TOTTI: “Non ho nulla contro Dybala, sono stato il primo a portarlo qui. Con questa dirigenza non mi vedo alla Roma. A Mourinho dico solo grazie”

61
1302

AS ROMA NEWS – Dopo le parole dei giorni scorsi, Francesco Totti ha chiarito il tenore delle sue dichiarazioni su Paulo Dybala e sulla Roma ospite dei microfoni di Sportmediaset.

Francesco, si aspettava questa partenza del suo amico De Rossi?
“Non me lo aspettavo, ma lo speravo. De Rossi è una persona seria e premurosa. Quello che sta facendo è davvero grandioso e mi auguro possa farlo ancora a lungo”.

Le sue frasi su Dybala hanno scatenato molte polemiche
“Non sono un dirigente della Roma, dell’Inter o della Juve. Io sono un tifoso di calcio, della Roma in questo caso. Posso dire quello che voglio, quello che penso dico. Ho esternato questa cosa non contro. Dybala, l’ho sempre difeso e per me è il giocatore più forte tecnicamente della squadra. Quando manca si sente. Mi hanno fatto una domanda: se fossi un dirigente. E io ho detto ci penserei, perché se ti gioca il 50% delle partite in due anni ci penserei. Poi se vogliono ingigantire le cose ben venga. Non ho nulla contro Dybala, sono stato il primo a cercare di portarlo a Roma”.

Da Mourinho a De Rossi, che ne pensa dello Special One?
“Parlerò sempre bene di Mourinho, insieme ad Ancelotti è quello che ha vinto più trofei e uno dei più grandi di sempre. Bisogna solo ringraziarlo per quello che ci ha dato, per le due finali. Grazie Mou per aver allenato la Roma”.

Vorrebbe fare l’allenatore come De Rossi?
“No, non è nei miei pensieri sinceramente”.

Non si vede davvero più nella Roma?
“Con questa dirigenza no, se loro avessero voluto cercarmi mi avrebbero trovato. Se poi un giorno arriverà ben venga, non direi mai di no alla Roma. Se ci sarà il momento giusto tornerò. Porta aperta? Non dipende da me, inutile chiedermelo sempre”.

La nazionale di Spalletti e l’Europeo…
“Conosco il mister e so che voglia ha e che spirito può trasmettere ai giocatori. Si può arrivare fino alla fine e lui proverà a fare una grandissima figura. Chiama tanti talenti, non ce ne è uno in particolare che posso citare. La forza di Spalletti è il gruppo, ti dà sempre una impronta”.

Fonte: Sportmediaset

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteAbraham, l’incubo è finito: è tornato in gruppo. Pronto il programma per il rientro in campo
Articolo successivo“ON AIR!” – ROSSI: “Sarà un’estate particolarmente difficile in chiave mercato”, CORSI: “Caro biglietti? La Roma si sta approfittando dei tifosi”, STRAMACCIONI: “L’ultimo tassello da sistemare nel 4-3-3 è Lukaku”

61 Commenti

  1. quanto ammiro Totti, non solo come fuoriclasse in campo ma anche il suo essere così genuino, chiaro, trasparente nelle dichiarazioni e comportamenti.
    al contrario di Pellegrini che reputo molto criptico per non dire altro.
    però ha ragione Friedkin, non vuole passare dal clan dei portoghesi al triumvirato Totti, DDR, Pellegrini che potrebbe fare tanti danni come ad esempio su Dybala.
    Dybala deve rimanere senza se e senza ma e pazienza se Pellegrini sarà un pò meno Magnifico

    • Il più grande giocatore che ho visto con la maglia della mia squadra, convinto che potrebbe solo fare benissimo anche in altro ruolo dirigenziale. Bisognerebbe fargli una statua e invece c’è già chi l’ha dimenticato o chi non gli perdona la sua romanità, per me invece un vanto, schietto, sincero, genuino, e su Dybala, un altro grande, immenso giocatore, ha pure ragione.
      Grandissimo, immenso Francesco!
      Forza Roma, sempre!

  2. Caro Checco, sei stato un grande giocatore. Ma come dirigente all’ASRoma non ti vorrei mai. Ognuno ha le sue competenze… e non è che se giochi bene a pallone, sei capace anche di fare il DS, il DT o lo scout….

    • Totti al momento non ha dimostrato nulla come dirigente? esattamente come DDR come allenatore quando due mesi fa è venuto gratis sulla panchina giallorossa (e adesso tutti lo idolatrano).

    • TT, anche perché De Rossi, ha vinto contro i nessuno. appena ha beccato Feye Inter e Fiorentina, una sconfitta in casa e tre pareggi. i rigori non contano.
      gli inglesi ritenuti Forti solo dai giornalai italiani non li calcolo, per me erano e restano i Sassuolo d’Inghilterra.
      adesso che c’è un calendario SERIO, vedremo quanto vale Leonida, nelle scelte ovviamente. perché sono sempre i giocatori che vanno in campo e quelli, tranne qualcuno, sono scarsi Forte

    • @IULIUS CAESAR non metto in dubbio il tuo essere romanista, però è dato di fatto che dopo le vittorie scompari. Capisco anche che le vittorie della Roma possono coincidere con la sconfitta delle tue convinzioni. E posso anche capire che l’esonero di uno dei più vincenti allenatori in circolazione sia stata una grossa delusione (su chi, sperava che la nostra squadra arrivasse al livello di chi sedeva in panchina) ma, credimi, lo dico con tanta amarezza, augurarsi che da qui alla fine De Rossi (quindi la Roma.. no, dico la ROMA) incappino in una serie di risultati deludenti solo per darti ragione mi sembra davvero il colmo! Non mi va neanche di polemizzare e dirti che negli ultimi anni non abbiamo vinto neanche contro nessuno (e senza mai tirare in porta, come ci sbefeggiano loro), però una cosa devo dirla: spero che tu scompaia. Definitivamnete. Intendo dal sito, ovvio: perchè in quel caso vorrà dire che De Rossi e la Roma avranno fatto bene e tu avrai sbagliato soltanto un pronostico.
      Senza rancore, da un romanista a cui risulta incomprensibile che un tifoso si possa augurare le disgrazie della propria squadra. Non sarò romano di nascita, non mi firmerò in latino ma la Roma è l’Amore della mia vita. E l’ho scelta io, da oltre quarant’anni, e guai a chi me la tocca!
      SEMPRE FORZA ROMA SEMPRE

    • Napolì, io lo chiamavo Leonida anche da giocatore.
      e non è dispregiativo, visto che in campo era un Leone. qui sbagli, mi auguro e vorrò sempre vedere la Roma vincere ma non per questo vedo tutto bianco e tralascio le ombre. Daniele ha avuto un calendario che ci ha permesso di volare, alcune delle quali vinte con estrema fortuna. quelle più toste non le hai vinte ed ora arriverà il duro sul serio. non faccio martire Mourinho, era noiosa la sua Roma. quello he non sopporto è chi come Pellegrini, pur di dare contro l’allenatore ha messo in difficoltà la squadra giocando da cani o non giocando proprio. Qui Leggo troppa enfasi per Daniele, così come ho letto che Svilar è già un Alisson. quello che dico è questo: CALMA! che non si è fatto niente, e quando c’era lo scoglio duro, non lo abbiamo superato se non a rigori o con una fortuna immane come a Firenze dove Daniele ha cannato formazione e cambi, alla grande. sempre forza Roma, a prescindere da chi la alleni. ma non per questo mi faccio stare bene ogni vizio di chi indossa la nostra maglia

  3. Su dybala ha detto ciò che tutti sappiamo. A causa dei suoi problemi fisici, è stato allontanato dalla rube. Certamente, queste dichiarazioni non giovano alla Roma e probabilmente sono la stessa ragione per cui il capitano non è diventato dirigente.

    • Però quando dici che la Juve ha allontanato Dybala perché è sempre rotto, significa che sono furbi e intelligenti alla Juve, peccato che sta furbizia e sta intelligenza non l’hanno avuta quando al posto di Dybala sempre rotto, hanno preso quella vecchia mummia putrificata di Pogba, che prima della squalifica per doping, ha fatto il triplo delle assenze di Dybala .
      Quindi come esempio non regge

  4. Visto il chiarimento per me giusto…d’accordo al 100 per cento su tutto quello che ha detto. Decidono tutto loro senza rispetto… sti americani e lo fanno per i soldi solo i soldi altroche’ sono come Pallotta se non peggio. L’aumento dei biglietti ci fanno 10 film….non parlano fanno parlare gli altri, ma che e’ sta cosa ? Comincio a pensare che l’arrivo di DDR non sia stato un caso si era preparato prima, comunque lo giudico positivo almeno per quei balordi di giocatori che hanno voluto la testa di Mou che almeno adesso giocano con continuita’. Per quelli che prendono per cretino Totti e non lo e’…. sul calcio non gli si puo’ dire niente. Se difende Mou e lo ringrazia che vogliamo dire? Immagino che ricominciano i detrattori.

    • Se non ci piacciono i pettegolezzi allora non leggiamo le sue risposte tutti giorni, perché non sono risposte di uno qualunque.
      E’ stato talmente grande che capisco il suo appeal mediatico ma mi chiedo se passa il 60% del suo tempo nelle redazioni dei giornali.

  5. “ Posso dire quello che voglio e quello che penso dico”. Mi dispiace Francesco, ma il problema è proprio questo: l’essere umano è responsabile di quello che dice e delle sue azioni , non certo dei suoi pensieri , a patto che questi ultimi rimangano tali però .

    • Eh, mbè? Che ha detto? Il suo pensiero, condivisibile o meno. E allora? Io non sono d’accordo su Dybala, non ci penserei un attimo a tenerlo qui, Francesco Totti la pensa diversamente. Dunque? Ora è vietata anche la libera espressione delle proprie idee?

    • Vero (e aggiungo per fortuna), ognuno è libero di parlare ed esternare il proprio pensiero ma Francesco Totti, per Roma e per l’ASRoma, non è un personaggio qualunque.
      Lui è un figlio di Roma e una persona “del popolo”, amato incondizionatamente dai suoi tifosi e tutto ciò che dice amplifica la cassa armonica delle sue parole. Forse, in alcuni casi, dovrebbe fare più attenzione a quel che dice perché potrebbe destabilizzare e nuocere l’armonia della Società e della squadra.

      Forza Roma, sempre

    • No B.R.S. non è vietato la libera espressione delle proprie idee, ma nemmeno è vietata la critica a quelle idee.
      Francesco Totti ha il sacrosanto diritto di dire quello che vuole, ma un tifoso , senza offendere ha il sacrosanto diritto di criticare.

    • Totti hai fatto il tuo tempo, da giocatore eri sublime, ora non diventare idiota come Cassano, risparmiaci le tue cassanate, ti dò un consiglio ” quello che dici sia più intelligente del tuo silenzio”

  6. Per come si pone non è lui a non voler lavorare con questa dirigenza, ma è questa dirigenza che non vuole lavorare con lui visto che non lo ha mai contattato. Nel momento in cui dice “Posso dire quello che voglio, quello che penso dico.” fa capire che non ha ne tatto, ne diplomazia e neanche intelligenza. Dovrebbe prendere lezioni sull’onestà intellettuale da De Rossi, sa sempre cosa dire anche se magari dentro di se alcune volte la pensa diversamente. E’ davvero un peccato, perchè mi sarebbe piaciuto rivedere i miei due idoli di nuovo insieme alla Roma, ma credo che se non cambi Francè non succederà mai.

    • Mi sa che sei un po’ confuso/a. Sarebbe onestà intellettuale pensare una cosa e dirne un’altra? Anche De Rossi dice quello che pensa, con la cautela che deriva dall’essere (al contrario di Totti) un dipendente della Roma.

  7. Non vedo la necessità di aprire adesso un dibattito sull’opportunità o meno di rinnovare a Dybala.Certo i dubbi sulla sua tenuta sono sotto gli occhi di tutti, ma mi pare che il volubile popolo giallorosso abbia in modo plebiscitario accettato questi rischi in nome degli evidenti vantaggi di poter schierare un simile campione.Totti più che sincero mi pare inopportuno e non è la prima volta che dice cose cattivelle mascherate da grandi verità

    • Infatti il dibattito è se tenerlo fino a scadenza o venderlo a fine stagione. Non sul rinnovo.

    • Cocco@ la sostanza non cambia,se pensi che al netto della fragilità il giocatore debba rimanere perché non sostituible(ed io lo penso)va tenuto finché hai la possibilità di farlo.Puoi fare un ragionamento diverso se sei il Real o simili,ma uno così a Roma non lo vedevamo giusto dai tempi del capitano

  8. TOTTI può dire quello che pensa? Si!
    Ha detto qualcosa di astruso? No!
    Il suo ragionamento è logico? Si!
    Che caxxo je volete critica’?!
    TOTTI vuole il bene della Roma? Si!

    P.S. per chi considera a priori TOTTI un dirigente incapace: ma se non lo ha mai fatto di che cosa parlate?!

    P.S. ma di tutti i dirigenti passati dalle parti di Trigoria che c’è TOTTI non farebbe la sua figura?!

    Lo ripeto: su questo forum parlano più i laziesi di TOTTI che i romanisti stessi!!!

    FORZA ROMA

    • hai indovinato fratello giallorosso.
      qui è invaso da laziali e juventini.
      ai dislike non fare caso. sono solo la prova della veridicità del fatto.

  9. Totti calciatore ?
    Fuoriclasse ( ma con qualche dubbio per me )
    Totti ora ?
    Inopportuno
    piu tifoso di se stesso che della Roma .
    Nei riguardi di Dybala ?
    Guidato piu dalla gelosia.
    Come ditigente ?
    Serve preparazione , studio , costanza , intelligenza. diplomazia.
    Le battute servono ai comici per il loro lavoro
    non ai dirigenti

    • gelosia? uno che ha vinto un mondiale con Lippi che lo ha implorato nonostante fosse al 30%, invidioso di uno che ha visto gli altri giocare ai mondiali?
      adesso le ho sentite tutte

    • vajelo a spiegà che per fare il dirigente deve: parlare inglese, capire di economia, di organizzazione, di comunicazione e di gestione del personale etc. etc. prova a spiegarlo a lui e tutti i vedovelli

  10. Ogni volta che parla , sono contento di poterlo ricordare come uno straordinario fuoriclasse e sono altrettanto contento che non faccia parte della società AS ROMA

  11. Comunque Totti glie fa un baffo a tutti i calciatori italiani.
    Dybala è una piccola parte di Totti.
    Io c ho pure autografo e foto con lui, ma per essere dirigente deve imparare tanto

  12. Totti non si rende conto che le uscite su Dybala in un momento di cambiamento radicale come questo non incrinano solo i buoni rapporti tra il fuoriclasse argentino e la società giallorossa ma “strappano” specialmente un delicato e faticoso lavoro di cucitura negli spogliatoi intrapreso da Daniele De Rossi fin dal suo arrivo. Fin quando Mourinho era in panchina, ha sempre tessuto le lodi di “questa dirigenza”… ora invece la critica sgradevolmente creando qualche tegola persino al suo ex compagno di squadra, nuovo e sorprendente allenatore dell’AS Roma. Proprio ora che si stava trovando equilibrio e armonia nel gioco e nei rapporti personali, arriva Totti il mourinhiano per rompere le uova nel paniere… Non bastano le balle quotidiane dei giornalai di turno sul sexgate…

    • Come può il pensiero di Totti, che non fa parte della Roma, incrinare i rapporti tra la Roma e Dybala? E dove leggi le critiche sgradevoli alla società?

    • Talenti giallorossa,
      in effetti non ha fatto nessuna critica sgradevole, seppur traspare quanto gli dia fastidio non essere mai stato contattato dai Friedkin per un ruolo dirigenziale da ricoprire nella società giallorossa. Questa sua insoddisfazione / delusione lo sprona ad affrontare pubblicamente (ossia sotto le pressioni infide di giornalai prezzolati) argomenti molto delicati senza minimamente riflettere alle conseguenze deleterie nei già complessi equilibri tra l’As Roma e i suoi tesserati. La questione dell’eventuale rinnovo di Dybala era evitabile e da lasciar affrontare ai dovuti responsabili: i Friedkin. Invece Totti ha abboccato all’amo dei giornalai collusi e schifosi e ci si è attaccato nel modo e nel momento più inopportuni (questo è poco ma certo) come un elefante che irrompe impazzito in una cristalleria. Ribadisco: perché l’eterno 10 giallorosso non ha affrontato la questione Dybala ai tempi di Mourinho, ossia quando eravamo noni, 2di classificati nel mediocrissimo girone di EL ed eliminati indecorosamente dai pecorecci in coppa Italia? Li sì che ce ne erano di gatte da pelare…
      È questo l’aspetto di Totti che dispiace maggiormente. Dei due pesi (Mou e DDR) adotta due misure diverse. E ciò non è affatto rispettoso per DDR.
      Tra l’altro, Dybala con Mourinho giocava decisamente meno rispetto ad ora…

  13. Dybala con meno presenze è quello che ha segnato di più (più di Lukaku) e fatto più assist. Decisivo. Ragionamento senza senso.

  14. È sempre INQUIETANTE vedere tanti 👎 quando si dice qualcosa in favore del più grande giocatore (ad oggi) della storia dell a.s. Roma…😱

  15. Io ogni volta che parla il capitano vedo il goal contro il City, il goal del 2-2 contro le quaje da subentrato, il goal contro la Sampdoria, al di là delle leggi della fisica, il goal su rigore al mondiale.
    Non condivido spesso le sue opinioni, ma è una leggenda che parla.
    Ha il diritto di sparare caxxate ? Come tutti noi credo. Solo che le sue sono più rumorose.
    Ma per quanto ci ha dato je se può perdonare tutto per me.
    Come dirigente non c’è lo vedo nemmeno io, né con questa e né con nessun altra proprietà.
    Solo con Franco Sensi magari, ma quel calcio non c’è più, come il nostro beneamato Presidente.

  16. Pienamente d’accordo con Totti.
    Peraltro commentandolo, l’altro ieri, avevo proprio letto fra le righe quest’acredine nei confronti della proprietà che lui stesso ha confermato.
    Ha ragione, non solo perché si sono ben guardati dal considerarlo (posso capire le loro ragioni ma anche quelle di Totti) ma anche per come è stato trattato Mourinho.

    E ricordatelo tutti, voi che mi metterete i dislike per questa frase su Mourinho: così come lo hanno fatto a lui lo faranno a chiunque. Anche a voi. E la politica dei prezzi è solo un assaggio.

    Ma contenti voi…

    • Wtf.. Perdonami..

      Ma spiegami perché una società di calcio importante è moderna dovrebbe chiamare Francesco Totti come dirigente?

      Un dirigente moderno deve parlare più lingue.. Ed almeno deve parlare l’inglese.. È il minimo indispensabile questo..

      Dovrebbe aver fatto un po’ di gavetta.. (De Sanctis e Balzaretti sono un esempio).. Francesco ha lasciato dopo 6 mesi..

      Avrebbe dovuto fare un corso (per esempio da Ds).. Ma non ha fatto neanche questo..

      Quindi perché dovrei chiamare Francesco Totti?.. Per il nome?.. Per ciò che che ha fatto da calciatore?.. Basta questo?

      L’impegno, la voglia di imparare, il lavoro, il merito contano meno di zero?

      Per quanto riguarda il licenziamento di Mou.. Da ciò che che so io.. Mou ha praticamente insultato tutti nel ritorno da Milano.. Calciatori, dirigenti, ma specialmente Dan Friedklin..

      Per questo è stato allontanato.. Non per i risultati ma per il comportamento..

      Io non ero presente, come nessuno qui.. Quindi non posso dire se lo meritava veramente.. Ma non posso neanche escluderlo..

      Come fate a dire che non lo meritava se non sapete cosa sia realmente successo?

      E dal comunicato ufficiale.. Si capisce chiaramente che è successo qualcosa che va ben oltre il campo.. Un comunicato non è mai così duro solo per i risultati ottenuti.. C’è molto di più..

      Io Amo ed amerò sempre Francesco.. Ma dopo il suo ritiro.. Non si è impegnato minimamente per avere nozioni base per essere un dirigente “importante”.. Come vorrebbe essere lui..

      E provo un gran rispetto per Mou.. Nonostante alcune cose che non mi sono mai piaciute e non mi piaceranno mai..

      Tuttavia non insulterò mai queste due figure.. Chi per un motivo chi per un altro..

      Ma bisogna anche cercare di comprendere le motivazioni.. Se no ci si schiera subito con la figura che più si ama.. E questo è sbagliato.. Anche per chi ami.. Perché non capirà mai i suoi errori..

      Forza Roma

  17. Sei mesi fa Totti e De Rossi erano ambedue schifati come se avessero la rogna. Adesso DDR senza grande esperienza da allenatore è l’idolo di tutti (per i risultati finora ottenuto non perché un ex capitano); è rimasto Francesco ad essere insultato, che pure opera nel mondo del calcio. Ma Francesco deve fare il Direttore Tecnico mica il Direttore finanziario! Se qualcuno pensa che non sia capace, ha seri problemi, credetemi

    • Il direttore tecnico in qualsiasi società moderna parla inglese.. Così come il Ds..

      De Rossi si è impegnato per capire l’importanza, oggi Daniele oltre ad aver fatto il corso a Coverciano parla perfettamente in inglese..

      Totti sotto chi ha fatto gavetta?
      Quali corsi ha fatto?
      Parla inglese?

      No
      No
      No

      Sia chiaro io Amo Francesco con la A maiuscola..

      Ma per qualsiasi ruolo in una società moderna importante servono competenze minime.. Specialmente se vuoi un ruolo importante..

      Non si può ottenere tutto grazie al nome e all’amore.. Non è giusto.. Un po’ di merito e di impegno serve..

      E capiamoci.. Non ho mai schifato Ne Daniele ne Francesco.. Anzi l’esatto contrario.. Ma per essere parte importante di una società moderna servono nozioni basilari.. Daniele ha studiato.. Francesco no..

      Sono scelte.. Le rispetto.. Ma non si può incolpare la società per scelte che non hai compiuto tu stesso

      Forza Roma

  18. Cavolo erano cosi tanti “romanisti” che c’e’ l’ hanno con Totti ? Tutti pollice verso per chi ama persone che ci hanno fatto sentire importanti nel Mondo ? Complimenti io mi ricordo ancora la Roma di Ciccio Cordova, di Pierino Prati e tanti e tanti altri mai siamo arrivati a 2 finali che dire se questi sono tifosi no anzi tifosi a “gettone”. Io sarei felice se DDR ci portasse al 4 posto e alla finale non dico vincerla per scaramanzia altro che Pulman al Circo Massimo e Colosseo e non farei il paragone con Mourinho tanto che serve.

  19. Non sarei sorpreso se emergesse che Totti sta lavorando per un progetto alternativo alla attuale proprietà (e non ci troverei niente di male). È evidente che non si piacciano affatto.

  20. da questa intervista esce fuori;”
    1 che le parole su Dybala le ha dette e tutti quelli che l’avevano difeso per lesa maestà hanno toppato.
    2 Dybala l’ha portato lui. (pensa un po’ che boria)
    3 se vuoi diventare dirigente studia come tutti.
    anche basta con ste interviste

  21. Capitano, mio eterno ed unico Capitano, ti adoravo , ti adoro e ti adorero’ per sempre, ma sinceramente non ti prenderei mai come dirigente, a fare cosa poi? Casomai con un ruolo come collante tra squadra e dirigenza si, ma di certo non ti darei altri incarichi che richiedono competenze specifiche con tutto il rispetto. Magari come scout, ecco in quel ruolo ti prenderei….

  22. innanzitutto nessun paragone con De Rossi anche perché lui ha il papà che gli ha fatto una scuola enorme essendo un grande allenatore di squadre giovanili, Totti dirigente? guardate che per fare il dirigente di una di una società come la Roma devi essere una persona preparata a livello internazionale, mi dispiace dirlo ma Totti non sa mettere tre parole di fila ci prenderebbero per il culo tutti, ad ognuno il mestiere suo e il lupo alle pecore

  23. Totti x noi è una divinità, per cui gli si perdona questo ed altro, però lui è così, rancoroso e rosicone e, nella sua fantastica spontaneità, lo ha candidamente ammesso sia nel libro che nel docufilm.
    Evidentemente l’attuale proprietà non gli ha garantito il ruolo al quale aspirava e lui, come è nella sua natura, tracima bile.
    Quello che mi dispiace è che esca con questi veleni in un momento cruciale della stagione e con il suo amico DDR in panca.
    Gran parte dei nostri tifosi pendono letteralmente dalle sue labbra e se se ne esce con “mai con questa dirigenza” scaglia un sasso che rischia di destabilizzare l’ambiente proprio nel momento cruciale.
    Secondo me non si è posto minimamente il problema ed ha dato solo sfogo al suo eccesso di bile, come successo diverse altre volte in passato, come nella controconferenza stampa dalla sala del CONI, indetta in contemporanea a quella di Spalletti, oppure quando mandò a quel paese Garcia, reo di averlo sostituito all’ottantesimo sul 3 a 1 contro il Toro, visto che in quel momento il suo principale cruccio era il record di Piola e la partita prometteva altre occasioni di rimpolpare il bottino. Poco importa se il mister voleva risparmiarlo a risultato acquisito e magari concedere qualche minuto a compagni che facevano la muffa in panca.
    È così ed è sempre stato così, giocatore geniale e di immensa tecnica, uomo assai normale con debolezze, rancori e bassezze e forse è per questo che quando si ə ritirato ha pianto tutta Italia, mica solo noi.

  24. Il discorso dovrebbe essere semplice..

    Francesco Totti è nato con un dono.. Tecnicamente ed anche fisicamente è stato probabilmente uno dei calciatori italiani più forti..

    Ma questo è un dono, che ha dovuto allenare facendo ciò che ama.. Giocando..

    Lui si sente ancora un ex calciatore.. E magari ci capisce anche di calcio.. Ma questo non basta per avere un ruolo importante in una società di calcio come la Roma..

    Anche avere una certa padronanza delle lingue e qualcosa di veramente importante nelle società moderne..

    Ci sino dirigenti che parlano 4/5 lingue.. Il minimo è conoscere almeno l’inglese..

    Francesco si è mai impegnato in questo?

    Lui vorrebbe essere chiamato.. Ma vorrebbe un ruolo importante.. Non gli basta avere un ruolo di facciata come lo ha Zanetti con l’Inter.. Che oltretutto è preparato..

    In questi anni molti calciatori sono diventati dirigenti.. Prima hanno fatto tanta gavetta poi hanno imparato più lingue..

    De Sanctis, Balzaretti.. Entrambi ex Roma.. Entrambi parlano inglese.. Entrambi sono stati dietro ad un ds per diverso tempo..

    Francesco e stato qualche mese dietro a Monchi.. Poi ha scelto di cambiare.. Poteva tranquillamente fare gavetta dietro qualche altro Ds.. Poteva studiare.. Imparare l’inglese.. Imbastire conoscenze..

    Fare tutto quello che ad esempio ha fatto un Massara.. Ma ha scelto di smettere.. Non studiare.. Aprirsi una società e continuare a giocare..

    Io rispetto la sua scelta.. E se lui ha un parere su Dybala, su Lukaku, su Mourinho.. E un suo parere.. Il parere di un tifoso..

    Ma se mi vieni a dire che è questa società che non ti chiama.. Quasi a voler dare la colpa alla società.. No..

    La colpa è di chi non vuole mettersi sotto, studiare, fare gavetta come l’hanno fatta tutti.. Non parlare mezza parola di inglese..

    Servono competenze minime per entrare dentro una società.. Non basta chiamarsi Francesco Totti.. Il nome può aiutare.. Ma poi serve anche un po’ di impegno..

    Francesco dopo la carriera da calciatore.. Si è impegnato per costruirsi un futuro come dirigente di alto livello?… No.. È su questo non c’è il minimo dubbio..

    Poi qualcuno dirà.. “eh ma lui non voleva Pastore.. Voleva Ziyeck..”.. Si anche io volevo lui.. Quindi la Roma doveva chiamare me ed altri 3 mln di tifosi che preferivano Ziyeck?

    Chissà che storia c’è in realtà dietro quella scelta.. Perché qualcosa di strano è successo in quel momento..

    Quindi rispetto il suo parere su Dybala.. Anche se lo trovo incoerente.. Lo voleva quando sapeva che giocava poco.. Non lo vuole più oggi che come prima gioca poco?… Ok.. Incoerente ma rispetto l’opinione del tifoso..

    Ma Francesco ad oggi non ha la minima base di competenza per nessuna squadra di serie A minimamente importante.. Non è “questa società” il problema.. Il problema sta in lui..

    Forza Roma

  25. Ok Totti , anche basta però, il campo è una cosa, la dirigenza e la scrivania sono altre cose.
    Ad averceli tutti in rosa, 25-30 fuoriclasse come Totti per quanto riguarda il campo ma come dirigente, mi dispiace, penso sia inadeguato se mette in discussione la volontà di rinnovare il contratto al giocatore più forte della squadra e top player tra i più forti al mondo.
    Francesco può continuare a fare il tifoso e dedicarsi al padel.

  26. Le cose che je riescono mejo da dí sò e barzellette. Pe e’resto è mejo che nun parla. Ma no da mò, da sempre.

  27. Caro Francesco ti vorrei dire che DDR non ha rubato nulla anzi, ha vissuto la carriera calcistica come capitan futuro perché davanti aveva te che con i piedi eri DIO ma caratterialmente si intuiva che il vero Leader era lui, ha studiato da allenatore,conosce la psicologia e le lingue sa come stare al mondo, tu caro mio smesso i panni da calciatore stai andando a rotoli tra poker,divorzi etc , ora capisco il “concedetemi un po’ di paura”. forza grande Roma

  28. Totti ha fatto il suo da giocatore, ed era un grandissimo.
    Non è tagliato per fare il dirigente.
    I commenti su Dybala lo dimostrano.

  29. Totti hai fatto il tuo tempo, da giocatore eri sublime, ora non diventare idiota come Cassano, risparmiaci le tue cassanate, ti dò un consiglio ” quello che dici sia più intelligente del tuo silenzio”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome