Wijnaldum in campo per Roma-Spezia. E Pinto già tratta col PSG: gli scenari

18
2381

AS ROMA NEWS – Il countdown è iniziato, e durerà circa un mese. Il giorno di Roma-Spezia, gara di campionato in programma per il 22 gennaio. Potrebbe essere quella la partita in cui i tifosi dovrebbero rivedere Wijnaldum in campo.

Questo filtra dallo staff medico della Roma, che  dà già per certa l’assenza di Wijnaldum almeno per le prime tre partite del 2023: Bologna e Milan in campionato, Genoa in Coppa Italia.

Detto che qualsiasi previsione comporta un certo margine d’errore, al momento appare improbabile che il centrocampista possa farcela per Roma-Fiorentina del 15 gennaio, mentre la gara in casa dello Spezia potrebbe essere un obiettivo più concreto. Tra un mese esatto.

Il peggio per Wijnaldum è alle spalle, e ora vuole recuperare il tempo perduto. A fine stagione, poi, arriverà il momento di capire insieme alla Roma se ci saranno le condizioni per proseguire insieme il cammino.

Intanto Tiago Pinto si è già mosso per sondare la disponibilità del PSG e dell’agente a risolvere in anticipo il contratto che lega Wijnaldum ai francesi fino al 2024, con un ingaggio da circa 9 milioni di euro netti bonus inclusi. Sembra escluso a prescindere che il club giallorosso eserciti il diritto di riscatto fissato a 8 milioni, semmai lo tessererà di nuovo pagando al massimo un piccolo indennizzo.

Fonte: Il Tempo

Articolo precedenteOggi l’ultimo test contro il Waalwijk: out Smalling, Pellegrini c’è, rebus Abraham e Karsdorp
Articolo successivoSmalling, crescono le pretendenti: anche Tottenham e Toronto sul difensore

18 Commenti

    • Ti22, concordo! Centrocampo a tre con Gini, Matic, Camara’! Sarebbe un’altra storia! Poi a giugno di vedrà’! Frattesi lasciamolo altri sei mesi a Sassuolo! Abbiamo Bove che tanto peggio non è’!

  1. Su Wjinaldum conviene rinviare ogni discorso futuro al responso che darà il campo,alrimenti si rischia di fare il Pastore2.
    Anche perchè ballano parecchi milioni di stipendio e l’età del giocatore è quella che è.

    • Concordo pienamente. Giocatore indiscutibile ma da rivedere post infortunio, non è per niente scontato che torna ai massimi livelli.
      Aspettiamo a comprare Pinto, aspettiamo il campo.
      Forza Roma

    • Vabbé dai, mo’ paragonarlo a Pastore…
      Questo era un brutto infortunio e ci saranno i problemi di condizione fisica normali in questi casi, ma questo è uno che prima di sbarcare a Roma non si rompeva MAI.
      Non diamo già per scontato che avrà un numero di recidive ridicolo come l’argentino.
      Un po’ di fiducia nel ragazzo, su!

    • Zenone .. tu sempre il piu ottimista in loco 😏
      siamo sicuri che sei di fede capitolina 🐺💛💖?

  2. un Wijnaldum che torni quello di due anni fa, uno Zaniolo che recuperi forma fisica e spensieratezza, uno Spinazzola che si riprend la forma e la corsa, un Abraham che ritrovi la sua ammirevole serenita’, uno Zalewski che continui a migliorarsi, un El Shaarawy come me lo ricordo io, un Dybala che faccia il direttore d’orchestra, piu’ un buon Matic e Pellegrini in forma e magari venissero o Frattesi o Aouar .. e la Roma avrebbe centrocampo ed attacco davvero competitivi .. la difesa il suo lo fa, non sempre ma spesso .. ma basta infortuni e basta gufate ..

  3. Siamo sempre alla disperata ricerca di un oggetto in cui riporre la nostra fede. Per tanti era ed è ancora Mourinho; adesso stiamo spostando un mondo di aspettative su Wijnaldum, indubbiamente uno che ha dimostrato di essere un campione, ma con un’età non più verde e un inevitabile bagaglio di scorie e ruggine nel motore.
    La Roma che abbiamo lasciato prima della sosta è un’orchestra troppo stonata per essere in grado di suonare musica celestiale grazie al solo rientro di Gini.
    Ci sono tanti altri tasselli che devono andare al loro posto perché questo accada, altrimenti andremo incontro alla solita delusione.
    Occorre che Abraham torni ad essere un centravanti credibile, che Dybala abbia continuità fisica, così come Pellegrini. Che gli esterni tornino a dare un contributo tangibile, in particolare Spinazzola e Zalewski. Che a destra arrivi un sostituto credibile al posto di Karsdorp, sempre che non si torni indietro nei suoi confronti.
    Questo a prescindere dal fatto che la Befana Pinto ci porti qualcosa a centrocampo a gennaio.
    Non basterà l’epifania di Wijanldum che comunque, anche nel più felice degli esiti, non è Maradona a raddrizzare la rotta del vascello.
    Se non si chiede troppo, anche uno scatto di fantasia da parte di Mourinho sarebbe apprezzabile.

    • Il primo tassello che servirebbe per rendere armoniosa l’orchestra sarebbe un direttore d’orchestra che manca da troppi anni: un registaaaaaaaa! Ad essere pignoli anche uno in difesa non sarebbe male!

  4. A me solo il fatto di rivedere Gini , la Joya , Solbakken e pure il giovine Tahirovic 🐺, mi riempie il cuore di gioia e mi da fiducia.
    Dajeee Roma 💪🐺💛💖🔥

  5. S è fatto male il 21 agosto…5 mesi per una frattura composta, praticamente un crociato. Peccato, mi sarebbe piaciuto averlo col Milan..ma magari ce la fa. Forza Roma.

  6. poveri giornalai siamo partiti con la previsione di fine marzo a quella di oggi che recita fine gennaio vedrete che piano piano ci arriveranno pure loro con i tempi, lavorare senza sapere nulla porta anche a questo campano alla giornata. Forza Roma

  7. Penso che a essere ottimisti forse vedremo un buon Wijnaldum verso fine marzo. Speriamo di essere ancora in corsa su tutti i fronti per allora.

    Aspettarsi che non appena si affacci in campo ci cambi la squadra porterebbe a tristi disillusioni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome