UFFICIALE: Toyota nuovo Main Global Partner della Roma, comparirà sui training kit (COMUNICATO – VIDEO)

32
1150

AS ROMA NEWS – E’ ufficiale: il Gruppo Toyota è un nuovo Main Global Partner del club giallorosso. Il marchio comparirà sui training kit di tutte le squadre maschili e femminili. Questo il comunicato della Roma:

“L’AS Roma è lieta di annunciare una nuova sponsorship con il Gruppo Toyota, che vedrà il brand automotive di fama internazionale diventare un nuovo Main Global Partner del Club.

Il Gruppo accompagnerà i giallorossi dentro e fuori dal campo: Toyota comparirà infatti sui training kit di tutte le squadre, maschili e femminili, dell’AS Roma.

È con grande piacere che diamo il benvenuto a Toyota nel mondo giallorosso. È un incontro – spiega Pietro Berardi, Corporate Chief Executive Officer di AS Roma – che ci permette di affrontare le prossime sfide, fuori e dentro al campo da gioco, insieme a un partner con il quale condividiamo non solo valori e principi legati allo sport e alla sostenibilità, ma anche la determinazione nell’offrire sempre il meglio a chi ripone fiducia nei nostri brand”.

AS Roma e Toyota saranno legate non solo sul campo d’allenamento, ma anche per le strade della Capitale. Il Gruppo, infatti, metterà a disposizione del Club una flotta di automobili elettrificate – a marchio Toyota e Lexus – e una gamma completa di servizi di mobilità grazie al proprio marchio KINTO, nuovo Mobility Service Provider della AS Roma.

Dalla stagione calcistica appena iniziata quindi, Toyota fornirà all’AS Roma un pacchetto completo di prodotti e servizi per rispondere alle esigenze di mobilità in continua evoluzione, più sostenibile e rispettosa per l’ambiente.

“Essere al fianco della AS Roma da quest’anno è un’ulteriore dimostrazione dell’impegno di Toyota nel mondo dello sport e di collaborazione con aziende orientate alla mobilità sostenibile – dichiara Luigi Ksawery Luca’, Amministratore Delegato Toyota Motor Italia – È una partnership che si inserisce all’interno del nostro piano di attivazioni che considera lo sport come un vettore virtuoso di principi e valori per la realizzazione di una società sostenibile, sicura e inclusiva.

È per noi un grande privilegio poter mettere a disposizione dell’AS Roma la nostra flotta elettrificata e i nostri servizi di mobilità certi che questa partnership contribuirà a diffondere maggiormente i nostri principi di sostenibilità e rispetto dell’ambiente”.

In linea con il percorso di sostenibilità intrapreso dal club giallorosso e grazie ai prodotti e servizi offerti dal brand KINTO, il Gruppo Toyota sarà in grado di completare l’offerta di mobilità a favore dell’AS Roma proponendo delle soluzioni innovative e adeguate alle esigenze degli utilizzatori, che vanno dal noleggio al car sharing, dal car pooling alla piattaforma “Kinto Go”, l’app di mobilità integrata multimodale per pianificare gli spostamenti di tutti i giorni (trasporto pubblico, treno, micro-mobilità, parcheggi).

“Giocare la partita della mobilità sostenibile al fianco di un club così prestigioso come l’AS Roma conferma il legame di successo che KINTO sta avendo con il mondo dello sport – dichiara Mauro Caruccio, CEO Toyota Financial Services e Chairman & CEO di KINTO Italia – Con piacere avviamo la partnership con un club che ha già dimostrato di saper affrontare sfide importanti anche fuori dal campo di calcio con iniziative di valore a vantaggio della comunità.

Siamo sicuri che insieme potremo sviluppare altre attività perché l’impegno di KINTO è garantire a tutti la più ampia libertà di movimento attraverso un ricco ventaglio di soluzioni di mobilità semplici, inclusive e sostenibili”.

Il Club ringrazia Hyundai per i 4 anni di proficua collaborazione e augura all’azienda il meglio per il futuro.

Fonte: asroma.com

Articolo precedenteROMA-CREMONESE: arbitra Massimi, Fabbri al VAR
Articolo successivoSpalletti: “Totti? Se avessi sbagliato qualcosa con lui, lo spogliatoio non mi sarebbe venuto dietro” (VIDEO)

32 Commenti

    • Calma con l’entusiasmo!

      Voci accreditate parlano di una risposta immediata a suon di sponsor dalla parte sfortunata di Roma, con Mahindra (scritto a pennarello) sulla parte alta del pigiama.

      ❤🧡💛👊

    • Mahindra smentisce sdegnosamente :”Il Karma negativo che reca con sé l’innominabile ex società podistica del basso Lazio impedisce alcuna collaborazione commerciale, non volendo incorrere nell’ira della Ss.ma Trimurti”.Secondo fonti accreditate pare che la ss Formellese,alla scadenza delle sanzioni contro la Russia, avvierà una partnership con la Moskvich.

    • Cos’hai adesso controllo la Palio Weekend??? 😠
      Si vede che non l’hai mai guidata.
      Ce l’aveva mio suocero macchina praticissima e che faceva il suo.
      Esteticamente, non mi dispiaceva, e te lo scrivo da pilota di n. 3 Fiat Multipla 🙂.
      Semmai, l’alternativa è tra Simca 1000 (l’incrocio fra una cassapanca e una cabina telefonica, secondo il guru pentastellato), Renault Dauphine (la macchina che cappottava anche quando parcheggiavi) e Alfa Romeo Arna.

  1. Incrementiamo gli introiti e acquisiamo la stabilità che ci serve per fare gli ultimi due salti. E poi voglio sogna’ che a tokyo ce vado pe’ gioca, però mica una amichevole.

    • Al momento dubito, almeno dal profondo della mia ignoranza. Non stiamo parlando del ma in sponsor per maglia principale o, futuribile, diritto di naming per lo stadio. È più, a quel che sembra, un accordo “minore” di partnership per la flotta aziendale e poco altro. Toyota non sarà un marchio visibile per la Roma, lo era di più Hyundai con il back sponsor.
      La speranza è che sia una prova per un accordo più sostanzioso.

  2. Che belle ste maglie a canotta!
    Me ne servirebbe una per andare in bici. Farò domanda al Patronato per un contributo. Minimo costa 100 sacchi.

  3. Adesso dico la mia da grande inesperto di marketing.
    Ho idea (non scrivo “credo” per ovvie ragioni) che le imprese siano sempre a caccia di squadre in crescita da sponsorizzare, per la semplice ragione che così abbinano il proprio marchio ad un quid di vincente.
    Mi ha colpito, su Twitter, che tante dichiarazioni d’amore ai nostri colori provengano dall’Indonesia? Come mai? Boh: però è così.
    Altre erano scritte in caratteri arabi; ci sarebbe voluto Trofie per tradurre (ma che sorte ha avuto? Accompagnato alla frontiera ed espulso perché persona non grata?), però ho idea fossero sempre elogi.
    Siamo l’anti-estabilishment del calcio italiano. Le solite note si tengono a galla con scudetti un po’ opachi, noi e solo noi teniamo alto il rating dello Stivale.
    E il percorso di crescita prosegue ancora.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome