Valzer dei ds: Tiago Pinto, spunta il Napoli. Roma tra Modesto e Burdisso

37
1128

NOTIZIE AS ROMA – Il calciomercato non ha ancora cominciato a scaldare i motori, ma nelle prossime settimane è possibile un valzer dei direttori sportivi qui in Italia che potrebbe veder coinvolti diversi club nostrani.

Non è una novità che la Roma stia cercando un ds da tempo: il grande favorito sembra essere Francois Modesto, attualmente sotto contratto con il Monza. Lina Souloukou, sempre più al centro delle vicende sportive del club capitolino, spinge ormai da tempo per poter lavorare di nuovo con lui dopo l’esperienza molto positiva all’Olympiacos.

Nulla però è ancora detto e restano in corsa anche altri profili: negli ultimi giorni ha preso quota il nome di Nicolas Burdisso, attualmente alla Fiorentina. E’ un nome perfetto anche per l’amicizia che lo lega a Daniele De Rossi, sempre più vicino al rinnovo con la Roma dopo i grandi risultati che sta ottenendo dal suo arrivo sulla panchina giallorossa.

Occhio poi a Tiago Pinto, ex general manager che ha deciso di chiudere in anticipo la sua avventura a Trigoria: il portoghese potrebbe continuare a lavorare in Italia dopo l’esperienza nella Capitale, e su di lui ci sarebbe l’interesse del Napoli.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteL’amico geniale: De Zerbi a lezione dall’allievo De Rossi
Articolo successivo“ON AIR!” – FERRAZZA: “De Zerbi è un kamikaze, al sorteggio avevo esultato”, CORSI: “Ora tocca a Italiano”, AGRESTI: “De Rossi impressionante”, CANDELA: “Contro squadre alla portata non ce n’è per nessuno”

37 Commenti

    • Su Mourinho sono d’accordo ma su Pinto non molto, io l’ho anche apprezzato anche come uomo.
      Malgrado quello che pensa quel voltagabbana del filosofo di Cinzio.

    • Si prende Pinto per Giuntoli? Ottimo per noi.
      Mourinho come allenatore non lo so.
      Il Napoli non ha la squadra per fare il gioco di Mourinho però il suo centrocampo potrebbe essere più congeniale del nostro.
      Se insegna al Napoli a sapersi difendere avendo davanti Krava e Osimeh potrebbe essere pericoloso.

    • Se un luminare del calcio come asterix, afferma che Pinto è un incapace allora c’è da credergli sulla parola🤣

    • Mourinho con De Laurentiis??? ovvero colui che vuole Top Player contro na’ pinza e na’ tenaija???
      certo che la fantasia….

    • No caro H744 non lo dice Asterix che Pinto non è un luminare..
      lo dicono tutte le Big che lo hanno cercato.. Inter Milan Juve, Real Madrid, Bayern Monaco, PSG, Barcellona
      Tutte a caccia de sto fenomeno…
      Pensa te che la Juventus sta pensando di licenziare Giuntoli perché ora Pinto è libero..

    • Poi se Dybala e Lukaku li seguono pero’ non vi lamentate… (dormite sereni che Lukaku e Mou vanno negli emirati)

  1. Tiago Pinto non era un fenomeno ma neppure uno scemo. Il suo problema da noi è stato conciliare le scelte dettate dalla società con il carattere (forte) e l’idea di calcio di Mou.
    Nessun rimpianto, nessun rancore, buona fortuna.
    Burdisso forse andrebbe d’accordo con DDR ma non vorrei che la Souloku gli facesse pagare il fatto di non averlo scelto e, comunque, forse è meglio avere qualcuno (Modesto) che conosca il mercato europeo, isto che quello sudamericano è battuto in lungo e largo da scout e intermediari di ogni genere.

    • Posso sapere perché?

      Quali sono i Grandi colpi di Burdisso?

      E quali sono i grandi colpi di Modesto?

      Oppure è una cosa tipo.. “tra i due preferisco chi conosco”…???..

      Se fosse così si che sarebbe grave..

      Forza Roma..

  2. Er napoli sta a sempre a rovistà ner cassonetto nostro, caa cruccia de metallo e er carello daa spesa sgaruppato

  3. Burdisso sarebbe una buona scelta, conosce bene il mercato sudamericano dove c’è la possibilità di acquistare giocatori forti a prezzi ancora umani. FORZA MAGICA.

  4. io spero che gli americani, dopo 4 anni in Italia, possano fare tesoro degli errori commessi e diano alla società una struttura adeguata a ciò che siamo e che vogliamo essere. Se la parola d’ordine è far quadrare i conti con mercati oculati, non puoi prescindere da un DS capace di scovare a poco dei talenti che acquistano rapidamente valore. Abbiamo fatto muovere Giuntoli e Sartori senza nemmeno provarci a metterci in mezzo, quando è evidente che a noi serve gente che conosce il calcio e sa portarti lo sconosciuto con cui poi farai plusvalenze. Noi abbiamo rinnovato contratti folli, preso in prestito gente che non abbiamo potuto confermare, e meno male che Ndicka, ad esempio, sta acquistando rapidamente valore, perchè il prossimo mercato sarà dura da fare se pensi di poter vendere i Karsdorp o gli Shomurodov. DDR, inaspettatamente, ci sta togliendo delle belle castagne dal fuoco, ma ora va fatta la programmazione seria per l’anno prossimo, quindi chiunque sarà il mister, un DS devi averlo già e deve iniziare a lavorare sull’ossatura già da ora, perchè le lacune della rosa ci sono e non è il miracolo DDR a coprire quei buchi. Diamo a lui, o a un altro allenatore, una rosa ben costruita

    • Carlo tra i tanti errori dei Friedkin, come dici tu, il più eclatante è aver preso il santone lusitano.
      Poi avverto una leggera nostalgia da parte tua del su citato imbonitore, infatti aver ripetuto due o tre volte la frase “qualsiasi mister ci sarà” è molto freudiana.
      Potrai sempre, nel caso, tifare per il Napoli.

    • caro romano, mai impressione fu più sbagliata, e credimi che sono l’ultimo degli ultimi ad avere nostalgie di quel tipo, nè l’avrò quando il mister, spero tra 10 anni con altrettanti trofei, non sarà più DDR. Ma da persona intellettualmente onesta, non posso non concordare sul fatto che i Friedkin abbiano commesso degli errori, primo tra tutti aver preso un mister come Mou senza avergli dato una rosa adeguata. Con l’aggravante che se non lo hai fatto al primo anno, non lo hai fatto al secondo, e ti sei legato mani e piedi con un agreement folle, allora lo lasci andare al termine della finale di EL, così che ognuno ne esca a testa alta, lui come allenatore che ti ha portato 2 volte in finale in due anni, tu come società che ha le idee chiare su cosa vuoi fare da grande. E siccome ho 54 anni e di storia della Roma e del calcio in generale me ne intendo, so perfettamente che l’idillio con DDR, ad oggi magnifico e oltre ogni aspettativa, sarà comunque un amore a tempo, ma so anche che per vincere, prima che un mister vincente, ci vuole una rosa all’altezza, specie se non indossi la maglia a strisce. E’ per questo che non posso giurare che DDR sarà con noi a settembre, e mi dispiacerebbe, ma so che la priorità, ora più di prima, è di sistemare una rosa che ha lacune da anni, e su questo ne son sicuro

  5. Sarei curioso di vedere se Mourinho andasse ad allenare, ORA, la rubentus… Scrivo “ora” in grande proprio perché il portoghese ha vissuto la realtà Italiana dall’altro punto di vista… Ovvero… Dalla parte di chi non ruba! Riscrivo… Sarei veramente curioso!

  6. De Lamentis ha adocchiato il DS che fa le nozze coi fichi secchi e ci si butta a pesce, giustamente. Speriamo di non rimpiangerlo.

  7. Ripeto PINTO non avrà scovato talenti anche perché con il budget che aveva Mou gli avrebbe fatto la guerra. Servivano dei giocatori abbastanza pronti.
    Unico acquisto sbagliato Shomurodov
    Unico prestito sbagliato Sanches e forse Winaldum ( ma con l infortunio non si può neanche dire)
    Vinaa (un nazionale) nella difesa a 4 poteva andare bene e comunque è stato preso al volo dopo l’infortunio di Spina e ha pure recuperato i soldi spesi.
    Adesso faccio l’elenco di quelli presi che con DDR si stanno rivalutando.
    SVILAR
    DYBALA
    LUKAKU
    PAREDES
    NDIKA
    CELIK
    BELOTTI
    e poi aspetto di vedere il miglioramento di
    BALDANZI
    KRISTENSEN
    AOUAR
    AZMOUN
    ABRAHAM
    Infine ci metto le cessioni a buon prezzo tenuto conto delle volontà dei giocatori
    VOLPATO
    AFENA
    TAIROVICH
    MISSORI
    ZANIOLO
    PEREZ
    KLUIVERT
    Non vorrei fare la fine di DE ZERBI con tanti giovani bravi e prendere 4 pere facili.

    • diciamo che il primo quando paradossalmente aveva più libertà di azione è stato l’anno peggiore, tra vina, shomurodov e rui patricio sono volati un 50ina di milioni

  8. Per come si sono svegliati gli argentini dall’arrivo di De rossi non resterei sorpreso dell’arrivo di Burdisso.Si creerebbe l’effetto Boca nello spogliatoio della Roma.La ”GARRA” e’ proprio quello che serve a questa squadra . Benvenga Nicolas Burdisso !

  9. Boh, sarò scemo io ma credo che a livello di DS sia già tutto deciso e che ci sia da attendere l’annuncio per motivi contrattuali.

    • 😂😂😂😂
      La favola Leicester ha vinto la premier…

  10. Domanda: a parte la “garra”, il “bandito” o l’amicizia con de Rossi ed il fatto di essere connazionale di Dybala e Paredes, di grazia, come fate a giudicare Burdisso? Mi sfugge qualcosa? Beltran, se è stato lui a consigliarlo/prenderlo non mi pare nulla di che e meno male che non lo abbiamo preso noi. Mi pare, invece, che qui dentro si vada più a cuore/simpatia. Se così è, allora vale tutto.

  11. Modesto non mi piace ne di viso ne come Direttore sportivo, Burdisso non é male… ma credo come Direttore sportivo preferisco Jan van Halst Ajax

  12. In italia la storia è sempre la stessa… come dopo il ’45 che quelli che prima facevano pippa erano i più incattiviti anti… ora c’è la caccia al mourinhano…

    io rivendico di aver appoggiato Mourinho fino alla fine e dopo di aver appoggiato nello stesso modo De Rossi.

    Penso che nella squadra di De Rossi c’è tanto anche del lavoro di Mourinho, il quale non ha mai detto che la sua squadra fosse di pippe, specie in quest’ultimo anno. Lo ha detto riferito a alcuni ruoli e sulla mancanza di professionalità si è lamentato quando i giocatori, come spesso dicono dopo nelle interviste avevano “sbagliato l’approccio”.

    Con questa squadra, che Mourinho ha scelto d continuare a allenare dopo la finale dello scorso anno (sempre sia maledetto l’inglese pelato, che si svegliasse freddo) al completo, e non con quasi 10 giocatori infortunati, i suoi risultati li ha sempre ottenuti.

    Ora io sono felicissimo nel vedere come le cose vanno bene. Non ho alcuna difficoltà a ammettere che il gioco della Roma adesso è bello da vedere e entusiasma, mentre in molte partite con Mourinho oltre al risultato si soffriva e comunque di partite “belle” ne ho viste poche…

    MA
    sarò del tutto convinto della superiorità dell’impostanzione attuale di DDR (che comunque è un grande allenatore, comunque vadano le cose) su quella di Mourinho, quando riuscirà a fare questo gioco nell’arco degli alti e bassi di una stagione, con periodi di impegni fitti, per partite del club e delle nazionali.

    Perché di allenatori che facevano giocare la squadra bene, ne ho visti tanti, ma poi devono reggere a quei ritmi.
    A meno che non abbiano una grande rosa con grandi campioni.

    Il gioco “dominante” è dispendioso.
    Il gioco di “rimessa” lo è meno.
    Il gioco dominante è bello e spumeggiante.
    Il gioco di rimessa molto meno.

    Il gioco dominante però, ha il fiato corto.

    Se la squadra di DDR oggi riesco comunque nonostante molti squilibri difensivi a prendere relativamente pochi gol è perché come lui stesso dice, questa squadra ha nel DNA il mettersi “comodi” dietro e quello è il lavoro di Mourinho.

    E proprio per questo, DDR ha dimostrato di essere veramente intelligente. Sta modificando la squadra a sua immagine, ma tenendo dentro tutto quello che di buono questa squadra (e i giocatori) ha imparato con Mou in questi 2 anni e mezzo.

    E’ EVIDENTE che la squadra così sia più libera e più forte. Credo che anche Mourinho che è uomo intelligente, si renda conto che probabilmente il suo tempo era arrivato e che forse aveva lui stesso sbagliato a interpretare le potenzialità di alcuni giocatori.

    Ma farlo passare come molti fanno come l’ultimo scemo qualifica veramente se stessi come tale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome