è intoccabile. Vendiamo veretout e dentro in prestito Saul e se riusciamo a vendere cristante e diawara mi piacerebbe tantissimo douglas luiz. Un ultimo sforzo e possiamo sognare campionato e Europa.

    • Per Saul c’era già l’accordo con l’Atletico ma il calciatore ci ha rifiutato: meglio così.

  5. Migliorasse un’anticchia nell ‘ultimo passaggio e segnasse i 6/7 gol a campionato staremmo parlando del n.1 al mondo. Oggi è frai i primi 5

    • Ebbè, hai detto niente insomma. Ricordo cmq che persino a Cafu si rimproverava la precisione nell’ultimo passaggio.
      E in verità, quasi nessuno ne è stato immune, fino ad arrivare a Karsdorp passando per Florenzi.
      L’efficacia dell’assist dipende anche dall’abilità nello smarcamento da parte dei compagni e da come si riempie l’area.
      La Roma degli ultimi anni ha faticato parecchio in questo ultimo senso.

  6. La Roma sta facendo un mercato stellare da 9, la formazione che mi piacerebbe vedere quest’anno è il 4-3-1-2 o 4-3-2-1.
    Rui patricio
    Celik smalling ndicka spinazzola
    Matic o douglas luiz
    Wijnaldum Saul
    Pellegrini
    Dybala Abrham
    Con una formazione del genere in Italia saresti la più forte e in Europa se non si chiama PSG O CITY non hai niente da invidiare a nessuno.

  7. Sul Real Madrid:
    “L’interessamento di un club di quel livello può fare solo piacere…”
    Leo, sei fortunato che non sei Nico Z, senno’ sai i ricami che i pollivendoli ci facevano su?
    Spina tifoso del RM
    Leo si e’ promesso al RM.
    Il Real propone Odriozola in cambio di Spinazzola e 15 ml cash. Pinto sembra interessato.
    Il Real fa pressione sulla Roma: o ci date Spina alle nostre condizioni o cade la trattativa.
    Programmate le visite per Leo. Venerdi’ 30 sara’ a Madrid. Nacho gli ha gia’ concesso il suo armadietto.

  8. La difesa a 4 Mourinho l’ha fatta con Maicon Lucio Samuel e Chivu.
    Mi pare che non sia il caso di farla alla Roma, senza offesa per i nostri difensori, ovviamente. 👈

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome