Tor di Valle, il Comune non sapeva dei terreni pignorati: una favola da non credere

23
2477

AS ROMA NOTIZIE – La storia che il Comune non sapesse dei terreni di ‘Tor di Valle ipotecati è incredibile. E infatti non ci crediamo, scrive oggi La Repubblica. In cinque anni di guida Raggi con tutto il can can montato intorno allo stadio della Roma, nessuno si è accorto?

Non diciamo ai più alti livelli, ma chiunque abbia nella vita comprato anche un monolocale si è preventivamente sincerato che fosse libero da vincoli o ipoteche. E il Campidoglio invece con uno stuolo di avvocati, sindaca in testa, e commercialisti, e ingegneri niente, non ha fatto uno straccio di verifica?

Tutti tranquilli fino all’altro ieri, quando la sindaca è tornata sulla questione dello stadio, promettendo un “bel regalo” di Natale al tifosi della Roma. Il sospetto, forse ormai un tantino di più di un sospetto, è che lo stadio (avversato all’inizio del mandato dalla giunta Raggi che debuttò con un vade retro Olimpiadi e nuovo stadio) è che sia diventato in periodo di vacche magre per l’Amministrazione 5Stelle una delle ultime carte da giocare in campagna elettorale.

Fonte: La Repubblica

23 Commenti

  1. Come poteva il Comune sapere dei terreni pignorati se il suo Sindaco alla vigilia della sua elezione a domanda fatta da un giornalista non sapeva come si chiamavano i sette colli della Capitale? Ricordate? Niente di inventato, tutto documentato! Gli anni di pallottola e 5S a Roma ce li ricorderemo come la peste nera!

    • E plausibile che la Raggi non lo sapesse, in fin dei conti, in questi giorni ha fatto una passerella chiedendo di riaprire l’ospedale Forlanini, senza sapere anche questa volta, ma quante cose non sa la sindaca tanto amata dai Grillini, che la stessa mozione presentata in comune dai consiglieri dell’opposizione, E’ STATA RESPINTA E/O BOCCIATA DAL SUO STESSO PARTITO.

    • Centrodestra e centrosinistra (vendita Centrale del Latte, sacchi di Roma, default conti comunali, municipalizzate inzeppate di amici degli amici, Vele di Calatrava, doppia biglietteria Atac copn un miliardi di soldi rubati dai partiti e mi fermo qui) invece sono stati una passeggiata di salute, eh? Se non te lo hanno detto, l’ultimo sindaco buono è stato il povero Petroselli, Morto nel 1981, non qualche anno fa.

    • Veramente l’ulimo sindaco buono è stato Ernesto Nathan.
      Purtroppo ne è passata troppa di acqua sotto i ponti…

    • È cominciata la campagna elettorale, ora il comune deve sembrare demente, e così i romani voteranno quelli che ci sono sempre stati. I capaci quelli che hanno pottato Roma sull’orlo del baratto e che se, questo stadio si farà, avranno perso su tutta la linea.
      Se gli vabbè potranno dare un’imbiancata alle tribune. Io non entro in questi giochi quando ci sarà una dichiarazione ufficiale sullo stato delle cose potremo esprimere un giudizio. Per ora è tutta fuffa, anzi no. Tutto fango

  2. Una CAUSA più legittima di questa è difficile da credere!!!
    Ora si che mi interessa il parere della Raggi, di Torino e dello mejomortaccilororo…
    FORZA ROMA

  3. Ma prima di pronunciarci per partito preso, sarebbe il caso di attendere la risposta del Comune di Roma, visto che anche recentemente Regione e Provincia hanno fatto una figura barbine su accuse che dopo poche ore erano già state smentite con tanto di mutismo da parte degli accusatori che davano alla Raggi dell’incapace … resta inteso che nel caso che il Comune non sapeva per evidente responsabilità è chiaro che sta storia diventerebbe comica e drammatica … ma soprattutto la Roma potrebbe a quel punto citare in una causa i responsabili?

  4. Come scrivevo solo ieri pomeriggio nel lungo post relativo al “colpo di scena” dello stupore comunale nello “scoprire” gli impicci relativi ai terreni di TDV a loro sconosciuti, riportato da voi a firma “Repubblica”, dopo sole 12 ore la stessa “Repubblica” non crede (a se stessa) che quel che è scritto (da se medesima) il giorno prima sia vero. Sappiamo che da tempo la carta stampata equivale a carta straccia, ma non cominciamo ad esagerare? Anche voi, signor Fiorini, siete sicuri che si tratti dello stesso quotidiano, uno dei più prestigiosi italiani? Qui non si tratta di libertà di stampa, ma di utilizzo di un diritto costituzionale per beffarsi della gente. E voi, Fiorini, nel riportare “notizie” da queste “autorevoli testate” non dovreste allo stesso tempo usare i mezzi a disposizione per mettere in ridicolo la disinvoltura nel riportare “fatti”? Essere credibili è anche un vostro dovere, è convenienza. Comunque, come chiudevo ieri, per noi rimane buono e giusto pensare ai 3 punti col Parma. Se si farà mai lo Stadio, io verrò volentieri a Roma (sarebbe la decima volta circa, che la ritengo la più bella città italiana e tra le più belle al mondo) dalla mia Cagliari per godermi la Magica in un viaggio di piacere. Sperando di essere ancora in vita 😄

    • Silvio 1967, e come darti torto, quello che esprimi e’ lo sport preferito da noi italiani.
      Come tu stesso dici, per noi rimane buono e giusto pensare ai 3 punti col Parma.
      Io ci sono nato a Roma e la ritengo la più bella città al mondo, da Parma dove vivo oramai da 27 anni, mi auguro anche io di godermi la Maggica in un viaggio di piacere. Sperando altrettanto di essere ancora in vita 😄

  5. Si va bene non lo sapevano, come è vero che esiste babbo natale, Friedkin cestina tutto è stata tutta una enorme presa in giro, Pallotta per questo ha mollato

  6. che non sapevano nulla è sicuramente una balla…
    il problema purtroppo è che loro non sono i proponenti, cioè, dovrebbe essere chi propone la riqualificazione di un’intero settore di città a preoccuparsi della proprietà dei terreni su cui costruire, a questo punto il Comne ti può dire “tu ci hai portato una proposta e noi l’abbiamo esaminata e accettata, se poi non hai i terreni per costruire non può esser colpa nostra…”… oltre tutto un particolare che “oggi” si scopre di nn poco conto ma più volte espresso da alcuni nick come me, ub o arfio (me pare) ai quali gl’adelmiani rispondevano costantemente con una miriadi di citazioni, articoli, numeri etcetc ma senza mai rispondere al problema chiaro ed evidente, ma i terreni di chi sono??? riflessioni semplici e banali che forse non sono state influenzate da prosciutti o dalla propaganda dell’exproprietario…
    certo… se fosse confermata la notizia si comprenderebbe mejo l’allontanamento di Baldissoni, ma non era l’addetto allo Stadio???, come la fuga anticipata di Pallotta ma anche i Friedkin che non hanno mai associato lo Stadio di TdV come unico metodo per fare un salto di qualità…

  7. Tor di Valle, il Comune non sapeva dei terreni pignorati: una favola da non credere

    Infatti non ci credo! 9 anni di scartoffie, 9 anni di verifiche e riunioni, 9 anni di presa per il culo!
    In tutto questo, anche la Roma non ne esce pulita, 60 milioni investiti finora per arrivare a questo? Tutta una presa in giro qui.
    GRAZIE RAGGI, GRAZIE POLITICA ITALIANA.

  8. Quindi la Raggi doveva sapere 5 anni fa di una procedura che, riporto le parole di Repubblica “risale al 18 gennaio 2019”. Straordinario. Avevamo Nostradamus sindaco e non lo sapevamo. E il bello è che qui qualcuno crede ancora a Repubblica, ormai diventato l’inserto satirico di Lercio…

  9. Il pignoramento del bene costituisce una garanzia per il creditore. Il proprietario è e resta il medesimo. Quindi o il proprietario paga il debito e estingue la garanzia o il creditore tramite la vendita del bene si soddisfa.
    Allo stato, pignoramento o no non cambia nulla.

  10. Bravo Sciabbolone.
    Stanno a fa’ terrorismo, ma il terrore ce l’hanno loro ed è che lo Stadio si faccia e che, in onore di “Febbre da cavallo” sia intitolato a Gigi Proietti !!!
    Allora si che, come suo ULTIMO SCHERZO, me farei una grassa risata !
    FORZA ROMA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome