Wijnaldum resta fuori all’esordio in campionato: contro la Salernitana una panchina super

15
1170

NOTIZIE ROMA CALCIO – Meno cinque all’inizio del campionato. Domenica sera la Roma sarà di scena a Salerno per affrontare la squadra campana, che l’anno scorso ha compiuto un miracolo salvandosi in extremis dopo una rimonta quasi incredibile.

Per l’esordio stagionale Mourinho ha intenzione di confermare Pellegrini a centrocampo, probabilmente al fianco di Matic, con il trio Zaniolo-Dybala-Abraham in attacco. L’allenatore vuole puntare sulla qualità per portarsi a casa i primi tre punti del campionato.

Confermata la difesa a tre con Mancini, Smalling e Ibanez che ripartono titolari, mentre sulle fasce Karsdorp e Zalewski sembrano essere ancora avanti ai rispettivi colleghi di reparto.

In panchina ci finirà Gini Wijnaldum, che ha pochi allenamenti sulle gambe. Ma l’olandese sarà in buona compagnia: insieme a lui ci saranno anche Kumbulla, Celik, Cristante, Spinazzola, El Shaarawy e forse anche Andrea Belotti, per il quale la Roma spera di chiudere prima dell’inizio del campionato. Mou stavolta può essere soddisfatto delle alternative a disposizione.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteEsodo vietato a Salerno: solo in 2 mila con i giallorossi
Articolo successivoShomurodov al Bologna, la Roma scopre nel Manchester United un alleato

15 Commenti

  1. Wijnaldum in panca largamente prevedibile con la Salernitana, al massimo si farà una sgambatina nel secondo tempo; probabile stesso copione con la Cremonese, è evidentemente in ritardo con la preparazione.
    Con la Juve sarà importante arrivarci a pieni effettivi con tutti i cambi pesanti che abbiamo da sfruttare a fondo.
    Questa volta spacchiamo tutto.

    • Diciamo che, effettivamente non è pronto fis0icamente e tatticamente per gare ufficiali… 💛🧡❤️🐺🐺🐺🏆

    • Questo sarà un pazzo campionato, prima della sosta per i mondiali sarà finito il girone d’andata…sarà fondamentale far ruotare i calciatori.

      Wjinaldum poi è fisicamente impressionante: lui e uno tra Matic e Cristante è tanta, tanta roba.

    • Non cominciamo per favore a fa i gaggi. Testa bassa e pedalare. La cosa che meno potrei sopportare sono i perculeggiamenti di chi non vede l’ora che facciamo un passo falso. Proviamo a tenere un profilo basso.

    • Svilar Celik Ibanez Kumbulla Spinazzola Cristante Wijnaldum Elsha Felix Belotti Vina….boh, si forse per la laziotana poteebbero abbastare…xò ho 1 po’ di “perplessitudine” davanti….🤔😅

    • Come lo scorso anno credo che molte squadre siano mediocri, mi piacere pensare che la Roma può vincerle tutte o quasi ,non abbiamo attenuanti

  2. Il primo passo è non lasciare punti preziosi lungo la strada con le piccole perché lo sappiamo bene: alla fine dei giochi anche un solo punto potrà fare la differenza.

  3. Avere campioni in panchina può sembrare strano o addirittura “uno spreco”, in realtà è quello che succede normalmente nelle grandi squadre.

    Arriverà il momento per tutti, una stagione che va come deve andare conta 60 partite circa …

    Finalmente una panchina che non sia un disastro.

    ❤🧡💛👊

  4. Wijnaldum avrà la sua occasione, dovendo lottare su tre fronti non sarà possibile far giocare sempre tutti; tra l’altro ci sta che sia un po’ indietro con la preparazione e a questo punto preferisco averlo disponibile per partite un po’ più importanti
    Però almeno quest’anno abbiamo una panchina degna di una squadra competitiva, dopo anni di mediocrità.
    Iniziare bene è importantissimo, non si molla un casso, daje tutta

  5. Quest’anno sarà moooolto particolare.
    Paradossalmente sarà come fare un salto di 30 anni indietro.
    Parere personale, il campionato lo si vincerà contro le piccole.
    Partiranno come sempre a razzo e come ogni anno ci saranno sorprese soprattutto all’inizio (che non succeda assolutamente a Salerno – me sto a gratta’…).
    Ma queste “ripartenze” avverranno a più riprese e sarà FONDAMENTALE non lasciare punti per strada.
    Gli scontri diretti alla fine saranno più o meno equi, con qualcuno che, sulla fiducia dei risultati acquisiti fino a quel momento con le piccole, ne porterà qualcuno in più a casa.
    A quel punto si scoprirà la vera lepre (se mai ce ne sarà una) e/o quantomeno si scoprirà bene chi gioca per cosa.
    Dobbiamo cavalcare l’onda dell’entusiasmo che SOLO ROMA SA DARE, perché la squadra è forte e fatta di campioni vincenti seguiti da giovani rampanti.
    Sento che ci sono tutti gli ingredienti per spaccare!!!
    Uniti, convinti e cazzuti!!!
    FORZA ROMA

    • Vero però c’è da dire che diverse piccole potrebbero avere organici differenti al primo settembre. Alcune stanno aspettando i “saldi” per avere qualcuno o a buon mercato o in prestito, quindi bisognerà vedere caso per caso. Ad esempio il Bologna vendendo Arnautovic cambierebbe sostanzialmente anche sul come gioca.

  6. Ricordiamoci sempre che abbiamo tutti contro.

    Il nostro obiettivo e’ entrare in champions.
    i proclami facciamoli fare agli altri.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome