Urlo Roma, colpo Champions

49
868

AS ROMA NEWSMissione compiuta. La Roma torna dalla trasferta lampo di Udine con tre punti pesantissimi in tasca dopo la mini-partita giocata ieri al Bluenergy Stadium durata appena 18 minuti più recupero.

L’urlo romanista si sprigiona con forza solo all’ultimo minuto di gioco, quando Dybala pennella sulla testa di Cristante (lasciato colpevolmente solo dalla difesa friulana) il pallone che vale la rete del 2 a 1. La gioia è enorme, sia dei calciatori che di mister De Rossi, incapace di trattenere la sua felicità a bordo campo.

La rete di Cristante ha un sapore speciale: arriva in una settimana complicata, resa pesante dalle polemiche sulla data del recupero e dal pesante ko interno contro il Bologna che aveva complicato maledettamente la corsa Champions dei giallorossi. Per questo la Roma si giocava parecchio ieri sul campo dell’Udinese.

Anche per gli uomini di Cannavaro la posta in palio era altissima dopo una serie di risultati negativi che erano costati la panchina a Cioffi e una salvezza ancora tutta da conquistare. Difficile commentare una partita durata poco più di 20 minuti: De Rossi sceglie di mettere in campo tutte le sue bocche da fuoco e i migliori crossatori alla ricerca dell’occasione per decidere il match.

La Roma cerca subito di prendere in mano le operazioni, ma la prima occasione capita sui piedi di Lucca in sospetto offside: Svilar sfodera una paratona che tiene a galla i suoi. Poi è Azmoun ad avere sul destro la palla del vantaggio, ma il suo tiro non è irresistibile e Okoye respinge. Quindi è Dybala a sprecare un’ottima ripartenza non riuscendo a servire di prima Abraham, diretto tutto solo verso la porta avversaria.

Quando la partita sembrava indirizzata a terminare in parità, il risultato più probabile alla vigilia, arriva l’episodio decisivo: all’ultimo giro di orologio Ferreira regala un angolo alla Roma sbagliando maldestramente un rinvio facile. Dybala va sulla bandierina: il primo cross arriva sul piede di Pellegrini, il cui destro viene deviato nuovamente in angolo, il secondo invece pesca Cristante sul primo palo e il centrocampista indirizza magistralmente la sfera all’angolino non lasciando scampo a Okoye.

E’ il tripudio giallorosso: la Roma si porta a casa tre punti pesantissimi e rimette a distanza di sicurezza l’Atalanta, tornata a farsi minacciosa dopo i risultati della scorsa giornata di campionato. Ma oltre alla classifica, la vittoria di Udine ridà alla squadra l’entusiasmo necessario a un gruppo coeso che non vuole mollare. E che non ha intenzione di scegliere tra coppa e campionato. 

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteDE ROSSI: “Ho dei ragazzi straordinari, avrebbero rimontato anche con Mourinho. L’esultanza? Gol troppo importante, ma mi dispiace per l’Udinese”
Articolo successivoSmalling si ferma di nuovo: De Rossi a Napoli con l’emergenza difesa

49 Commenti

  1. Mmmh… quante persone ci saranno rimaste male, al goal di Cristante? Ai piani alti credo in parecchi, ci dispiace per loro.
    Ma l’evento davvero catartico è un’altro: Bryan ha sorriso! Giusto un attimo eh, dopo il goal, ma lo ha fatto: lo abbiamo visto tutti! Cristante è il Tommasi degli anni ’20, è il giocatore più sottovalutato della rosa. Non averlo avuto a Bologna è stato penalizzante.

    Questa non era una partita, ma una corrida. Dove il toro, però, eravamo noi. Quando vinci situazioni di questo tipo significa che a livello mentale ci sei, i problemi da gestire sono quelli fisici: a Napoli, ad esempio, non avremo Smalling oltre gli squalificati, sono perdite pesanti. DDR ha saputo gestire anche questa situazione bislacca, girandola a nostro favore: gli va riconosciuto, come anche la gestione delle dichiarazioni post partita, è stato perfetto, ha usato le parole giuste, dosate come andava fatto. Daniele è la rivelazione del campionato giallorosso. Come ha disposto la squadra in campo, il modulo, la scelta di Paredes, le ha indovinate tutte!
    Riscattare immediatamente Sardar.

    A latere, a me l’intemerata di Gravina contro Mr. Penguin mi ha fatto sbracare. Ma si era messo uno specchio davanti? Il ruggito del coniglio…

    • So che sembra incredibile, ma ci sono diversi “romanisti” che ci sono rimasti male e continuano a gufare… Purtroppo c’è anche un mio caro amico che sparisce dopo le vittorie e torna nei momenti di difficoltà con la solita foto di Mou con la coppa in mano… Che dire? Amare le proprie idee va bene, ma così veramente è da deficiaenti

    • Ma cosa dici?? L’attacco di Gravina a Lotito è un’altra pagliacciata creata ad arte per fare vedere che non sono servi plebei del panzone, in modo che se un Savonarola qualunque si lamenta delle vessazioni a cui siamo sottoposti, ci sarà subito qualcuno che dirà, in modo sarcastico moralizzatore, che non è vero niente, e che ci sono le dichiarazioni di Gravina a confermarlo.

    • A carlo, ma falla finita con questa polemica farlocca.
      I Romanisti ieri hanno esultato, ovviamente.
      Sicuro che il tuo caro amico lo sia?

    • @carlo, ma basterebbe essere sereni dentro. Solo sereni dentro. NESSUNO, credo, reputerebbe intelligente fare una gara tra DDR e Mou, o fare le bande pro l’uno o l’altro. Io sono stato un mourinhiano di ferro, ma ho gli occhi per vedere. Sono certo che non si possa accusare Mou di aver lavorato pro domo sua, Mou era (è, credo) innamorato di Roma e della Roma, ha dato tutto quello che aveva, tutto quello che sapeva. Ci ha fatto fare due finali europee con una squadra che non era quella del 2001. Poi qualcosa non ha funzionato.
      DDR adesso ha lo spogliatojo a favore, ha una società che è intervenuta nella disputa del recupero di Udine, mentre Mou ha sempre dovuto metterci la faccia da solo. Però DDR ha anche dimostrato che è un allenatore vero e i risultati dicono che OGGI l’uomo chiave è lui. Perché uno deve tifare DDR o Mou? Non lo capisco, davvero. Io sarà sempre grato a Mou per quello che ha fatto, per il suo modo di vedere certe cose, e non ci scordiamo le battaglie contro gli arbitri e la Lega. Adesso c’è Daniele, il leit motif è sempre quello: forza Roma sempre.

    • Il nuovo tormentone delle vedove è la “fenomenite” di De Rossi. Non puo’ manco studiare una formazione ad hoc per una partita da 20 minuti (una cosa normalissima come mettere due esterni che sanno crossare) che viene accusato di fenomenite. E intanto a suon di fenomenite siamo arrivati ai fatidici 29 punti in appena 13 partite. Brutta cosa il fanatismo religioso.

    • Kawa, si vede che non tutti sono intelligenti come te, che dopo aver detto peste e corna della società per l’esonero, hai aperto gli occhi e continuato a tirare per la Roma. Ti assicuro che c’è parecchia gente che continua a sparare su società e giocatori, per difendere l’indifendibile

    • Kawa62, smettiamola d’insultare il prossimo, il primo farlocco sei te Ti atteggi a duro ma non sei nessuno

    • 24 Aprile 2024 At 17:30

      Dai…una ventina di giorni e detrattori di José spariscono

      Questo e’ un post di uno dei sedicenti Romanisti apparso ieri, oggi chiaramente so’ spariti tutti ma come se presentera’ l’occasione tireranno fori la testolina dal letame con l’intento di imbrattare quanto piu’ possibile. Non ho copiato il nick perche’ sta vergogna umana la conoscete tutti <>

    • AresRex ci sono sempre. Non potendosela prendere con squadra e Ddr, i Friedkin diventano il primo bersaglio.

    • @AresRex sono abbastanza convinto che chi porta avanti questa campagna di vedovanza sia qualcuno interessato a dividere i tifosi della Roma (divide et impera, si dice). Chi siano e perché siano interessati a dividere i tifosi, non ho idea. Gli rimane solo quello perché chiaramente DDR è di quanto meno divisivo ci possa essere per qualsiasi tifoso romanista.

    • Sop, DDR errori ne ha commessi nel, d’altronde era pia illusione attendersi che non ne facesse.
      La cosa che dovrebbe far riflettere i più ostinati è che al netto di più di una frazione di gioco lasciata agli avversari prima di emendare alcune alchimie tattiche non andate a buon fine, è comunque stato capace, a fronte di un calendario terribile escluse le prime tre, di ottenere un bottino di punti molto superiore al predecessore e di passare tre turni in EL.
      Dovrebbe essere sufficiente a comprendere quanto andassimo male prima, forse, ma dico forse, anche a causa del manico.

    • Rayd,
      è la prima volta che ti leggo, a proposito di farlocchi…
      Non ho insultato nessuno, io, e non mi atteggio a nulla.
      Provate a confrontarvi sugli argomenti, se ne siete capaci.

  2. Qualche giorno fa dissi che avremmo fatto bene a giocare con tutte riserve questi 20 minuti lasciando a casa tutti i titolari e accontentandoci del pareggio.
    È stata fatta da DDR una scelta diversa e si è vinto.
    Indubbiamente un bello smacco alla lega che ci ha costretti a recuperare subito questo spezzone di gara. Ma non sono sicuro che questa vittoria serva a qualcosa per la corsa champion, il calendario rispetto all’Atalanta è troppo penalizzante per noi.
    E speriamo questa scelta di schierare la formazione tipo non incida troppo per le prossime partite.
    Sono curioso di vedere chi schiererà Daniele domenica a Napoli in vista di giovedì prossimo, che è per me la partita della stagione.
    Il problema della gestione delle energie è ancora più determinante dopodomani.

  3. C’è poco da fare: un grande portiere vale quanto un grande attaccante. E poi vincere all’ultimo istante ti regala una gioia incredibile e tantissimo entusiasmo. Avanti così fino all’ultimo minuto di questa stagione!

    • Svilar ha fatto una parata da Szczesny o Alison.
      Molto difficile, quasi da freddo, bravissimo.
      Se la Roma torna con 3 punti lo dobbiamo a lui (olttr che a ..Ferreira).
      Ha dimostrato di essere decisivo come lo è stato Carnesecchi per l’Atalanta nella gara di andata contro la Fiorentina.
      È migliorato tantissimo dalle prime partite giocate qualche anno fa.
      Nella lotta finale di stagione per la Champions e per la semifinale EL è un’ottima notizia.

    • 3 punti incredibili.

      ieri i nostri sono riusciti in un’impresa difficilissima.

      gioco spezzettato dall’udinese che giustamente mirava al pari, entrare in partita in così poco tempo…

      grandissimi

      ❤️🧡💛

    • @Asterix, secondo me Cannavaro jeri sera ha cenato con il midollo osseo di Ferreira.
      Una cosa del genere, quell’angolo regalato a un minuto dalla fine, non si fa MAI.

  4. Distanza di sicurezza per modo di dire, vincendo il loro recupero (a campionato finito) si porterebbero a -1. Purtroppo è molto probabile che arriveremo allo scontro diretto virtualmente sotto (noi Napoli e Juve, loro Empoli e Salernitana), per cui la nostra Champions passa da una difficile vittoria a Bergamo.
    Ma intanto godiamoci questi bellissimi 3 punti.

    • Però capisco che contro quello che resta della Salernitana i 3 punti siano scontati, ma l’Empoli non lo darei già battuto, è una squadra ancora viva ed in piena lotta salvezza, con l’Empoli se li devono sudare i 3 punti, e i match contro il Marsiglia li metti nel conto oppure per l’Atalanta dei miracoli sono gare amichevoli?
      Per il resto sono d’accordo , napoli e Juve in questo momento sono il peggio che ci potesse capitare, il napoli ha bisogno di risollevarsi dopo una settimana in cui sono stati massacrati dai tifosi e dagli addetti in TV.
      La juve poi che te lo dico a fa, hanno sempre il jolly dell’arbitro in caso di difficoltà

    • Il match con la Juve dipende molto da quello che faranno contro il Milan.
      Se vincono, con 7 punti di vantaggio anche in caso di vittoria dell’Atalanta nel recupero con la Fiorentina, la qualificazione Champions è in tasca e penseranno alla finale di Coppa Italia.
      Non sarà comunque una partita semplice, non lo è mai, ma te la giochi comunque in casa.
      Mi preoccupa molto di più la prossima trasferta di Napoli, in una città ferocemente avversa e in un clima oltremodo pesante con tante incognite di formazione.
      Sono comunque d’accordo con Gaetano che anche l’Atalanta contro l’Empoli non se la porta da casa facilmente.

  5. E’ andata bene e doveva fortemente andare bene, 2 punti che a fine campionato posso significare Champions. Inutile commentare il colpo (di fortuna) finale. Piuttosto Karsdorp che passa sempre la palla indietro ma che lo metti a fare per venti minuti di partita dove devi solo attaccare, ma metti subito El Shaarawy. Poi un appunto a Pellegrini , in venti minuti l’ho visto due volte rinunciare alla profondità e mettersi a fare tiki taka a centrocampo e non abbiamo fatto un passaggio filtrante per le punte che è uno. Le azioni da gol vengono da palla rubata di Azmun a un difenzore e da una ripartenza con Udinese sbilanciata in avanti, e infine da clacio d’angolo.Capitano ti voglio più “incisivo e cattivo” ( sempre tra virgolette).

  6. non ci credevo più, pensavo in campionato fossimo ormai spacciati, non li vedevo così arrembanti, l’uscita di Smalling, pensavo alla trasferta di Napoli, poi ai teteski…poi ci ha pensato Bryan!
    Dajeee! Forza Roma!

  7. rod concordo! purtroppo il nst calendario rispetto a bergamaschi e pigiamati è troppo deleterio.gia con il napoli al Maradona non la vedo bene anche xchè DDR x forza di cose dovrà pensare anche alla partita di giovedì.abbiamo visto quanto i nostri titolari siano di cristallo…vedi Smalling

  8. Non so come finirà questa stagione, però io in cascina tre/quattro godute galattiche (derby, FeyeNO, ieri e Fiorentina gol all’ ultimo minuto) le ho messe 😀

  9. Non ci speravo più dopo il tiro di Pellegrini deviato in angolo col fondoschiena del difensore…..
    E invece Bryan……!
    Adesso 6 punti tra Napoli e Rube!Un bel pareggio a Bergamo e via
    FORZA ROMA SEMPRE!

  10. contentissimo per la vittoria, ma per arrivare quinti servirá uno sforzo immenso. il Bologna ci ha meritatamente battuto e l’Atalanta senza gli sforzi della champions starebbe lottando per il secondo posto. obiettivo champions speriamo, ma se vogliamo lottare per scudetto o comunque una presenza stabile in champions é chiaro che servono interventi nel mercato

    • Ma il meritamente battuto non è vero.
      Faccio un esempio , qui si sono contate le azioni e i tiri in porta del Lecce contro di noi, non capisco perché non si contano le occasioni che abbiamo avuto contro il Bologna, abbiamo avuto oltre al gol , 9 occasioni per fare gol, di cui una sulla 0-0 di Elsha, una sullo 0-1 di Paredes, che gridano ancora vendetta.

  11. La vittoria di ieri era troppo importante per noi, se riusciamo ad arrivare in champions, possiamo veramente giocarcela in campionato con un buon mercato. La Roma in queste 5 partite non deve perderne una, andiamo a Napoli distrutti ma se strappiamo questi 3 punti allora c’è speranza. “ siamo a -4 dal Bologna e -6 dalla Juve che deve giocare contro il Milan incrociamo le dita”.

  12. Poche storie, senza i tre punti di ieri le possibilità di arrivare alla Champions passando per il campionato sarebbero state non più del 25/30%.
    E anche adesso non me la sentirei di dire che siano oltre il 35/40. Per farle diventare 50 occorrerebbe una vittoria in quel di Napoli, una partita che in questo momento mi sembra ben poco decifrabile, soprattutto per quanto riguarda l’avversario che ci troveremo di fronte, ma anche per i nostri rebus di formazione che non potranno non tenere conto di quanto ci attende giovedì.
    Bisogna sperare che la notte dei lunghi coltelli che sta consumando la squadra partenopea sia più forte della voglia di rivalsa e di evitare una contestazione che si annuncia feroce in caso di sconfitta interna contro una squadra e una tifoseria nemica.
    Sarà fondamentale non fargli prendere fiducia perché purtroppo più di qualcuno tra loro è e rimane gente di valore assoluto e in grado di farti male.

  13. Dajeeee!! Ero a tavola con le cuffie che ascoltavo la radiocronaca (Romanista) e ho corso in sala ad esultare con i bimbi dietro che saltavano! E chi ci sperava più!! Godooo!!! Stoici i fratelli che sono andati a Udine x 18 minuti+ recupero ( effettivi 5 )…Dajjeee!

  14. Ottima vittoria ieri. Comunque la Roma è virtualmente sesta e non è irragionevole uno scenario in cui l’Atalanta recuperasse altri punti di vantaggio nelle prossime due giornate, anche se l’Empoli si va a giocare la salvezza e non regalerà nulla ad una squadra che si gioca, anche lei, la semifinale di coppa pochi giorni dopo. Sono discorsi inutili, ma probabilmente per arrivare allo scontro diretto con qualche chance la Roma ha bisogno di almeno 4 punti tra Napoli e Juve. La strada è veramente stretta e paradossalmente il cammino dell’Atalanta in coppa potrebbe renderla più praticabile.

  15. Oggi compio 40 anni e De Rossi ed i giocatori mi hanno fatto un regalo bellissimo. Non ricordo l’ultima volta in cui ho urlato così ad goal. Daje Roma Daje

  16. Questa e’ una Roma di combattenti, qualsiasi sara’ ol risultato finale saro’ sempre orgoglioso di essere nato Romanista.
    Quando tifi Roma hai gia’ vinto !!!

    FORZA ROMA SEMPRE 💛❤️

  17. io credo a questo punto che DDR sbanchi al maradona, nonostante gli ultimi propositi di calzona…. il Napoli è l’ombra di quello dello scudetto, irriconoscibile, probabilmente meno ostico di Udine. Ci credo, possiamo arrivare in fondo, nonostante il leverkusen, che ha parecchi infortunati leggo…..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome