UEFA, riforma delle coppe europee 2024/25: il nuovo format del girone unico a 36 squadre e dei playoff (COMUNICATO)

25
677

AS ROMA NOTIZIE – A partire dalla stagione 2024/25 il format di Champions League, Europa League e Conference League sarà completamente rivoluzionato e la UEFA ha spiegato l’evoluzione delle tre competizioni europee tramite un comunicato ufficiale.

“Il cambiamento principale nelle riforme annunciate dal Comitato Esecutivo UEFA è l’abbandono dell’attuale sistema della fase a gironi. L’attuale fase a gironi della Champions League prevede 32 partecipanti divisi in otto gironi da quattro. Dalla stagione 2024/25, invece, 36 club parteciperanno alla fase campionato della Champions League (ex fase a gironi), dando a quattro squadre in più l’opportunità di giocare contro i più importanti club europei. Questi 36 club parteciperanno a un’unica lega in cui la classifica comprenderà tutte e 36 le squadre.

Secondo il nuovo formato, le squadre giocheranno otto partite in questa nuova fase a girone unico (ex fase a gironi). Non giocheranno più due volte contro tre avversari – in casa e in trasferta – ma affronteranno otto squadre diverse, giocando metà delle partite in casa e metà in trasferta. Per determinare le otto diverse avversarie, le squadre saranno inizialmente classificate in quattro fasce. Ciascuna squadra sarà quindi sorteggiata per giocare contro due avversari per fascia, disputando una partita in casa e una in trasferta contro le due squadre di quella fascia.

Ciò offre ai club l’opportunità di misurarsi contro un maggior numero di avversari e ai tifosi la prospettiva di vedere le squadre migliori affrontarsi più spesso e prima nella competizione. Inoltre, col nuovo format ci saranno partite più competitive per tutti i club.

Come verranno assegnati i quattro posti più rispetto all’attuale fase a gironi?

La qualificazione alla Champions League continuerà a essere aperta e dipenderà dalla posizione finale di un club nel campionato nazionale nella stagione precedente, combinata con la posizione di ciascuna federazione nel ranking. La base della lista di accesso rimarrà la stessa della stagione in corso, e gli ulteriori quattro slot disponibili nel 2024/25 saranno assegnati come segue:

Slot 1: questo posto andrà alla squadra classificata al terzo posto nel campionato della federazione al quinto posto nella lista d’accesso determinata dal ranking UEFA coefficienti club per paese.
Slot 2: questo posto sarà assegnato alla vincitrice di un campionato nazionale, allargando da quattro a cinque il numero dei club che si qualificano attraverso il percorso Campioni delle qualificazioni alla competizione (composto da quattro turni di qualificazione).
Slot 3 e 4: questi posti saranno assegnati alle federazioni i cui club hanno ottenuto i risultati migliori nella stagione precedente (cioè il coefficiente club per Paese della stagione precedente che si basa sul numero totale di punti coefficienti club ottenuti da ogni squadra di una federazione diviso per il numero di club partecipanti di quella federazione). Queste due federazioni avranno diritto a un posto ciascuno nella fase campionato (“European Performance Spot”) per il club classificato subito dopo le aventi diritto alla qualificazione automatica alla fase campionato.
Come si raggiunge la fase di eliminazione diretta? Sono previste modifiche al formato?

I risultati di ogni partita decideranno la classifica generale del nuovo campionato, con tre punti per la vittoria e uno per il pareggio.

Le prime otto squadre della fase campionato si qualificheranno automaticamente agli ottavi di finale, mentre le squadre classificate dal 9° al 24° posto si sfideranno in spareggi a eliminazione diretta con gare d’andata e ritorno per riempire la griglia degli ottavi. Le squadre che si classificano dal 25° posto in giù saranno eliminate senza possibilità di accedere alla UEFA Europa League.

Il nuovo formato, con tutte le squadre classificate insieme in un’unica lega, comporta che tutte avranno qualcosa per cui lottare sino praticamente sino all’ultima giornata.

Nella fase a eliminazione diretta, le squadre classificatesi tra il 9° e il 16° posto saranno teste di serie nel sorteggio degli spareggi della fase a eliminazione diretta, il che significa che affronteranno una squadra classificata tra il 17° e il 24° giocando ( in linea di principio) il ritorno in casa. Gli otto club che prevarranno negli spareggi per la fase a eliminazione diretta, andranno agli ottavi di finale dove affronteranno le prime otto classificate, che a loro volta saranno testi di serie nel sorteggio degli ottavi.

Per rafforzare la sinergia tra la fase campionato e quella a eliminazione diretta, e per fornire maggiori stimoli sportivi durante la fase campionato, anche gli accoppiamenti della fase a eliminazione diretta saranno in parte determinati dalla classifica della fase di campionato, con un sorteggio che determinerà e stabilirà anche il percorso delle squadre per raggiungere la finale.

A partire dagli ottavi di finale, la competizione continuerà a seguire il suo attuale formato con turni a eliminazione diretta che porteranno alla finale che si giocherà come di consueto in campo neutro selezionato dalla UEFA.

Tutte le partite prima della finale continueranno a essere disputate in settimana, riconoscendo l’importanza del calendario nazionale delle partite in tutta Europa, mentre la finale continuerà a essere giocata di sabato.

Cambierà anche il formato dell’Europa League e della Europa Conference League dal 2024/25?

Sì. Cambiamenti di formato simili saranno applicati anche alla UEFA Europa League (otto partite e quindi otto diversi avversari nella fase campionato) e alla UEFA Europa Conference League, che si chiamerà UEFA Conference League a partire dal 2024/25 (sei partite e quindi sei diversi avversari nella fase campionato), con entrambe le competizioni che col nuovo format prevedono 36 squadre nella fase campionato.

Come sarà il calendario per il nuovo formato delle tre competizioni?

Le partite della fase campionato di Champions League ed Europa League si giocheranno da settembre a gennaio , mentre per l’ Europa Conference League le partite saranno da settembre a dicembre . Le tre competizioni UEFA per club avranno una settimana in esclusiva per disputare la propria giornata , quindi in quella settimana non si giocheranno partite delle altre due competizioni.

Nelle settimane normali, le partite di Champions League si giocheranno il martedì e il mercoledì, mentre quelle di Europa League e Europa Conference League il giovedì. Nella settimana esclusiva di Champions League, le partite di Champions League si disputeranno il martedì, il mercoledì e il giovedì. Nella settimana esclusiva di Europa League, le partite si disputeranno il mercoledì e il giovedì. Nella settimana esclusiva di Europa Conference League, le partite di Europa Conference League si disputeranno il giovedì.

L’ultima giornata delle tre competizioni prevede che le partite si giocheranno tutte in contemporanea”.

Fonte: uefa.com

Articolo precedenteDerby, la Roma scenderà in campo con la quarta maglia (FOTO)
Articolo successivoSacchi: “La Roma di Mourinho nervosa, mai spettacolare e staccata in classifica. De Rossi ha cambiato tutto. Il Brighton? Ecco come si batte”

25 Commenti

    • Manco io!! Al secondo paragrafo sono andato direttamente ai commenti. Ma quale mente perversa può avere messo in piedi una roba simile?!

    • In realtà non è così astruso. Dagli ottavi in su è praticamente identico, cambia la formula del girone, che è, diciamo “aperto”. Prima avevi 8 gironi con una squadra per fascia (una di prima, una di seconda, una di terza e una di quarta; adesso hai un solo girone unico con dentro tutte le squadre, quello che fa la selezione delle partite sono i calendari. Per ogni squadra all’interno di questo girone unico viene effettuato un sorteggio degli avversari da affrontare, perché giocherai contro due avversari per ogni fascia. Il sorteggio determina tutti gli incastri, nel senso che non è che si fa per ogni squadra, si partirà dalle teste di serie come al solito.
      Esempio, se la Roma è in prima fascia, a lei sono associate due squadre di prima fascia, due di seconda, due di terza e due di quarta, totale 8 partite, di cui metà in casa e metà fuori. Se in prima fascia ci sono Liverpool e Bayern giocherai, ad esempio, in casa con il Liverpool e fuori con il Bayern, e così via.
      Dopodiché semplicemente, PER TUTTE le squadre, contranno i punti che fai in una classifica generale unica. Le prime otto passano direttamente agli ottavi, le altre devono fare uno spareggio (le seconde otto contro le terze otto).
      Risultato:
      1. si giocherà di più.
      2. i soldi sono solo qui, o fai la Champions o sei condannato a bilanci tipo quelli della Roma attuale.

  1. Quello che se ne deduce da questi cervellotici regolamenti è che aumenteranno gli impegni per le squadre che supereranno la prima fase, indovinate a vantaggio di chi?
    Le televisioni a pagamento, quelle che ormai la fanno da padrone nel mondo del calcio.
    Della salute dei giocatori? Sono cavalli da soma, da spremere come limoni, alla faccia di qualsiasi misura di prevenzione.
    È il prezzo che l’UEFA paga alla Superlega.

    • I calciatori potrebbero anche decidere, “troppe partite ci abbassiamo lo stipendio”, ce li vedo proprio, gente che non ha rinunciato neppure agli stipendi durante il covid quando tutto il mondo era in ginocchio.
      Riassumendo oltre le solite 6 partite con squadre di diversa fascia rispetto alla tua, ci saranno anche due partite in più con squadre della stessa fascia, questo per favorire lo spettacolo con scontri tra prime fasce già nella fase a gironi.

  2. Non me ne frega niente se la Lazio batterà o meno il Bayern Monaco, mi interessa però che la Roma vada in Champions anche col 5° posto, perché l’elite del calcio è quella e sarà sempre di più quella.
    Cerchiamo di essere lungimiranti, non guardiamo solo dentro l’orticello dei Cugggini.

  3. Ho provato a leggerlo e capirlo ma evidentemente non sono in grado. Una cosa ho capito: hanno definitivamente ucciso quello che era rimasto della “poesia” del calcio. Se era rimasto qualcosa. Tutto questo casino allucinante ed allucinato per competere con una Super League mai nata???

  4. l’Italia , per ora , al primo posto , per i 2 slot in piu.
    BENE.se non benissimo.
    Bisognerebbe rivalutare , nei giudizi di molti ,
    il nostro campionato
    L’ europeo vinto ,
    3 finaliste di Coppa lo scorso anno .
    Ma la domanda vera è :
    quando si spara veramente se l’Italia potra schierare 5 squadre in Champions League ?
    NB
    il mio sogno ? 6 squadre italiane in Champions League

    • Se la Lazio (Dio non voglia) o il Napoli vincono la Champions’, e l’Atalanta (o noi) vince l’Europa League e non arriva tra le prime 5, e riusciamo a mantenere le prime due posizioni del ranking per nazioni, le squadre in Champions potrebbero essere teoricamente anche 7. Teoricamente 😂

  5. Troppo importante esserci.
    Già ci hanno fatto fuori dal mondiale per club… se non riusciamo a stare in questa nuova champions è difficile rientrare fra i migliori.
    Il divario economico andrà aumentando sempre più. Di fatto la superlega la sta facendo la uefa.

  6. A me personalmente questa riforma piace. Mi sembra una formula interessante, e l’ultima giornata giocata in contemporanea su tutti i campi si profila terribilmente intrigante. E soprattutto è stata eliminata la “retrocessione” nella coppa inferiore in caso di arrivo al terzo posto del girone.
    Ovviamente bisognerà vedere come andrà, ma sono fiducioso.

    • alcune cose piacciono anche a me.
      certo hanno aumentato il numero di partite (nella prima fase 8 e non 6) e per chi non arriva tra le prime 8, pure un bel turno preliminare prima degli ottavi…

      teoricamente i dovrebbe avere una situazione più equilibrata rispetto agli attuali gironi, ma la componente C rimane altissima… non è infatti un vero campionato.. ma ciascuno incontrerà solo 8 squadre tra tutta la compagine. e alcune solo in casa,entre altre solo in trasferta.
      anche se le squadre saranno comunque valutate in base a un non meglio specificato criterio per suddividerle in 4 categorie, tra beccare real e city nel primo gruppo o, che ne so, Milan e Leverkusen, ci sarà differenza…
      anche il semplice Feyenoord, tra giocarci in casa o da loro non è esattamente la stessa cosa.

      comunque si, la formula mi intriga e voglio assolutamente esserci!!

  7. Io ormai lo conoscevo da tempo …
    su “Football Manager 24” già esiste e l’ho provato … 😀
    Champions con la ns Roma nella stagione ( sul gioco ) 24/25 … hai visto mai fosse di buon auspicio ;).

    Sempre Forza ROMA !!!

  8. Boh, non è che mi convinca moltissimo. Già il fatto di affrontare 8 squadre diverse divise per ‘fascia’ senza andata e ritorno sembra affidare troppo alla sorte il destino di una squadra. Si potrebbe affrontare ad esempio il Real Madrid al Bernabeu o, che so, l’ attuale Bayer Monaco in casa, ma le partite sarebbero giudicate con lo stesso coefficiente di difficoltà. Il sospetto di partite apparecchiate sarà inevitabile.

  9. La prima edizione a noi c’è piace, ricordate la conference..??
    Se dovemo farlo strano, fammolo strano, qualifichiamoci e poi pensiamo a come fare, perché sta coppa io a vojo, è dal ’83 che me manca…

  10. in pratica la SUPERLEGA la vuole ceferin, e il fatto che gli altri c’hanno pensato prima i’ha fatto rode er deretano.

  11. Ma che grandissima cagata.
    Praticamente un campionato a 32 squadre che si ferma all’ottava giornata.
    Dopodichè si incaciara tutto tra playoff e playout.
    Pensavo già fosse una perversione il turno di EL che abbiamo giocato col Feye grazie a mourinho, ma un torneo così astruso giustifica davvero la superlega.

  12. Un girone e classifica unici in cui però affronti solo 8 delle 35 contendenti…boh, che senso ha rispetto a 4 gironi di 9 squadre con le prime due qualificate di diritto e quelle dal 3° al 6° posto a giocarsi i play off?
    Se capiti in un “girone virtuale” più complicato può succedere che non ti qualifichi al play off a vantaggio di altre squadre che invece beccano nel loro una o due squadre materasso e fanno più punti di te. O magari arrivi primo nel tuo gruppo di squadre e ti ritrovi a giocare i play off. Assurdo.
    A me sembra più che altro una trovata scenografica per scimmiottare appunto una superlega solo che la classifica finale sarà inevitabilmente buggata.
    Per carità, anche con l’attuale formula venivano fuori dei gironi inevitabilmente sbilanciati però avevi almeno la certezza di sapere cosa sarebbe successo arrivando in una determinata posizione.
    Non nego che magari così tutto sarà più incerto e interessante fino all’ultima giornata, ma a discapito di una buona fetta di meritocrazia.

    • infatti non mi è chiaro come vengano attribuite le 4 fasce.
      in ogni caso, mi pare evidente che in una forbice di 8 squadre non puoi pensare che tutte abbiano lo stesso valore, tanto meno che giocare in casa o fuori quella specifica sfida sia un fattore trascurabile.

  13. No, mi permetta. No, io scusi, noi siamo in quattro… come se fosse antani anche per lei soltanto in due, oppure in quattro anche scribai con cofandina?

  14. io vado contro corrente, a me sta formula mi fomenta!!!!!
    E’ vero che molto dipenderà dalla buona sorte nel sorteggio, per esempio una top è meglio incontrarla a Roma che fuori e viceversa, ma c’è tanta, tantissima meritocrazia!
    – La nazione si è comportata bene? ha un posto in più!
    – Sei testa di serie perchè negli anni hai fatto bene? hai un sorteggio migliore! (e noi adesso lo siamo)
    – Non si vedranno più gironi dove se becchi una cenerentola passi praticamente sicuro
    – 8 partite 8, con squadre diverse!!! la qualificazione te la devi sudare.
    – Se arrivi tra le prime 8 passi automaticamente il turno e sarai testa di serie
    – Se arrivi tra 9 e il 17 vai allo spareggio ma sei testa di serie
    – Con il fatto che agli spareggi arriva anche la 24esima, e che si partecipa in 36, vuol dire che probabilmente almeno fino alla penultima giornata non si rischierà di vedere squadre schierare le formazioni B perchè ormai impossibilitate a qualificarsi.
    E cosa fondamentale, è vero che si giocherà di più…..ma le squadre che parteciperanno incasseranno moooooolto di più degli anni passati, per non parlare degli sponsor e degli incassi, e se l’europa vuole competere con gli stipendi arabi l’unica stada è far guadagnare di più le squadre.
    Diciamo, mia personalissima idea, che tra i 2 posti extra in base al ranking (che hanno riacceso un campanilismo nazionale mai visto manco durante i mondiali) e questa nuova formula, la uefa ha fatto incredibilmente delle mosse utili e intelligenti.

  15. Bisogna tornare in Champions a prescindere da come sarà organizzata, c’è ancora un pò di strada da fare. Iniziamo per prima cosa ad asfaltare il Brighton all’Olimpico e poi andare a prendere 3 punti pure a Firenze.

  16. troppe partite e servirebbero squadre con 36 giocatori ma il FFP non aiuta .. si mettano d’ accordo ..
    a me piacerebbe pure..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome