Trigoria, striscione dei Fedayn contro il test in Israele: “In uno stato che occupa non può esserci ‘amichevole'” (FOTO)

55
1632

AS ROMA NEWS – Dopo la rinuncia della Roma per il trofeo Gamper programmata per il 6 Agosto al CampNou contro il Barcellona che ha irritato particolarmente il club spagnolo, si ritorna a parlare di amichevoli in casa giallorossa.

Fa discutere e non da poco tempo la partita che i giallorossi disputeranno in Israele contro il Tottenham, località che è teatro da anni di un conflitto bellico destinato ad espandersi.

Il gruppo della curva sud Fedayn ha affisso uno striscione fuori al centro sportivo Fulvio Bernardini a Trigoria che recita ”In uno stato che occupa non può esserci ‘amichevole”‘, contestando la decisione della società nel disputare in quella località l’amichevole con gli Spurs.

Articolo precedenteZaha, la Roma ci pensa: le richieste del Crystal Palace per cedere la sua freccia
Articolo successivoSergio Oliveira saluta la Roma: “Avrà un posto speciale nel mio cuore. Non dimenticherò mai la finale di Tirana e la festa coi tifosi”

55 Commenti

    • leggo i commenti e penso che fortunatamente piccoli fedayn crescono.
      Agli incerti, ai pavidi, agli ignoranti ricordo sommessamente che è sempre il momento giusto per fare una cosa giusta.
      E quanno more er prete,
      Sonano le campane, piangono le putt__e e i loro protettori.
      Ma quando muoio io, non voglio gesù cristi, ma solo gagliardetti, dei Fedayn teppisti!
      Forza Roma, sempre Z!

    • Parla di calcio e basta, per quanto riguarda la verità per scoprirla devi prima acculturarti.

  1. Giusto. Non solo non c’è motivo di giocare li… Ma Israele non è giudaismo… Israele è capitalismo militare mondiale costruttori di guerra e ingiustizie.
    Zionisti di nascita non c’è religione che tenga per un paese oppressore che fa dell’abuso legge.
    Israele non esiste se vogliamo giocare in Palestina… Allora si.

    • Però si dice sionismo. E non dimentichiamoci che nacque per trovare una patria agli ebrei in seguito a tutti in pogrom in Europa Orientale. Questo, al di là delle critiche allo stato di Israele, va ricordato

  2. As someone who grew up under ocupation and bombs, i can only but emphatise with poor people of Palestina. Since our presidente is american, it’s unlikely that this match will get canceled. There are laws in the Usa that prevent companies from acting/saying anything that would undermine legitimacy of israel… sad world we live in…
    i hope even more that we’ll beat Levy’s Tottenham… for me, this is not a friendly match, but rather a match of principles.
    FREE PALESTINE.

    • La storia reale la conosciamo tutti,i like li prendi da chi sa le cose veramente,da che mondo e mondo La striscia di Gaza è PALESTINA…!!!

  3. BRAVI I FEDAYN…ora magari cerchiamo di far sparire la triste bandiera “roma marcia ancora” che nell’ultimo anno sventolava tranquillamente in sud.. c’è solo l’ASROMA

  4. Striscione vergognoso che ben rappresenta chi lo ha esposto. Istraele non occupa niente, quei territori sono abitati da giudei dalla notte dei tempi

    • Vai a studiare la Storia e poi ne riparliamo….sono stati occupati dopo la seconda guerra mondiale!!! Se seguissi il tuo ragionamento anche l’Italia potrebbe rivendicare ad esempio la Francia perché è stata occupata dai Romani nel II secolo d.c.
      La realtà è che, dopo la seconda guerra mondiale e grazie agli inglesi, Israele è stata creata mandando via la popolazione che abitava lì.

    • Beh, in realtà i giudei in quell’area non avevano i numeri e la forza per tirare su un proprio stato dai tempi della diaspora.
      La composizione etnica di quella zona prima del ’48 non avrebbe mai giustificato la creazione di uno stato con la stella di David come bandiera nazionale.
      C’è voluto il senso di colpa dei vincitori della seconda guerra mondiale per aver chiuso gli occhi su ciò che stava accadendo in tutta Europa.
      Così venne organizzato il nuovo esodo, senza alcun rispetto per quelli che davvero ci vivevano da secoli lì.
      Fu così che le vittime divennero i nuovi carnefici.

    • I giudei non esistono perché dalla notte dei tempi stanno sparsi per il mondo. Quei territori erano dei palestinesi. Secondo il tuo ragionamento sarebbe un po’ come dire “visto che Alessandro Magno aveva spostato la capitale in Persia, allora dobbiamo mettere i Macedoni a controllare la Turchia”

    • Ma forse dovresti informarti meglio… Israele occupa quel territorio dagli inizi del ‘900 grazie all’appoggio del Regno Unito e degli USA, che all’inizio avrebbero dovuto presidiare la zona per evitare conflitti con gli autoctoni ma che all’inizio della prima guerra si sono gentilmente defilate per non rischiare di rimanere senza fornitura di petrolio per i propri armamenti… da allora, praticamente, Israele fa quel che gli pare in un territorio che non gli è mai appartenuto se non per leggende bibliche… ovviamente ho fatto un riassunto striminzito, ma se neghi l’evidenza dei fatti sei in malafede o soltanto ignorante…

    • Assolutamente no..il popolo Palestinese è sempre stato lì.. ma che dici?per Israele la striscia di Gaza è solo un pretrsto commerciale..

    • i giudei sono lì dal tempo di cristo, qualcosina come settecento anni dopo la fondazione di roma. fate voi

  5. Io sono cresciuto in mezzo alle manifestazioni studentesche filo palestinesi (da parte mia), con la kefiah (bianconera purtroppo, quella é, mi fu donata da un palestinese rifugiato negli anni ottanta) al collo. Detto questo non dovremmo (dovrei) vedere un minuto dei prossimi mondiali di calcio.
    Non mi dovrebbe piacere Zeki Celik in squadra, vista la “democrazia” turca di Erdogan.
    E il discorso si allungherebbe all’infinito…
    Alla fine, eccetto casi limite tipo l’attacco Russo all’Ucraina con pioggia ininterrotta di esplosivo su militari e civili, penso che il mondo civile e lo sport possano e devono contribuire alla ricerca di soluzioni di composizione diplomatiche e di mediazione tra le parti.
    In questo sempre accanto al nostro Paese, che ha tanti difetti, ma una capacità storica di mediazione, alla ricerca del male minore, che apprezzo senza tentennamenti.
    Quindi va bene pure giocare in Israele.

    • Cosa cambia esattamente tra il conflitto tra Israele e Palestina e quello tra russia e ucraina? La guerra è guerra ed è brutta in ogni caso. Non ha senso condannarne una e dire “e va be’ ” per l’altra..

    • Visto che scrivono di stati che occupano, chi peggio degli americani, negli ul660 anni?
      E i Friedkin sono americani, o sbaglio?
      Tra l’altro Israele fa pure parte dell’UEFA e le sue squadre rischi di incontrarle in qualsiasi delle tre coppe. Attendo aggiornamenti dovesse capitare un Maccabi qualsiasi in EL.

    • Caro AVE assolutamente d’accordo con te in linea di massima (e anche di…minima).

      Ma la differenza sostanziale è che l’occupazione israeliana e il controllo limitrofo alla striscia di Gaza pluridecennale, quasi secolare ancora un poco, la cosiddetta “questione palestinese”, é una sorta di Davide vs Golia mantenuta attraverso un controllo spietato del territorio, attraverso metodi che sono profondamente radicati nel tempo e nelle istituzioni ad ogni livello politico.
      È proprio in questo caso che la diplomazia lavora incessantemente per migliorare le cose, o provarci.
      Mentre PUTIN (e non entro in torti o ragioni, buoni o cattivi) sta’ attaccando con ogni mezzo da qualche mese ormai, senza minimamente rispondere ad ogni tentativo di tregua e compromesso, attraverso una tipica guerra lampo di antica memoria, e poco può fare l’intermediazione.
      Manco risponde, se non saltuariamente in maniera molto ambigua.
      Che nelle sue intenzioni finirà solo come minimo con l’occupazione.
      Qui la diplomazia deve lavorare, chiaro, ma è una guerra, in corso, ben diversa.

  6. Concordo con la critica al sionismo, ma non con la strumentalizzazione del calcio a fini politici.
    Ovviamente questo vale per tutte le ideologie, a cominciare dallo striscione “giovinezza” sempre in bella vista nella parte bassa della nostra curva.

  7. Se si strumentalizza tutto, fermiamo il mondo e mettiamoci tutti a pensare. Si cerchi di trovare la via giusta per qualsiasi problema,ma non mi sembra che nessuno voglia cedere meno che un niente. Forza Roma

  8. Grandi Fedayn, sempre una spanna sopra a tutti.
    Giocare in Israele è vergognoso, Palestina libera! (avevo scritto un commento simile quando uscì la notizia dell’amichevole e non mi era stato pubblicato).

  9. Per quanto personalmente sia d’accordo, avrei evitato.
    Gli americani stanno pappa e ciccia da sempre, non credo proprio si pongano neanche la questione.
    Chiedere ai Friedkin di boicottare Israele e prendere una posizione di natura politica, magari inimicandosi pure chissà chi a chissà quale livello, mi sembra fuori luogo.
    Mi sembra ridicolo a dilla tutta.
    Lo dico, ripeto, con tutta la mia solidarietà che va dall’altra parte. E con tutta la stima che nutro per i Fedayn.

  10. A’ matti….io pensavo di andare a vedere calcio, queste cose non hanno nulla a che vedere col calcio e con la Roma.
    Ognuno ha la sua idea, ma la Roma per favore lasciamola stare con queste cose.
    Condanniamo gli sbiaditi per la politica e adesso approfittiamo della visibilità stupida calcistica che comunque non cambierà il passato e neanche il futuro.

  11. Raga già di calcio ne capite poco, mo non avventuratevi I questioni storiche e geopolitiche che rasentate il ridicolo.
    Striscione che verrà ignorato dalla società, da Roma e dal mondo intero, come è giusto che sia.

  12. Fedayn….anni 70. Il mondo era un’altra cosa, qui non si tratta di capire se sia giusto o meno, qui bisogna che la gente capisca che ci sono occasioni e situazioni preposte alla politica, il calcio non lo è più la politica e le proteste si fanno in piazza, allo stadio vado a vedere la partita.
    La Roma per favore lasciatela in pace che queste cose sono solo fonte di problemi per chi non vede l’ora di dare fastidio alla società e sono molti.
    Per cui belli i Fedayn belli i Boys….’mo ve ne potete pure anna’..,.,per parafrasare il Marchese del Grillo.
    Andate a baccajà a Montecitorio che ce ne stanno tante de cose da dire.

  13. Non ho grande simpatia per Israele, ma neanche dei Palestinesi…
    Parteggiare per gli uni o gli altri è quello che vogliono chi ha interesse a creare instabilità..
    E cmq i tifosi che fanno politica, creano solo divisioni e caos.
    Da una parte c’è chi aggredisce, e dall’altra chi punta a fare sparire uno Stato dalle cartine geografiche. ..
    Che tristezza…ora anche i tifosi ci si mettono, magari scoprendo su Google cosa significa Fedayn..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome