TRPISOVSKY: “Partita a livello della Champions. Giochiamo nel tempio del calcio contro Mourinho, una leggenda”. VLCEK: “Voglio superare il test Lukaku”

12
472

NOTIZIE AS ROMA – Il tecnico dello Slavia Praga, Jindrich Trpisovsky, ha parlato in conferenza stampa. Queste le sue parole:

Come sta la squadra?
“La rosa è completa ad eccezione di Petr Ševčík, che è rimasto a Praga e sta recuperando da un infortunio. Martedì tutti si sono allenati e sono disponibili. Certo, può ancora succedere qualcosa nell’allenamento pre-partita o nel riscaldamento mattutino, ma per il momento la situazione sembra buona”.

La memorabile partita del 1996? Come ti stai trovando qui?
“Le testimonianze dicono che all’epoca fu una stagione eccezionale per lo Slavia, un enorme successo. Ho guardato quella partita a casa in tv. Dall’unica azione dei tempi supplementari Vávra ha segnato un gol come un fulmine a ciel sereno. Qui mi sono trovato benissimo, adoro questi stadi storici, visitare questi stadi è l’esperienza più bella a parte la partita in sé. Puoi immergerti nella storia, puoi sentire le grandi partite che qui si sono svolte. Lo senti dal momento in cui arrivi al garage. Sono entusiasta di poter visitare un simile tempio del calcio e della città”.

Hai vissuto tanti big match, ma nelle stagioni precedenti lo Slavia veniva accolto solo da stadi vuoti. Quindi è questa la partita più importante degli ultimi anni?
“Decisamente. Prima ci ha colpito il covid, che ha svuotato gli stadi, e poi è arrivata la Conference League, alla quale mancano gran parte delle big europee, anche se la sua qualità è altissima. Non vedo davvero l’ora, paragonerei la partita al livello della Champions League. Giochiamo nel tempio del calcio contro José Mourinho. Con una squadra che nelle ultime due stagioni è arrivata due volte nelle finali europee e che ha in rosa diverse stelle. Sarà una grandissima esperienza per tutto lo Slavia e non vediamo l’ora”.

José Mourinho ti ha elogiato molto ultimamente. Ha detto che lo Slavia è una squadra della Champions League. Lo vedi come parte della battaglia mentale prima della partita o come un grande complimento?
“Prima di tutto probabilmente non ha visto la nostra partita a Teplice, forse ha sbagliato, perché non ci sottovaluterà. Come allenatori vediamo molte partite degli avversari e possiamo stimarne la forza. Sono state belle parole e dobbiamo cercare di concretizzarle e confermarle sul campo qui e tra due settimane a Praga. Per noi sarebbe l’onore più grande”.

Mourinho?
“È la più grande leggenda tra gli allenatori, ha governato il mondo del calcio. Ho guardato le partite del Chelsea e la loro epoca gloriosa. Come ho detto, per me è la più grande icona tra gli allenatori. Anche se siamo in Europa con lo Slavia da sette anni, abbiamo alle spalle grandi partite, per noi è assolutamente eccezionale. Come Slavia apprezziamo davvero di poterlo incontrare”.

Mourinho ha detto in conferenza stampa che vede lo Slavia in due modi diversi. Come vorresti che fosse giovedì?
“Il derby è stata una partita particolare, forse non si ripeterà mai più. Sono stati giocati 38 minuti puliti, non era calcio, ma qualcos’altro. Per me l’augurio più grande, per come voglio che lo Slavia si presenti giovedì, è il coraggio. In passato lo abbiamo fatto anche nei big match. La maggior parte dei giocatori lo sperimenterà per la prima volta, credo che reggerà. Sappiamo che arriverà un folto gruppo di tifosi. Voglio che vedano uno Slavia coraggioso e attivo. Cercheremo di eguagliare i nostri avversari in tutti i parametri, forse anche di superarli in alcuni”.

Condividi uno stile di calcio diverso con José Mourinho, ma nonostante ciò, ti ha ispirato in qualche modo?
“Al 100%. Conosco tanti allenatori che hanno provato a imitarlo. Ho due libri a casa che raccontano la sua vita. Li ho sfogliati molte volte. Menzionatelo ovunque sul pianeta e tutti sapranno chi è. Ricordo principalmente il cammino con l’Inter in Champions League e il suo legame con i giocatori”.

Vista la situazione del girone si gioca per il primo posto. Come ti sembra? Conviene giocare la prima partita in trasferta?
“Preferiremmo giocare la prima partita in casa, perché di solito riusciamo a mostrare qualità nella prima partita e l’avversario è più preparato per la seconda. Siamo contenti di avere sei punti dopo due partite. Ora dobbiamo lottare per il primo posto. Abbiamo un gruppo completo e giovedì dobbiamo lavorare per mantenere questa posizione. Le restanti due squadre hanno zero punti e si affrontano, quindi almeno una o entrambe segneranno. Abbiamo affrontato bene il girone, ora ci aspetta un grande doppio match”.

Su Tomáš Vlček.
“Tomas non è stato chiaro, ma giocherà. Lukáš Masopust giocherà, ancora una volta in un altro ruolo insolito per lui, che speriamo possa gestire bene come ha gestito i precedenti”.

LE PAROLE DI TOMAS VLCEK

Anche il difensore dello Slavia Praga Tomas Vlcek è intervenuto in conferenza stampa. Le sue dichiarazioni:

Immaginavi un anno fa che la storia della tua vita ti avrebbe portato allo Stadio Olimpico?
“È un sogno diventato realtà. Ho giocato a Pardubice la scorsa stagione, ed era del tutto inimmaginabile per me poter giocare a Roma qualche mese dopo”.

Chi vorresti affrontare giovedì?
“Voglio affrontare il meglio, solo così si migliora, conosci i tuoi limiti. Vorrei affrontare Lukaku, provarci. Cercherò di realizzare quello che mi è stato detto dagli allenatori e di dimostrare che posso farcela, che non li deluderò. Voglio superare questo test.”

Come si affronta Lukaku?
“Io e gli allenatori ci siamo preparati per lui, ma terrò per me la tattica. Credo che l’abbiamo scelta correttamente e giovedì lotterò contro lui su ogni centimetro”.

Se Lukaku non giocasse ti dispiacerebbe?
“Il mio obiettivo è giocare contro attaccanti come lui. È una partita di Europa League, sappiamo quali sono le tattiche della Roma. Ma chiunque metta lì, non importa, tutti i giocatori in attacco hanno qualità straordinarie. Non vedo l’ora di vedere chi metteranno in campo. Ma come ho detto mi piacerebbe giocare contro Lukaku”.

Cosa pensi del tuo minutaggio nelle ultime partite?
“Quando sono venuto dal Pardubice non mi aspettavo di giocare tutte le partite. Volevo lottare per il posto. La qualità qui è diversa, è enorme. Apprezzo il fatto di potermi allenare allo Slavia e qualche volta giocare delle partite. Ne sono molto grato, di certo non mi offendo. Tutti devono passare questo periodo, sentire l’atmosfera e migliorare gradualmente. Se una persona vive questo, allora può giocare grandi partite. Ho aspettato con pazienza l’occasione di mettermi in mostra in campo. Sono molto grato per questo”.

Articolo precedenteRoma-Slavia Praga, le ultime sulle formazioni: novità sulle fasce e un cambio in attacco per Mou
Articolo successivoRoma-Slavia trent’anni dopo

12 Commenti

  1. Non so perché, ma sulla carta sono simpatici .

    Forse un po’ esagerano , però sono simpatici.

    Meglio fare 3-4 goal così non ci pensiamo più !

  2. Bravo onesto e un pochino scappellante il loro mr..sul fatto che noi sia una leggenda non c’e’ dubbio, anche se le leggende rischiano si campare un po’ di rendita, ce lo teniamo stretto così come’..come dice Publio sopra, ci vorrebbe una goleada per non pensarci più e dare morale e fiducia in vista dell’inter…forza Roma!!!!

  3. Complimenti a quest’uomo!
    È raro sentire interviste del genere.
    E non mi sa neanche parakulo.
    Che gli vada tutto alla grande meno che la partita….!
    Davvero.
    Lontano da noi rimarrò un tuo estimatore.
    FORZA ROMA

  4. Questi verranno con il veleno negli occhi..

    Parlano di questa partita come la partita della vita.. Alcuni si vorranno far notare..

    La mia paura più grande è che questi meneranno forte.. E ci sarà uno spreco di energie enorme..

    Ma più che altro mi preoccupa la situazione infortuni..

    Per stavolta menomale che Dybala non c’è.. Ed occhio a Lukaku..

    Forza Roma

  5. Questo tecnico potrà anche sembrare simpatico ma la squadra che allena, per quel trascorso è simpatica come un dito ar c*lo ricoperto di sabbia o come un gatto attaccato ai coj….
    Bisogna asfaltarli e basta.

  6. Belle parole, le accettiamo volentieri e proprio per questo stasera dobbiamo giocare con voglia , attenzione, qualità e cattiveria, non ci facciamo “ammorbidire” , Forza Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome