TOTTI: “Non mi aspettavo che De Rossi facesse così bene. Pellegrini capitano vero. Arabi? Non è vero niente. Alla Roma non torno più” (VIDEO)

66
1539

AS ROMA NEWS – Francesco Totti è stato scelto come ambasciatore di betsson.sport (con cui collabora anche la Roma) e ha rilasciato alcune dichiarazioni a margine dell’evento di presentazione tenutosi nella Capitale. Ecco le parole del Capitano:

Ti aspettavi che De Rossi fosse già così bravo?
“Non mi aspettavo che facesse così bene sin da subito, ma lo speravo. Sta dimostrando di essere un grande allenatore e io, come tutti i tifosi giallorossi, speravamo che potesse iniziare questo percorso così bene, sperando che continui su questi livelli. Roma è una piazza difficile e sta dimostrando il suo valore”.

La qualità migliore di De Rossi?
“Conoscere bene la città, i tifosi e la società e quindi sta riunendo tutto questo per far sì che i giocatori rendano in campo con la massima tranquillità”.

Pellegrini?
“Dopo me e De Rossi non era semplice trovare un altro capitano, ma io avevo già detto che Lorenzo fosse un capitano vero, da Roma. Sta dimostrando il suo valore, ora sta anche bene fisicamente e gli riesce tutto, speriamo possa durare più a lungo possibile”.

Roma-Milan ai quarti di Europa League?
“Più si va avanti in una competizione e più diventa complicato, prima o poi incontri tutte le squadre più forti. I rossoneri stanno bene, hanno ritrovato 3/4 giocatori di qualità e quantità. Sarà una sfida bellissima e aperta, mi auguro che la Roma passi il turno”.

Si può temere il dna europeo del Milan?
“Sarà un fattore in più per loro, ma non è più il Milan di una volta…”.

Che ti ha detto Mourinho a Riyadh?
“Niente, giuro. Ci siamo solamente salutati”.

Come arriverà la Roma al derby?
“Ci arriverà come sempre, è una partita diversa e difficile”.

La cessione in Arabia della Roma?
“Non è vero niente, mi sono informato”.

Torni alla Roma?
“Mai più”.

L’altra volta avevi detto che saresti tornato prima della conferma di De Rossi?
“Tanto ogni volta mi fate questa domanda (ride). Non torno più, non torno più…”.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedente“ON AIR!” – PETRUZZI: “De Rossi ci ha abituato troppo bene”, DAMASCELLI: “L’ambiente prima era drogato”, LO MONACO: “Celik miglior terzino destro, siamo al paradosso”
Articolo successivoAcerbi e la presunta frase razzista a Juan Jesus: lascia il ritiro azzurro, al suo posto convocato Mancini

66 Commenti

    • e siamo arrivati a 20 quaglie…
      Comunque, noi sappiamo bene che sarà molto difficile rivedere Totti alla Roma (ma in generale come dirigente in qualsiasi squadra). Anni fa,
      dopo che Pallotta decise di vendere e passare la mano e iniziò ad abbandonare la Roma con una gestione liquidatoria inaccettabile, Totti non ci stette e fece quella famosa intervista di ammutinamento e censura contro la proprietà. Scelse la Roma alla sua carriera da dirigente. Questi i fatti. Che dire: mitico Capitano

    • Invece credo che alcuni pollici versi siano anche da romanisti o pseudo tali secondo me, ai tempi ricordo allo stadio svariate critiche per me incomprensibili…

    • Chiamata di che? A fa che? Non esiste una diretta correlazione tra essere stato un giocatore-divinità in terra e la carriera da dirigente tecnico. Se tieni i piedi buoni non è detto che la natura sia sta generosa fino alla testa. E questo è Totti: geniale nel rettangolo da gioco… “normale” (e gli voglio bene) fuori.

  1. Mode malizia on: “considerando come gli ha detto bene ai Friedkin giocarsi la carta De Rossi quella Totti se la tengono per la prossima crisi”.

    Mode malizia off: Totti è un personaggio troppo ingombrante a Roma per qualunque proprietà. Una volta che lo hai assunto, con qualsiasi ruolo, diventerebbe di fatto il portavoce della società e Totti sicuramente se ne frega abbastanza di chiunque, direbbe quello che vuole dire, non farebbe lo yes man.
    A quel punto una proprietà dovrebbe licenziarlo, ma questo a Roma comporterebbe metterti contro il 99% della tifoseria.

    Assumere Totti alla Roma sarebbe una mossa di grande propaganda, ma sarebbe l’ultima.

    • La risposta dal video sulla società è diversa e chiarissima:

      La cessione in Arabia della Roma?
      “Mi sono informato, non c’è niente”.

      Non capisco perchè qui venga riportata “NON Mi sono informato”.
      Redazione?

    • Mettiamola così invece, senza nessun bisogno di mode malizia on/off.
      Cosa può fare Totti in una società in veste di dirigente?
      Perché tu uno ingombrante puoi anche assumerlo, ma la sua “ingombranza” deve avere un perché che superi gli eventuali effetti collaterali.
      DDR si sa(peva) benissimo cosa facesse, è qualificato per farlo e tra lui e Totti come figure manageriali di qualsiasi tipologia, dispiace dirlo, c’è un abisso: Daniele possiede una comunicazione spigliata e diretta, parla inglese in modo estremamente fluente (particolare sottolineato più volte dai cronisti inglesi di Brighton-Roma), dà l’impressione che qualsiasi cosa avesse voluto fare dopo la carriera di calciatore l’avrebbe fatta ad alti livelli.
      La carta DDR i Friedkin l’hanno giocata azzardando ma anche cum grano salis.
      Secondo me, e non da qualche giorno, hanno sicuramente pensato anche a Totti ma si saranno fermati subito allo scoglio “What can he do for us and for Roma?”
      Per noi è semplice dire può fare il DT, il GM, il DS e via con tutte le sigle disponibili, ma un incarico di responsabilità presuppone le competenze e i titoli per farlo.
      L’impressione è che per Francesco invece sia sufficiente essere…Totti.

    • Wtf,
      secondo me, invece, l’ultima carta l’hanno già giocata con DDR.
      Li aspetto al varco: voglio proprio vedere se avranno il coraggio di non prolungargli il contratto…
      Al di là del fatto che se lo sta ampiamente meritando sul campo, non vorrei mai che pensassero di poter impunemente fare “usa e getta” di una nostra bandiera.
      Che facciano attenzione, i Muti.

    • Caro Grillo, sono d’accordo. Sono considerazioni fatte più volte. A Totti non puoi dargli altro che un incarico di rappresentanza, del quale poi peraltro è scontento. Anche se potrebbe essere indubbiamente una risorsa ottimale nello scouting, ovviamente non può essere solo uno scout, verrebbe sempre visto come il volto della Roma. Fare il Diesse? non si è qualificato per farlo, e se non lo ha fatto è perché non gli interessa. Fare il GM? anche su questo ho forti dubbi che gli interessi.
      In effetti, come diceva sopra Re_Leone, l’unica posizione adeguata alla sua storia, nonché al fatto che sarebbe di rappresentanza ma a altissimo livello, sarebbe quella di presidente. Il che sarebbe possibile solo avendo alle spalle dei finanziatori.

      In genere queste associazioni non durano molto e non funzionano a lungo. Perché fra chi mette i soldi e chi mette la faccia chissà perché finisce sempre a male parole. 🙂

      Avevo però affrontato la cosa solo dal punto di vista della proprietà.

    • Il Grillo del Marchese

      Ebasta con sta storia di parlare l’inglese. Galliani considerato uno dei piu grandi dirigenti italiani non parla inglese non sa manco una parola. Lo stesso per altri “grandi” dirigenti.
      Il ruolo di Totti e quello di Direttore Tecnico, ne DS ne GM.
      Era Totti a chiedere di non prendere Pastore a Monchi, abbiamo visto chi aveva ragione. E Monchi era considerato come il Re dei DS.
      Inoltre il peso mediatico di Totti e tale che una suo tweet ha fatto mandare in tilt la gestione Raggi a Roma, con Berdini costretto alle dimissioni, alla Roma serve uno con un peso mediatico come il suo, perche il grande difetto di questa societa e stare zitti mentre tutti spallano mer’a sulla Roma su qualunque cosa.

  2. Adoro Totti calciatore unico totale insuperabile, avrebbe potuto fare anche il libero vecchia maniera.
    Daniele ha un altra testa, parla spagnolo (questo forse perchè ha giocato in argentina) parla inglese (questa perchè ha capito che era importante saperla).
    penso che lui nella vita avrebbe concluso qualcosa pure se non avesse giocato a calcio, mette impegno e dedizione in ciò che fa.
    Quello che ottiene è frutto di lavoro, nel mondo dei calciatori è una mosca bianca.

  3. Beh vederlo lavorare insieme a DDR sarebbe na bella libidine.
    Forse però l’impronta romana sarebbe troppo forte boh….

  4. Pochi giorni fa ho scritto un post su un highlight che avevo appena visto di una partita della Roma di una decina d’anni fa,in cui Totti aveva fatto 2 gol e 2 assist vincenti e avevo commentato dicendo che ancora oggi non ci rendiamo conto di quale grande campione abbiamo avuto in maglia giallorossa.
    Con la stessa onestà di pensiero,affermo che Totti non è tagliato per un ruolo societario di nessun tipo,sia tecnico che dirigenziale. Gli mancano troppi requisti fondamentali.
    D’altro canto lui nemmeno ci pensa,impegnato com’è a godersi la vita nei suoi aspetti ludici ed edonistici.

  5. Quando parla il CAPITANO sono più i laziali a spolliciare che i romanisti a commentare!
    Soffrono il confronto tra IL NOSTRO CAPITANO e tutti i loro……
    FORZA ROMA

  6. Totti è stato il più grande fuoriclasse della storia della Roma. Per me è come se fosse un mio figlio. Chi ama questi colori non può che volergli bene… Spero che Daniele allenatore e Francesco dirigente possano dare alla Società quello spirito di romanità necessario per raggiungere grandi obbiettivi. Entrambi, per l’amore che portano verso questi colori , possono dare con la loro dedizione, quella marcia in più necessaria per vincere… Romanisti si nasce… ma tante volte ci si diventa ( vedi :Dino Viola e Franco Sensi)…

    • “…spirito di romanità necessario per raggiungere grandi obbiettivi….”

      cos’è lo spirito di romanità?
      se fosse solo per la romanità, non essendo romano, non tiferei certo Roma…e come me, molti altri…
      Il tifo è una cosa irrazionale, limitarlo all’appartenenza geografica è un limite enorme.

    • A Pipe’, Silvio Sensi, il padre di Franco, è stato uno dei fondatori della AS Roma e secondo te Franco è “diventato” romanista?

    • ..Per me è come se fosse un mio figlio… “trovare aggettivi per i tifosi della Roma non ce ne sono almeno per me. E’ come se fossimo tutti una famiglia”… allora c’ha ragione lui !!!

    • Magari mi sbaglio ma mi pare che lo “spirito di romanità” non ci abbia mai fatto vincere niente. Anzi, è proprio quando ci siamo liberati, purtroppo per poco, di questa crosta di provincialismo alla vaccinara che abbiamo vinto qualcosa.

    • Ma no Giannino, non serve vedersi a maggio, si può fare prima visto che sono 22 punti in 9 partite a fronte di 29 in 20.
      Lassa perde…

    • Certo ci risentiamo a maggio, quando sapremo quale grande squadra dopo la Roma ed il West-Ham avrà vinto il Trofeo tanto sbandierato.
      Quanto alla Europa League non vinta, dopo Taylor comincia a ringraziare anche il tuo caro Special per non aver messo Svilar in porta a parare i rigori.

    • @Giannis1, di una cosa sono convinto che quando le cose andranno male per DDR saremo veramente in pochi a difenderlo. Ecco perché continuo a dire che ha un contratto per 6 mesi. Punto e basta.

    • Giannis1 io me te ricordo, commentavi su Repubblica un pò di anni fa. potresti essere lo stesso troll juventino perchè rompi er c…o allo stesso modo e c’hai lo stesso alias

    • Non si tratta di credere, i numeri al momento lo certificano, per riparlarne dovremmo aspettare una quindicina d’anni e vedere dove arriva, tornando a prima, le premesse sono ottime

    • Per il momento nelle stesse 9 partite De Rossi ha fatto 22 punti contro i 16 di Mourinho.

  7. credo che ormai viva tra un torneo di padel e l’altro.
    Ancora oggi non spiaccica una parola di inglese.
    Anche ai premi non riesce nemmeno a presentarsi in inglese. E’ oggettivamente pigro.
    Detto questo: nell’area tecnica – non so con quale ruolo – ci potrebbe stare.
    I giocatori – secondo me – li saprebbe scegliere, magari affiancato da un massara che porta avanti le trattative.

  8. Io non credo che arrivera’ alla Roma fino a che ci sono gli americani molto difficile, penso che la gestione delle risorse la vogliono gestire loro quindi per lui non c’e’ spazio serve solo come emblema e gia’ l’ ha detto senza potere decisionale a Trigoria non mette piede e gli do’ ragione. giudizi sulla vita privata no…. sono inaccettabili !!!

  9. Io capisco tutto e l’ho amato come calciatore. Ma in questi anni, per esempio, ha imparato un pochetto di inglese? Ha fatto qualche studio, corso, ha preso qualche qualifica…. ?
    Boh, in Italia il lavoro lo devi avere per grazia ricevuta.
    De Rossi ha fatto gli esami da allenatore e parla inglese, per esempio, ha lavorato con lo staff della nazionale. Sembrano cavolate ma se vuoi fare il dirigente devi imparare un pò di roba… almeno nel resto del mondo.

  10. Non è perche è stato il piu’ grande giocatore della storia della Roma che per forza deve diventare un grande dirigente o avere ruoli decisionali. Credo che il ruolo di brand ambassador sia perfetto per lui. Per fare il DS ci vogliono non solo competenze tecniche ma anche economiche . Quindi Totti si secondo me puo’ tornare alla Roma, ma con quello che attualmente puo’ offrire….. ovvero la presenza di uomo immagine, che tutti a livello mondiale gli riconoscono quando si parla di Roma. E’ una leggenda resti leggenda.

  11. spiegami perché DDR non può fare meglio di Mou( alla Roma)..c’hai la palla di vetro? ci vediamo a maggio ? ok ci vediamo a maggio.giannis 1

  12. Totti come calciatore e capitano è stato bravissimo…però De Rossi in più ha le pa##e quadrate che tu ancora le sogni ancora…

  13. a me fare ride….qui se sentono tutti fenomeni e pensano di poter sapere o giudicare se Totti possa fare o no il dirigente…ma chi ve lo dice a voi che non è in grado??ma perché Zanetti o Ibrahimovic loro so in grado perche parlano piu di una lingua??ma per favore…l’unico che ce possa rappresenta come se deve in giro per il mondo è proprio TOTTI…che capisce de pallone e de giocatori e soprattutto di romanità,molto meglio di qualsiasi dirigente incapace che circola nella serie A

  14. bravi romanisti, avete accettato Pallotta, Italo Zanzi, Baldissoni e compagnia cantante, e vi permettete di giudicare a priori Francesco Totti : “…non sa l’inglese, che gli fai fare, nun è bbono…” …capito di chi parliamo ??? di Francesco Totti… Francesco Totti !!!

    • forse sarò io cattivo ma quando dice non me l’aspettavo forse non sarà un po’ invidioso?
      e poi da calciatore è stato un dio in terra ma lo studio non è stato molto curato…

  15. Totti è stato la nostra voce e il nostro uomo più carismatico per 20 anni, non vedo perché non potrebbe continuare a esserlo. Roma = Totti ancora oggi in tante parti del mondo e non solo perché era un grande calciatore, ma perché era il Re di Roma. Potrebbe essere tranquillamente una figura che trasmette agli altri giocatori il concetto di romanismo e che ci rappresenta in molte sedi come ha sempre fatto. Sta cosa che non è buono a far niente e che non può avere un ruolo in questa Roma non ha senso. Potrebbe essere il Vialli di Mancini all’Europeo e sarebbe bellissimo vedere lui e DDR alzare un trofeo assieme di nuovo.

    • Come ha già sottolineato un amico più sopra lui sarebbe perfetto per un ruolo di brand ambassador, e anche per quanto detto da te.
      L’ostacolo maggiore per tutto questo è però Totti stesso, che più volte in passato ha specificato di ambire ad un ruolo decisionale, anche se non ha mai chiarito quale.
      Francesco non ha fatto nulla dopo il ritiro, se non continuare a giocare, calciotto, padel, persino il tavolo verde.
      Giocare, a qualsiasi cosa, è l’unica cosa che ancora lo emoziona.
      Si gode la fortuna che Dio gli ha donato, beato lui.
      Ma è difficile pensare di presentarsi con questi requisiti a chiedere ruoli di responsabilità nella Roma come altrove.

  16. Fuoriclasse in campo, fuori oggi un pò meno….
    Poteva risparmiarsi l’intervista e certe dichiarazioni, sono solo opinioni personali. Gli arabi se desiderano qualcosa e la acquistano lo si sa soltanto dopo, a cose fatte. Prima nessuno sa niente, neanche Totti.

  17. Totti qui manca ancora il DS altro che Totti . Cmq speriamo che come fa lui sta nascondendo le carte e che gli arabi siano voci concrete .

  18. Totti può benissimo ricoprire ruoli istituzionali nella Roma. Che non sappia l’inglese mi sembra un aspetto piuttosto minore e migliorabile (volendo). Anche Aldair avrebbe un posto a vita nel mio consiglio di amministrazione ideale.

  19. il grillo del Marchese però quando ce lo mise Pallotta come uomo immagine del marchio Roma nel mondo…il bostoniano è stato crocifisso dalla tifoseria …compresi molti su questo forum!ora invece Totti andrebbe bene giusto x quello!la verità è che Pallotta aveva capito una cosa fondamentale e cerco di sfruttarla x diffondere il marchio Roma il più possibile all estero….e cioè che nel mondo era più conosciuto Totti della Roma stessa!però la sua intuizione non fu capita a Roma…da stampa e tifoseria…che lo lapidarono letteralmente!come sarebbe bello se ognuno si occupasse di quello che sa e basta…

    • E io che ho detto? Che non lo vuole fare per sua stessa ammissione, perciò perché ti accalori?

  20. Ma dove sta scritto che uno deve imparare le lingue per forza, perche’ gli altri non parlano l’ italiano che e’ la lingua piu’ bella del Mondo ? Io vivo all’estero a me non me ne frega niente de parla inglese o francese o spagnolo se mi cercano so l’altri che devono fasse capi’ se portassero il traduttore e daje so felice di essere italiano e romano per strada qui me canto Roma Roma Roma me guardano e’ sorridono e non me prendono per matto sto in Africa qui non sanno manco dove sta Roma e daje rega’. Il capitano e’ un grande sia per filosofia di vita e’ un vero romano, sia perche’ non po’ vede gli americani che con Roma nun ce servono. Albertone mio dove stai ?

  21. Il commento “non me lo aspettavo” su Daniele scusatemi ma mi sa da rosicata. Facesse un po’ pace con sé stesso scendesse dal trono e studiasse come fanno tutti per formarsi su quello che vuole fare(dirigente Ds allenatore etc). Altrimenti che si goda i soldi e figli e non ci sarebbe nulla di male anzi tutti noi lo faremmo se potessimo al posto suo.

  22. Inarrivabile sotto tutti i punti di vista, arguto , sveglio, piccante e simpatico. Tutte qualità che a Trigoria si sbrigano a cacciar via. Dopo Budapest Mourinho in confronto sarebbe stato un’educanda delle Orsoline. E questo cozza con l’austera politically correct della proprietà. Del resto sono passati 4 anni anni ed ancora si aspetta quel famoso caffè.

  23. Totti non potrà mai fare un ruolo importante, perché per lui si tratterebbe di avere a che fare con gente in giacca e cravatta che parlano in un altro modo e pensano in un altro modo rispetto a lui, infatti è lui il primo che non vuole averci a che fare con quel mondo…come lo dimostra il fatto che non ce mai alle trasmissioni di Sky a fare l’opinionista perché lui non ha le abilità della comunicazione televisiva non sarebbe in grado di essere come per esempio del Piero…Totti è troppo umile e “normale” per fare certe cose e soprattutto non è un lecchino da mandare davanti alle telecamere per raccontare la storia dell orso…se non ha ancora fatto nulla non sta aspettando niente lui è così e lo sa e non se la sente o proprio non vuole far parte di certe situazioni…è troppo ignorante nel senso buono per far certe cose…non è il dicanio di turno o l’adani e men che meno un rudi völler della situazione è semplicemente Francesco Totti…

  24. Chissà perchè Totti apre bocca solo quando le cose alla Roma iniziano ad andare bene. Credo che oltre che dal rancore verso la società sia mosso anche da una bella dose di invidia nei confronti di Daniele De Rossi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome