TIAGO PINTO: “Mi sento stanco, il mio ciclo era alla fine. Dopo Roma sono pronto a tutto. Lukaku, Dybala e Mou insieme: quale tifoso lo avrebbe mai creduto?”

116
1803

AS ROMA NEWS – Il General Manager portoghese Tiago Pinto ha rilasciato un’intervista a The Athletic in cui racconta la sua carriera, la sua esperienza a Roma e le sue sensazioni a poche settimane dall’addio: “Non sono il tipo di persona che cerca di lavorare 15 anni nello stesso posto e di sentirsi a proprio agio”.

Poi continua: “Mi piacciono i rischi. Mi piacciono le sfide. Penso che il ciclo sia vicino alla fine. Non sto parlando del ciclo Roma o del ciclo di Friedkin, ma la missione che avevo era quasi compiuta. “Personalmente mi sento stanco”, aggiunge correndo il portoghese. “Se sai solo di calcio, non sai niente di calcio”, dice citando una vecchia battuta di Mourinho, prima di aggiungere: “Vent’anni fa un direttore sportivo guardava le partite e ingaggiava giocatori. Ora non è più possibile”.

Quindi passa a spiegare com’è stato organizzato il lavoro nel settore giovanile: “Volevamo selezionare migliori giocatori del settore giovanile e lavorare su di loro come se fossero giocatori della prima squadra. Avrebbero avuto uno psicologo, un nutrizionista, un addestramento speciale. I ragazzi del dipartimento della comunicazione gli avrebbero fornito anche una formazione mediatica. Il tutto per ridurre il gap tra le giovanili e la prima squadra. Nicola Zalewski ed Edoardo Bove facevano parte di quel gruppo”. Sulla rete segnata da Bove in Europa League al Bayer Leverkusen, Tiago Pinto racconta: “Quando ho visto quel gol, per me è stato più o meno la stessa emozione di quando feci firmare Paulo Dybala“.

Tiago Pinto riannoda quindi il nastro alla situazione di partenza, quando è arrivato a Roma: “Noi avevamo più di 70 giocatori sotto contratto. La maggior parte di loro non erano giocatori chiave. Non voglio menzionarli tutti, ma tutti ricordano Pastore, N’Zonzi, Santon. Anche altri giocatori come Bianda, Coric e Alessio Riccardi. Molti di questi giocatori che la Roma aveva sotto contratto avevano ingaggi pesanti e non avevano avuto rendimento in campo”.

Ha dovuto dunque iniziare un lavoro da qui: “Pensavo di non poter semplicemente dare la colpa al passato e dire: ‘Tutti questi giocatori non hanno valore. Liberiamocene’. No, dovevo proteggere i beni del club. Quello che cercavamo di fare nella nostra rosa, con prestiti e accordi con altri club, era di trovare le soluzioni migliori per tutti”. E Tiago Pinto fissa alcuni numeri sulle cessioni: Abbiamo venduto per più di 160 milioni di euro in giocatori e se guardi a chi abbiamo venduto, forse solo Ibanez e Zaniolo giocavano davvero nella nostra squadra perché tutti gli altri giocatori non erano elementi importanti. Erano in prestito o fuori rosa”.

Si passa dunque al racconto dell’avvicinamento con Mourinho, iniziato con un messaggio ironico sul venire a Roma che Tiago Pinto inviò all’agente dell’allenatore dopo l’esonero dal Tottenham, avvenuto una settimana prima della finale di Carabao Cup. Quel messaggio verrà poi inoltrato dall’agente a Mourinho ed ecco com’è andata: “Penso che tra il messaggio e l’annuncio siano passati 14 giorni – spiega Tiago Pinto -. La notizia ha colto di sorpresa anche la maggior parte dei giornalisti italiani che si occupano di mercato. Se penso alla proprietà e al modo in cui abbiamo messo sotto contratto Mourinho, questo li rappresenta molto bene. Fare le cose velocemente, senza spifferi e sorprendere tutti“.

A Londra Tiago Pinto ha dovuto passare molto tempo. Prima per andare a prendere Mourinho, quest’estate anche per trattare col Chelsea per Lukaku ma anche, nella sua prima sessione estiva, per acquistare Tammy Abraham: “Avevamo Dzeko, un giocatore molto, molto importante nella storia della Roma. A quel tempo eravamo in trattative per la sua partenza. Volevamo dimostrare ancora una volta che il nostro progetto sarebbe stato basato su giovani giocatori ma mantenendo comunque la stessa ambizione. La prima stagione è stata fantastica. Ha segnato quasi 30 gol, ma Tammy è più di un marcatore. Se guardi i numeri, è sempre stato un ragazzo che fa anche 10 assist a stagione”.

Da Abraham a un altro grande colpo, l’estate seguente, con l’arrivo di Paulo Dybala che sarà accolto da migliaia di tifosi in una presentazione show al Palazzo della Civiltà: “Penso che siamo stati molto bravi nel gestire i tempi perché alla fine della stagione o all’inizio del mercato, se fossimo andati a combattere con i club che erano interessati, non avremmo avuto la capacità di farlo. Quindi per alcuni motivi, ma non voglio menzionare i club in questione, diciamo che la ‘società A’ non era in grado di concludere l’accordo in quel momento, la ‘società B’ stava cambiando allenatore. Quindi abbiamo capito il momento, ora o mai più. Avevamo una settimana per fare questa cosa e durante quella settimana a Torino, penso che abbiamo lavorato ancora molto bene come squadra, con la proprietà e l’allenatore pienamente coinvolti”.

L’estate scorsa, invece, è stata quella segnata dall’arrivo di Romelu Lukaku. “Lo conoscevo molto, beh perché parlavamo di un altro suo giocatore”, rivela Tiago Pinto sull’agente del belga. “E naturalmente ogni volta che parlavamo dell’altro giocatore, facevo sempre delle battute. ‘Cosa succederà con Lukaku?’. Non ho mai detto di voler Lukaku, ma ho sempre saputo cosa stesse accadendo e un giorno – questa è una storia divertente – ero con Ryan Friedkin. Stavamo guardando l’allenamento e questo agente mi ha chiamato e io invece di dirgli “buongiorno”, ho detto qualcosa del tipo: ‘No, non voglio Lukaku, amico! Non ho i soldi per Lukaku e lui rideva e rideva e rideva. Lui mi ha risposto: “No, non chiamo per Lukaku””. Si ritrovò di nuovo su un aereo per Londra con Ryan e, cinque giorni dopo, Dan Friedkin stava pilotando per portare Lukaku a destinazione, a Roma. Aggiunge Pinto: “Penso che tre anni fa se avessi chiesto a un tifoso della Roma se credeva fosse possibile avere nella stessa squadra Dybala, Tammy, Lukaku e Mourinho, forse avrebbero detto: ‘Sei pazzo’. E ora invece li hanno“, dice sorridendo.

L’entusiasmo dei tifosi della Roma, oggi, è veramente ai massimi storici, con una sequenza lunghissima di ‘sold out’: “Penso che sia giusto dire che non ci sono molte atmosfere come quelle che hai qui a Roma“, dice Pinto. Che poi attribuisce ai Friedkin il merito di aver “riportato questa unità tra loro, la città e la squadra”. Si passa dunque al ricordo doloroso della finale di Europa League persa ai rigori col Siviglia, che non ha significato solo la mancata possibilità di alzare un trofeo: “Abbiamo perso la qualificazione alla Champions League. Poi tre o quattro giorni dopo, abbiamo avuto il grosso infortunio di Tammy”.

Un’assenza dalla Champions League che si fa sentire, Tiago Pinto la analizza così: “Le ultime tre squadre a vincere il campionato in Italia sono state eliminate molto presto dall’Europa. Quando l’Inter vinse lo scudetto con Conte, sono usciti nella fase a gironi di Champions League a dicembre. Quando il Milan ha vinto il campionato, fu eliminata nella fase a gironi. Quando il Napoli ha vinto, era fuori dalle coppe ad aprile“. Ma il General Manager portoghese non abbandona il sogno di una nuova finale di Europa League: “Puoi vedere anche nella storia della Champions League: quando il Liverpool ha perso una finale, poi l’ha vinta, il Milan anche ha perso e poi ha vinto, il Manchester City ha perso e poi ha vinto”.

Finale di Tiago Pinto sul suo futuro: Tre anni alla Roma! Non sono molti i direttori sportivi che hanno l’opportunità di stare tre anni alla Roma. Il club ha avuto tre Ceo diversi in questo periodo e la decisione sul prolungamento del contratto di Mourinho passerà per i Friedkin. Quanto al futuro di Tiago Pinto, il dirigente si immagina in Premier League un giorno:È il campionato in cui tutti vogliono stare: i giocatori, gli allenatori e i dirigenti. È il migliore al mondo. Mi piacerebbe fare quell’esperienza. Ora o più tardi. Adesso la cosa più importante è provare di nuovo quello che ho provato al Benfica e quando sono arrivato a Roma. L’allineamento e l’impegno con la gente del club. Dopo Roma, sono pronto a tutto“.

Fonte: The Athletic

Articolo precedenteSerie A, la Fiorentina cade a Sassuolo (1-0). L’Inter vince nel recupero tra le polemiche
Articolo successivoMou riporta Cristante in difesa e spera in Pellegrini. Huijsen pronto all’esordio

116 Commenti

  1. se sei stanco te figuriamoci noi tifosi, poi se per missione intende una quindicina di giocatori presi in prestito secco più un paio presi con i pochi soldi messi a disposizione che abbiamo dato in prestito e che non si riesce a rivendere data la scarsezza allora si missione compiuta

    • Ecco il mio commento su Pinto.
      Non nascondo di avere mostrato spesso nei suoi confronti fastidio e insopportazione.
      Ma a bocce fredde e con molta serenità mi sento di dire che giudicavo una realtà con pochissime conoscenze.
      Che ne sappiamo noi di quanti “no” puoi avere ricevuto Pinto dalla società?
      Che ne sappiamo di quante trattative potrebbero essere state bocciate ?
      Che ne sappiamo di quanti accordi sono stati presi preliminarmente con Mou e poi per problemi societari non sono andati in porto?
      Rischiamo di giudicare avendo sì e no il 30% di conoscenze su cui parliamo.
      Questa è la realtà.
      Tutto e’ possibile da che Pinto fosse un perfetto non conoscitore di Calcio a che Pinto fosse stato un genio che non è mai
      riuscito ad esprimersi.
      Non lo sapremo mai.
      Il totale ermetismo societario alla fine diventa un alleato incredibile per la Presidenza.

    • e sicuramente Mourinho non ha aiutato, vedremo se il santone adesso si prenderà le sue responsabilità, adesso di chi saranno le colpe???
      povera Roma mia.

    • e secondo te a prescindere che possa essere un incapace la colpa di chi è suo o di chi non caccia i soldi , te se vai al supermercato senza soldi compri qualcosa da mangiare ? no devi andare alla caritas

    • in questa intervista si toglie i sassolini dalle scarpe.
      Noi l’ha portato lui, non Friedkin. Dybala l’ha portato lui, non Mou. Lukaku l’ha portato lui, non Mou.

      Le grandi cose le fà Mourinho,le piccole Pinto. Ovvio.

      Oggi dovreste prendervela con i vari Corsi, Balzani, Trani e tutti quelli che sparavano contro Thiago senza sapere un tubo. “Mou non è un allenatore che può portare Thiago Pinto”. Io ricordo echeggiare questa frase tra giornali e radio. Per non parlare delle cessioni: 70 calciatori su libro paga, vuol dire stipendi, uscite. Thiago Pinto è riuscito ad equilibrare il monte ingaggi della Roma, ed oggi è una società più sana, competitiva, di quella che ha preso.

      Qualcuno, più in alto, scriveva che i giocatori presi a zero non avevano mercato: errore, dettato dall”ascoltare le radio senza ragionare. Matic è stato preso a zero e ci si è fatta plusvalenza o sbaglio? Dybala e Ndicka non hanno valore di mercato, quindi? Aouar è talmente scarso che va a giocare la coppa d’Africa.

      Il problema della Roma sono i tifosi che non vanno allo stadio e che si fanno condizionare pesantemente da quello che due radiolari dicono. È assurdo. Quelli che vanno all’Olimpico, invece, guardano il campo e capiscono.

    • Viè qui Tifò, nun piagne. Mo vedi che sto dolore pe la dipartita de Tiago passerà. A’ vita va avanti e incontrerai n’antro DS che te farà batte er còre, abbi fede.

    • Nico, non piango. I “tifosi” come te rovinano la Roma. Quelli che vanno dove tira il vento, quelli che si lamentano sempre. Quelli che Marotta…e si dimenticano di krasic ed Elia. Quelli che Giuntolo… e si dimenticano di Petagna e Verdi.

      Quelli che…gli altri dirigenti sono migliori dei nostri.
      Quelli che… è tutto merito di Mourinho, perché senza, finisce il calcio. Perché Bologna, Fiorentina, Atalanta, sono allenate da Mourinho e hanno più potenza economica della Roma. E per questo ci stanno avanti. E poi rimpiange Ibanez. E poi rimpiange Ndicka, che parte per la coppa d’Africa, quando un mese fa aveva detto, in conferenza, che era un panchinaro.

      Ma io sono felice. Abbiamo fatto fuori un altro capro espiatorio. Il prossimo spero che sia Pellegrini, cosí abbiamo risolto tutti i problemi e il prossimo anno vinceremo lo scudetto.

    • TifosoGiallorosso su Matic se proprio vogliamo dirla tutta sono stati sbagliati i tempi per cederlo e per come l’hai ceduto, dato che hai preso su per giù 3 milioni che sono stati poi destinati a ricoprire il decreto crescita che hai usufruito, quindi plusvalenza pari a 0 euro.
      La seconda questione è che sei andato a prendere poi il sostituto di Matic pagandolo 3 milioni più 4 milioni di ingaggio, quindi un ingaggio superiore a Matic per prendere paredes scartato non di pari livello.
      Ndicka 4 milioni di ingaggio più commissione procuratore, sanches solo per il prestito 1 milione di spesa più 3,5 milioni di ingaggio, aouar che era nel dimenticatoio da due anni 3 milioni di ingaggio con assieme di nuovo la commissione al procuratore, proseguo con i vari zaniolo Miky e Dzeko più gli assurdi acquisti a cifre da inchiesta.

    • I “Tifosi” come me rovinano la Roma!?! Mannaggia la madosca, se potessi te pijerei pe le narici e te porterei a spasso come na giacchetta a primavera. N’ce se crede! Me stai a fa l’Arco de Trionfo a la mediocrità poi so’ io che rovino la Roma. Te manni giù li bibbitoni de m€rda e ce vòi convince a tutti che è più bbòno der latte cor Nesquick. Bevi, bevi te, se te piace tanto….
      Li nomi de li radiolari, poi, li sai tutti a memoria solo te, ma come mai?

    • Si e con quali risultati? economico-finanziari? non mi pare i primi due anni di sua gestione hanno alimentato il disavanzo di esercizio contribuendo non poco a determinare l’accordo capestro con L’Uefa sul S.A. Allora tecnici con una rosa migliorata anche in prospettiva???? men che mai, anzi! e allora dove in piazzamenti in campionato che ci hanno portato in Champion o almeno a spravanzare la Lazzie??? non mi sembra. Non sarà certamente l’unico responsabile di questa situazione ma di certo non esente da grosse responsabilità.
      SE poi il suo operato come lui stesso con le sue dichiarazioni o i suoi fans su questo forum è da considerarsi positivo, allora mi si spiegasse perchè il suo ciclo termina in questa maniera anticipata rispetto alla scadenza contrattuale e comunque ingloriosa. Un incompreso? ma poverino!!! dicono tutti così quando vengono messi alla porta.

  2. Molto dei giocatori che hai svenduto li avete prima messi fuori squadra… Su Dybala e Lukaku sono d’ accordo, grandissimi acquisti. Ho festeggiato. Per il mister invece per me è stato un incubo. Spero di potermi svegliare a Giugno…senza portoghesi (intendo quelli che ad oggi abbiamo ovviamente) ne in campo, ne dietro le scrivanie e ne in panchina.

    • Nando bastava ad Agosto non prendere Sanches e investire quegli oltre 6 milioni che comunque costa questo rottame magari in un prestito con riscatto di un centrale decente e comunque più affidabile ed esperto del giovanotto olandese peraltro puyre di proprietà rubentina. Meno male che Pinto lo licenziano perchè altrimenti c’è caso che i il prossimo affarone lo fa con la Lazzie. Che so magari va a pietire Patric eventualmente regalandogli Pagano.

  3. ha sbagliato shomurodov e (in parte) viña, per ultimo la scommessa renato.

    poi per me sulle cessioni ha fatto un grande lavoro facendo milioni a palate vendendo giocatori NULLI.

    il lavoro di scouting è un lavoro diverso però, e non doveva farlo lui….

    ❤️🧡💛

    • d’accordissimo con te Rudy. pinto ha meriti e demeriti ovviamente ma dopo che fai 37 transazioni de mercato in 4 mesi di cui 30 in uscita, diventa difficile prendere giocatori. non c’é propio il tempo materiale! una media de una transazione de mercato ogni 3,5 giorni circa, prendi quello disponibile e fine. infatti quando ha avuto tempo, ha portato Dybala e lukaku

  4. ottimo venditore ma pessimo scouter..non c’è un giocatore tra quelli da lui presi che da semi-sconosciuto sia diventato un giocatore da 30-40 mln

  5. Non c’è niente da fare, la celebrazione autoreferenziale di Pinto è stato il filo conduttore della sua permanenza a Roma, a partire dal 7 e 1/2 del suo primo mercato per finire con questa ennesima stucchevole intervista d’addio (finalmente…).
    Ritengo superfluo elencare i clamorosi abbagli che il D. G. ha messo insieme sia sul fronte del mercato dei giocatori che sulla gestione d’immagine della società, che lui ha praticamente delegato a Mourinho, quasi sempre abbandonandolo nelle molteplici criticità insorte con arbitri e Lega calcio. Ma l’aspetto più grave che il furbo Pinto non ha mai nemmeno sfiorato è che lascia una squadra dal valore patrimoniale pressoché nullo, un monte ingaggi fuori da ogni logica di mercato con una posizione in classifica semi-fallimentare e, come ultima chicca, un’ operazione di mercato con la Yuve che sa tanto di vassallaggio e accattonaggio.

    • tutto vero ma attenzione: l’uscita di pinto non coincide con la magica risoluzione dei nostri problemi. come mai? c’è forse qualcuno che ci capisce meno di lui ? (o fa finta di non capire).

    • Quale sarebbe dovuto essere il valore patrimoniale lasciato da Pinto, se può prendere solo rotti, scarti, svincolati e prestiti gratuiti? I Flingstone non c’entrano nulla, eh?

    • Pinto è il degno seguace di Monchi.
      Come Monchi fu chiamato da Presidenti cui non interessava vincere ma solo mantenere il giocattolo Roma in attesa dello stadio.
      Con una differenza. Monchi fu chiamato dopo che avevamo provato a lottare per lo scudetto contro la Juve (impossibile) e raggiunto una semifinale di Champions.
      Pinto è stato chiamato come l’uomo scelto dai Friedkin per portare la Roma a vincere.
      Peccato che abbiano scelto una persona che non aveva mai fatto il DS, senza esperienze nel campionato italiano, senza una rete di relazioni con le altre squadre della serie A.
      E hanno affidato a questo ragazzo raccomandato un budget modesto, chiamato l’allenatore bravo a gestire i campioni mentre stavano trattando con la UEFA l’accordo sul fpf…
      Dopo quell’accordo non serviva un DS ma forse neanche un DG ma un commissario liquidatore..
      Sono contento che Pinto sia andato via ma la vicenda Cherubini dimostra che i Friedkin non hanno alcun progetto e ci stanno solo prendendo in giro.
      @Basara la storia dei commenti social di Cherubini è una putt..ta perché se fosse vero gli avresti tolto la fascia di capitano e messo in panchina non ceduto.. guarda caso alla Juve.

    • Zeno in parte posso darti ragione ma con cosa comprava i giocatori ??? adesso sono curioso di vedere il prossimo chi porta e vedrai che il primo nome di un ragazzino di 19 anni giu commenti pessimi .

    • allora
      1) nn me pare Ke Sabatini o monchi facevano conferenze stampa per lamentarsi degli arbitri
      2)pinto in 4 mesi ha fatto 37 transazioni de mercato x svecchiare la squadra e togliere le zavorre
      3) ha portato Mourinho il primo anno
      4) insieme a mou ha portato Dybala e lukaku
      non ha fatto solo male ragazzi dai. sennò stavamo a gioca ancora co nzonzi pastore marcano gonalons JJ… kluivert under devo continuare?

    • Possiamo dire che sicuramente ha liberato il bilancio da decine di zavorre che mangiavano pane a tradimento. Che non sia stato proprio il massimo nella scelta dei giocatori, anche perché le casse erano mezze vuote. E che noi dei dietro le quinte non sappiamo una mazza, pertanto non sappiamo con precisione a chi attribuire le scelte dei nuovi arrivi, tranne Sanches che è stata una sua scelta dichiarata.

  6. Salve causa tragico incidente io e la mia famiglia non possiamo vedere Atalanta- Roma. Si tratta di 4 biglietti pagati 370 euro in totale. Grazie e scusate

  7. Riflettete sulle parole di questo uomo prima
    Di spalare melma come
    Sempre …Tifosi da divano e leoni da tastiera ..è’ ora di cambiare ed è’ giusto , ma
    Bisognerebbe fargli un monumento solo per tutto il fango lasciato da Monchi che ha dovuto ripulire …

    • Sicuramente si, ma lo sbaglio é stato quello di fargli fare il talent scout che non é il suo mestiere. Ottimo ragioniere ma di calcio ne mastica poco. In tutti i modi la colpa non é sua ma di chi lo ha contrattato, che ha impostato la gestione della societá in modo totalmente sbagliato in tutti i sensi!

  8. L’hanno bruciato i Friedkin lasciandogli fare cose che non sapeva né doveva fare, mentre lui per beccare soldi ha accettato un incarico non fatto per lui. Colpevoli tutti.

  9. Chiaramente si tratta di un intervista senza contraddittorio funzionale a trovarsi un nuovo lavoro (il paragrafo finale è chiarissimo); quindi che ci siano solo gli aspetti positivi del suo operato è normale. Però alcuni punti sono chiaramente da correggere:
    “Abbiamo venduto per più di 160 milioni di euro in giocatori e se guardi a chi abbiamo venduto, forse solo Ibanez e Zaniolo giocavano davvero nella nostra squadra perché tutti gli altri giocatori non erano elementi importanti. Erano in prestito o fuori rosa”. Qui mi sa che si è dimenticato di Mykytharian, Matic, Pedro e Dzeko. Il primo soprattutto fu determinante nella prima stagione che poi si concluse con la conference.
    Tra l’altro sbaglio o quando ha parlato di lukaku ha fatto intendere che di fatto sen non avese ricevuto la chiamata dell’agente del calciatore lui non si sarebbe mosso perchè non se lo potevano permettere?

    • @bruno 16: anche zaniolo è voluto andare via però viene nominato perché banalmente ci hai ricavato qualcosa, mentre per Mykytharian, Matic e Dzeko era più difficile per l’età e quindi non gli si da la colpa, però non dire che non sono stati ceduti titolari o giocatori non funzionali

    • Tu menti sapendo di mentire.
      Come si possono includere quei 3 pezzi di fango tra le cessioni?
      Ma sul serio sostieni che Dzeko, Miki , e Matic soprattutto, siano stati mandati via dalla società?
      Inoltre Pedro, che venne subito messo ai margini proprio da Mourinho?
      Boh.

    • @JulianB non mi mettere in bocca parole che non ho detto. Se non ti è chiaro io ho detto solo che se includi Zaniolo (che ha fatto di tutto per andarsene) tra cessioni “dolorose” allora devi includere tutti quanti.
      Se leggi l’articolo Pinto dice chiaramenti “se guardi a chi abbiamo venduto, forse solo Ibanez e Zaniolo giocavano davvero nella nostra squadra perché tutti gli altri giocatori non erano elementi importanti.” Que tre che ti piacciano o meno erano giocatori importanti e titolari

  10. Onesto leale n questa conferenza intervista.

    Si denota come il suo lavoro non era solo comprare, ma a che e soprattutto fare altro, molto altro.

    Tra le.righe molte leggende come quelle del “se non c’era mou quello non veniva”, oppure il “mou ha lanciato molti giovani” siano baggianate, ma tutte cose figlie di una programmazione e di un abilità comune dirigenziale per renderle realtà.

    Se tre anni fa lo avreste detto, aggiungo: Mourinho, Dybala e Lukaku con due finali europee di cui la prima vinta, forse avremo firmato tutti e anche io.

    Ma faccio un appunto all’ormai EX ds, che un progetto reale e sostenibile si crea non su base triennale per poi ricominciare come accadrà questa estate ma almeno almeno su base quinquennale.

    Ho già giudicato il suo lavoro piene te sufficiente, ma continuo a dire che forse in questi tre anni, dando per scontato un anno negativo, il presente, si sia puntato molto più alla spettacolarizzazione alla CR7 a Torino, che a costruire un qualcosa di veramente duraturo nel tempo con le persone giuste nei posti giusti.

    Perché lo ripeto, in estate dovremo rifondare tutto, società, tecnico e squadra, senza aver ottenuto praticamente nulla di veramente rilevante.

    • secondo me invece c’è stato solo un piccolissimo problema. Taylor.
      Senza Taylor staremmo parlando di altro, e lo sappiamo tutti…
      purtroppo il non ingresso in Champions ci ha tagliato le gambe, anche perché quando eravamo terzi a Marzo scorso, abbiamo avuto una sequenza paurosa di infortuni di cui 3 centrali di difesa…

      nonostante ciò, l’estate scorsa sono arrivati due parametri zero di spessore e abbastanza giovani, anche se uno si è dimenticato come si gioca, sono arrivati in prestito Llorente Kristensen Azmoun e……. Lukaku (!)
      Immagina se avessimo avuto gli introiti e il fascino della Champions, che ci siamo meritato sul campo……… sarebbe stato un progetto triennale favoloso, due trofei, giocatori affermati, Champions con Mourinho…..
      nonostante le carenze di gioco e calcio spettacolo per carità….
      FORZA ROMA comunque vada.

  11. ” personalmente mi sento stanco…”

    No dott. Pinto…

    Lei è stanco di dover cedere i suoi ragazzi della “cantera” in giro per il mondo a due spicci per far quadrare i conti .

    Lei è stanco dell’umiliazione subita nell’affare Marcos Alfonso,perché la proprietà ha ritenuto oneroso l’esborso di 15/20 maledetti milioni,perché non credevano nel giovane prospetto.( ci hanno creduto al Benfica tantè vero che non appena messo piede su suolo lusitano gli hanno inserito una clausola da 150 mil.)

    Stanco, di dover esporsi in prima persona contro i soprusi arbitrali subiti dai nostri ragazzi ( i Texani erano impegnati a contare i sold out, i comunicati ufficiali e ufficiosi a difesa della uefa contro la superlega,e se Mourinho la finisse con le sue insolite richieste a mezzo stampa di campioni ecc.)

    Vede Dott. Pinto, al netto di alcuni ” incidenti di percorso ” , lei è un Galantuomo .

    Perché questo sipario cala in una finestra di mercato che DOVEVANO CONDURRE loro,e la Souloukou con il fantomatico progetto evergreen.

    Avrei voluto veder lorsignori,con il piattino in una mano, e con l’altra la firma sui paletti e gli accordi Uefa a loro tanto cari !

    Per questo e per tanto altro ancora,mi sento di ringraziarla Dott. Thiago Pinto

    • Analisi corretta, che non piace sicuramente a chi ha bisogno, per mostrarsi coerente con la profezia dell’Avvento di John Wayne & Son, di scaricare su Pinto responsabilità che, chiaramente, non ha.

    • restano quei 100 milioni quasi completamente buttati tra Reynolds, Shomu, Vina, Rui, Tammy, Celik.
      Ha trovato una squadra da rifondare e ne lascia una da rifondare. Si pagava troppo di ingaggi prima e si paga troppo adesso.
      Attenuanti sì, assoluzione proprio no.

  12. E’ un bravo ragazzo, mi ha sempre ispirato simpatia. Non ha saputo comprare, perciò è bene che vada. Però mi dispiace e gli auguro il meglio

  13. Il Ciclo e’ finito , ci puo’ stare….dopo Roma posso affrontare tutto e ci puo’ stare sono stanco…. appunto riposati invece parli di nuove prospettive tipo Premier, ma a settembre non avevi detto questo, volevi restare anche se avevi ventilato l’ idea di andare via sei stranuccio forte ! Credo se ci sono gli arabi non credo che farebbero per te ma loro non hanno baget puoi fare il DS tranquillamente ma che calcio e’? Ma quindi sei venuto a Roma per imparare….ma pagato come un professionista. Comunque e’ vero hai fatto un buon lavoro di prendere giocatori… di gestire no…. tutti i contratti sono in attesa, chi rimane ? Manca la comunicazione a Trigoria ? E’ l’ ultima perche’ non attendere il nuovo DS per comunicare che andavi via ? Fai un ultimo mercato in sostanza con la testa altrove? Una bella cazzata !!!!

  14. Questa intervista conferma la mia opinione sull’operato di Thiago Pinto in questi 3 anni: ottimo lavoro per quanto riguarda sfoltire una rosa piena di giocatori-zavorra, con cui ha ridotto il monte ingaggi complessivo ed incassato una discreta somma di euri, pessimo per quanto riguarda la capacità di scovare talenti sconosciuti, valorizzarli ed incassare tanti soldi dalla loro vendita da reinvestire sul mercato. Come esempio, per rimanere in ambito Benfica, è mancato l’acquisto di un David Nunez o di un Enzo Fernandez sconosciuti ai più, con la cui vendita ricavare più di 200 milioni di euri. In sostanza Pinto è un ottimo Direttore Commerciale ma secondo me manca di quella capacità fondamentale di un bravo Direttore Sportivo che si muove entro i rigidi paletti del FFP: quella di scoprire e “azzannare” il talento giovane prima degli altri, valorizzarlo e poi ricavarne tanti soldi (no le “breccolette”, max 10 milioni, incassati da Pinto per tanti giocatori), soldi da reinvestire poi sul mercato per comprare giocatori forti ma accessibili (quello che stà facendo il Napoli con Samardzic e Dragusin, dopo aver incassato 100 milioni dalle cessioni di Kim, Lozano ed Elmas, merito dell’ex DS Giuntoli). Comunque, al di là dei suoi demeriti, Thiago Pinto si è dimostrato un professionista serio che ha dato il 100% del suo impegno per il bene della Roma, e di questo credo gli vada dato merito. Perciò grazie Thiago e buona fortuna per il futuro.

  15. Una gran bella persona, aldilà di qualche sbaglio di valutazione, tipo Shomurodov e Vina, ho svolto un gran lavoro di sgombero , peccato sia capitato tra i paletti, ma ha portato qui anche giocatori importanti che nemmeno immaginavamo potessero arrivare, Grazie da parte mia 💕

  16. Ecco bravo riposati! Ciao ciao prima che fai altri danni. Il ricordo che lascerai sarà quello di aver portato a Roma giocatori Fracichi e non attribuirti meriti su Lukaku e Dybala!

  17. Hai solo un enorme difetto che hai preso grandissimi nomi (Lukako, Dybala, Mourinho, Matic) ma non hai costruito la ASRoma del futuro.
    Che sia colpa tua o della proprietà non sono sicuro, ma di sicuro che non puoi parlare solo dei lati positivi del tuo lavoro.

  18. Tutto molto bello. Ma il giornalista è un amico suo. Non gli fa una sola domanda scomoda ad esempio sugli acquisti flop, sulle gestioni dei contratti in scadenza tipo Zaniolo (con molte attenuanti, però venduto male), sulla scommessa (persa) Sanches, su una rosa mai veramente completa in ogni ruolo. Lui poi sicuramente avrà dei sassolini nelle scarpe che ancora non si può togliere. Non mi aspetto altro da questo mercato di riparazione, purtroppo. Non basta essere creativi. Servono congiunzioni astrali per la partenza di Sanches e Spinazzola e chi sa chi ci porterebbe in cambio un DG dimissionario. Ma tutto questo è stato deciso e voluto dai Friedkin che si stanno e ci stanno dando bottigliate alla Tafazzi sui zebedei.

    • bravissimo come in italia d altronde..nn ce sta nessuno che faccia qlk domanda scomoda..ad esempio su micki, i rinnovi scandalosi, le situazioni smalling ed matic, la disarmante situazione in difesa, il lavoro dei media coi giovani visto le grosse figure di melma di zalewski e lo stesso cherubini sui socila..avvoglia re..

  19. Quante chiacchiere compiaciute! Se qualcuno ci casca conoscerà presto anche il gusto ospedaliero delle pere cotte.

  20. tutto vero ma attenzione: l’uscita di pinto non coincide con la magica risoluzione dei nostri problemi. come mai? c’è forse qualcuno che ci capisce meno di lui ? (o fa finta di non capire).

    • Il prossimo DS sarà comunque costretto a girare l’Europa col cappello in mano ad elemosinare prestiti e parametri zero. E ricomincerà la giostra. Finché ci saranno questi signori, appecoronati alla Uefa, e questi investimenti pari a zero, ogni figura dopo Pinto si troverà in difficoltà.

  21. Gli piacerebbe far fallire una squadra della premier. Ma chi se lo prende un inetto come lui. È ridicolo in tutto quello che fa e dice! A mai più incapace!

    • Hai ragione alda, un laureato con tanto d’esperienza in marketing e materie sportive come te avrebbe fatto di meglio😂

    • No caro Seal a ciascuno il suo lavoro allora se bastassero i titoli Monchi il Sonatore de nacchere ne poteva contare molti di più e abbiamo visto tutti cosa ha combinato. PInto no è al suo livello e,a dfferenza per me resta una persona quantomeno onesta, ma di danni alla AS Roma ne ha fatti e non pochi. A dimostrazione, se il suo lavoro avesse comunque soddisfatto la Presidenza se ne andava così????? anche anticipatamente rispetto alla scadenza contrattual? Poteva essere rinnovato o no?

  22. I tifosi non avrebbero mai creduto 3 anni fa anche che con 100 milioni in mano prendessi vina,shomurodov e reynolds,caro tiago pinto.

    • Se a casa tua 11+18+7 fa 100 io non mi metterei qui a giudicare Pinto. Parliamo di uno che a manco 40 anni è stato il GM di Benfica e Roma. E di uno che forse non ha la terza media.

    • Caro ragno aggiungi pure i 40 di Abraham che dopo il calo della scorsa stagione, oltre all’infortunio, ora come ora non vale più di 15/2o milioni, poi aggiungiamo i 13 di Rui Patricio, i 7 di Celik e gli oltre 3 di minusvalenza per Reynolds i per non parlare dei super ingaggi e pesanti commissioni a vanvera per giocatori che, con qualunque formula presi, non si sono rivalutati di un centesimo, anzi.

  23. Penso che il calcio moderno, con regole, politiche, cointeressenze, secondi fini, sia talmente complesso e poco trasparente che non sia dato, dall’esterno come siamo noi tifosi, giudicare l’operato di un DG/DS.

    Ovviamente noi ci fermiamo ai risultati sportivi ma anche è piuttosto facile vedere che il patrimonio giocatori si è impoverito.

    Senza arrivare alla distruttività di un Monchi, direi che Pinto si colloca nella mediocrità.

    È stato un liquidatore dei fondi di magazzino, ha preso qualche occasione di “usato” prendendo anche bidoni, ha sbagliato dove ha potuto comprare.

    Fa bene a farsi bello con il settore giovanile, perché è l’unica cosa che ha funzionato nella Roma negli ultimi anni.

    Ci ritroviamo con una rosa male assortita, giocatori sopravvalutati, alcuni a fine ciclo.

    No, Pinto, avrei 6 operato anche con pochi soldi e dovendo obbedire a regole restrittive, ma a questo punto è stato un bene, perché quando hai potuto spendere hai sbagliato quasi tutto.

  24. oggi la Roma ha una rosa più debole rispetto a quando sono arrivati dal valore patrimoniale nullo e si è dimenticato di dire che non ha mai centrato l’obbiettivo Champions

  25. pinto è stato ingaggiato per far quadrare i conti in attesa dello stadio e non per allestire una squadra da scudetto, sicuramente non era l’uomo giusto e il suo operato è stato molto discutibile ma non crediamo che con la sua uscita risolveremo tutti i problemi perché quelli principali rimangono

    • Ha preso una Roma col terzo monte ingaggi della serie A (112 ML lordi) e lascia una Roma col terzo monte ingaggi (106 ML lordi).

      Ha generato minusvalenza dalla rescissione dei contratti di Nzonzi, pastore, santon e dalla vendita di diawara e Reynolds. Inevitabile in alcuni casi, per motivi ambientali e di apporto alla causa. Ma se da un lato hai risparmiato nell immediato sugli ingaggi, dall altro ti ha impiccato i bilanci e limitato le possibilita’ di spesa successive (FPF).

      Ha ricavato circa 60 ML dalla cessione dei “catorci” P. López, Under, Kluivert, Veretout, Villar e C. Perez. Oggi si potrebbe fare lo stesso con R. Patricio, Shomu, Viña, Solbakken, Celik, Aouar, Paredes, Belotti e Ndika?

      Zaniolo, giovane di talento ma non maturo…non lo rinnovi e non lo cedi dopo la vittoria in Conference…lo svendi 6 mesi dopo per soli 15 ML (con 18 mesi di contratto rimanenti) al Galatasaray, che lo rivende per 25 a giugno dopo mezza stagione in cui non ha fatto nulla.

      Ibáñez, difensore centrale (discretamente prolifico)…non impeccabile a livello di concentrazione ma con ampi margini di miglioramento data la giovane eta’…vincitore di una Conference e finalista di EL, ceduto a soli 25 ML (a meta’ agosto e in Arabia) per poter sbloccare il mercato. Rimpiazzato 6 mesi dopo con il prestito di un 18enne che vanta 13 minuti in serie A.

      Quello che ci resta é, ad oggi: meta’ squadra non vendibile e da rimpiazzare perché in prestito…l’ altra meta’ si é deprezzata…il costo é sempre lo stesso…i conti non quadrano. Poi magari non sara’ proprio tutta colpa sua, ma non é che ha proprio brillato in questi tre anni, ecco.

  26. Ha un ego talmente smisurato che in fa impallidire anche quello di Hitler o Stalin.
    Bravo ragazzo, ma è giusto puntare su qualcos’altro.
    Vediamo cosa tirano fuori dal cilindro i Friedkins.

  27. Abbiamo capito che anche il discorso mercato è un po’ come per le vittorie e le sconfitte, quelli buoni li ha chiamati Mourinho e quelli pipxe sono tutti portati da Pinto. Nessun giocatore di centrocampo o attacco rivendibile in 3 anni, ma è colpa di Pinto. Ora Pinto non c’è più, vedremo quale sarà il prossimo capro espiatorio.

  28. sei stanco,a chi lo dici!!!
    Quelli li prendevamo pure noi,coi soldi del presidente e i buoni uffici di Mourinho, quelli che mancano all’appello sono i saranno famosi,ma questo non è cosa tua…di chi?

  29. Per me sulla strategia di mercato non si possono addossare tutte le colpe a Pinto, anzi è palese come sia stata avallata e condivisa con allenatore e società.
    Sostanzialmente consisteva nel trovare giocatori e pronti e non cercare i giovani cosa che ancora vi ostinate a non capire, ma fare crescere ancora di più il nostro settore giovanile. Con metodi da prima squadra, lavoro che tra risultati nelle giovanili e giovani portati in prima o venduti ha fruttato.
    Che lasci proprio prima di quest’ultima insensata e schifosa operazione dalla quale stento a riprendermi sembra a tutti un caso?

    Comunque Viña è arrivato da titolare dell’Uruguay, Shomurodov dopo una discreta stagione in doppia cifra. Osannate ancora Sabatini che spese 40mln per Iturbe, sono errori che si possono commettere.

    • È si la Lasfí, tra gol e assist, e comunque giocando solo un girone, era un azzardo ma abbiamo bruciato di meglio e abbiamo visto di peggio

    • sì, adesso i milioni spesi per Iturbe sono diventati 40! Furono 26 caro Sonni, ma per prendere quello che era unanimemente considerato il migliore colpo di mercato.
      Poi non è andata come poteva e doveva ma fa parte dei rischi del mestiere.
      Pinto ne ha spesi 18 per prendere uno che nemmeno era titolare nel Genoa.

  30. Ha citato solo quello di buono che ha fatto. Ci sta. Inutile ricordare i bidoni che ha preso dilapidando quasi 100mln. Ha fatto contratti fuori mercato a Mancini Cristante Pellegrini Smalling Belotti Ndicka e Aouar. Zaniolo gestito malissimo. Non ha quasi mai difeso la squadra dai torti che ha subito. E se davvero ha messo in piedi la struttura giovanile di cui parla non può tirar fuori solo Bove e Zaleski. Sicuramente non sarà rimpianto.

  31. Caro Pinto, mi sei sempre piaciuto e l’impressione che mi hai lasciato (influenzata anche da quello che hanno scritto pubblicamente i Friedkins), è quella di un uomo infaticabile e onesto.

    Hai fatto mercato nonostante l’assoluta mancanza di risorse e immagino che tu abbia centrato (più o meno) tutti gli obiettivi che l’Azienda ti aveva dato sfoltendo una rosa che era diventata enorme: di sicuro il numero di giocatori ‘inutili’ in panchina adesso è minore.

    Mai una lamentela, mai una polemica e quello che alcuni chiamano ‘autereferenzialità’ a me sembra semplicemente l’elenco delle cose che hai portato a termine, che penso che sia nel tuo diritto ricordare.

    Come dice l’Imperatore di Setubal, ti auguro il meglio qualunque cosa farai 😊.

    Ciao a tutti 😊.

  32. Pinto ha le sue colpe ma non tutte le colpe, non penso che per gli “acquisti sbagliati” si è alzato la mattina ed ha pensato “faccio come mi pare” a parte per sdeRenato Sanches. Tutti gli acquisti vengono avallati da società ed allenatore. Comunque il suo tempo a Roma è finito, quindi lui per me appartiene al passato, allora arrivederci e grazie. La gente va ma la ROMA RESTA.

  33. Iturbe 24.5 milionj,dopo Una super stagione Al Verona.
    Shomurodov 18.5 facendo la Riserva Al Genoa.
    A volte e Meglio nn scrivere nnt

  34. Sabatini te devo menzionare che ha portato campioni sconosciuti .Poi di dieci ne puoi sbagliare 2 tre, ma basta che ne azzecchi gli altri e stai bene. Pinto mi dici chi ha preso che ci sta facendo fare il salto di qualità ? senza Mourinho te ricordo che non sarebbero venuti Lukaku ,Dybala ecc . Il prossimo lo scegliessero bene perché dovrà cambiare ben 10 giocatori e vendere ste carneidi come karsdrop,celik ecc.

    • Senti ho massima stima di Sabatini, avevano ruoli e compiti diversi. Non se sì vi ricordate che vendevamo ogni anno il migliore e che essenzialmente faceva trading come da lui stesso dichiarato. Pinto è un general manager e si occupa di altri aspetti, la ricerca di talenti probabilmente non era uno di questi. Più che mandarlo via, lo avrei affiancato a una figura più prettamente formata come DS.

      Poi l’ho già detto, siete tutti contenti e felici, ma abbiamo partite difficili e un mercato che comunque farà lui davanti. Che senso ha avuto comunicare il tutto subito? Sembra più una decisione di Pinto. La cosa non mi fa piacere, perché di solito mollano posizioni prestigiose per pesanti contrasti.
      Quindi continuo a chiedermi quali siano questi contrasti di gestione e tutto fa pensare che anche Mourinho se ne andrà. Dover affrontare un girone di ritorno, senza ds, con un allenatore in bilico, con una presidenza muta e con la rosa corta almeno per un mese, dovendo fa se giocare almeno 10 partite a un difensore 18enne della Juve. Tutto puzza di ridimensionamento, poi fate voi

  35. Bravo Pinto , la modestia è il tuo forte . Ora però vorrei fare ” le pulci ” a ciò che hai detto.Citi , tra le vendite , giocatori che erano in prestito ma quello è stato un lapsus. Nel concreto, Dybala e Lukaku sarebbero venuti senza l ‘intervento di Mou ? A quanto pare anche questo ragazzino arrivato ierii ..Poi , a noi è sempre stato detto che Dzeko era voluto andar via ma , tu dici che ne stavate trattando la cessione , quindi ? Ma si potrebbe parlare anche dei vari Shomu , Vina , Sanchez ,Solbakken.Quest’ ultimo è stato un parametro zero ma anche in questo caso ci sono costi di commissioni e stipendio. Poi la gestione di Zaniolo , di Miki , di Matic e Pedro , qualcuno dice che erano in disaccordo con Mou ma , ammesso che sia vero , forse avresti potuto mediare . Ma poi quello che conta è che arriviamo a giugno con Spina e Rui in scadenza , Kristensen , Llorente , Lukaku , Azmoun e il ragazzino tutti prestiti che andrebbero riscattati. Quindi, per sostituire quelli in scadenza e i riscatti quanti milioni servono ? E poi ci sarebbe anche da rinforzare la squadra ma sento dire che non ci sono soldi. Si potrebbe vendere quei giocatori che hai comprato a poco e ora hanno decuplicato il valore .Non so sei stato licenziato o dimissionario , in questo caso , la fuga prima di giugno mi sembra una grande furbata.

    • Straconcordo Mario13, secondo lui in effetti Dybala e Lukaku sono arrivati perchè trattati da lui magari come Gini, si certo non perchè i FRiredkin sono intervenuti in prima persona garantendo ottime condizioni contrattuali e laute commissioni, addirittura partecipando personalmente alle trattative e pure portando i i familiari dei giocatori con l’aereo privato il tutto naturalmente prescindendo da Mou che invece avrebbe avallato i SUOI ,questi si, sconsiderati acquisti che tutti conosciamo con buon ultimo il SUO SANCHES comunque costato oltre 6 milioni oltre ad aver occupato l’ultimo posto disponibile nella lista A riducendosi poi per prendere un difensore (che andava preso ad Agosto) under 21 a pietire un vergognoso scambio con la Rube.Via via vada a fare il fenomeno da qualche altra parte e a collezionare figuracce alla Scamacca, Zapata, Beltran , Marcois Leonardo sul quale pure bugiardo.

  36. Ciao Zenone, da tifoso Romanista sfegatato,
    mi dispiace doverlo dire a te e a tutti i tifosi
    della Magica che sono conoscitori di lunga data
    delle situazioni finanziarie e gestionali del club, ma ci tengo a precisare:
    In primo luogo vi invito a analizzare il tutto
    in modo spensierato senza i condizionamenti
    del caso.
    Per quanto riguarda Pinto lo dico da tanto
    tempo e lo penso ancora oggi che sappiamo
    lascerá il club, in questi tre anni esclusa
    la cessione di Ibanez che ci ha levato tanto,ha fatto miracoli riuscendo a piazzare calciatori
    di proprietà del club, che a Roma stavano
    solo in villeggiatura. Gli perdonerei anche gli
    acquisti di Wainaldum e Sanches perché
    sono stati grandi calciatori e un tentativo
    era giusto farlo. Dunque per me ha fatto un
    gran lavoro di risanamento, domandate alla
    propritá per credere.
    Ora riguardo al valore del parco giocatori che
    lascia in ereditá non penso si potesse domandare
    di piú, ha preso Dybala e N’dika a costo 0,
    a ricavato delle plusvalenze da Matic e Solbakken.
    Purtroppo a volte anche a malincuore bisogna
    essere obiettivi, e dico che Pinto sarebbe
    stato capace di scovare e portare a Roma giovani talenti dal grande avvenire oppure andare a prendere grandi giocatori giá affermati per farne poi delle grandi plusvalenze, ma obiettivamente
    penso che questi profili di giocatori e procuratori
    compresi preferiscano andare a giocare con squadre dal cv vincente e soprattutto in club
    economicamente sani.
    Spero tra qualche anno la Roma sará così ma
    allo stato attuale mi sembra tutt’altro.
    Quindi in ultimo penso che questo signore stasera
    si metterebbe anche un bel striscione di ringraziamento da parte della tifoseria che conta.

    Forza la Magica sempre🌞❤️

    • Caro Mai sola mai ognuno giustamente può pensarla come si vuole, tuttavia fai attenzione perchè Solbakken non ha garantito alcuna plusvalenza ma al momento solo costi di ingaggio e circa 2 milioni di commissione, analogamente Matic perchè, a parte la forte commissione iniziale i 3 milio0ni incassati li perdi quasi tutti in funzione del decreto crescita.
      A parte Gini la scommessa Sanches tra ingaggio, solita commisione e spesa prestito non solo è costata oltre 6 milioni (che potevano essere meglio investiti su un centrale) ma ha tolto un posto dalla lista A costringendo poi la Società a un accordo capestro per l’acquisizione di un giovane cent6rale necessariamente under 21.

  37. Beh fesserie ne ha fatte anche lui inutile stare ad elencarle, ma è anche vero che na bella spazzolata dentro trigoria la fatta.

  38. La Roma aveva calciatori come pau lopez coric bianda kluivert defrel robin olsen santon diawara gonalons Carles perez Riccardi pastore nzonzi.. fatevi un paio di conti sul cartellino e sugli stipendi ed è’ presto detto perché mancano soldi.

  39. Dopo Monci il peggiore ds che Roma ricordi. Guardate con che organico lascia la squadra. Tra parametri zero e giocatori a fine carriera e rotti ci riempiamo l’ album delle figurine. Il tutto condito da una società improvvisata e da politici che fanno di tutto per impedire lo stadio di proprietà. Ragazzi stiamo alla frutta con vista serie B.

  40. non è solo colpa tua, purtroppo il responsabile sta ancora alla presidenza.
    ma se davi via quelle zavorre di Celik e Kardsop e tenevi Missori non stavamo a valorizzà un giovane di belle speranze per quelli, come una società satellite.

  41. difficilmente si possono leggere tante inesattezze e stravolgimenti di molti fatti in un unica intervista, ovviamente fatta in terra straniera e non con giornalisti di Roma che quindi potevano perlomeno ribattere su delle bugie mostruose come il fatto che i vari Pastore, N’Zonzi, Santon, Bianda, Coric e Alessio Riccardi sono stati ceduti o che lui ha contribuito a mandarli via quando sono andati tutti a scadenza!!!
    O che lui ha venduto per 160 milioni, quando il suo apporto a questa cifra è pari a 0 dal momento che tutti i suoi acquisti sono stati dei fallimenti come Vina, Celik, Shomudorov e mi fermo per pietà.
    Addirittura se uno esterno leggesse questa intervista potrebbe pensare che mou, Abraham, Dybala e Lukaku siamo quasi completamente merito suo…. tutto veramente estremamente ridicolo.
    Più che un intervista è uno spot per cercare di vendersi e farsi bello in premiere ma soprattutto ci sta dicendo che siamo tutti stupidi e non c’è il minimo rispetto per noi.

    • Maurizio SadSoul va bene tutto ma non inventarti una verità tutta tua. Vi sono fatti che ti smentiscono appieno Sopratutto quelli riguardanti N’zonzi, Fazio, Santon, Diawara, Coric e Kluwiert che a causa dei loro stipendi elevati non avrebbero mai accettato altre destinazioni
      Vuoi che ti recuperi qualche commentino tuo d’elogio, nell’attimo in cui Pinto li dava via? Oggi contraddici te stesso!

    • Caro Sting guarda però che il solo Kluivert ha fruttato comunque dei soldi e Coric, gli altri sono andati a scadenza come N.Zonzi, Fazio, Santon o comunque con rescissione consensuale alla Coric e Diawara.

    • @Sthing non li ha mai dati via…. sono andati in scadenza. Io sto contestando l’intervista in cui fa passare altre verità. È uno spot.

  42. Chi se ne frega dei pollici verso: Ben 37 operazioni in uscita… (Trovo inutile citare i nomi di autentiche zavorre) Nonostante abbia operato senza budget è riuscito a portarci giocatori come Dybala e Lukaku… Se poi alcuni non si sono rivelati all’altezza o hanno tradito le aspettative (vedi i vari gini, matic e fac simili…) non è certo colpa sua. Non dimentichiamoci che lui aveva in mano l’intero Settore della As Roma Calcio e qui qualche buon risultato lo ha ottenuto. Definirlo il peggior ds dopo tutti i disastri combinati dal sivigliano, mi sembra un enorme cattiveria. Avrà commesso indubbiamente degli errori ma nessuno (nessuno) è perfetto. Insultarlo in anonimo da dietro un Pc è la solita ignoranza a cui i social ci hanno oramai abituato. Avrei voluto vedere uno di questi “signori” cosa avrebbe fatto al suo posto. Immagino già la risposta: “Sicuramente meglio di lui!”. Sempre meglio di un Petrachi che ha portato la Roma in Tribunale, salvo poi prendere una solenne tranvata. Ma si sa che è cosi’, son convinto che chi verrà dopo subirà lo stesso trattamento. Chiamasi “critica” Ma per favore, non facciamo ridere i polli. Buona Fortuna per il prossimo incarico💛💖
    Sempre Forza Roma💛💖

  43. Sarebbe stato per la presidenza
    lo avrebbe pure rinnovato, e poi sappi
    che nessuno è onnipotente!!
    chi non ha mai sbagliato nel proprio
    lavoro facendo alcune valutazioni,
    ma talune delle volte sono dovute dalle
    forzature che l’ambiente stesso impone.
    Se vuoi comprare i cartellini di giocatori
    di valore assoluto,
    devi cacciare i quattrini, con 4/5/6 milioni
    ti devi accontentare dei giocatori che stai
    sempre a criticare.
    Comunque guarda che Pinto un accordo
    con un altro club ce l’ha già da
    tempo, lo saprai presto.

  44. Buonasera a tutti, tra tutti questi commenti ce ne è stato uno veramente importante che merita attenzione ed è quello di Stefano Malaga che è stato coinvolto in un grave incidente insieme alla sua famiglia. Un grande abbraccio a Stefano, siete forti. Presto tornerete a tifare la Roma allo stadio tutti insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome