TOTTI: “Dybala? Non dipende da me, ma gli darei volentieri il numero 10. Io alla Roma questa estate? Non penso” (VIDEO)

40
1627

AS ROMA NEWS – Francesco Totti ha incontrato i cronisti al suo arrivo a San Siro, dove l’ex numero 10 giallorosso sarà tra i protagonisti dell’Integration Heroes Match, la partita di beneficienza organizzata da Samuel Eto’o. Queste le sue dichiarazioni:

La corsa scudetto?
“L’ha vinto il Milan perché è stato avanti, ma credo che l’Inter lo abbia perso a Bologna”.

La stagione della Roma?
“L’obiettivo della Champions League è sicuramente molto importante per tutti, però ci sono state squadre che hanno fatto meglio. Ora la Roma deve concentrarsi sulla finale di Conference League”.

Le tue sensazioni per la finale di mercoledì?
“È una partita difficile, è una finale ed è una partita diversa dalle altre. Speriamo bene, dai”

Su Dybala cosa dici?
“Qualche consiglio glielo posso anche dare”

Ma potrebbe essere il prossimo numero 10 della Roma?
“Se dipendesse da me volentieri, ma non dipende da me. Dipende se lo vuole, magari prende un altro numero… (ride, ndr)”

Un voto a Mourinho?
“A Mourinho darei sempre un 10, a prescindere da come andrà. Mi piace come persona e come allenatore”

Ti avrebbe fatto piacere essere allenato da lui?
“Molto. Ma magari l’anno prossimo ricomincerò a giocare (ride, ndr)”

Un voto a Pellegrini da capitano?
“Sta facendo bene e sta portando la fascia con dignità e onore”

Il futuro di Zaniolo?
“Non so cosa succederà, ha ancora un contratto con la Roma, no? E’ un giocatore importante”

Un voto a Simone Inzaghi?
“9, ha vinto la coppa Italia ed è arrivato secondo lottando fino alla fine. Giusto un 9, il 10 si dà solo a chi vince. Anzi, il 10 non si dà mai”

La scelta fatta da Mbappé?
“Se devo essere sincero anche io al suo posto avrei scelto lo stesso (ride, ndr)”

Questa è l’estate che ti rivedrà nella Roma?
“No, non penso”.

Articolo precedentePELLEGRINI: “Regalare questa coppa alla mia città sarebbe un sogno. Vogliamo portarla a Roma a tutti i costi” (VIDEO)
Articolo successivoAS ROMA FLASH NEWS – Tutte le notizie in giallorosso minuto per minuto

40 Commenti

  1. Non capisco queste interviste, su presunti ruoli di TTT intorno la Roma, sembra che tutto ruota intorno lui…. Non capisco proprio… Sembra che i Friedkin con 3.5 mld di patrimonio personale e proprietari della Roma, hanno sul libro paga manager, DS ecc… Che non capiscono un ca@@O, ma TTT si…. Lui viene e fa tutto….

    • Non posso che essere d’accordo con Sogni di Latta. Ho sempre temuto di essere solo io a non accettare più questa presenza continua e, lasciatemelo dire, inconcludente. Ribadisco una delizia quando giocava una “delusione” dopo. Giocatori come Del Piero, Riva, Antognoni Mazzola o Rivera sono stati dei grandi dentro e fuori dal campo, invece il protagonismo di Totti fa dimenticare la grandezza del giocatore.

  2. A capitano se devi convincere/parlare con qualcuno di Dybala hai scelto colui che non ha senso sentire ad oggi obviamente
    Ti ricordo e tu dovresti saperlo bene che se volessi convincere qualcuno per prendere costui magari é piu sensato rivolgersi a Pinto tu che dici certe volte non ti capisco proprio ma te voglio bene

    • A compa’, Francesco Totti manco lo conosce a Pinto. Totti ha rapporti a 360° con chi ci capisce di pallone e questo purtroppo per la Roma, non è il caso di Pinto.

    • Il miglior giocatore italiano della storia è stato Giuseppe Meazza, quello che gli hanno intestato lo stadio di Milano, no di Rocca Cannuccia. Tra l’altro fu 2 volte Campione del mondo. Mio padre lo vide giocare a Testaccio con l’Ambrosiana e mi disse che era un fuoriclasse. 👈

    • Mmm… Eli… quindi se ho capito bene non hai mai visto giocare Meazza ma sai con certezza che è lui (e non Totti…) il miglior giocatore Italiano di sempre perché tuo padre lo vide giocare una volta 🙄…

      😂😂😂😂😂😂

      Ciao 😊.

  3. E dopo kamara, pure dybala, voglio proprio vedere chi arrivera’ a giugno…intanto fuori due giocatori forti…solo la maglia, forza ROMA

    • ꧁ ℤ𝕖𝕣𝕠 𝕋𝕣𝕠𝕗𝕖𝕚 𝕖 𝕌𝕟 𝕊𝕒𝕔𝕔𝕠 𝕕𝕚 𝕋𝕣𝕠𝕗𝕚𝕖 ꧂

      Douglas Luiz
      Fai finire la finale poi se ne parla…
      Questa estate posso assicurarti che la Roma farà un mercato importante

      Ma scordateve i Matic I Dybala e tutta sta gente che pia piu di pellegrini e Tammy, impossibile vengano, quindiocchio ad abboccare!

    • Infatti, kamara è talmente forte che se lo so litigato real psg e city poi però l ha spuntata l aston villa che l anno prossimo, essendo arrivato 14° , fa la coppa delle fraschette !!

    • Zibah rassegnati. Cosi mi hanno detto sul forum. Stanno arrivando, Frattesi, Senesi, Hincapie, Raspadori, e Biancaneve, no scusa Pisolo Lopez, a dimanticavo il Robben scandinavo Brokkakken, e alla fine del mercato , a coronamento di una campagna faraonica la ciliegina sulla Torta, Thierry Caprari. Dal secondo posto di Spalletti, passando per il terzo con semifinale di champions di Di Francesco, ad oggi tra sesti e ottavi posti. A conferma di un ridimensionamento, figlio di partenze illustri e riduzione di monte ingaggi, tutto questo nonostante il Friedkin abbiano preso Mou a 7,5 mln, ed abbiamo recentemente affermato (lo hanno detto ora con mou, mica lo scorso anno con Fonceca):”DAREMO UNA ACCELERATA AGLI INVSTESTIMENTI PER PORTARE LA ROMA ALVERTICE IN ITALIA ED EUROPA”, lo hanno detto loro non io. Tu leggi questo, e poi leggi le pippe sovradescritte, e storci un po il muso. E cosa diventi?
      – Laziale.
      – Sbiadito.
      – Ti lamenti.
      – Denigratore
      – non capisci di calcio
      – fai le paternali
      Scusate, scusate se voglio che si realizzi quanto detto e promesso dai Friedkin. Lascio la parola a voi, veri romanisti ed eruditi in materia calcistica.

  4. Dybala non credo arriverà ma bisogna fare una riflessione su zaniolo.
    Ha concluso il campionato di serie a con 20 tiri in porta e 2 gol, numeri non sufficienti per avere un attacco da Champions.
    Il prossimo anno farà 20 gol? Se a trigoria pensano di si allora può restare ma se dovesse fare come quest’anno allora è da vendere subito
    Di gente forte e prendibile ce n’è.
    Un esempio? Jonathan David, che quest’anno al lille ha fatto 17 gol in campionato ed è in grado di duettare con una punta(Abraham) agendo da seconda punta o esterno oppure di fare lui la prima punta.
    In giocatore così farebbe come Leao quest’anno

    • Ok, due gol sono pochini. Tralasciando tutti i discorsi triti e ritriti delle difficoltà prevedibili dopo quasi due anni di assenza, secondo te è lecito chiedere 20 gol a Zaniolo?
      Perché stiamo parlando di un ragazzo che nasce e cresce come mezzala, diventando poi esterno alto in un 433, poi trequartista esterno nel 4231 e infine seconda punta solo quest’anno.
      Però vogliamo da lui i gol che manco Salah ha fatto nella Roma…

    • @Mattia premesso che non lo venderei i numeri che hai sciorinato purtroppo ci dicono che ad oggi lo venderesti sotto valore e che forse dopo i due infortuni magari bisognerebbe dargli un altra chance con la speranza che torni ad essere un fattore più spesso. Ma è solo una mia idea.

    • GIUSTO ! Come scrivo spesso servono veri BOMBER ovvero gente che nell’ ultima stagione abbia segnato almeno 15-18 gol nel proprio Campionato. Non belle occasioni di scamorze che regolarmente falliscono. Non dimentichiamo le delusioni date da marazzina, scarnecchia, carew, destro,, osvaldo, ibarbo, destro, doumbia, kluivert, under, nonda, schick… ! SOLO CAMPIONI !

  5. “Questa è l’estate che ti rivedrà nella Roma?
    No, non penso.”
    Faccio una domanda facile facile, perché i Friedkin dopo due anni non hanno ancora trovato un ruolo per Totti nella Roma ?

    • Beh, avrebbe potuto dire “No” e basta allora. Il “non penso” lo trasforma comunque in una formula dubitativa.
      Io sono sempre più convinto da tante piccole (e meno piccole) cose che il dialogo invece ci sia, forte e frequente.
      I Friedkin, da imprenditori scaltri e avveduti quali sono, sanno benissimo che impatto potrebbe avere un rientro di Francesco Totti in società; dall’altra, sempre per lo stesso motivo, sanno che non è neanche la cosa più semplice del mondo trovargli un incarico che allo stesso tempo lo soddisfi, lo valorizzi, e che non vada a ledere alcuno dei presenti equilibri.
      Credo che lo stesso Totti sia ben cosciente di ciò, per cui entrambe le parti ci vanno coi piedi di piombo, senza affrettare le cose, per non rischiare un flop che sarebbe esiziale per tutti.
      Ma la presenza ormai costante di Francesco allo stadio e le dichiarazioni piuttosto aperte e rilassate lasciano intendere che covi del fuoco sotto la cenere.

    • Per come la vedo io Totti potrebbe rientrare nella Roma solo nel caso terminasse il suo lavoro di procuratore.
      Non penso che un club possa mettere sotto contratto un procuratore di calciatori perchè sarebbe un evidente conflitto di interessi.
      Inoltre Totti sarebbe una figura ingombrante per Pinto e il suo staff, il Capitano sembra sempre ragionare senza pensare ai costi di eventuali operazioni di mercato.
      L’esempio di Dybala è palese, l’argentino è a costo zero, ma rendiamoci conto che, oltre ad uno stipendio che non potrebbe essere al disotto dei 6/6.5 milioni a stagione comporterebbe anche un esborso nei confronti dei famigerati procuratori che, come avviene nei casi degli svincolati, pretenderebbero una enorme provvigione.
      Facendo un rapido calcolo un quadriennale da 6 milioni sarebbero 24 netti e quasi 48 lordi più tra i 5 e i 10 milioni di benefit ai procuratori per un costo complessivo che si avvicinerebbe pericolosamente ai 55/60 milioni.

    • UB, dò per buona la tua formula dubitativa, vedremo se il fuoco verrà attizzato.

      Luigi, “il Capitano sembra sempre ragionare senza pensare ai costi di eventuali operazioni di mercato.” beh non credo proprio che le cose stiano così perchè ciò cozzerebbe contro ogni minima regola economica di qualunque tipo di Attività.

  6. continuano con le armi di distrazione. fosse la partita di una strisciata, sapevamo già come gioca ogni singolo giocatore del Feyenoord fino ai titolari della primavera. mi spiace Francesco si presti, perchè non sembra il modo di anticipare l’arrivare di Dybala, ne il giorno di parlare di mercato, singoli, voti: la nostra stagione non è finita. se poi arrivasse Dybala, un altro grazie al capitano, ma comunque st’intervista, oggi, non la dovevi fa.

  7. Mercoledì c’è la partita e poi si vede
    Proprietà, Mou, Pinto stanno pensando ad altro
    L’arcipelago mediatico, che del risultato gli interessa zero o poco, è più preoccupato del destino de la joya
    Magari Francesco anche tu concentrati sulla partita

  8. Ho ascoltato una delle tante interviste rilasciate da Maldini in questi giorni/ore e devo ammettere di aver apprezzato la sua onestà professionale quando ha dichiarato che la lunga pausa dopo l’addio al calcio gli è servita molto per avere il tempo necessario a prepararsi al meglio al nuovo impegno dirigenziale.
    Inoltre ha candidamente ammesso che fondamentale è stato aver lavorato a diretto contatto con i vari Galliani,Scaroni,Gazidis,Leonardo,Boban etc per meglio apprendere tutto il necessario riguardo il nuovo ruolo ,ed avere una visione a 360 gradi su quello che è il potere politico nel mondo del calcio e come funziona, nonché ricevere nozioni basilari sul marketing ,la comunicazione ,la gestione dei rapporti economici ,gli equilibri nel rapporto con arbitri, quelli con la lega, quelli con i procuratori etc etc .
    Non per ultimo il rapporto con la squadra e con tutti gli atleti e dipendenti dell area tecnica che cambia radicalmente a seconda se sei un giocatore o un dirigente.
    Proprio infatti nell’ultimo passaggio dell intervista ha voluto precisare che inizialmente aveva provato un forte senso di inadeguatezza dovuto al fatto che ha presto scoperto che la sua visione del calcio come giocatore non aveva “nessuna”utilità una volta intrapresa la carriera dirigenziale ed il suo più grande sforzo è stato appunto dover velocemente apprendere le necessarie nuove modalità di pensiero/visione .
    Questo è confermato anche dal trovarci spesso di fronte a grandi giocatori che sono diventati pessimi dirigenti o allenatori,così come spesso pessimi giocatori sono diventati grandi allenatori e ottimi dirigenti o ancor meglio gente che non ha mai giocato è un eccellente dirigente . Come in tutte le attività le competenze cambiano a seconda dei ruoli ,ovvero un eccellente meccanico non è scontato diventi un ottimo dirigente della Fiat o di formula uno così come Briatore che si è rivelato un ottimo team manager di formula uno probabilmente non sa cambiare una candela alla vespa 50.
    Ha confermato che non ci vuole di certo ne lui ne tantomeno un altro grande giocatore per individuare “quello bravo” perché ormai il calcio lo vedono tutti ,ne tantomeno basta più la telefonata dell’ex campione o allenatore a convincere quelli già affermati ad arrivare nel tuo club,in quanto ormai per prendere un giocatore bisogna mettere in fila i rapporti con i club,le banche,i procuratori,le famiglie,i soldi alle Cayman e chi più ne ha più ne metta (tutt’al più la chiamata è un rafforzativo o utile per i ragazzetti ancora sconosciuti).

    • Oh… grazie Nn:smmjote. Finalmente un commento che il mio cervello comprende e a cui ha piacere di associarsi.

      Se non avessi guardato il video, a leggere i commenti precedenti avrei potuto pensare che il Capitano, dopo essersi macchiato di infamie imperdonabili (che cancellavano definitivamente ogni merito sportivo che avesse potuto mai avere) avesse fatto una figura tremenda alla CBS, intervistato da Lesley Stahl in persona (per ’60 minutes’), sconvolgendola con dichiarazioni inappropriate e pettegolezzi a 360°…

      Cose da pazzi 😳…

      Ciao 😊.

    • Totti 25enne ha avuto giocatori molto più forti intorno e non ha vinto niente ed in 25 anni ha avuto sempre una Roma più forte di questa e forse la Roma più forte di sempre. Senza di lui nel 2001 avremmo vinto lo scudetto lo stesso, senza uno tra Samuel, Capello, Tommasi, delvecchio, Batigol non credo invece. Forse uno dei più bravi che abbiamo avuto ma di certo uno dei meno decisivi della nostra storia al momento opportuno.

  9. Zi Bah, come non te reggo!
    Ma fatte na vita, va in giro da qualche parte…
    Perdi tempo con noi che nella Roma speriamo e crediamo!
    Pure basta nooooo?

  10. Insomma com’era prevedibile quella su Dybala era stata solo una battuta da tifoso, sulla quale ci hanno ricamato sopra i giornali e alla quale aveva creduto qualche abboccone.

    • Scusami, ma per te ogni volta che Totti risponde a una domanda su Dybala, scherza. Due volte in pochi giorni, peraltro. Ma niente, lui “scherza”: ma a che pro, poi? Per mettere in imbarazzo la Roma, alla vigilia di una finale, costringendola a smentire (cosa che la Roma non ha nemmeno fatto, finora)? Per diventare il nuovo Cassano? L’unica effettiva battuta che ha fatto Totti, peraltro, in questa intervista, a me sembra quella sul numero della maglia. Per il testo sono frasi piuttosto sibilline, da interpretare (questo sì) ma che sia tutto uno “scherzo”, non mi sembra. Tutti i giornali, TV, siti, ecc., stranamente danno a queste parole di Totti un peso diverso (cioè tendono a prenderle se non altro in considerazione), e comunque che la Roma sia interessata a Dybala è ancora una “notizia”. Anche perché Dybala a queste parole di Totti, intervistato pure lui all’evento su Eto’o, ha risposto, testualmente, che è “onorato” di ciò che ha detto Totti, e quando gli è stato chiesto dove andrà a giocare nella prossima stagione, Dybala ha risposto che ancora “nulla è stato deciso”. La Gazzetta dello Sport attribuisce a Totti anche questa risposta, virgolettata: “non abbiamo ancora parlato con Paulo. Lo faremo dopo. C’è tempo”. Trovi facilmente queste parole di Dybala e di Totti, on line. Ti cito i giornali e le “fonti” a cui solitamente credi tu, peraltro, Vegemite, magari a proposito di Mendes e Gattuso. Invece in tal caso niente. È tutto uno “scherzo”. Può darsi, per carità. Però “abbocconi” no, dai. Detto da te, poi, che scambi Koopmeiners per un fuoriclasse e Rui Patricio per un “dinosauro”! E manco scherzavi, purtroppo…

    • Io con te l’altra volta ho ragionato su un’intervista TV fatta a Francesco dalla quale, dal registro usato, dal tono e dai sorrisi, appariva chiaro che quella su Dybala fosse una battuta.
      Se poi ha rilasciato successivamente altre interviste non lo so.
      Io non penso che i Friedkin abbiano ufficialmente chiesto a Totti di intercedere.
      Posso sbagliarmi, ma non sarebbe nel loro stile e quindi ritengo che SE Francesco effettivamente si sia mosso per Dybala e ribadisco SE, l’abbia fatto di propria iniziativa.
      Altro piano quello societario.
      Chi ha la responsabilità del mercato, ovvero Pinto, ha fatto un sondaggio o un’offerta a Dybala?
      Come ti ho già risposto l’altra volta, sarebbe grave se non l’avesse fatto.
      Tornando all’1+1, è naturale che uno metta insieme un po’ tutti gli elementi. Primo tra tutti il fatto che ci sia un Dybala a zero sul mercato e che la Roma ha necessità di potenziare il suo attacco, specie se partisse Zaniolo. Poi certo nella somma algebrica si mette un po’ di tutto: le voci, gli spifferi e perché no anche l’eventuale iniziativa di Totti dando però a ognuna di esse il giusto valore.
      E mi pare evidente l’incongruenza dei tuoi commenti nei quali consideravi oro colato le tue fonti (di qui l’abboccone) e deliri o panzane le mie su Zaniolo.
      Tutto qua Dandalo, semplice: chi di spada ferisce di spada perisce.
      Ah ovviamente per te Rui Patricio è un teenager coi brufoli, Scamacca na sega, Koopmeiners e Zakaria due pippe, Sabatini bollito anzi morto con tanto di lapide, Mendes una suggestione …. dimenticato qualcuno?

  11. Secondo me ste interviste alla vigilia della finale portano pure sfiga oltre a mettere ombra ed ombre sulla squadra,questo guascone e un po’ cercato modo di mettersi in mostra alla vigilia di qualcosa che riguarda la Roma a me pare stucchevole e anche pietoso,con tutto il rispetto per il fenomeno che Totti è stato.Non avendo il cervello e la cultura di un Maldini o di un Leonardo purtroppo oltre a fare ste interviste macchietta non va e nel mondo del calcio che conta a livello dirigenziale non entrerà mai più,sempre se lo abbia mai voluto.il giocatore italiano più forte degli ultimi 30 anni penso sia rimasto un po’ prigioniero di se stesso e anche mal consigliato nelle pareti domestiche.
    È sempre rimasto a metà strada tra voler essere un uomo Immagine e un dirigente che conta non volendo e non sapendo scegliere o studiare un ruolo veramente costruttivo e determinante in società, ovviamente mal consigliato o addirittura snobbato da chi poteva o dichiarava di volergli dare un ruolo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome