Vina al Galatasaray fa spazio al difensore: Denayer o Maksimovic

56
1398

ULTIME NOTIZIE CALCIOMERCATO ROMA – Il Galatasaray è in pressing su Vina. La notizia lanciata ieri da fonti turche viene confermata oggi da Leggo (F. Balzani).

Qualora il terzino dovesse davvero finire per trasferirsi in Turchia, Tiago Pinto avrebbe spazio di manovra per poter andare a caccia del famoso rinforzo per la difesa chiesto apertamente da Mourinho.

Stando a quanto scrive il quotidiano, la corsa ormai è ridotta a due nomi. Il primo è quello di Jason Denayer, 27 anni, centrale belga che ha lasciato il Lione a parametro zero.

Il secondo invece è quello di Nikola Maksimovic, 30 anni, esperto difensore serbo che ha in Italia ha già vestito le maglie di Torino, Genoa e Napoli.

Fonte: Leggo

Articolo precedenteAbraham e Karsdorp restano a Roma: i motivi della loro esclusione
Articolo successivo“ON AIR!” – AGRESTI: “Occhio al Ludogorets, non è così scontata come sembra”, FOCOLARI: “I 600 tifosi in Bulgaria? Amore sconfinato”, FERRETTI: “Bove più pronto di Camara”, CORSI: “Curioso di vedere Belotti”

56 Commenti

  1. Il Galatasaray ha chiuso 4 giocatori starnieri + Mata che atterrerà oggi, non può ingaggiare altri perchè sono finiti gli slot extracomunitari.
    Ma poi perchè via Vina e dentro uno svincolato?
    Gli svincolati si possono prendere anche senza liberare altri, non è che abbiamo sta ressa de gente in difesa visto che siamo contati !
    Boh

    • Per il monte ingaggi. La Roma deve rispettare anche dei paletti economici per il FFP violato negli ultimi 5 anni.

    • Oddio aspè 7 de coppe dipende sempre dai difensori che hai sul libro paga . Xkè si, quelli che giocano e sanno giocare sono 10 (Perchè pure i terzini so considerati difensori), però devi contare anche chi non gioca e i giocatori della primavera che non hanno mai esordito con la Roma e sono andati a destra e a sinistra senza mai essere venduti…. quindi vorrei prima sapere la situazione difensori.

    • ci sono Bianda e Coric da piazzare o rescindere,
      Non stiamo facendo il pallirchio bis.
      In tutti i modi Vina non puo andare al Gala visto che hanno gli slot occupati da 14 stranieri

    • e secondo te bianda è coric rescindono il contratto rinunciando a uno stipendio di oltre1 milione netti ? te confondi il calcio vero con football manager della play station

    • Vina deve essere ceduto perché mi pare chiaro che non serva. Lo scorso campionato ha smesso di giocare e non avevamo ancora Spinazzola (giocavano Zalenski ed El Shaarawy). Cederlo per prendere un centrale è una necessità di bilancio, pure io avrei preferito poter prendere koulibaly prima di cedere ma purtroppo non è possibile…

  2. Denayer avrebbe un senso perché sarebbe un difensore al livello di quelli che già abbiamo.
    Maksimovic non è un giocatore da Roma: piuttosto se si continuerà a 3 dietro adattiamo Vina nel braccino di sinistra o promuoviamo Tripi.

    • hai straragione vegemite. maksimovic è un giocatore nemmeno da squadra di media classifica, lentissimo.

    • Il nome di Denayer è uscito dalla bocca di Pinto, l’unico. Gli altri sono supposizioni dei giornalari basate sul nulla.

  3. Il futuro della AS Roma dopo l’accordo UEFA è un disastro.
    Mi chiedo se valga la pena qualificarsi in Champions con questi vincoli di mercato per poi andare a prendere legnate.. è molto sconsolante.
    Dopo l’accordo siglato con la UEFA non possiamo innalzare il monte ingaggi (però Solbakken lo prendiamo comunque ? forse lo paghiamo in salmoni).
    Quanto pesano gli errori passati, tra i quali anche quelli commessi dell’attuale presidenza che ha acquistato Vina e Shomurodov per cifre spropositati (e che oggi bloccano gli acquisti di un difensore e di un attaccante più forte).
    Peraltro, a differenza dell’Udinese e del Napoli che hanno creato negli anni una rete di osservatori sui campionati internazionali e sanno cogliere le occasioni quando capitano (vedi Kravaskelia, Anguissa) noi siamo nelle mani dei procuratori (e quando MouU/Mendes se ne andranno fra un anno saranno uccelli per diabetici perché li seguiranno molti giocatori).
    Mi chiedo come sia possibile che lo stesso DS l’anno scorso che si diede il voto di 7,5 non sapesse della tempesta perfetta che si stava addensando sulla Roma e non abbia pensato 100 volte sugli acquisti scellerati fatti lo scorso anno.
    La cosa vergognosa è che non siamo andati in deficit perché abbiamo speso soldi per vincere scudetti e Champions .. no noi come l’Alitalia siamo in crisi finanziaria perché abbiamo avuto dei dirigenti incapaci che ci hanno dato risultati minimi.

    • Ciao Asterix.
      È inutile recriminare sul passato.
      Il mercato di 1 anno fa fu un disastro lo so.
      Fummo in pochi a denunciarlo mentre la maggioranza stappava spumanti ma che serve ora ricordarlo?
      Preferisco vedere il bicchiere mezzo pieno anche perché l’upgrade dell’ultima sessione è stato clamoroso.
      Pinto ha fatto un mercato in entrata notevole e senza inciuci con Mendes o altri procuratori.
      Peccato solo per l’ingenuità su Kluivert che ha macchiato un mercato in uscita altrimenti ben condotto.
      Solbakken in entrata comporterà l’uscita di Shomurodov e se Vina verrà ceduto a gennaio si prenderà un difensore: il monte ingaggi non subirà aumenti.
      La proprietà è solida e seria e credo che se anche Mou decidesse di salutare a giugno avrà lasciato un’eredità importante.
      L’unica mia perplessità relativa all’attuale organizzazione societaria, che poi è sempre lo stesso dubbio che ho da anni ovvero da quando siamo orfani di Sabatini, riguarda la capacità di poter consolidare in futuro la rosa con prospetti giovani dal grande potenziale.
      La Dirigenza attuale sarà in grado in futuro di prendere giocatori tipo Kvaraskelia?
      Io temo di no se non potenzieremo la dirigenza sportiva, ma chissà magari Pinto mi stupirà nuovamente la prossima estate.

    • Deve esserti sfuggito che il Napoli ha ceduto Koulibaly e Fabian Ruiz, e si è liberato di altri ingaggi pesanti come quelli di Insigne, Mertens e Ospina.
      Poi che siano stati per il momento bravi a sostituirli è un altro discorso, ma non avrebbero potuto farlo senza le suddette illustri partenze.
      Il Napoli cmq non vince nulla dai tempi di Benitez e sono quasi pronto a scommettere che non lo farà neanche quest’anno. Farà vedere parecchie volte uno spettacolo calcistico elevato, come quello offerto ieri sera, ma quando si tratterà di arrivare a dama pagherà l’inesperienza di tanti suoi giocatori e il saper reggere la pressione nel momento topico.
      E questo è probabilmente anche un limite del suo tecnico, bravissimo invece, come anche noi sappiamo, a dare un impianto di gioco convincente alle sue squadre.
      Mi piacerebbe capire da dove arriva questo catastrofismo cosmico alla luce di quanto accaduto da maggio in poi: hai vinto un trofeo internazionale e fatto un mercato di sostanza malgrado le limitazioni.
      Il problema del FFP, che non mi sembra riguardi solo noi, si supera con un piano industriale serio, perché è ovvio che i ricavi del club siano pesantemente inferiori alle potenzialità del brand Roma.
      I Friedkin questo lo sanno bene, ed è uno di motivi per i quali hanno acquisito il club, oberato da debiti e perdite, ma con un margine di crescita che gli altri non hanno pur avendo i medesimi problemi.
      Rilassati e lascia fare a chi ha saputo costruire un gruppo industriale che vale 11 mld di dollari l’anno.

    • Non voglio essere pessimista.
      Vorrei da abbonato avere delle risposte dalla società sul futuro della mia squadra !!
      Avete cercato di trovare sponsor per aumentare il flusso delle entrate?
      Avete cercato di instaurare rapporti con altre società, italiane ed estere, per fare scambi (anche per far emergere plusvalenze come fanno tutti)?
      Avete pensato che il mancato rinnovo di Mayoral (non peggiore di Shomu) ha voluto dire peggiorare i rapporti con il Real (che infatti ha mandato i suoi giovani alla Fiorentina) e che la cancellazione della partecipazione al trofeo Gomper ha peggiorato quelli con il Barca ?
      Ne abbiamo guadagnato come rapporti con il PSG??
      Avete provato a seguire le esperienze di Udinese, Atalanta, Napoli di creare una rete di giovani ?
      Volete puntare solo sulla primavera ok ma allora perché i Tripi e Bove non si mettono in campo ?
      Bello il record dei dieci sold out consecutivi che derivano dall’entusiasmo della vittoria in Conference. Se non consolidi quell’entusiasmo con un rafforzamento tecnico quegli spettatori e quegli sponsor li perdi.
      La sconfitta con l’Udinese è stata una mazzata anche per certi giocatori venuti quest’anno cui era stato raccontato che c’era un progetto di crescita (non sono come Totti cresciuto qui, se gli racconti balle se ne vanno..).

    • Tu sei un burino infiltrato, si capisce anche dal nick che ti sei scelto. Non ti ho mai visto fare un commento positivo, neanche quando vinciamo. Sai soltanto criticare o prefigurare scenari catastrofici. Torna tra le ridenti (si fa per dire) colline di formello a pasciare le pecore!

    • Tu sei un burino infiltrato, si capisce anche dal nick che ti sei scelto. Non ti ho mai visto fare un commento positivo, neanche quando vinciamo. Sai solo criticare o prefigurare scenari catastrofici…pussa via! Tornatene tra le ridenti colline (si fa per dire) di formello a pasciare le pecore!

    • Guarda che sei abbonato, non possiedi il 20% delle azioni, ci mancherebbe pure che debbano dare risposte a te o a me.
      Visto che insisti con le solite domande, ti devo dare le solite risposte: c’è un accordo con Adidas che porterà molti più soldi in un anno di quanto abbia fatto Nike in dieci con la precedente gestione.
      C’è una prima partnership con Toyota foriera di accordi futuri più sostanziosi non complicati da immaginare, dati gli strettissimi rapporti tra il gruppo Friedkin e la casa automobilistica giapponese.
      C’è un progetto stadio, agile e fattibile, già presentato sui tavoli del Comune, c’è un delisting che permetterà di snellire ogni operazione che influisce sul bilancio del club.
      Tutto questo è stato fatto in due anni, non venti! E partendo da una situazione pesantissima che ha richiesto il versamento di centinaia di milioni nelle casse esangui del club.
      E nel frattempo ti sei preso pure una soddisfazione sul campo che mancava da un’eternità.
      Ma cosa vuoi di più? Abbiamo toppato Vina e Shomurodov? Ebbè, pazienza, era pure il primo mercato di Pinto e Mourinho, e di una società giovanissima, glielo vorrai accordare pure a loro un minimo di rodaggio?

    • @Asterix
      Non dico che è tutto sbagliato quello che dici…
      Anzi credo che abbia un senso logico condivisibile…

      Ma con i giovani di Real e Barca non abbiamo avuto chissà che quali guadagni … Sportivi soprattutto… Non mi sembra che abbiano avuto impatti positivi….

    • Speriamo UB40 che sia così..
      Il problema che è la UEFA che non ci ha dato il rodaggio..
      Sinceramente sono rimasto colpito di come siamo arrivati a questa situazione deficitaria (che con Pallotta si era preannunciata, ma mai eravamo arrivati nero su bianco a tali sanzioni) che rende veramente difficile qualsiasi progetto di investimento (che in qualsiasi attività di impresa è fatta a debito).
      La ritengo una profonda ingiustizia della Uefa nei nostri confronti dopo che gli abbiamo nobilitato la loro Conference. Peraltro mi sanzioni dopo un lock down che ho perso spettatori?? Le società italiane si sono autofinanziate con la sospensione dei versamenti delle ritenute sugli stipendi dei giocatori e sui canoni di locazione dello stadio perché altrimenti.. FALLIVANO..
      Il Milan quando andò sotto indagine, attesero il passaggio della nuova proprietà, gli fecero fare il mercato da champions, poi dopo aver raggiunto la posizione, con i relativi incassi, gli hanno chiesto di riallineare.
      A noi chiedono di riallineare senza le entrate Champions dopo il lock down (manco i geni di Bruxelles con il debito pubblico italiano sono arrivati a tanto).
      Certo che la partita di ieri sera di un nostro ex allenatore, con acquisti che abbiamo inseguito tanto tempo (Anguissa), non mi ha messo di buonumore.
      Dobbiamo avere fiducia .. avete ragione quella non ci è mai mancata..

      Sorcio.. lo so che non ci hanno mai dato sti fenomeni le squadre spagnole ma almeno erano prestiti gratuiti.

      Per gli altri che mi danno del laziale.. ce vò pazienza .. so ragazzi. Anche io alla loro età ero così poi vedi un pò di stagioni della Roma (da Conti a Giannini, da Totti a Pellegrini) e capisci che i presidenti li abbiamo sempre criticati (dal grande Viola al generoso Sensi).. quindi fatevene na ragione

    • Asterix, mi sa che devi esserti perso i 5 anni di SA con la Uefa, dal 2013 al 2018.
      Non appena usciti dal settlement se so’ venduti pure i muri de casa…

  4. Denayer è ancora libero all’8 settembre, come mai?
    Si crede stoca’ e chiede un pluriennale da 3 M a stagione. Già diverse squadre lo hanno sfanculato.
    Ma sicuramente noi lo riduciamo a più miti pretese.
    A’ coso, voi mette la carbonara, il Colosseo, Er ponentino, il mare a 20km… daje, su.

  5. Per il sottoscritto la soluzione al momento ce l’hai in casa se Mourinho vuoleinsistere con la difesa a 3:
    Spinazzola centrale a destra
    Smalling centrale
    Ibanez centrale a sinistra
    Mancine e Kumbulla subalterni ai titolari
    Zalewsky esterno sinista
    Vina subalterno a Zalewsky.
    Si puo’ fare !
    Quest’anno e’ andata cosi, purtroppo l’infortunii di Winaldum ha fatto il paio con l’infortunio di Spinazzola dello scorso anno.
    Ritengo che le soluzioni tattiche Mourinho le abbia in casa.
    Dal momento che e’ stato ingaggiato anche Celik si puo’ considerare la difesa a 4 per questa stagione e giocare con 4-3-3 riportando Sinazzola nella sua piu’ naturale posizione in campo:

    Rui Patricio
    (Svilar)

    Celik Smalling Ibanez Spinaz.
    (Karsd. Kumbulla Mancini Vina)

    Pellegrini Matic Camara.
    (Bove Cristante Zalewski)
    (Winaldun)

    Zaniolo Habraham Dybala.
    (Shamurodov Belotti El Shaarawi)
    (Solbaken)

    • Per il prossimo anno sara’ diverso, bisognera’ valutare i rendimenti di Rui Patricio, Smalling, Matic e considerare che non sono eterni, per questi 3 l’eta’ ed il dinamismo deve essere consiserata, Smallibg poi e’ un’ottimo marcatore ma se si tratta di impostare preferisce passare la palla ad Ibanez che sta crescendo molto bene e se riuscira’ a controllare l’istinto e’ destinato a diventare uno dei migliori in europa.
      Per Rui Patricio non e’ tanto l’eta quanto un fattore puramente tecnico, oggi come oggi il portiere deve saper giocare anche lontano dalla linea di porta cosa alla quale Patricio sembra sia incollato.
      Matic, se e’ quello visto in queste prime uscite e’ ancora un ottimo calciatore di alto rebdimento.

    • Ciao Johann, visto che ti avventuri in previsioni per il prossimo anno, io credo che il fattore determinante sarà la permanenza o meno di Mourinho.
      Ho come l’impressione che giocatori come Matic, Gini ed Abraham abbiano legato la loro presenza a quella del tecnico.

  6. Anvedi e’ rispuntato er poro balzani, dopo tutte le toppe prese da giugno in poi sul mercato della Roma ancora tenta di fare qualche nome, che coraggio oppure si può dire che tocca fa pe lavora in questo caso. Forza Roma

  7. Ad ogni sconfitta fragorosa, la piccolissima parte della tifoseria un po’ isterica, comincia con le botte da orbi.
    A Londra quelli del “Chelsea” dopo aver fatto investimenti faraonici, senza un minimo di riconoscenza fanno fuori Tuchel (Ha vinto la Champion un paio di stagioni addietro).
    Adesso, in appena una settimana, la dirigenza dell’As Roma ha sbagliato tutto.
    Uno sparuto infinitesimale di scenziati in Calciologia, Economisti, Scout etc. etc. sono sul sentiero di guerra e sentenziano:
    la Roma é tutta da rifare mettendo sullo stesso piano la vecchia dirigenza con la nuova.
    Il diritto di pontificare a quello sparuto infinitesimale ……. ma chi glie l’ha dato?.
    Un minimo di buon senso non si trova al supermercato?.
    C’é un vecchio detto a Roma dice: la Roma non si discute, si ama!!!!!!!!!!!!!.
    Punto.

    • Il diritto è, appunto, un diritto. Non deve dartelo nessuno e i detti non sempre sono la saggezza popolare.

    • La Roma non si discute, si ama era un detto che valeva negli anni 80 con un calcio a dimensione umana dove non era entrata la finanza, il fair play finanziario, dove avevi i proprietari che erano il buon padre di famiglia (vedi Viola, Sensi), dove ti portavi il pranzo dentro lo stadio, dove non c’era il VAR, dove Sebino Nela fumava una sigaretta nello spogliatoio l’anno dello scudetto, ecc…
      Visto che avete voluto rovinare quel calcio con i soldi della TV, le analisi finanziarie, il merchandising, il brand, il CDA con stipendi a cinque zeri, il mercato aperto dopo l’inizio del campionato, le partite ad agosto alle 18.00 o in mezzo alla settimana lavorativa alle 20.00 (pur avendo la dotazione di parcheggi nei dintorni dell’Olimpico che è restata agli anni 80) non rompete i co..ni con la retorica e spiegate come ci tiriamo fuori dalle sanzioni UEFA.
      Sarebbe bello che tali domande le facesse un giornalista sportivo romano ma abbiamo perso speranza di ascoltare domande intelligenti da parte loro.

  8. la soluzione l’ho io.
    Dobbiamo imparare dal calcio inglese.
    Fuori Klopp, deciso ieri sera, per Spalletti al Liverpool (l’allenatore del Fulham neopromosso, col quale il Liverpool ha pareggiato, quasi perso!, 2 a 2, ha rifiutato la proposta…).
    Il Manchester United del resto è in trattative per prendere al posto di Ten Hag uno tra quello del Brighton e quello di non mi ricordo il nome (perso 4 a 0 fuori con la prima, lo Spezia di Premier, 13 in classifica, 2 a 1 in casa con la seconda, l’Udinese di Premier…).
    Aggiungeranno CR7, loro, troppa “qualità”.
    Noi invece prendiamo SOTTIL e diamo MOURINHO all’Udinese (PINTO sta trattando un conguaglio).
    Infatti il bel gioco di Sottil, e dell’Udinese, il loro 3-5-2, è da Roma, no il.. 3-5-2 di MOU.
    Ovviamente, su indicazione di… BONIEK, si tratta un conguaglio per l’operazione che a gennaio (resistiamo un paio di mesi poco più) porterà a ROMA tanta qualità in più, dando a loro 3 “pupilli” del portoghese bollito… CRISTANTE-KARSDORP-PELLEGRINI con MOU a Udine, MAKENGO-PEREYRA-DEULOFEU alla ROMA…
    Vedrete che non perderemo più uma gara, faremo 120 punti (record universale) e vinceremo tutto.
    SPALLETTI vincerà la PREMIER, KLOPP si gode il mare, MOU lotta per sslvarsi. Spettacolo.
    E SOTTIL sarà il 9 re di ROMA.

    • hahaah il valzer della follia

      contratti a rendimento al primo pareggio stipendio dimezzato alla prima sconfitta esonero al secondo pareggio esonero … un ricambio perpetuo

  9. asterix io è quello che vado dicendo da una vita e sono pienamente d accordo con il tuo ragionamento! con i nuovi paletti UEFA avremo le mani ancor più legate nonostante i Friedkin siano bravi a far aumentare almeno un po il fatturato della Roma che ad ora è ridicolo! ma noi non saremo mai anche in futuro un Psg od un real! l unica strada è quella dei Campioni scovati quando ancora non lo sono e pagati poco!una rete di scouting efficiente e preparata! ebbene in questo momento non mi sembra di vedere tutto questo nella Roma.

  10. mi sbagliero, ma non è che la roma non puo piu spendere ,ma deve spendere in base hai ricavi che hai .quindi penso che se si aumentano le entrate puoi aumentare anche le spese

  11. Roma non fu costruita in un sol giorno…e mai detto fu più calzante. perdonatemi ma comincio ad essere stufo di questo…”l’erba del vicino è sempre più verde”. Alla Roma c’è un progetto ed una tempistica che noi non conosciamo, mi sembra che la società stia costruendo pian piano ciò che aveva a suo tempo promesso e prospettato. Diamogli tempo, a tutti, società, squadra, allenatore e direttore generale. Alla fine le somme si tireranno a maggio. Il gigante si sta svegliando, ha bisogno del suo tempo.
    ❤️🧡💛SSFR💛🧡❤️

  12. I Friedkin ci hanno abituato al fatto che non svelino anzitempo le loro strategie.
    Le domande che alcuni si fanno e farebbero volentieri all’attuale proprietà riguardo la crescita, sotto tutti gli aspetti, dell’A.S.Roma sono legittime. Le stesse domande me le sono poste anch’io.

    Credo, però, che tali curiosità siano destinate a rimanere tali.

    Per quanto concerne la Roma, c’è talmente “tanta carne al fuoco” (Stadio, Adidas, Toyota, addirittura, forse, nuovi Soci e molto forti) che una serie di progetti di tale portata, se reali, comunque eventualmente e probabilmente in divenire, non certo “già chiusi”, imponga comunque, oltre la succitata e conosciuta riservatezza dei Friedkin, le massime doti di riserbo e discrezione.

    Si tratta, peraltro, di condurre queste eventuali operazioni muovendosi in un settore aziendale “particolare”: quello calcistico. Oggi le grandi Società calcistiche sono anche grandi aziende; debbono muoversi, però, in un campo che mediaticamente è esposto come pochi altri. Forse più di tutti gli altri settori.
    Per questo ritengo che sia non solo normale ma anche giusto che i Friedkin, qualora sia tutto reale e riportato con ragionevoli doti di fondamento, venga mantenuto nel più stretto riserbo.

    Io ripongo la massima fiducia nel loro operato ed aspetto di vedere, mattone dopo mattone, la Roma crescere; se poi, invece, Dan e Ryan non dicono niente e si stanno girando i pollici senza far altro…che vi devo dire? Speriamo (e confido fortemente) di no.

    Ah…dimenticavo, nel frattempo, naturalmente: SEMPRE FORZA MAGGICA ROMA! DAJE!

    • Concordo pienamente.
      Loro non mi pare siano così spaventati dalle multe e penalizzazioni FPF dell’UEFA ma anzi abbiano già un piano ben impostato su come uscirne fuori illesi.
      Oramai siamo in una situazione dove ci stiamo collocando con una struttura anche di club ed organizzazione che seguirà un modello di gestione economica-sportiva tra i modelli Manchester City (incremento di manager internazionali per aumentare i ricavi e sponsor, costruzione stadio ma penso altre strutture e progettazioni atte ad incrementare il cash flow) e quello del Dortmund (se presi giovani non per la prima squadra ma operazioni low-cost perlopiù presi per farli crescere 1-2 anni ma anche più nel settore giovanile, ma per fare ciò serve tempo e quando si parla di investimento sui giovani all’estero e talent scouting, tale operatività vale per giovanissimi di grande talento da fare crescere nelle giovanili, ancora di più per l’Italia se vogliamo talenti da tutti il mondo perché qui ci vuole tempo per l’ambientamento ancora di più (tranne che in Italia, quale ragazzo straniero conosce l’italiano), se è un giovane al primo trasferimento in vita propria, li devi dare tempo oltre al fatto che qui la tattica ha un peso maggiore, ecc.
      Oramai il modello secondo me sarà prendere 2-3 top players, anche a parametro zero, molto rinomati a livello internazionale (perché solo tali possono attirare più tifosi esteri, aumentare il merchandising e l’immagine internazionale del club come anche l’appeal sugli sponsor), forse 1-2 dei migliori calciatori del campionato in corso e lancio di qualche giovane svezzato dai settori giovanili punto. Oramai siamo strutturato per avere un allenatore/manager a cui vanno dati pieni poteri di livello internazionale (i calciatori li deve selezionare e scegliere sempre questa persona ed un GM (Pinto) o se si vuole un DS, un moderno Managing Sports Director ma che debba solo lavorare sotto l’allenatore/manager (come succede nei top club esteri), altrimenti si rimane la solita vecchia Roma che non diverrà mai un top club a livello mondiale. Abbiamo intrapreso questa strada, quindi chi pensa al passato, si deve rassegnare, ci stiamo muovendo per andare oltre.

  13. Come si risolvono le cose ora?
    Facciamo i tifosi e sosteniamo i Friedkin & Co. che per la prima volta in vita vedo una pianificazione vera e propria, ed una impronta manageriale reale che nessuna proprietà passata ha mai avuta su tutti i fronti. Loro ad oggi hanno dimostrato le cose con tanti fatti e non parole dette a vanvera da tanti ciarlatani che hanno illuso per anni la tifoseria e la città.
    Ad un certo punto si sapeva che con i dissesti finanziari, o qualcuno pagava il conto finale e doveva risolvere tali problematiche (e francamente pensare anche che nonostante questa situazione critica, non abbiamo ceduto nessun calciatore importante come invece farebbero tutte le altre società, ti fa capire quanto è solida l’attuale proprietà), altrimenti eravamo sulla strada verso il fallimento societario. Alla fin fine c’erano solo i Friedkin e si può dire quello che si vuole ma per fatti, c’erano solo loro. C’è chi vorrebbe forse il ritorno ad un passato o a personaggi passati ma in quel passato, ci siamo solo indebitati e non abbiamo alla fine vinto nulla, mentre sempre con i fatti, i Friedkin ed i collaboratori da loro scelti, hanno fatto più loro in 2 anni che in oltre 30 anni di storia del club.
    Quindi abbiate pazienza, date fiducia all’attuale proprietà e fatte lavorare chi sta già facendo miracoli e tanti fatti consolidati.

  14. Vendendo Vina, prenderei sia Denayer che Zagadou, per valutarli entrambi. Sono comunque a parametro zero. A gennaio Solbakken. Prossimo anno una punta, un centrocampista e un terzino destro top.

  15. Il modello dell’allenatore manager sta scomparendo in Premier Ligue dove invece quasi tutti i club si sono dotati di DS.
    Questo è avvenuto perché spesso l’allenatore manager costringeva il club a spese folli o senza senso.
    Chi vendeva al club dell’allenatore manager sparava cifre fuori mercato perché sapeva che il giocatore era un pupillo del tecnico.
    In un mondo che cambia radicalmente noi andiamo controcorrente: non ci trovo nulla di innovativo, anzi.
    Non si tratta di tornare al modello di DS factotum ma semplicemente di strutturare la nostra Dirigenza Sportiva in maniera meno minimalista.
    Non comprendo perché Pinto debba fare tutto da solo. Il suo lavoro si potrebbe giovare non poco dalla collaborazione con un DS.

    • Infatti io parlo allora di un Managing Sports Director e non è un DS all’italiana ma di MSD in Italia con quella tipologia di impostazione in Italia non ci sono e sto parlando di gente di allenatore/manager che mica sono tutti solo in Inghilterra poi ma anche in altri campionati. Eppoi se vuoi avere un allenatore top level, sono tutta gente che lavora oggi per costruire una rosa super competitiva, con elementi che vogliono loro. Oramai siamo a questo punto ed allora okay anche ad un MSD internazionale e potremmo considerare il tedesco allora Boldt che era stato raccomandato da Rudi Voeller e che i Friedkin tenevano in considerazione, o uno che aiuti si ma a scovare i campioni internazionali del domani (quindi ragazzi tra i 14-17 anni da lanciare ed ambientare nel settore giovanile).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome