Stadio Roma, Berardi: “Il Comune crede molto a questo progetto, stiamo cercando di fare il massimo nel minor tempo possibile”

7
302

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Pietro Berardi, CEO della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai margini della presentazione del libro “Le nuove guerre del calcio” di Marco Bellinazzo. Tra i vari temi trattati, il dirigente si è soffermato anche sulla costruzione del nuovo stadio giallorosso.

Le sue parole: “Per il momento posso solo fare i complimenti all’amministrazione Gualtieri perché crede molto a questo progetto dello stadio. Stiamo lavorando in sintonia e stiamo cercando di lavorare con grande velocità e di rispettare tutti gli step. Costruire uno stadio oggi in Italia senza avere una data di un grande evento da raggiungere, come può essere l’Europeo del 2032, è una cosa veramente complicata.

Le caratteristiche di questo progetto per convincere la città e l’amministrazione si racchiudono in alcune parole: la prima è la riqualificazione urbana. Abbiamo cercato un’area che possa essere riqualificata, un’area in cui i trasporti sono già esistenti. Seconda cosa: la sostenibilità del progetto, quindi come viene costruito, l’acustica. Terzo: deve essere uno stadio moderno.

Abbiamo girato tutti gli stadi del Mondo, ovunque gli stadi sono bellissimi. L’idea di avere una struttura adeguata a una Capitale è l’idea che sta spingendo l’amministrazione di Roberto Gualtieri a cercare di fare il massimo nel più breve tempo possibile. Certo, non è una passeggiata farlo”.

Articolo precedenteWijnaldum balla per festeggiare il compleanno della figlia (VIDEO)
Articolo successivoChampions League Femminile, pari tra Roma e Wolfsburg: giallorosse e tedesche appaiate in vetta al girone

7 Commenti

  1. Con la buona volontà, l’onestà e la sincerità, si possono fare tante cose, compresa la costruzione di uno stadio, per ROMA e per la ROMA. Purtroppo in Italia, ma specialmente a Roma, basta un solo cavillo per creare mille difficoltà, Ci sono centinaia associazioni varie che sono pronte a sfruttare una minima occasione per renderti la vita difficile. E’ come preparare un grossa torta, ognuno PRETENDE la sua fetta. Il fatto poi è, che questo andazzo, ci rende difficile modernizzarci come il resto dell’Europa. E’ vero, in questo momento parlo da tifoso, ma, se mi confronto con altri paesi d’Europa, mi sento piccolo piccolo. Cmq, la speranza è sempre l’ultima a morire. Sempre FORZA ROMA !!

    • Eh, gia’. Che vuoi che sia un cavilletto tra amici. Parnasi indagato, giunta Marino defenestrata, progetto che sfondava il tetto del PRG di 3 e 1/2 volte. Quisquilie e pinzillacchere alla Toto’. Che ci stanno a fare le leggi e i Piani Regolatori se poi li sfondiamo e non li rispettiamo. Suppongo che anche la distruzione delle case abusive nella Valle dei Templi sia stata causata dalla cattiva burocrazia italiana e dai cavilletti del Comune di Taormina. Che dici? Riuscira’ pallotta a demolire la Lanterna di Genova par farci trenta piani di uffici?

    • Aka, hai ragione. Era veramente un progetto da buttare. Adesso il quadrante Tor di Valle rimarrà un fiore all’occhiello della città per decenni. C’erano circa 400milioni per opere pubbliche, compresa la sistemazione delle vie di collegamento con Ostia. Ma va bene così. Sara’ difficile si faccia a Pietralata, Berdini si è già attivato. Forse meglio Tor Vergata… chissà come mai. FORZA ROMA SEMPRE

  2. Beh, forse per il 2032 il nuovo stadio sarà pronto. Tordivalle nel frattempo resta una delle più grandi discariche a cielo aperto d’Europa, non esiste alcun progetto per una bonifica e riqualificazione dell’area. L’unica speranza era lo stadio, ma molti omuncoli e associazioni da quattro soldi scesero in piazza per contrastarlo. Gentaglia che poi è sparita, ovviamente, perché di Tordivalle e di Roma città non gliene fregava niente.

  3. Akaikiro…questo era tutto da vedere…il PRG è fatto praticamente per costruire SOLO PALAZZINE..
    Il business Park e la riqualificazione del quadrante, creava alterazioni immobiliari, in particolare a SFAVORE del tizio che è proprietario di tutta Roma Est.

    La giunta Marino approvò il progetto in quanto era tutto LEGALE e si poteva fare.
    Milano ha costruito grattacieli e moderni edifici per stabilirci sedi importanti come Generali, Unicredit, Microsoft, Vodafone e Sky

    Noi abbiamo immobildream e Tecnocasa.

    Ste rimostranze da villeggiante di Capalbio, aiutano solo i palazzinari. In teoria anche realizzare uno stadio è consumo del suolo.

    FAMO STO STADIO, dai.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome