VIDEO – Spalletti dalla parte del pubblico che fischia: “Siamo professionisti, non bambini viziati. Si sta zitti…”

39
2195

AS ROMA NEWS – Intervenuto anche in conferenza stampa a San Siro per commentare la sofferta vittoria contro l’Ucraina, il ct dell’Italia Luciano Spalletti ha risposto nuovamente alle domande sul comportamento mantenuto dai tifosi nei confronti di Gianluigi Donnarumma, più volte fischiato ogni volta che entrava in possesso di palla.

L’ex allenatore della Roma si è schierato dalla parte del pubblico pagante, chiedendo ai suoi calciatori di saper incassare le critiche e di trasformare i fischi in applausi lavorando ancora meglio in allenamento. Parole che vanno in direzione contraria a quelle di Frattesi che aveva definito “indegni” i fischi al portiere azzurro.

“Vedere un ragazzo a cui viene donato questo talento e a volte ne fa un uso improprio è un qualcosa da attenzionare, perché altrimenti la gente ha questa vogliettina di aspettarti al varco. Siamo privilegiati, se fischiano è perché non ci siamo meritati gli applausi”, le parole di Spalletti in conferenza stampa.

“Uno nella personalità che ha non va a reagire mai: a volte si può reagire con gli atteggiamenti, altre volte con le parole. Altre volte ancora si sta zitti e si va a lavorare ancora meglio. E non mi stanno bene quelli che poi reagiscono sui social con delle frasettine. Noi abbiamo il dovere di comportarci come professionisti, non come bambini viziati. Si sta zitti“, ha concluso il ct azzurro.

Articolo precedenteUfficiale, Enel è il nuovo Official Energy Partner della Roma (COMUNICATO)
Articolo successivo“ON AIR!” – CARINA: “Se la Roma non batte nemmeno l’Empoli si va a Trigoria a suonare i campanelli”, FOCOLARI: “Tante squadre di B batterebbero i toscani”, CORSI: “Occhio a Baldanzi, nella Roma sarebbe già titolare”

39 Commenti

    • infatti…. più che frecciatine a CHI vuol capire (e qui, quando si parla di “capire” rivolto ai calciatori, sale il dramma…) sono state lance scagliate con la catapulta…

    • Luciano ha stra maledettamente ragione.. sempre.
      Sia sul piano tattico (ieri ho visto uno Zaniolo che finalmente sapeva giocare in una squadra) che sul piano morale (punti ai soldi facili con il PSG ti becchi i ca.. di fischi)..
      Andate a vedere il Napoli di Garcia con quasi gli stessi interpreti come gioca ora…
      Maledetto sia sempre Pallotta che uso Luciano per cacciare Francesco.. oggi ci saremmo trovati l’allenatore che ha fatto meglio giocare la Roma da quando ho memoria.

  1. E infatti Frattesi ha dimostrato tutti i limiti del caso.
    Onestamente, avrei evitato di presentare Donnarumma capitano a San Siro.
    Assurdo.
    Come assurdo far giocare Raspadori al posto di Immobile e Locatelli al posto di Cristante.

    Ma quante papere dovrà ancora fare Donnarumma per toglierlo titolare? Ci sono almeno 8/9 portieri più forti di lui, tra i pali.
    Donnarumma ha un grande talento: parare i calci di rigore, ma tra i pali, è quello che è. Si può mettere in panchina e farlo entrare solo in caso di calci di rigore.

    • Donnarumma ha la stampa a favore. Ogni mezza parata è un miracolo. Ma attualmente penso sia ancora il miglior portiere che abbiamo in Italia. D’altronde Spalletti non è uno che fa favori. Quindi se gioca è perchè merita di giocare.

    • Barbros, neanche la stampa, ma anche i tifosi che non guardano le partite e leggono le notizie da qualche sito o da qualche giornalaccio. Ad ora, ben 18 pollici versi.
      Se vuoi ti faccio la lista di quelli migliori, a partire da Vicario, Meret, Montipo’, Carnesecchi, Consigli, Provedel…ragazzi, ci ha fatto uscire dai mondiali con un tiro da centrocampo, e la papera di Sabato è ancora sotto gli occhi di tutti.

      Quali sarebbero stati i commenti se Rui Patricio se avesse fatto quella respinta centrale? La differenza tra Ucraina e Verona è che l’Italia ha avuto una difesa reattiva, quella della Roma, NO. Stesso discorso con il goal subito ieri, respinta centrale.

  2. Ammiro Spalletti perchè si è caricato sulle spalle un autentico macigno,quello di una Nazionale che manca di talenti puri,soprattutto in attacco.
    Nonostante che in Italia il sistema calcio non faccia assolutamente niente per favorire la crescita dei vivai nazionali,quando arrivano i tornei importanti ( europei e mondiali) tutti pretendono che la Nazionale faccia risultato,che tradotto in soldoni significa arrivare almeno in finale.
    Questo è l’ingrato compito che si è preso Spalletti,che sarà quello che sarà a livello caratteriale, ma che non ha paura di metterci la faccia quando si tratta di prendere decisioni importanti.
    Tutto il contrario di lui è Gravina,uno che è totalmente privo d’idee e d’iniziativa,il re travicello del calcio italiano. Insieme, lui e Spalletti,formano una strana coppia,ma se si rivelerà vincente sarà soltanto per merito del tecnico di Certaldo.

  3. Bravo Spalletti , dovrebbero parlare tutti come te a cominciare dai giornalai , falsi perbenisti leccaxxlo . La gente va allo stadio pagando fior di quattrini e ha il diritto ,entro i limiti della civiltà , di manifestare i propri sentimenti senza offendere. Siccome il signor Donnarumma guadagna in un mese , quello che un operaio guadagna lavorando 40 anni e forse di più , se viene fischiato deve solo domandarsi perché .
    .

  4. Salve e scusate la poca partecipazione di questi giorni. Diciamo che a parte la nostra Nazionale ora con Lucianone alla guida da poco, lo scrivo un po’ off-topic ma è curioso il caso della Germania di questi ultimi giorni. Dall’esonero di Flick per la sconfitta casalinga umiliante contro il Giappone per 1-4 (sapevo che i nipponici potessero dare fastidio per via di avere tanti calciatori abili per un calcio HAP (High Attacking Pressure), ma di certo non immaginavo una debacle simile), a qualche giorno dopo, in vista dell’amichevole contro i vice-campioni del mondo, la Francia, che dopo 4 partite senza vittorie, e con Voeller chiamato a fare l’allenatore ad interim dell’ultima spiaggia, la Germania vince e convince 2-1 (Voeller ha già confermato che è stato allenatore per una partita secca e che cercherà un nuovo CT nel frattempo, anche se qualcuno in Germania afferma che forse dovrebbe allenare lui la Nazionale tedesca dopo la brillante vittoria contro i francesi).
    Il mio punto è che Flick non è un brocco, anzi con lui potresti anche puntare ad un progetto tecnico focalizzato da noi per valorizzare e crescere giovani sconosciuti internazionali dopo un Mou, ed è stato uno degli allenatori più innovativi da un punto di vista tattico dell’ultimo decennio. Il nostro Tedescone mostra di essere uno con gli attributi risollevando la Germania, e tutti da Gundogan fino a Mueller dispiaciuti per quanto accaduto a Flick, non dando colpa al loro ex CT ma a cui chiedono scusa. Penso sia un po’ come successe e Ranieri con la Grecia, che quando poi vinse con il Leicester City dei miracoli la Premiere League, il nostro ex-allenatore a dire che era sempre lo stesso rin*o che aveva allenato la Grecia prima dove fece abbastanza male con gli ellenici. XD
    Semplicemente allenare una Nazionale è cosa ben diversa da allenare una squadra di club.
    Se Mou va via a fine stagione, e Flick è senza squadra, guardate che Flick secondo me è una bella occasione perché secondo me per il suo modo di lavorare, è molto più adatto come allenatore di club. Ad uno come Flick per fare giocare bene una propria formazione ed inculcare le sue idee tattiche, lui è uno che ha bisogno di lavorarci sopra con i calciatori tutti i giorni, cosa che con una Nazionale non è possibile. Se Mou va via, considererei Flick come opzione perché no.

  5. Se Spalletti dovesse riuscire a rigenerare perfino la nazionale più scarsa della storia d’Italia, dovrà essere annoverato tra i top mister del secolo. E c’è ancora chi (solo qui a Roma) osa ancora criticarlo e fischiarlo x l’accusa di aver panchinato Totti a 40 anni…

    • Presente! 🙋
      È fuori discussione che Spalletti sia un ottimo allenatore, come è – per me – indiscutibile che abbia gestito in modo pessimo il fine-carriera di Francesco Totti.
      Una cosa non esclude l’altra e non gli perdonerò mai l’aver anche solo provato ad umiliare il nostro Capitano, anteponendo il proprio orgoglio personale al rispetto per la Storia della ASRoma.
      Dovrebbe chiedere scusa non a Totti, bensì a tutti i Romanisti. È ancora in tempo (ma non lo farà mai).

  6. L’ “indegni” di Frattesi la dice lunga su quanto in fretta questi personaggi si abituino a vivere in un mondo parallelo, due o tre spanne sopra la gente comune.
    Io in queste dichiarazioni trovo disprezzo e anche un pizzico d’odio di chi vorrebbe non dover rendere conto a nessuno soprattutto verso il basso.

    Non lo dico di Frattesi in particolare, mi danno queste sensazioni anche alcune interviste di Pellegrini e immagino sarà così in tutte le squadre (di cui non guardo le interviste).
    Molti altri invece sono solo più bravi a dissimulare…

    Insomma personalmente non riesco più ad avere empatia verso nessun calciatore,
    tifo la maglia che dentro spesso…. lasciamo perdere.

  7. Spalletti come allenatore non si può dire niente,ci ha sempre messo la faccia anche quando tutti gli davano contro “caso Totti” ricordiamoci che li è stata la società stessa a chiederlo e io stipendiato ho solo eseguito.Questo signore ci ha fatto vincere 2 coppe Italia e 2 Supercoppa italiana inoltre ha inventato il 4231 e in quei anni ci ha fatto rendere orgogliosi di essere romanisti

  8. I fischi a Donnarumma qui erano scontati come un film porno,
    questo deve tutto al Milan e se n’è andato a zero, rifiutando anche un rinnovo con una clausola minima (si parlava di 15-20ML).
    Poi era reduce dal pareggio regalato alla Macedonia Sabato-
    Poco da lamentarsi sinceramente.

    Io ieri ho visto una nazionale di medio livello-
    Bene per arrivare seconda in un girone come il nostro,
    ma molto indietro rispetto ad altre nazionali.
    Mancano i fuoriclasse, c’è poco da fare.
    Se volessimo fare una lista dei 25 migliori giocatori europei al momento,
    chi ci sarebbe di Italiani?

  9. Bravo Spalletti. I fischi dei milanisti a Dollarumma ci stanno, tutti avremmo fatto lo stesso al loro posto.
    Te ne vai a zero dalla squadra che ti ha lanciato nel grande calcio a 16 anni, alla quale devi tutto, va messo in preventivo e sta a te dimostrare di essere un ometto e di essere più forte dei fischi.

  10. Dal mio punto i tifosi che vanno a vedere la Nazionale dovrebbero avere la capacità di separare le questioni meramente di club da quelle della Nazionale stessa.

    Donnarumma gioca a San Siro con la Nazionale? Lo sostieni perchè tifi la Nazionale.
    Donnarumma fa una papera con la Nazionale? lo fischi alla fine della partita.

    Donnarumma gioca a San Siro col PSG? Se sei Milanista lo fischi per il discorso contratto, se sei Interista lo fischi perchè ha giocato nel Milan (o magari lo esalti per quello che avrebbe fatto al Milan,, punti di vista)

    Anche Spalletti per me sbaglia nel mischiare le due cose, trasorsi col Milan e eventuali errori con la Nazionale

  11. Premetto che sono d’accordo con lui.
    D’altro lato però fischiare Donnarumma per quello che ha fatto al Milan, quando gioca per la nazionale è un po’ controproducente, secondo me. Alla fine sta giocando per la tua squadra, non dico di fargli un’ovazione, ma nemmeno sommergerlo di fischi.
    Diverso quando giocherà in Milan-PSG, giustamente.

  12. Spalletti è un grandissimo allenatore.
    Sicuramente ha limiti caratteriali, ma sul campo è uno dei più forti in assoluto.

  13. Caro Spallettone nazionale…
    Le tue virtù contrastano con il mondo odierno ma, specialmente in quel carrozzone corrotto ed esaltato dove c’hai passato na vita..
    Imbocca al lupo 🐺…!!!
    💪🧡❤️

  14. A Chico?! Ancora co Totti a 40 anni??
    Spalletti, che a me piace, con il Capitano ha sbagliato. Nessuno voleva Totti in campo in tutte le partite e per 90 minuti, ma certe umiliazioni è stato sin troppo “buono” ad accettarle. Inoltre spero tu abbia visto le partite allo stadio o almeno in TV, avrai notato cosa ha fatto Francesco nei pochi minuti che gli era “concesso” giocare. Poi vai a vedere gli applausi ricevuti negli stadi avversari quando entrava per l’ultima volta……e proprio vero (come dici tu) “solo qui a Roma” ……. Ma per favore. Stai bene così con questi “giovani” virgulti che ci stanno deliziando con tecnica e bel gioco da quando ha smesso IL CAPITANO!!

    • Purtroppo non c’erano soldi e poi sarebbe venuto l’anno scorso quest’ anno aveva già detto che sarebbe andato all’ India.Aspettiamo prima di giudicare questa squadra siamo solo all’inizio i cavalli da corsa si vedono all’ arrivo

  15. TG che dici rspinta centrale? Donnarumma su quel tiro ha fatto un miracolo….è che dopo Di Marco ha passato il pallone all’avversario che ha segnato. Adesso dare la colpa a Donnarumma pure quando piove……

  16. In poche ore hai trasformato una banda di scellerati in una squadra sei un grande Mister uno dei migliori che la Roma abbia avuto nella storia con Liedholm Erikson Capello. Portaci agli europei è vinciamoli. Forza Roma sempre e basta

  17. le conferenze stampa di Spalletti sfiorano il delirio,io accendo la TV, essendo appassionato di calcio,ascolto,ma mi viene la certezza che questo parla con le sue frasettine,i suoi giochettini verbali,le sue smorfiettine,in un delirio crescente, attendo con fiducia la sua fuga dalla nazionale,come è sempre fuggito dalle squadre che ha allenato, udinese per la Roma,casting per allenare il Chelsea e quindi scontro con i giocatori, Totti in primis e fuga dopo due giornate di campionato, squadra a Ranieri,e scudetto sfiorato, oblio in Russia, torna alla Roma e da natale prendeva in giro tutti con il suo modo, infantile di fare,la penna del rinnovo del contratto c’è l’ha la società,aveva già firmato per l’Inter,cacciato dall’Inter, và a Napoli, vince lo scudetto,fugone di nuovo.persona poco degna!

  18. nelle squadre italiane non giocano italiani e quelli che giocano non ne sono le star; di tutti gli italiani più forti, forse barella , ma molto forse, giocherebbe titolare in un top club.

    non so perchè, ma credo sia un problema di tattica e non tecnica.
    in italia si allenano schemi, non la tecnica, credo.

    forse perche per un allenatore mediocre è più facile allenare giocatori mediocri che non talenti, i primi stanno ai detti, i secondi, spesso sono scomodi.

    quindi i calciatori mediocri fanno parte di un sistema controllabile, gestito dai procuratori…di certo non controlli Mbappè, che infatti fa e chiede quello che vuole.

    abbiamo idea di quanti soldi si muovono?

    è oramai culturale.

    spalletti fa giocare bene le squadre, è vero. specie se per periodi corti, poi, di solito, le suq squadre, scoppiano; l’anno scorso ha avuto due campionati, de facto, questo l ha aiutato. sennò non ha mai vinto nulla, Russia a parte.

    e non aveva una brutta Roma…

    e poi tutto questo tono filosofico…mah…

    però, meglio lui di tanti altri , partendo dal precedente allenatore

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome