Verso Roma-Fiorentina: Mou rilancia Pellegrini, Italiano col dubbio Nico Gonzalez

38
822

NOTIZIE ROMA CALCIOMeno due a Roma-Fiorentina. Le due squadre stanno preparando la sfida di domenica con un occhio al campo e un altro verso l’infermeria.

Mourinho ha gli uomini contati in difesa e deve incrociare le dita che i suoi tre unici centrali riescano a fare gli straordinari. Abbondanza invece negli altri reparti per lo Special One, a partire dal centrocampo.

Appare scontato il ritorno dal primo minuto di capitan Pellegrini, in una mediana a tre completata da Cristante e Paredes. Sulle fasce ballottaggio Kristensen-Karsdorp, mentre a sinistra Spinazzola parte ancora davanti a Zalewski. In attacco scontata la coppia Dybala-Lukaku.

Nella Fiorentina invece Italiano deve fare i conti con il grande dubbio legato al recupero di Nico Gonzalez, il giocatore più talentuoso della viola insieme al sempreverde Bonaventura. L’attaccante argentino soffre di un risentimento muscolare che lo ha tenuto out dalla gara di coppa Italia contro il Parma.

Il tecnico dei toscani deciderà solo nella rifinitura se convocarlo o meno, ma al momento il suo recupero per la gara dell’Olimpico appare probabile. Gli unici dubbi dei viola sono in attacco: Brekalo parte leggermente avanti a Ikonè, il centravanti di riferimento dovrebbe essere Beltràn, favorito su Nzola. 

Giallorossi.net – A. Fiorini

Articolo precedenteConti: “Falcao? Un leader come lui non si sarebbe dovuto tirare indietro nei rigori col Liverpool”
Articolo successivoRoma, i numeri dicono Mourinho

38 Commenti

  1. non capisco la scelta continua di Spinazzola,ci fa prendere un gol a partita.poi bove che non gioca quando è l’ unico del centrocampo che corre per far posto a pellegrini che sta sempre per terra.

    • Lupo forse perché grazie al Genio del mercato non abbiamo esterni in grado di dargli il cambio??
      Zalewsky poi credo che sia stato colpito dalla vicenda scommesse e stia faticando a tornare se stesso.
      Io pteferirei Bove dal primo minuto e poi far subentrare Pellegrini. Il centrocampo della Fiorentina non è male e serve sostanza là in mezzo.
      Forza Roma

    • @Adriano, “Spina Almeno dribbla”.
      Su che canale l’hai visto?
      Te lo chiedo perchè forse il mio collegamento a DAZN non funziona bene.
      Fammi sapere, per favore.
      Voglio vederlo anch’io.
      Grazie

    • @Asterix, aspettiamo e sosteniamo sto ragazzo – ZALEWSKI – che se si esprime a Roma come fa con la nazionale Polacca ci darà grandissime soddisfazioni.
      Purtroppo troppe cose tutte insieme: infortunio con il Milan, fermo 15 giorni.
      Poi Corona.
      Per un ragazzetto di 21 anni non è facile.
      Io ci credo. Spero ci creda anche Mourinho.

    • Vero @frank, ma credo che sia la nazionale che il periodo di panchina nella Roma gli abbiano fatto bene…. o almeno spero :))

    • Roma&basta credo anche io su Zelewski (non riesco mai a scriverlo bene tra quello del Napoli e il premier ucraino).
      Di certo non lo aiuta spostarlo da sx a dx senza pace.. Ma deve metterci la grinta e continuare a lottare perché i mezzi li ha.

    • Non condivido gli attacchi a Spinazzola (non tanto in questo articolo ma sistematici da mesi). Dal punto di vista tecnico viene mistificata la realtà. Faccio un esempio: contro il Sassuolo sarebbe stato disastroso? Eppure ha spinto molto sulla sua fascia (in modo non sempre costruttivo, questo è vero), ha servito su una sua azione il pallone per il rasoterra di dybala (“quasi” goal) e non ha mai sofferto Berardi (schierando Zelewski non so se ora potremmo scrivere le stesse cose), cosa assolutamente non semplice. Sul goal del Sassuolo non si poteva difendere dato che ha segnato un centrocampista in rapido inserimento dopo aver ribaltato l’azione e intercettando un tiro sbagliato (veloce quindi) proprio di Berardi (che si era trovato sulla fascia opposta). Forse Ndicka poteva provare ad intervenire.
      Insomma si pretende che Spinazzola vinca le partite da solo e si trasformano prestazioni da 6/6,5 in prestazioni da 4.
      Detto ciò, Spina non è quello di prima…e qui veniamo alle sue “giustificazioni”: ricordo che ha subito la rottura del tendine d’Achille. Un infortunio dal quale è difficile recuperare al 100% (spesso il polpaccio non spinge più come prima). Spina oggi non ha più la forza atletica di un tempo, infatti viene sempre sostituito (non per demeriti, come da banale interpretazione giornalistica che, purtroppo, influenza anche i tifosi. Se venisse sostituito per demeriti non rigiocherebbe sistematicamente titolare la volta successiva…), cosa impensabile quando era al top.
      Detto ciò, è comunque ed evidentemente la migliore soluzione che abbiamo sulla sinistra. Zelewski deve crescere e imparare meglio il ruolo (ma viene invece usato come jolly anche per necessità…e ci sta capendo poco). Anche in sede di calciomercato non è scontato trovare di meglio e andranno fatte valutazioni anche alla luce delle sue condizioni fisiche proiettate al prossimo campionato (possono migliorare? sono destinate a peggiorare? Quesiti non sempli da porre ai medici). Forza Roma

  2. Pellegrini ha una forma fisica disastrosa, causa i continui infortuni. in questo momento non è di grande aiuto, inoltre non ha neanche l’intelligenza di giocare facile. Speriamo bene, perché il centrocampo viola è dinamico e considerato Cristante e Paredes, forse forse limiterei il loro raggio d’azione a vantaggio di Azmoun a fianco a Lukaku, con Dybala a svariare.
    è un mio pensiero ovviamente.

    • cmq pellegrini purtroppo ha questo marchio del giocatore mediocre/discontinuo(anche dal sottoscritto)e fin dal primo giorno pur giovane gli é stato additato ciò,però io mi sono ricreduto perche ahime é un giocatore forte e tutta questa negatività nei suoi confronto vuoi non vuoi gli pesa parecchio a livello spisicologico.

      spero che rimanga e si lasci scivolare tutto di dosso come ha fatto cristante anche lui criticatissimo ma ad oggi giocatore VERO.

    • Pellegrini sta bene in panca meglio bove a centrocampo. Azmoun subentra a Dybala e non farei freddare troppo il gallo che ha iniziato bene la stagione poi sempre in panca.

  3. farei a cambio con Nzola al posto di Nico.
    perché se tanto mi dà tanto, come ci ha segnato Zapata (ad un passo da noi in estate), sento arriverà anche la purga di Nzola (un altro ad un passo da noi). da classica storia giallorossa.
    diciamo che un bel 4 a 1 noi lo vedrei comunque bene. con gol di Nzola per loro. ovviamente.

    PS: per gli utenti che usano le icone del cuore giallo accanto l’arancione, 💛❤️, questo è il Lecce!

    per la Roma dovete mettere l’arancione accanto al rosso. 🧡❤️!
    “manco le basi, Arfiooo”

    • siamo giallorossi, non aranciorossi.
      Nessuno ha mai contestato questa definizione in quasi 100 anni di storia.
      Giallo ocra e rosso pompeiano da sempre.
      Possiamo puntualizzare il tono dei due colori ma sempre giallo e rosso sono, gialla come er sole, rossa come er core mio.
      L’arancio compete al Venezia Mestre.

    • actarus, saremo sempre i giallorossi, ma ne discutevo con alcuni su un articolo di qualche tempo fa, quando riempirono la pagina di cuori giallo e rossi.. sembrava di stare in Salento.

      il giallo ocra è una sorta di marrone chiarissimo, ed è il colore che si abbina realmente al rosso della Roma. quindi se si parla di tipologia di colore del cuore da abbinare al rosso, va messo quello arancione.
      che è quello più vicino al giallo ocra. perfino questo sito ha come titolo GIALLOROSSI, con la scritta GIALLI in arancione.

    • Il giallo è il colore ripreso dalle insegne imperiali (in realtà dorate), mentre il rosso era il colore della fascia senatoria.
      Ora che lo sapete, fate voi.

  4. Mou con pelle in campo vuole dimostrare che sa vincere anche 10 contro 11…..se poi dovesse fa il golletto di piatto a porta vuota allora ecco i vari Zenone… a osannarlo e dare contro a chi giudica il giocatore dalle prestazioni e non dal luogo in cui è nato….scherzi a parte il disastro che è stato fatto nel passato facendogli un contratto astronomico non si recupera più quindi in campo.. ma credo che Mou ora non ne vorrebbe neanche uno in campo …..un saluto all utente “tre pellegrini” che purtroppo non scrive più da tantissimo tempo….

  5. Roma & Basta,mi sembra comunque che Zalewski in Nazionale giochi più avanti,cioè in quello che dovrebbe essere il suo ruolo naturale….

    • Max, si gioca come mezzala avanzata, con Kiwior (altro bel soggetto) dietro di lui.
      Ho visto i video su Youtube delle partite in nazionale e sono rimasto impressionato.
      Se non ti è capitato ti consiglio di vederle, scrivendo Zalewski su youtube.
      Ecco perchè credo in questo ragazzo.

  6. io non butterei al macero zaleski, è giovanissimo e pure forte secondo me ,va supportato sempre,lui è quello della discesa e del cross teso sulla testa di azmoun, non buttiamolo via.

  7. Pellegrini è un buon giocatore, che rientra nella media di tanti giocatori che sono passati in serie A negli anni.

    Ha avuto i suoi picchi il primo anno di mourinho dove batteva tutti i rigori e calci piazzati (roba che la roma faceva 6/7 calci piazzati a partia), dove cmq sia non era continuo e l’anno prima con fonseca, dove nello stesso modo non rappresentava un giocatore continuo e capace di fare la differenza nei match che contavano.

    Chi dice che la colpa è lo stato di forma mente, perchè gioca nello stesso modo dello scorso anno dove ha fatto 48 presenze (chi sta male non gioca 48 presenze, neanche con le infiltrazioni).

    Secondo me il vero problema di pellegrini è che non ha mai trovato un suo ruolo vero in base alle proprie caratteristiche: prima trequartista, poi mezz’ala, poi regista, poi mediano…

    Non ha mai convinto del tutto.

    Poi quando è arrivato dybala ed ora anche paredes, le se “specialità”, cioè le azioni che gli facevano “score”, sono state ridotte all’osso e quindi di pari passo la sua possibilità di incidere sulla partita, perchè tolti i calci da fermo (rigori, punizioni e calci d’angolo) ne rimane un giocatore da meno di 5 goal e a stagione e meno di 5 assist a stagione e lo dimostrano le stagioni fatte.

    Purtroppo RARAMENTE incide sulla partita in gioco, cosi come i vari cristante e amici vari.

    Avergli fatto un contratto cosi oneroso è stato un errore enorme, perchè nella sua testa lui è un top player e ad oggi lui è UN PESO PER LA ROMA, sia tecnico che economico, perchè questo è il secondo anno di roma che non da dando nulla alla roma che non potrebbe dare un qualsiasi altro giocatore.

    Io ci penserei bene a venderlo, anzi, anche per una ventina di milioni lo darei via per prendere giocatori veri.

    • Magari venti miglioni, speriamo vada in arabia che forse da quelle parti te li danno. C’è solo l’AS ROMA.

    • Col contratto che ha lo vendi a poco, se lo vendi.
      Altro problema: a chi lo vendi? Una squadra sicuramente più ricca della Roma se lo prenderebbe?
      Perché sono quelle che possono sostenere il suo stipendio.
      Altrimenti restano le soluzioni esotiche che bisogna vedere se lo allettano.
      Ci conviene sperare nel miracolo che stia bene e incida.

    • Il problema di Pellegrini non è la sua collocazione tattica, ma il fatto di avere infortuni continuamente che non gli permettono di giocare bene con continuità. L’anno scorso per una stagione intera ha giocato con i problemi al flessore che perdurano ancora adesso ed incide molto sulle sue prestazioni. Quando è in forma sappiamo bene che Pellegrini è devastante e lo abbiamo visto nell’anno della Conference (il primo di Mourinho alla Roma). Probabilmente nel tempo è stato oscurato da Dybala ma non è un giocatore da buttare. Sembra che Pellegrini avesse fatto troppo poco aldilà degli infortuni perché la Roma in realtà gioca tutta per Dybala e Lukaku e anche gli altri hanno segnato poco e fatto pochi assist.

  8. zalesky non è da dare via prima di lui ce ne sono tanti tipo gli altri terzini pellegrini Auar zalesky come cristante è da cambiare posizione con un vero regista che souceck libero il prossimo anno.

  9. In questo momento Pellegrini è improponibile, comunque è sceso in campo già in 3 partite dall’infortunio, contro l’Udinese era anche titolare ma anche alla terza partita dal suo rientro, la prestazione è stata disastrosa, da peggiore in campo.
    Ad ogni modo 2 stagioni fa aveva numeri accettabili e lì ebbe tuttavia uno stop di 40 giorni a causa del flessore, anche se numeri non eccelsi con diversi assist vincenti e 14 gol tra campionato e Conference, 9 gol nel solo campionato era un dato tutto sommato accettabile anche se quantomeno in un campionato ogni tanto avrebbe dovuto fare una doppia cifra e ciò non è mai accaduto. Nella scorsa stagione i suoi numeri sono peggiorati ed in questa stagione in ulteriore peggioramento anche dal punto di vista delle prestazioni.
    A questo punto, anche a malincuore sarebbe il caso intanto di tenerlo in panchina, poi sul mercato a gennaio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome