Una Roma formato Europa

40
733

AS ROMA NEWS – Serata finalmente tranquilla per la Roma, che serve il poker al Servette e mantiene la testa del girone in compagnia di uno scatenato Slavia Praga. E pensare che i primi minuti avevano lasciato presagire un’altra partita difficile per i giallorossi.

Completamente sbagliato l’approccio al match, con la squadra di Mourinho che al fischio d’inizio si limitava a corricchiare per il campo, giocando sotto ritmo e senza convinzione. Diametralmente opposto l’atteggiamento degli svizzeri che partono a mille all’ora, e il risultato sono due palle gol, la prima piuttosto clamorosa, che avrebbero potuto cambiare l’inerzia del match.

Fortunatamente ci pensa il solito Lukaku a stappare ancora una volta il match: il belga trasforma la prima palla giocabile in area avversaria in un gol, compito ormai divenuto abituale per lui. La squadra si scrolla di dosso i timori e comincia a giocare. Gli svizzeri invece escono pian piano di scena, palesando tutti i limiti di una formazione assai modesta.

Il cambio di passo arriva però solo nella ripresa: Mourinho toglie Aouar, apparso ancora troppo flemmatico, per inserire Pellegrini e la musica cambia immediatamente. Il capitano inventa subito l’assist (di testa) per il raddoppio di Belotti e poi con uno splendido destro volante spegne le velleità degli ospiti. Ma la sua serata di gala si chiude qui: il solito problema muscolare lo ferma sul più bello, e il sette è costretto a chiedere il cambio.

La partita è ormai indirizzata, e c’è tempo anche per la doppietta del gallo, a segno anche di testa, a coronamento di una prestazione decisamente positiva e non solo per i gol segnati. Mou si permette dunque il lusso di lasciare Dybala in panchina, di far rifiatare anche Lukaku e di far esordire il giovane D’Alessio.

Il 4 a 0 segna una prima svolta nel girone, già in mano a Roma e Slavia Praga. La lotta per il primo posto sarà un discorso tra queste due squadre. I cechi, dopo aver vinto in casa del Servette, hanno rifilato addirittura sei gol allo Sheriff e ora puntano a contendere ai giallorossi la prima piazza nel raggruppamento, che vale il passaggio agli ottavi senza il fastidio dei playoff.

Ci sarà tempo per pensarci. Perchè ora la Roma deve tornare subito nella modalità campionato, che appare meno congeniale alla squadra di Mou. La trasferta di Cagliari deve segnare il punto di svolta della stagione giallorossa per affrontare la pausa di ottobre con altre prospettive. Per raggiungere l’obiettivo minimo servirà l’intensità e la qualità della Roma vista ieri nel secondo tempo.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteMOURINHO: “Primo tempo orribile, nella ripresa è cambiato l’atteggiamento. Pellegrini? Enorme potenziale, ma i problemi fisici lo fermano”
Articolo successivoMourinho non può sorridere: a Cagliari sarà di nuovo una Roma in emergenza

40 Commenti

  1. senza nulla togliere ai nostri eroi ma come ampiamente previsto il servette è pochissima cosa, a cagliari sarà un’altra storia, ma vanno presi 3 punti in ogni modo.

    rientrerà paulo a fare coppia con lukaku,

    mi preoccupa la difesa, io ndicka lo vedo molto acerbo, spero di sbagliarmi…

    ❤️🧡💛

    • L’assenza di Smalling pesa però quest’anno la Roma è lunghissima in campo. Non so da cosa dipende, forse da un atteggiamento meno attendista e più propositivo che si risolve in più palle gol certamente ma anche in una maggiore vulnerabilità in mezzo al campo dove spesso non c’è filtro.
      Credo che L’assenza più pesante è quella di Matic.

    • N’Dicka lo vedo bene pe n’reboot de “Training day”, ar posto de Denzel Washington. Vestito a na certa maniera è er sosia de Alonzo Harris…

    • anche ieri mi sono convinto del mercato disastroso portato a termine: praticamente la squadra dell’anno scorso meno Ibanez, Smalling, Matic, Kumbulla, Tammy ma con Paredes, Lukaku e un redivivo Belotti.
      Alcune altre considerazioni
      1) basta qualche cross del servette per capire che svilar offre al momento maggiori garanzie in porta;
      2) aspettando ndika…menomale che Cristante c’è;
      3) vabbè Paredes cresce ma appare chiaro che il regista doveva essere una priorità, Matic o non Matic;
      4) manca un’ala, un volante che salti l’uomo, no? e senza Zaniolo ancora di più;
      A Cagliari partita tosta, sarà un’altra atmosfera.
      Forza Roma, sempre!

    • Nico e PInto non ti ricorda Alvaro Vitali quando faceva Pierino?

    • fred non esagerare, ora ti spolliceranno frenetici pensando di fare un dispetto, capirai gli metti in discussione il loro idolo Pinto e gli rammenti Zaniolo che odiano…..ikl Forza Roma sempree non basta!

  2. Bella Roma contro una squadra che non valeva il Frosinone per onestà.
    Le novizie positive vengono dal nostro attacco Lukaku Belotti e dal centrocampo (tranne Auoar che ha ancora deluso).
    In difesa spero che Smalling e Llorente tornino il prima possibile per far salire Cristante ma soprattutto per far accomodare in panchina Ndicka.
    Come dice Mou ha bisogno di tanto tempo per capire come giocare con noi.. ecco diamoglielo..
    Il resto gli esterni ha giochichiato benino Celik e Elsharawy (anche se il faraone ha sbagliato tanto).
    Ad oggi sulle fasce non siamo da Champions ..
    Se fossi Friedkin la prima cosa da chiedere al nuovo DS è trovare due esterni che sappiano scendere e fare un cross dal fondo (solo Spina quando è in forma può farlo).

  3. Non sottovaluterei il discorso della differenza reti, che al momento ci penalizza.
    Vittoria che dovrebbe essere “normale” per la Roma, anche se sappiamo che ogni partita la devi giocare e vincere. Ci sono molti aspetto su cui lavorare. Aouar male. Il Faraone male. In difesa dobbiamo metterci un centrocampista, a centrocampo abbiamo la situazione che ha descritto jeri Mou, cioè giocatori bravi ma che non possono giocare con continuità, con tutto quel che ne consegue. Tra poco arriva l’Inter… speriamo di aver messo una pezza dove serve.

    • La scelta di portare Sanches a Roma si sta rivelando più disastrosa di quello che sembrava.
      Sai già che hai Pellegrini che si rompe solo a guardarlo, puntare sul portoghese che sta come e peggio di lui è stata una mossa suicida.
      Se poi Cristante lo metti a turare le falle in difesa ecco qui che a centrocampo hai una coperta cortissima.

    • li devi battere nel doppio confronto, come è giusto che sia se vuoi arrivare primo… sennò playoff a febbraio… col freschetto 😎

      ❤️🧡💛

  4. Buona partita (come dice Mourinho solo nel secondo tempo) contro un avversario modesto, ma va detto che l’anno scorso 4 goal non li avremmo segnati a nessuno. Occhio allo Slavia Praga che contro questi ha vinto 3 a zero fuori casa e allo Sheriff ne ha fatti 6 ieri sera.

  5. ennesimo approccio alla partita sbagliato … la lezione di genova non è servita a nulla !! mou deve intervenire su questo aspetto !

  6. Non ricordo JM, ma anche altri allenatori, così perplesso e preoccupato dopo una vittoria con largo margine.
    Il futuro, leggi condizioni fisiche della squadra, desta forti timori.
    In primis la difesa, punto di forza lo scorso anno e oggi punto interrogativo, anche dopo il recupero, speriamo, degli infortunati, con le loro “storie cliniche”.
    Per il mercato di gennaio, visto anche il ritorno di Belotti, nuovi attaccanti non sembrano la priorità.

  7. Abbiamo un attacco di altissimo livello. Anche Paredes a centrocampo mi è sembrato molto in forma. Paredes, Cristante, Lukaku, Mancini: gli indistruttibili (90 minuti sempre).

  8. Il formato Europa si dovrà vedere con lo Slavia. 2 vittorie e primo posto assicurato con due giornate d’anticipo, 4 mesi senza coppe per i titolari.

  9. Nonostante l’avversario modesto noi siamo ancora troppo lenti e compassati, come ha la palla l’avversario entriamo nel panico in 3 passaggi l’avversario si presenta davanti la nostra area con palla scoperta, questo non e’ ammissibile in una squadra che ambisce a giocare per il primato.

    Belotti, Cristante, Paredes, Bove, Karsdorp, Lukaku, Mancini, Svilar, con questi 8 che stanno abbastanza bene fisicamente, hai uma base affidabile i rimanenti 3 li alterni.

    Ndika ha margini di miglioramento, dovra’ lavorare moltissimo, a volte sembra un pesce fuori acqua.

    Dybala lo utilizzi con il contagocce.

    Purtroppo di Pellegrini, Aouar, Sanches, in questo momento di tre non ne fai uno.

  10. Già l’ho scritto sotto un altro articolo, ma che ne pensate di Pagano? A me sembra veramente forte! Ovvio che debba crescere per mantenere la promessa, per ora è più potenziale che fattuale il suo apporto. Ma a me sembra un giocatore che può diventare un campione. Più minuti gioca e meglio è in questo senso. FR!!

    • Francesco, sai che con me sfondi una porta aperta, e’ 1 anno che sponsorizzo Pagano come futuro TOP PLAYER.

      in tempi non sospetti intravedevo una prospettiva da grande calciatore e non a caso nonostante sia ancora in eta’ per la juniores e’ in pianta stabile in prima squadra.

      Al momento visto l’utilizzo con il contagocce di Dybala vedo Pagano come la sua opzione sostitutiva, anzi e’ il futuro prossimo.

      Pagano ha le caratteristiche della punta di appoggio, ha qualita’ tecnica alta, sa gestire la posizione sia in costruzione e in finalizzazione e’ intelligente tatticamente conosce la fase di transizione difensiva aiuta molto i centrocampisti, gioca con entrambe i piedi, ha una qualita’ poco comune l’equilibrio che gli permette di essere sempre coordinato nel possesso di palla.

      p.s.
      personalmente credo che sara’ la vera sorpresa di questo campionato ed il c t. della nostra nazionale non fara’ fatica ad accorgersi di lui.

      Se io fossi il d s. della Roma lo blinderei con un contratto a lungo termine.

    • Sono d’accordo con te… Pagano sembra proprio un bel prospetto.. Speriamo lo faccia giocare il più possibile anche in partite più complicate di questa.. Cmq la crescita mi sembra ci sia… Sono questi i giocatori su cui puntare

  11. Non esaltiamoci, perché stavamo rischiando pure col servette. Abbiamo una idea di gioco veramente inesistente. Con un avversario che sa tenere palle e la fa girare noi rischiamo ad ogni partita. Ormai spero che questo anno finisca presto perché è veramente un’agonia.

    • ahahahah….stai ad inizio ottobre il campionato e le coppe sono ancora da giocare e sfruttare..più le coppe che il campionato e tu non vedi l ora che finisca al più presto l anno…io spero l anno solare perché a quando pare non sapete neanche quello che state scrivendo…..ahahah

  12. Una Roma formato europa. Lol
    Abbiamo battuto una squadretta e anche ieri 0 gioco.
    Giochiamo a caso.
    Poi ad alcuni interessano solo i tituli ma il calcio è divertimento e mourinho è noia.
    Giorni fa mi sono visto una decina di minuti di inter. Sembrava di vedere un’altro sport.

    • Ciao Akatur, io la penso come te, ma è anche vero che ci mancano tanti giocatori. Il calendario ci è venuto in aiuto, siamo in emergenza e la prossima è l’ultima in classifica (non sarà facile, ma avessimo incontrato una squadra più forte sarebbe stato peggio) poi la benedetta sosta. Quest’anno sono più critico verso il gioco di Mou, ma dobbiamo vederlo con la squadra al completo. Stiamo pagando dazio con gli infortuni, mi auguro il futuro sia più roseo.

    • A me piace il bel calcio e la vittoria. Il bel calcio è dominare l’ avversario, inaridire le sue fonti di gioco, fare un pressing organizzato per recuperare subito palla. Non rischiare di prendere il gol. I 4 a 4 , i gol presi in contropiede, le difese sgangherate e attacchi scriteriati mi piacciono quando li applicano come principio di gioco i miei avversari. Mourinho può sbagliare una partita, può sbagliare addirittura anche una stagione ma certo non è che non ha mai prodotto (in questo senso) bel calcio. FR

  13. Ovviamente contento per la partita: bruttina ma condita da un’ottima vittoria, almeno per il morale. Farei pochi proclami perchè gli avversari, nel loro essere scarsi, hanno comunque creato pericoli
    Il mister non deve lamentarsi dell’approccio alla partita. Il mister deve, o meglio avrebbe dovuto in questi tre anni, cambiare proprio questo tipo di mentalità. Il gioco no, ma la mentalità si…
    Per quanto concerne Auar, invece, è ancora avulso dal “gioco” e direi di aspettarlo ma ho come l’impressione che la sua “svagatezza”, molto simile a quella di Pellegrini, sia un di cui tecnico-tattico.

  14. in generale, non rispetto ai commenti sopra, rimango basito dei commenti antiromanisti di nickname mai letti sul sito, che grondano disprezzo verso giocatori, allenatore, società.

    ieri solo il 4-0 li ha fatti tacere

    purtroppo tranne qualcuno non credo siano laziali che non hanno niente da fare, penso proprio che siano sedicenti romanisti, gente che vive male e che esprime la propria frustrazione contro tutto e tutti, usando la Roma come valvola di sfogo.

    sono dei poveretti, in fondo… ma sono veramente negativi, perché nei momenti di crisi peggiorano le situazioni

  15. sapete che? a parte i 3 punti, ieri sera la rosa ha guadagnato fiducia e quello non ha prezzo..
    quindi a scapito del gioco che ci sia fiducia perlomeno..

  16. se il primo tempo lo avessimo fatto contro lo united o il city ne prendevamo dieci….. i problemi restano e sono grandi

  17. NON CAPISCO CERTI COMMENTI O ARTICOLI.

    Il girone della roma è formato: slavia praga, servette e sheriff.

    Io apprezzo esaltare o pompare certe situazioni, ma stiamo parlando di un girone di squadre scarse dove giusto lo slavia praga potrebbe rivaleggiare tra le ultime in serie A.

    Quando si parla di mentalità vincente, si parla di questo, cioè che dovrebbe essere la base della base superare questo girone, invece leggo di trionfalismi per aver battuto squadre di serie B e aver inanellato due vittorie consecutive, con i giocatori che ci ritroviamo…

    Felice per la vittoria, ma neanche che per una partita del genere cambiano tutti i giudizi avuti fino ad oggi.

    Gia con lo slavia praga sarà piu dura, ma soprattutto in campionato.

    Se la roma uscirà indenne dalle prossime 5/6 partite allora potremmo fare determinate considerazioni, ma ad oggi mi sembra troppo presto.

  18. Comunque il formato Europa è azzeccatissimo per la Roma, è la squadra che forse più di tutte, a parte chi vince Champions e fa finali di Champions consecutive, rispecchia questo formato perché in 3 anni consecutivi ha fatto una semifinale di EL, vinto una Conference ed una finale di EL nemmeno persa sul campo ma solo ai rigori, oltretutto l’avrebbe anche vinta se non fosse stato per lo sciagurato arbitraggio. Dico quindi 3 anni di seguito europei di tutto rispetto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome