Stramaccioni: “Trasferta di Udine pesantissima in vista del Napoli. Chiesa alla Roma? Lo andrei a prendere in braccio”

6
232

NOTIZIE AS ROMA – Andrea Stramaccioni, ex allenatore delle giovanili della Roma ma anche dell’Udinese, è intervenuto a Tele Radio Stereo per parlare della partita di domani tra i giallorossi e i friulani e non solo. Queste le sue parole:

Che avresti detto alla squadra?
“Impostare 18 minuti più recupero è molto difficile. Cambia tutto, non ci sono calcoli, devi partire forte. L’Udinese non può perdere questa partita, per la prima volta dopo 20 anni è davvero coinvolta nella lotta salvezza, anche se ha giocatori di valore internazionale. Credo che l’Udinese partirà per non perderla, motivo per cui la Roma dovrà accelerare dal primo minuto, che non è facile. Non bisogna però ragionare lasciando metà campo vuota, con tutti avanti. Poi l’Udinese ha un nuovo allenatore e ci sono dinamiche tattiche nuove. C’è un’altra Udinese, penso che giocheranno a tre. La Roma deve ricominciare da dove si è interrotta, con la stessa intensità e mentalità. Con la sconfitta col Bologna il pareggio incide meno, una vittoria sarebbe tanta roba anche se è difficile”.

Quanto sposta questa trasferta nell’ottica della partita di Napoli e della partita di coppa?
“È pesantissima. Non ci si può fare niente purtroppo, quando capitano queste situazioni ci si arrabbia all’inizio ma poi non bisogna più parlarne. Ci si arrabbia per 10 minuti ma poi basta. Alle volte quando vedi le partite allo stadio o dalla tv non ci si rende conto, ma i viaggi pesano, inoltre Udine è collegata malissimo. E c’è Napoli poi, la Roma è stata sfortunata. Napoli e Roma hanno grandissimi valori, non devi abbassare la guardia. Il Napoli è stato pesantemente contestato, per la prima volta verso i giocatori, gli stessi che hanno vinto lo scudetto. Ora credo che vogliano dare una risposta in classifica e in campo, è una partita brutta per la Roma”.

Su Chiesa.
“Lo andrei a prendere in braccio. Per me è una delle ali sinistre più forti in Europa. Se sta bene ‘tocca sparaje‘. Sono stato all’estero, loro dicono l’Italia di Chiesa perché hanno negli occhi gli Europei. Se io ho 50 milioni li metto su un campione, non ne prendo 5 da 10 come ad esempio il Napoli”.

Sul confronto tra Alonso e Motta.
“Quello che ha fatto Xabi Alonso è incredibile. Non hanno perso una partita. Poi le due partite con la Roma le abbiamo negli occhi dello scorso anno, ci sono giocatori cresciuti del 150%, poi ha cambiato e ha giocato a tre. Dare tutti quei punti al Bayern è pazzesco, quindi per me leggermente meglio di Thiago Motta e del Bologna. Anche perché vincere è un’altra cosa, è lui l’allenatore dell’anno”.

Fonte: Tele Radio Stereo

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteGravina, duro attacco a Lotito: “Pensa di gestire il mondo del calcio a proprio piacimento. Senatore, proprietario di club e consigliere: com’è possibile?”
Articolo successivoCasini: “Sorpreso dalle polemiche della Roma, lo statuto è chiaro. Forse vedono nel presidente un potere che non c’è” (VIDEO)

6 Commenti

  1. Stramaccioni lo ricordo con simpatia.
    E lo apprezzo anche nei commenti.
    Eppoi, diciamola tutta, quando uno parla in romanesco ed ha vinto con le nostre giovanili, è un figlio di Roma!
    Credo abbia detto tutto giusto.
    Ma spero che si sbagli sulla voglia del Napoli…
    FORZA ROMA

  2. Chiesa è un fuoriclasse ideale come esterno sinistro del 433 e ci ha fatto vincere gli europei. Quindi terrei Lukaku e Azmun e cederei Abraham per prendere Chiesa (ma probabilmente è impossibile). Comunque Abraham fu un acquisto costosissimo, inutile e oggettivamente sbagliato su consiglio de vate portoghese. Il calcio italiano ha le sue peculiarità e ci sarebbe voluto un giocatore pronto ed esperto, vista la partenza di Dzeko, non un giovincello di belle speranze, pagato come un veterano.
    FRS !

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome