Tanto giallorosso nel 5 a 1 della Polonia sull’Estonia: assist di Zalewski, gol del baby Vetkal

12
327

NOTIZIE AS ROMA – C’è anche una Roma che sorride dopo gli impegni delle nazionali. A fare contenti giallorossi ci pensano Zalewski e il baby Martin Vetkal, avversari nello spareggio tra Polonia ed Estonia per il prossimo Europeo.

Larga la vittoria dei polacchi per 5 a 1: la rete del due a zero è siglata da Zielinski, ma a regalargli l’assist ci pensa il romanista Nicola Zalewski dopo un inserimento in area e un cross per la testa del centrocampista del Napoli.

Al 73′ Zalewski si rende di nuovo protagonista procurando l’autogol di Mets: l’esterno da destra aggira l’avversario e crossa al centro, trovando la deviazione in porta dell’difensore estone.

Al 78′ c’è anche l’unica gioia della serata per l’Estonia, in 10 dal 27′ per l’espulsione di Paskotsi: in gol il centrocampista della Roma Primavera, Martin Vetkal, che fissa il punteggio sul 5 a 1 con un destro da centro area.

Articolo precedenteOccasione Smalling per l’Inter. Ma Bergomi lo boccia: “Non è il profilo giusto per Inzaghi”
Articolo successivoANGELINO: “Di Roma mi piace tutto, spero di restarci per molto tempo”

12 Commenti

    • che poi quella che cercava di spezzare le reni agli altri senza mai riuscirci non era l’italia ?

    • Beh è più soddisfacente saltare 2 mondiali ( che la Polonia ha disputato), contento te…

    • @ Tre re

      Bhè … dal suo nick, penso proprio che gli interessi poco o nulla della nazionale ( e dei due mondiali non fatti…).
      E sia chiaro, è solo una mia osservazione priva di sarcasmo, sia nei tuoi confronti che nei confronti di “Giallorosso” 😉

      Anche io provo emozioni diverse … la Roma non ha paragoni in questo per quello che mi fà provare in gioia o sofferenza, ma essendo comunque anche orgoglioso di essere Italiano, provo belle emozioni anche con la Nazionale e se perde ( o peggio ancora se salta il mondiale ) mi rode .. mentre se e quando vince, soprattutto mondiali e/o europei, sono molto felice e vado pure a festeggià.
      Poi ripeto … la Roma è “altro”

      P.S. Scusate … forse sono andato un po’ OT 😀

      Sempre Forza ROMA !!! ( E Forza Azzurri 🙂 )

  1. Zale Ha fatto più cross ieri che in tutta la stagione con la Roma.
    Speriamo l’aria di casa gli abbia fatto bene, che dobbiamo dire?

    Una considerazione,
    da quando è arrivato DDR non vediamo più primavera, nessuno, mai,
    neanche Pisilli che non mi era dispiaciuto per nulla.
    Pochi minuti per Costa a risultato acquisito e basta.
    Non è una lamentela, ci mancherebbe, strano però che nessuno lo faccia notare.

    • De Rossi è sotto pressione perchè forse incautamente o forse consapevolmente,per compiacere le aspettative della dirigenza,ha promesso mari e monti (qualificazione Champions,ber giogo e divertimento…) e pertanto si affida a giocatori esperti e già fatti (almeno sulla carta),tralasciando di lanciare stabilmente in partita qualche ragazzo della Primavera che pure lo meriterebbe ( Pisilli,Cherubini).
      DDR si sta giocando una bella fetta di carriera nel mese prossimo ed onestamente non gli si può dare torto.

    • Sta utilizzando meglio la profondità della rosa e quindi ha meno bisogno di attingere ai primavera; in questa fase finale, se in difficoltà, probabilmente li inserirà gradualmente nelle rotazioni.

    • @anto
      ti è rimasto solo Zalewski
      che ce dici di El Shaarawy e Pellegrini sempre i migliori in campo?

    • La vedo come Zenone, DDR sta facendo i salti mortali con gli stessi giocatori. Lo avevo detto anche in altre discussioni su questo blog.
      Giocano sempre gli stessi 13, perchè i 2 esterni li alterna. E non ha mai fatto giocare Zalewsky, Aouar, Baldanzi, Azmoun, Bove, Hujsen, ma anche i giovani della primavera che Mourinho aveva esaltato sempre, Pisilli e compagnia bella.
      Questo perché DDR deve ottenere il successo. Per assurdo è ancora più ambizioso di uno come Mourinho. Sarà per la fede romanista che si porta dietro. O forse la speranza di riuscire nell’impresa di arrivare 4° con la squadra che ogni domenica Mourinho ci ha fatto credere non essere all’altezza per panchina corta e lunghi soggiorni in infermeria.
      A quanto pare gli infortuni continuano e a giocare sono sempre gli stessi.

      Speriamo reggano a lungo. Per la Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome